mercoledì 16 aprile 2014

NUOVE SERIE TV 2014: BROAD CITY, CRISIS, SILICON VALLEY, ABOUT A BOY




Il mondo della tv americana produce serie a un ritmo infernale, quasi quanto Pensieri Cannibali produce post e cazzate a non finire. Vediamo allora di fare il punto della situazione su alcune novità seriali delle ultime settimane, con due matricole che promettono molto bene e altre due che invece si può anche tranquillamente non iniziare a seguire.

Broad City
Ho una nuova droga da proporvi.

NINO… NINO… NINO… NINO… NINO… NINO

Questo, se non si era capito, era il suono della sirena della polizia che sta venendo ad arrestarmi.
Fermi, sbirri. Non stavo parlando di una droga di quel tipo. Stavo parlando di una droga seriale. Broad City è una di quelle serie che ti spari in vena un episodio e poi ne vorresti subito un altro. Peccato che quegli sfaticati di sottotitolisti non si muovano e siano ancora fermi alla prima puntata! Daaai, sbrigatevi!
(scherzo, sottotitolisti, siete tutti bravissimi e bellissimi e vi voglio un mondo di bene, continuate così che senza di voi mi toccherebbe guardare ancora le serie su Mediaset, Cristoiddio)

"Hey, devi proprio leggere Pensieri Cannibali anche mentre ciuliamo?"
Broad City nasce come web-serie ma ora è diventata una serie-tv a tutti gli effetti, in onda negli Stati Uniti su Comedy Central. Scelta più che mai adatta, visto che il pilota di questo telefilm è una delle cose più comiche che mi sia capitato di vedere di recente.
Cosa mi ha ricordato?
Mi ha ricordato Girls. Così come Girls, è una serie ambientata a New York City e propone un alto livello di hipsteritudine, solo che rispetto alla serie di Lena Dunham sembra ancora più improntata sul fancazzismo e sul versante comedy. A differenza di Girls, in cui i personaggi sono (volutamente?) piuttosto odiosi, le due protagoniste di Broad City risultano invece simpatiche, tanto la nerdosa Abbi quanto la hip-hopposa Ilana. Idole fin da subito di una serie irresistibile. Sperando che l’entusiasmo prosegua dopo il pilot pure con i prossimi episodi, fate un salto anche voi nella Broad City e diffondete questa droga.

NINO… NINO… NINO… NINO… NINO… NINO

Okay, non la chiamo più droga. Diffondete anche voi il culto di questa nuova fantastica serie!
Così va meglio, sbirri?
(voto 7,5/10)

Crisis
Sono in crisis di astinenza. Astinenza da Jack Bauer. Non vedo l’ora che torni 24, con la nuova, nona attesissima stagione Live Another Day, in arrivo il prossimo 5 maggio.
Tic tac, tic tac, il tempo sta per scadere ma, nel frattempo, per ingannare l’attesa non resta che trovare un buon surrogato. Il migliore finora si è rivelato Scandal. La serie di Shonda Rhimes con Kerry Washington apparentemente è nata come una specie di serial legal sui generis, ma ben presto è emerso chiaro come il suo adrenalinico indagare all’interno della Casa Bianca rimandi proprio dalle parti di 24.
Tra le serie che si ispirano in maniera ancora più evidente a 24 ci sono poi Hostages, guardabile ma tutt’altro che memorabile thrillerone recente, e la nuovissima Crisis. Com’è, questa Crisis?
Vale esattamente quanto detto per Hostages: un guardabile ma tutt’altro che memorabile thrillerone.
Lo spunto di partenza è intrigante. Una classe di un liceo piena di figli di puttana di uomini e donne potenti, tra cui il figlio del Presidente degli Stati Uniti, viene sequestrata da un gruppo di misteriosi figuri. Da qui si sviluppa un intricato piano criminale che metterà di mezzo i vari genitori dei ragazzi rapiti. Un intreccio condotto in maniera accettabile, soprattutto all’inizio, ma ben presto la voglia di vedere come prosegue scema. Anche perché l’attesa per la nuova stagione di 24 sta per finire e, quando tornerà in azione Jack Bauer, chi cazz’avrà più bisogno di seriette trascurabili come Crisis?
(voto 5,5/10)

"Nerd noi???
Ma cosa scrive, 'sto Pensieri Cannibali?"
Silicon Valley
La prima scena di Silicon Valley la dice lunga, su questa serie. C’è Kid Rock che si esibisce a una festa privata e nessuno se lo caga. Il party si tiene infatti nella Silicon Valley ed è pieno di nerd cui del rap-rock macho del Kid Rock non frega niente. Alla facciazza del mio blogger rivale MrFord, che lo considera un genio musicale uahahah.
Dopo questo folgorante inizio, la serie procede ancora meglio. Silicon Valley sembra la versione HBO di The Big Bang Theory. Cosa che significa che non ci sono tutte le classiche situazioni da sitcom, bensì c’è un umorismo più sottile, che ricorda quello di altre comedy della HBO come Hello Ladies, Veep e Girls. Soprattutto Hello Ladies. Un tipo di comicità di quelli che magari non ti fa pisciare sotto dalle risate, ma comunque è in grado di farti seguire la visione con un sorriso ebete perenne scolpito in faccia.
La trama è molto intrigante e 2.0 e ci racconta l’avventura Steve Jobs oriented di un gruppo di secchioni informatici alle prese con una compagnia startup che potrebbe rivoluzionare il mondo di internet. Tra gli autori di questa promettente serie startup c’è anche Mike Judge, il creatore di Beavis & Butt-head, e il suo zampino irriverente e bello bastardo si fa sentire. Il fascino principale sta però tutto in loro, quegli esseri a lungo emarginati dalla società e che oggi si stanno pigliando parecchie rivincite, anche nel mondo delle serie tv: viva i nerd!
(voto 7/10)

About a Boy
Nick Hornby me lo immagino come Zio Paperone mentre nuota tra le monete d’oro. Non perché dai personaggi dei suoi romanzi emerga un particolare attaccamento al denaro, tutt’altro. Solo perché le sue storie continuano a essere talmente saccheggiate dal mondo del cinema, e ora pure dal piccolo schermo, che il Nick Hornby grazie ai diritti per gli adattamenti ormai avrà i soldi che gli escono dal buco del culo. Il denaro gli arriva da tutte le parti del mondo. Il cinema inglese ha realizzato le trasposizioni di Febbre a 90° e di recente di Non buttiamoci giù, quello italiano ha preso ispirazione da un suo racconto per il pessimo È nata una star?, e naturalmente Hollywood non si è fatta pregare girando L’amore in gioco, versione yankee di Febbre a 90° con il baseball al posto del calcio, e About a Boy.
Adesso About a Boy è diventato anche una serie tv, una sitcom nemmeno del tutto malvagia, però del tutto evitabile. Il cast tv non regge il confronto con il film: l’anonimo David Walton non ha manco un briciolo del carisma e del fascino British di Hugh Grant, Minnie Driver, attrice che non ho mai sopportato, non vale minimamente Toni Collette, e poi il piccolo Benjamin Stockham non è al livello dell’allora esordiente Nicholas Hoult, uno che poi col tempo si sarebbe fatto Jennifer Lawrence.
E se questo bambino qui…


…crescendo si è fatto Jennifer Lawrence, c’è speranza per tutti di farsi Jennifer Lawrence, prima o poi nella vita.
Oltre a un cast non proprio fenomenale, la serie appare come una versione dilungata e non necessaria della pellicola, che io personalmente ho amato molto, ma che già appariva come la versione americanizzata del romanzo di Hornby. Ovvero, questa serie è come la fotocopia sbiadita di una fotocopia riuscita. Ne avevamo davvero bisogno?
(voto 5/10)

8 commenti:

  1. Uhm... con tutte le serie che stanno per finire aspetto a vedere il destino di queste, appuntandomi la tua nuova droga e Silicon Valley.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tra poche settimane rischiamo di rimanere senza serie...
      naaah, tanto ne arriveranno un sacco di altre! :)

      Elimina
  2. Seguo solo About a boy, e concordo pure sul cinque, ma mi piace lo stesso! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io speravo si rivelasse vagamente all'altezza del film, ma dopo pochi episodi ho smesso di sperarci...

      Elimina
  3. Qualcuno considera Kid Rock un genio musicale? :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. solo quel pazzo di mr. ford uahahah :)

      Elimina
  4. Io punto su Broad City... mi procuro il pilot e poi mi esprimerò! Bye

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com