lunedì 10 marzo 2014

GIOVANI MAGHETTI RIBELLI




Giovani ribelli – Kill Your Darlings
(USA 2013)
Titolo originale: Kill Your Darlings
Regia: John Krokidas
Sceneggiatura: Austin Bunn, John Krokidas
Cast: Daniel Radcliffe, Dane DeHaan, Ben Foster, Jack Huston, Michael C. Hall, Elizabeth Olsen, David Cross, Jennifer Jason Leigh, Erin Darke
Genere: maledetto
Se ti piace guarda anche: L’attimo fuggente, Poeti dall’inferno, Wilde

In questo film, Harry Potter è un giovane ribelle...
buaahahahah
BUAHAHAHAHAH

BUAHAHAAHHAHAHAHAHA

Ok, lasciatemi riprendere un momento. Allora, dicevo che Harry Potter è un giovane ribelle…

BUAHAHAHAHAHAH

No, non ce la posso fare!
Sarebbe un giovane ribelle contro cosa, contro quel cattivone di Voldemort?
Il problema di Daniel Radcliffe è quello tipico di un attore che ha interpretato un ruolo talmente identificativo che poi ce l'ha davvero dura a staccarselo di dosso. Prendiamo ad esempio Mark Hamill.
CHIIIIII?
Ecco, appunto. Mark Hamill chiiiiiii?


Mark Hamill è meglio conosciuto come Luke Skywalker nella saga di Guerre stellari, per il resto cos’ha fatto?
Boh.
Per carità, tanto di cappello a lui che sarà ricordato almeno per una cosa nella vita. Mica è da tutti. Tornando al nostro protagonista di giornata, credo che Daniel Radcliffe sia destinato a fare la stessa fine di Hamill. Da un ruolo entrato nell’immaginario collettivo è anche possibile scostarsi. Leonardo DiCaprio ad esempio è riuscito, sebbene non senza fatica, a levarsi di dosso l’etichetta di teen idol che gli è stata appioppata con Titanic. Ci sono però due condizioni necessarie perché ciò avvenga:
1) Essere un ottimo attore
2) Compiere le scelte recitative giuste

Per quanto riguarda il punto numero 1, il nostro (nostro? diciamo pure vostro) Daniel Radcliffe non mi sembra proprio appartenere alla categoria. Imbambolato come pochi, ha solo due espressioni: una con gli occhialetti tondi e una senza occhialetti tondi.
Per quanto riguarda il punto numero 2, Radcliffe ci sta provando a staccarsi dai ruoli da maghetto sfigato, di questo gli va dato atto. Ad esempio in The Woman in Black aveva il ruolo di un padre. Peccato solo che apparisse del tutto inappropriato per non dire ridicolo in una parte del genere, visto che dimostrava (e dimostra ancora adesso) circa 8 anni. 9 al massimo. Persino come teen mom sembrerebbe troppo infantile.
Con Giovani ribelli – Kill Your Darlings, Daniel Radcliffe si lancia in una nuova difficile sfida, interpretando il ruolo del poeta della beat Generation Allen Ginsberg. Bene, un ruolo del tutto differente rispetto a quello nella saga di J.K. Rowling… O forse non del tutto?
Vediamo la trama del film. 

Harry, pardon Allen è un ragazzo che riesce a entrare in una prestigiosa scuola.
Hogwarts?
No, la Columbia University. Qui stringe amicizia con altri due studenti. Hermione e Ron?
No, purtroppo niente Emma Watson, in questo film, ma mannaggia. I suoi nuovi amichetti sono il futuro giornalista Lucien Carr e il futuro scrittore William Burroughs. Nella parte del primo c’è Dane DeHaan, quello di Chronicle, nella parte del secondo c’è Ben Foster. Loro sì due ottimi attori, sorry Potter. All’elenco dei membri del cast ci aggiungiamo pure la (quasi) sempre impeccabile Elizabeth Olsen che fa dimenticare lo scivolone nell’orrido remake americano di Oldboy, e Jack Huston di Boardwalk Empire, qua impegnato a ritrarre un Jack Kerouac più efficace di quello visto nel recente On the Road (sebbene in quel caso fosse un alter ego dello scrittore).
Inoltre nel corso del film Michael C. Hall (sì, Dexter in persona), dice ad Allen Ginsberg che potrebbe salvare il mondo. Proprio come quelli della scuola di Hogwarts facevano con Harry Potter. In pratica, alla faccia del cambio radicale di ruolo, questa pellicola è una specie di rilettura beat generation di Harry Potter. O qualcosa di simile.

"Non ti posso dare questo drink, Harry, se prima non mi mostri un documento."
Per altri versi, Giovani ribelli si dirige invece dalle parti del racconto di formazione, quello a metà strada tra L’attimo fuggente e Il giovane Holden, e in questo avvince e convince. Fa respirare l’eccitazione tipica dell’adolescenza, di chi scopre le cose per la prima volta, di chi entra in contatto con delle personalità ricche di carisma, di chi vuole lasciare una traccia importante nel mondo. Non per salvarlo, come Harry Potter, ma per cambiarlo a suon di parole con il proprio personale stile di scrittura.
Il regista John Krokidas riesce a rendere bene questo fermento culturale, attraverso inserti visionari e invenzioni stilistiche che ricordano Le regole dell’attrazione, un montaggio veloce e una colonna sonora che mixa il jazz del periodo con sonorità moderne di Tv on the Radio, Bloc Party e titoli di coda coi Libertines. La pellicola è un interessante esperimento che unisce un certo classicismo tipico del racconto di formazione tradizionale con un gusto post-moderno e, pur non raggiungendo i livelli sublimi di un Baz Luhrmann, è coraggioso abbastanza da farsi apprezzare. Tutto questo nella prima valida parte. Nella seconda spenta metà, il film si concentra invece su una vicenda dalle tinte thriller non particolarmente affascinante, accantonando il cuore della pellicola, ovvero il rapporto tra i protagonisti e la loro dirompente forza artistica e creativa.

La pecca principale della pellicola comunque sta in lui, Harry, volevo dire Daniel Radcliffe. Per quanto qui mi pare sia alla sua migliore prova interpretativa finora, non riesce ad annullarsi dietro al suo personaggio. Non riesce mai a diventare Allen Ginsberg e resta sempre un Harry Potter che cerca di fare il poeta maledetto. Un grave difetto, perché con un protagonista migliore ci saremmo trovati probabilmente di fronte a un gioiellino, mentre così abbiamo una pellicola “solo” gradevole, che comunque non è poco.
Kill your darlings?
No, kill Harry Potter!
(voto 6/10)

Non c'entra niente con il film, però questa foto è troppo fantastica e non potevo non condividerla con voi, miei adorati lettori.

25 commenti:

  1. Il look del film credo non lo aiuti molto, sembra un Harry Potter con i capelli un pò scompigliati...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. gli manca solo la bacchetta magica...

      Elimina
  2. L'espressione di Daniel Radcliffe vicino alla Marini è impagabile ahahaha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è la migliore espressione che gli abbia mai visto fare :)

      Elimina
  3. Ricordo una recensione dell'epoca, da FilmTv:
    "Sbamm. Sbamm. Sbamm. Sbamm. No, non siamo impazziti. Semplicemente, durante la visione dell’opera prima di Krokidas, registriamo i rumori dei pugni sferrati da Allen Ginsberg, William S. Burroughs e Jack Kerouac mentre si rivoltano nella tomba.".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bah, oddio. considerando che qui vengono ritratti nel periodo dell'adolescenza e credo che tutti e 3 fossero in fondo dei cazzari, non penso avrebbero disprezzato così tanto questo film...

      Elimina
  4. Concordo con te, in generale. Per me è sulle tre stelle, quindi mezzo voto in più gliel'avrei dato. Non mi è dispiaciuto. Intensissimo. Poi, da ignorante, non conoscendo benissimo il periodo, l'ho trovato anche appassionante. Se n'è parlato per i motivi sbagliati - vedi la scenetta di sesso tra Harry Potter e il tizio biondo. E' fatto molto bene e il collega di Radcliffe l'ho trovato molto carismatico: bravo davvero. Radcliffe mi ha abbastanza convinto, ma si vede che era impegnato a recitare. L'altro era proprio un'altra cosa. Bravo anche "Dexter". ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dane dehaan promette bene.
      se si trova al fianco di harry potter, poi, fa facilmente la figura del fenomeno :)

      Elimina
  5. Mi pare una roba cui posso tranquillamente rinunciare.
    Per il resto, caro il mio Maghetto Kid, la foto Radcliffe/Marini è al limite dell'horror.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. infatti l'ho messa apposta per tenere al largo quelli facilmente impressionabili come te ah ah

      Elimina
  6. Giusto per la cronaca, Mark Hamill è passato al Lato Oscuro. Fa il doppiatore e in particolar modo, tra i suoi ruoli migliori c'è il Joker della serie animata: http://www.youtube.com/watch?v=dtmb8sYyorM
    Ritornando a Daniel Radcliffe, ci vorrà del tempo e dovrà scegliere attentamente i suoi ruoli e... sì, Daniel posso capire quell'espressione. Ti siamo tutti vicini.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi chiedo: ma come diavolo fai a scovarli, certi video? ;)

      Elimina
  7. notevole la foto della Marini accanto a Harry Potter che si sta chiedendo dove ha sbagliato (stava provando l'incantesimo ACCIPIO PATRONUM e gli è venuto ACCIPIO ZOCCOLAM)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per essersi lasciato sfuggire una come hermione, se la merita proprio, la zoccolam marini. a vita!

      Elimina
  8. Questo me l'ero segnato quando uscì "The Bling Ring".
    Poi l'ho messo nel dimenticatoio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un'occhiata gliela si può anche buttare..

      Elimina
  9. Lo sai che ho letto tutto ma mi sono dimenticato di tutto quando ho visto l'ultima immagine?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se non sei svenuto, ti è ancora andata bene ;)

      Elimina
  10. "ha solo due espressioni: una con gli occhialetti tondi e una senza occhialetti tondi...(e dimostra ancora adesso) circa 8 anni. 9 al massimo" aahahahahahahahahaahahahahahahahahahah non potevi descriverlo meglio!
    Ma poi vogliamo anche dire quanto sia brutto?
    Questo film mi è parso ridicolo fin dalla scelta di fare di Radcliffe Allen Ginsberg e me lo evito molto volentieri :)

    RispondiElimina
  11. Non uscirà mai dal ruolo di HP perché di suo è rimasto piccolo, sfigato, e brutto. Se non cacasse milioni, mi farebbe anche pena. Ma intanto potrebbe uscire dallo scantinato e prendere un po' di sole, pora stella. Davvero, fa sanguinare gli occhi.

    RispondiElimina
  12. Ma sai che a me Redcliff non dispiace affatto? Però la foto con la Marini... X_X'

    RispondiElimina
  13. La foto con la Marini assurge di diritto all'Olimpo del trash 2014.

    RispondiElimina
  14. Probabilmente non riusciva a capire se fosse una bambola gonfiabile o meno.

    RispondiElimina
  15. Ahahahahahah! Ma povero Daniel... io mi sono ripromessa di non sbeffeggiare più nessuno a meno che non se lo meritino palesemente, perché poi finisce che tac! quando meno te lo aspetti gli danno l'Oscar. Magari a Daniel non lo daranno mai, ma tra una decina d'anni quando sembrerà finalmente un adulto, potrebbe sorprenderci, chissà...
    l'ultima immagine è bellissima, ma dove l'hai presa? Sto morendo dalle risate davanti allo schermo... XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se danno l'oscar a radcliffe prima che a dicaprio, l'academy non ha più davvero senso di esistere.
      anzi, se danno l'oscar a radcliffe e basta, l'academy non ha più davvero senso di esistere. :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com