venerdì 21 giugno 2013

AFTERSHOCK, IL CILEPANETTONE


Aftershock
(USA, Cile 2012)
Regia: Nicolás López
Sceneggiatura: Guillermo Amoedo, Nicolás López, Eli Roth
Cast: Eli Roth, Andrea Osvárt, Lorenza Izzo, Natasha Yarovenko, Nicolás Martínez, Ariel Levy, Selena Gomez
Genere: terremotato
Se ti piace guarda anche: Chernobyl Diaries - La mutazione, Hostel, L’ora nera

Aftershock è un film diviso in due parti nettamente distinte.
Siete shockati da queste rivelazione?
No?
E allora dico che è diviso in mille parti!

"Eli, possibile che tutte le vacanze con te vadano a finire così?"
Shockati adesso, vero? Peccato che non sia vero. È diviso solo in due parti, come avviene per altro in molte pellicole. La prima metà è un Cilepanettone, ovvero sembra di essere in un cinepanettone ambientato in Cile. Abbiamo una storiella vacanziera tipica: un turista americano interpretato da Eli Roth se ne va in Cile a trovare un amico, il classico tipo ancora ossessionato dalla sua ex, e i due figuri se ne vanno in giro insieme a un terzo compare chiamato Pollo, figlio di Apollo fece una palla di pelle di pollo. No, ho sbagliato. Cancellate quest’ultima frase.
Pollo è un figlio di papà vestito però da no global. Eli Roth, il suo amico e Pollo sono tre personaggi in pratica sull’antipatico andante, con vertice nell’odioso Pollo (che però poi avrà modo di tirare fuori le palle di pelle). Tra party notturni e visite turistiche di giorno, i tre mattacchioni vanno in giro ovviamente in cerca di patate. Che poi credo sia il motivo che ha spinto Eli Roth a realizzare questo film in veste di attore e di co-sceneggiatore.
Ma Eli Roth chi è?
Per i meno patiti di horror, ricordo che Eli Roth è l’autore di Hostel, film splatter controverso, non un capolavoro ma nemmeno privo di spunti di interesse, nonché di quel gioiellino di esordio che risponde al nome di Cabin Fever.

Cabin Fever, a tavola. È ora di cena!
Sì, arrivo.

Vedete? Risponde proprio a questo nome.

In più, Eli ha girato il pilot della notevole nuova serie appena confermata per una seconda stagione Hemlock Grove, molto twinpeaksosa, d’altra parte anche Cabin Fever evocava evidenti spettri lynchiani, e poi è pure un amichetto personale di Quentin Tarantino. Un membro della Quentin’s creek apparso in Bastardi senza gloria. Fine della breve biografia sul Roth il quale, nonostante il cognome, non è parente della iena Tim Roth, altro membro onorario della Quentin’s creek.

"Hey Selena, ho saputo che ti sei mollata con Justin Bieber. Esci con me?"
"Ahahah, hai davvero un gran senso dell'umorismo, nonnetto."
Nella prima parte della pellicola, i tre protagonisti maschili sono dunque impegnati nella ricerca di patate e la scena in cui Eli Roth, durante un improvviso attacco di pedofilia acuta, si becca un sonoro 2 di picche da  Selena Gomez vale da sola il prezzo del biglietto (si fa per dire, visto che il film si trova in rete e non è ancora prevista un’uscita nelle sale italiane).

Dopo il no! secco di Selena Gomez, Eli & friends trovano delle altre patate. Questa volta più vicine alla loro età. La migliore delle tre è Andrea Osvárt, attrice ungherese spesso e volentieri di casa in Italia, mentre le altre due, la caliente Lorenza Izzo e la russa Natasha Yarovenko, sembrano più modelle che attrici vere e proprie. Vedete voi se prenderla come una cosa positiva o negativa.
Nonostante in questa parte la pellicola sembri dirigersi sui sentieri della commedia goliardica e vagamente sentimentale, sono presenti alcuni segnali che ci indicano come le cose potrebbero presto prendere un’altra direzione. Il primo segnale è la presenza di Eli Roth, che visto così sembra un tranquillo ragazzone americano qualunque ma che in realtà, come abbiamo visto sopra, ha una passione sfrenata per lo splatter. Un altro segnale di pericolo arriva con un aneddoto inquietante sulle grotte di Valparaiso, in Cile. E poi avviene anche uno strano incidente su una specie di ascensore/funivia…

"Selena Gomez e Justin Bieber si sono lasciati? Ma questa è una tragedia!"
Tutti piccoli segnali che se ne stanno lì a sedimentare, per poi esplodere con una scossa. È qui che il film cambia del tutto registro. La commedia vacanziera cazzara che era stata fino ad allora viene totalmente demolita e la pellicola si trasforma in una ricostruzione thriller/horror del vero terremoto che nel 2010 ha sconvolto il Cile. Il contrasto tra le due parti è stridente, più che inaspettato. La cosa che più colpisce di questa seconda metà del film è la presenza di un orrore per nulla paranormale. A creare il panico è una calamità naturale e a far ancora più spavento è la brutalità delle persone. Perché una tragedia sa tirare fuori il meglio, ma anche il peggio da ognuno di noi.
Se a questo punto siete spaventati che il film prenda la piega del drammone sociale, non è così. Aftershock non si rivela la versione meno pretenziosa e più splatter del deludente The Impossible. Piuttosto, può essere visto come un Hostel latino-americano, perché Aftershock vira sì nel drama, però mantiene comunque la sua componente di intrattenimento leggero, e leggermente teso. Si limita a essere un film che scorre veloce, senza intoppi, senza nemmeno rimanere molto impresso, ideale per una visione estiva disimpegnata e un filino splatterosa.
Un Cilepanettone si potrà mai rivelare un capolavoro? Certo che no, ma se non altro è più fresco e gustoso del cinepanettone vero e proprio. E allora prendete e bevetene tutti, questo è il calice del sangue di Eli Roth versato per voi.
(voto 6/10)


11 commenti:

  1. Ma non ce la fa proprio Eli a non metterci la parte 'andiamo alla ricerca di patata'? è più forte di lui!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, perché è un figo della Madonna :PP
      Scherzi a parte, il Cilepanettone è proprio divertente, promosso in pieno!!

      Elimina
  2. Già l'accostamento Eli Roth, Selena Gomez e Andrea Osvàrt ha dell'orrore. Non per Eli Roth, che neppure troppo mi dispiace - ma lo dico solo perché fa parte della cricca tarantiniana - ma per le ultime due. Ma chi l'ha fatto il casting di questo film?
    La trama sembra pure interessante, certo, poi bisogna vedere come è stata sviluppata...

    RispondiElimina
  3. A me è piaciuto. Per via della partecipazione di Eli Roth in veste di attore e per la Dimension di Piranha 3D a produrre, mi aspettavo una specie di Notte da Leoni in versione horror e la prima parte mi ha dato questa esatta impressione. Invece, mentre si sviluppava, l'ho trovato davvero ben fatto, anche grazie a quei pochi personaggi ben caratterizzati e ben interpretati. Crudo, forte, molto drammatico. E ho trovato davvero convincente la Andrea Osvárt :)

    RispondiElimina
  4. Mah...mi sa che me lo segno, nonostante non sembri eccezionale

    RispondiElimina
  5. Non vedo l'ora di vederlo, ovviamente solo per Eli.

    RispondiElimina
  6. Non mi ispira per nulla. Ma del resto è una cosa normale, rispetto ai film che si salvano qui da te! Ahahahahah! ;)

    RispondiElimina
  7. Della cricca di Tarantino, Eli Roth è quello che non digerisco... non fa per me

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com