venerdì 31 gennaio 2014

NEL BLU DIPINTO DI BLUE JASMINE




"Una recensione di Blue Jasmine? Oh, ma che bello!"
Blue Jasmine
(USA 2013)
Regia: Woody Allen
Sceneggiatura: Woody Allen
Cast: Cate Blanchett, Alec Baldwin, Sally Hawkins, Bobby Cannavale, Michael Stuhlbarg, Louis C.K., Alden Ehrenreich, Peter Sarsgaard
Genere: alleniano
Se ti piace guarda anche: qualunque altro film di Woody Allen a parte To Rome With Love che quello te lo puoi anche risparmiare

Continuo a non capire. Woody Allen mi piace o meno?
Ci sono alcuni suoi film che ho apprezzato parecchio (Midnight in Paris e Io & Annie su tutti), altri che invece considero sopravvalutati (Match Point e Manhattan, per esempio), mentre altri sono proprio delle porcatone (Incontrerai l’uomo dei tuoi sogni e l’atroce To Rome with Love), e ancora ve ne sono alcuni che mi sembrano piuttosto buoni ma non eccezionali (come Sogni e delitti, Vicky Cristina Barcellona, Scoop e Basta che funzioni). E ce ne sono un sacco che non ho visto perché questo gira un film all’anno e per recuperarli tutti bisognerebbe prendersi un anno sabbatico soltanto per recuperarli.
Di Woody adoro il suo tipo di umorismo, cinico, bastardo e vagamente, ma neanche troppo vagamente, intellettualoide. Mi piace la sua attitudine snob. Ai Golden Globe Awards che si sono tenuti una manciata di settimane fa ad esempio gli hanno fatto l’onore di consegnargli il premio alla carriera e lui non s’è manco scomodato di andare a ritirarlo, tanto per dire quanto è snob. Di Woody adoro inoltre l’influenza che ha avuto sulle nuove generazioni, su serie come Girls o Louie.

"Non è iniziata benissimo. Meglio berci su."
Il mio problema con Woody Allen… qual è il mio problema con Woody Allen?
Il principale è proprio quello che gira un sacco di film. Uno all’anno è troppo, considerando il tempo e la cura necessari che si devono riporre sia nella fase di scrittura che nella pre-produzione che poi nel girare. Ormai Woody ha sviluppato un suo modello di lavorazione che gli consente di sfornare una pellicola dopo l’altra come se fosse in catena di montaggio e il problema è proprio questo. Spesso si ha la sensazione di un compitino annuale svolto con diligenza, senza però il fuoco dentro. Senza che ci sia una reale urgenza creativa. La voglia di dire e di fare, nonché l’anarchia di una pellicola come Io & Annie, sono ormai un ricordo lontano, persino nelle sue pellicole recenti più riuscite. C’è sempre l’impressione di una costruzione eccessiva, finta e ormai affiora una certa ripetitività. I personaggi di Woody continuano a essere una variante di Woody, pure in questo ultimo Blue Jasmine. Non inganni l’aspetto di Cate Blanchett, decisamente poco somigliante all’occhialuto regista newyorkese. Jasmine non è altro che un altro, l’ennesimo alter-ego di Allen. Come sarebbe Woody se fosse una bionda ricca che improvvisamente si trova con le pezze al culo?
Sarebbe così, sa-sa-sa-sarebbe Ja-ja-ja-jasmine.
"Beh dai, non sta andando nemmeno troppo male."

Con Blue Jasmine, Woody conferma comunque la sua abilità di scrittura perché questo, checché possa sembrare, è un altro esercizio di scrittura del regista e sceneggiatore precursore degli hipster. I dialoghi sono anche questa volta ottimi, i personaggi sono ben costruiti, qualche battutina azzeccata emerge qua e là, anche se l’umorismo è diventato più acido e feroce del solito.
La cosa migliore di Blue Jasmine è questa. Ci propone un Woody Allen incazzato. Non si sa bene in particolare con chi o con cosa. Forse con tutti. Ce n’è sia per la upper class che per i proletari.


"Io come Meryl Streep? Ma che scrive, quel Cannibal Kid?"
Eppure il film non morde del tutto. Così come l’interpretazione di Cate Blanchett. Brava, bravissima Cate Blanchett, ma la sua è una di quelle performance che sembrano più una strizzatina d’occhio all’Academy e alle varie giurie di premi piuttosto che un far vivere per davvero il suo personaggio. Uno di quegli esercizi di recitazione, una di quelle interpretazioni impeccabili alla Meryl Streep. La blue Jasmine della Blanchett è un personaggio notevole, ma resta per tutto il tempo un personaggio di fiction, non si trasforma mai in una persona vera. Anche le scene di maggior follia, recitate con una notevole intensità, non sfociano mai in un lasciarsi andare completo, liberatorio, come la straordinaria Natalie Portman de Il cigno nero, tanto per fare un esempio non a caso, o come il sorprendente Leonardo DiCaprio di The Wolf of Wall Street. Quindi brava, bravissima Cate Blanchett, ma l’Oscar io non glielo darei. Tanto l’Academy glielo consegnerà di sicuro, quindi a cosa conta la mia opinione?

"Beh, almeno noi non ci possiamo certo lamentare..."
Ho amato invece Sally Hawkins. Sally Hawkins sì che è un fenomeno. Come già capitato con la idola Poppy di Happy Go Lucky, Sally Hawkins è una di quelle attrici che riescono a trasformare un personaggio in una persona, una persona a tutto tondo, nonostante la costruzione molto fiction del cinema di Allen. La Hawkins l’ho adorata, così come anche Louis C.K., il grandissimo comico della sopra citata serie Louie. Uno che ha un tipo di umorismo parecchio alla Woody Allen, uno per giunta di New York City, uno quindi che non poteva mancare di comparire prima o poi in un suo film. In attesa che Woody gli regali una pellicola da protagonista assoluto, qui Louie, per quanto in un ruolo piccolo, ci regala i momenti più divertenti della visione. Applausi pure per gli altri attori del cast, soprattutto il tamarro Bobby Cannavale, il sempre più promettente Alden Ehrenreich che qui fa il figliastro della Cate Blanchett e il sempre sottoutilizzato e sottovalutato Peter Sarsgaard.

"Cannibal Kid, sono parecchio adirata con te!"
Menzione negativa invece per Michael Stuhlbarg e il suo macchiettistico personaggio del dentista maniaco.
Un’altra cosa che non mi convince mai del tutto nei film di Allen sono poi le musiche. Questo jazzettino che usa spesso e volentieri cosa mi rappresenta? È poco emozionante, poco trascinante e, più che come accompagnamento di una pellicola cinematografica, andrebbe bene come musica da ascensore. A spiccare qui è giusto una rilettura in chiave jazzata di “Blue Moon”, che pure è carina ma è incapace di creare un vero trasporto emotivo. Almeno per quanto mi riguarda. Tutto il film mi ha dato la stessa impressione. Guardabilissimo, scivola via che è un piacere, eppure la sensazione che manchi qualcosa non mi ha abbandonato dall’inizio alla fine. Per quanto questa volta sia incentrato su un personaggio femminile, per quanto sia un po’ meno comedy e più amarognolo del solito, alla fine è sempre il solito Woody. Non certo al suo peggio, in confronto al precedente To Rome with Love il livello è tornato per fortuna a essere molto ma molto più alto, però nemmeno al suo meglio. È un Woody medio, con tutti i pregi e i difetti del caso. Perché?
Ancora una volta torniamo lì. Al fatto che gira troppo. In questo Blue Jasmine c’è fondamentalmente solo un’idea narrativa: alternare il presente da miserabile poveretta in quel di San Francisco della protagonista al passato in cui era una benestante, molto benestante in quel di New York. Un espediente non certo nuovo e che dalla serie Lost in poi è diventato alquanto abusato e che comunque qui tutto sommato funziona. Basta che funzioni. Peccato sia anche l’unico spunto del film e te credo, quando uno ne gira uno all’anno, non è che può avere tutte le volte tremila idee.
Posso allora solo immaginare cosa tirerebbe fuori se girasse una pellicola ogni dieci anni. Ma so già che non lo scoprirò mai. Woody continuerà a sfornare il suo film annuale, io continuerò a guardare e apprezzare di più o di meno o a storcere il naso a secondo del caso, senza però mai rimanere travolto completamente dal suo cinema. Senza mai amarlo del tutto. E per questo motivo oggi mi sento un blue Cannibal.
(voto 6+/10)

18 commenti:

  1. Voto un pò bassino, anche se concordo rispetto alla bravissima Sally Hawkins - che in Happy go lucky non avevo proprio sopportato -.
    Poi, certo, sopravvalutato Manhattan mi pare un'affermazione del Cannibal dei tempi d'oro! ;)

    RispondiElimina
  2. A me la Hawkins non ha detto niente, ma la Blanchett è indubbiamente brava. Forse pure troppo. Ma io, al posto suo, il paragone con la Streep non lo prenderei esattametne come un'offesa, eh! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. meryl streep e cate blanchett sono due attrici indubbiamente di talento, però sono troppo teatrali e impostate per i miei gusti...

      Elimina
  3. Dear Cannibal, i punti deboli e quelli più azzeccati del cinema di Allen li condivido in pieno. In primis questa sorta di bulimia produttiva che pare aver colpito l'ormai anziano regista negli ultimi anni.
    Ah, due robe in chiusura: non puoi non amare Manahattan, suggerisco seconda visione. E, se ancora ti manca, prenditi un'ora e mezza anche per il "dittatore dello stato libero di bananas", merita eccome..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. magari più avanti.
      al momento il mio rapporto con woody è abbastanza blue :)

      Elimina
    2. preferisco prendermi una pausa, dal cinema di allen.
      cosa che forse dovrebbe fare anche lui eheh

      Elimina
  4. Concordo sulla critica a Woody e sulla sensazione del "compitino", non l'ho mai amato troppo come regista, devo dire tuttavia che Blue Jasmine mi è sembrato nettamente superiore a tutte le sue ultime uscite.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e midnight in paris dove lo mettiamo? ;)

      Elimina
  5. Woody qui è tornato a graffiare, anche se non ad incantare come ai tempi d'oro o come a Parigi.
    In ogni caso una bella boccata di aria ricca di ironia e umorismo, ed è per questo che continuerò a concedermi i suoi film!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. di sicuro da roma ha fatto un passo in avanti, aò :)

      Elimina
  6. Ultimamente ho trovato Woody Allen giù di tono.
    Spero di ricredermi in questo film...
    Se ripenso all'orrore di "To Rome with Love"...

    RispondiElimina
  7. Di sicuro meglio di Rome with love, molto, ma io a dir la verità salvo soprattutto Cate Blanchett, che ha quel suo modo di recitare in effetti sempre distaccato che, però, ho sempre visto come uno stile che come un limite... Sally Hawkins è piaciuta anche a me e in generale il film è godibilissimo...
    comunque secondo me basterebbero anche 2/3 anni di pausa perché Woody torni a sorprenderci... ma se dobbiamo averne uno all'anno, almeno che siano tutti di questo livello!

    RispondiElimina
  8. "Match point" e "Manhattan" sopravvalutati? "Basta che funzioni" solo buono? Solo 6+ a questo film?
    Sei ufficialmente confermato come mia nemesi malvagia :-P

    RispondiElimina
  9. Manhattan sopravvalutato... Lasciamo perdè va... (Top3 della mia personale Cinematografia: dovrebbe essere top50 minimo di qualunque amante del Cinema, ma insomma)...

    Comunque concordo sulla tua disanima del film, tranne che non posso essere d'accordo con la tua considerazione sulla Blanchett: Cate fa una prova di altissimo livello, altrochè, e si meriterà a piene mani l'Oscar che - spero! - le consegneranno finalmente quei bacucchi dell'Academy (il Non Protagonista per The Aviator è un misero contentino per siffatta attrice).

    Il mio voto sarà sicuramente più alto, ma sicuramente non è uno degli Allen "da vedere", differentemente da Manhattan che... Meglio che vada a letto, che già è tardi :P

    RispondiElimina
  10. moncler coats, http://www.moncler.us.com/
    lebron james shoes, http://www.lebronjamesshoes.in.net/
    nike free uk, http://www.nikefreerunning.org.uk/
    air jordan shoes, http://www.airjordanshoes.us.org/
    stuart weitzman boots, http://www.stuartweitzmanoutlet.us/
    jordan shoes, http://www.jordan-shoes.us.com/
    louis vuitton bags, http://www.louisvuittonbag.us.com/
    oakley sunglasses, http://www.oakleysunglasses-outlet.us.com/
    links of london, http://www.linksoflondons.co.uk/
    michael kors outlet, http://michaelkors.outletonlinestores.us.com/
    cheap mlb jerseys, http://www.cheapmlbjerseys.net/
    nike huarache, http://www.nikeairhuarache.org.uk/
    louis vuitton outlet, http://www.louisvuittonoutlet.in.net/
    oakley sunglasses wholesale, http://www.oakleysunglasses-wholesale.us.com/
    the north face outlet store, http://www.thenorthfaceoutletstores.org/
    karen millen dresses, http://www.karenmillendressesoutlets.co.uk/
    kobe bryant shoes, http://www.kobebryantshoes.in.net/
    nike air max uk, http://www.nikeairmaxshoes.org.uk/
    yoga pants, http://www.yogapants.us.com/
    beats headphones, http://www.beats-headphones.in.net/
    michael kors outlet, http://michaelkors.outletonlinestores.us.com/
    oakley outlet, http://www.oakleyoutlet.in.net/
    michael kors outlet, http://www.michaelkorsoutlets.uk/
    hogan, http://www.scarpehogan-outlet.it/
    lacoste polo shirts, http://www.lacostepoloshirts.cc/
    2015921caihuali

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com