giovedì 17 aprile 2014

CINEMA MA NON TROPPO




La rubrica dedicata alle uscite cinematografiche della settimana co-condotta dal sottoscritto Cannibal Kid insieme al sempre più innocuo e buonista MrJamesFord questa settimana si rinnova. Prima di gioire aspettate: purtroppo Ford non è stato sostituito, magari da una bella figa. Lui c’è ancora. A cambiare sono solo i commenti, più veloci, più freschi, più giovani. Almeno i miei. Quelli di Ford restano sempre lenti, noiosi e vecchi ahahah!
E per le prossime settimane in questa rubrica sono previste altre novità...

Transcendence
Cannibal dice: Una volta una nuova pellicola con protagonista Johnny Depp era un evento da accogliere con favore. Negli ultimi anni è diventato un qualcosa cui guardare con sospetto, grande sospetto, manco si trattasse di un film recensito in maniera entusiastica da WhiteRussian. Questo nuovo Transcendence potrebbe quindi essere l’ennesima schifezza nella carriera recente del Depp, così come l’ennesima porcheria della sci-fi recente. Felice poi di essere smentito.
Ford dice: qualche mese fa, ai tempi dell'uscita di Disconnected, avevo confuso questo titolo con quello effettivamente in sala, tanto per dire quanto potesse fregarmi di questa nuova fatica di un Johnny Depp che ormai mi pare più confuso del Coniglione Kid sotto qualche acido da spring break. Considerati i recuperi dalla settimana scorsa, non penso che sarà il primo della mia lista.

"Il futuro di Internet? Pensieri Cannibali.
Se solo la smettesse di collaborare con MrFord..."

Gigolò per caso
Cannibal dice: Gigolò per caso è il nuovo film di Woody Allen… Hey no, un momento. È un film con Woody Allen attore, con un ruolo tipicamente da Woody Allen, però il regista in questo caso è John Turturro. Risultato? Sembra un film di Woody Allen, e nemmeno uno dei suoi migliori. Una pellicola vecchio stile decisamente più fordiana che cannibale. Non è una bella cosa.
Ford dice: i tentativi finti simpatici di mascherare il proprio radicalchicchismo non mi sono mai piaciuti, suonano sempre poco credibili. Un po’ come se di colpo Peppa Kid si improvvisasse esperto di Cinema di botte. O di wrestling. A dire il vero il mio antagonista mi parrebbe forzato anche come gigolò. Quasi più di Woody Allen.

"Uh, questo lo vedrei proprio bene indossato da Ford!"

Rio 2 – Missione Amazzonia
Cannibal dice: Già mi ero tenuto alla larga da Rio 1, figuriamoci se vado ad avventurarmi in Amazzonia. Lascio il (dis)piacere a Ford, che ha già pronta la valigia per questo suo nuovo entusiasmante (?) viaggio bambinesco.
Ford dice: il primo Rio mi era parsa la solita robetta stile Dreamworks buona giusto per mostrare il divario con i prodotti Pixar. Non credo che con il secondo andremo tanto lontano. Roba da cuccioletti. E neppure tanto eroici.

"MrFord vuole chiudere WhiteRussian per dedicarsi al wrestling a tempo pieno?
Evvai!"

Onirica – Field of Dogs
Cannibal dice: In questa settimana super fordiana non poteva mancare pure un film polacco pseudo intellettualoide, in realtà probabilmente solo noiosoide, di quelli che tanto piacciono al mio blogger rivale. Una cosa talmente radical-chic che persino io la aborro.
Ford dice: finalmente un film decente. Majewski, regista di quello che pare il filmone d'autore non solo della settimana, ma del mese, mi aveva strabiliato qualche anno fa con I colori della passione, e ho come l'impressione che questo suo nuovo viaggio potrebbe essere una conferma del suo talento visivo. E ho come l'impressione che, come ad ogni appuntamento con il vero Cinema d'autore, il Cannibale mancherà all'appello.

"Perché ci guardano tutti male?
Non possiamo anche noi fare la spesa?"

Song ‘e Napule
Cannibal dice: Il nuovo film dei Manetti Bros. a sorpresa questa volta non è ambientato a Roma, ma a Napule. Potrebbe essere per loro un cambiamento epocale, un po’ come quando Woody Allen si è spostato a girare da New York all’Europa. Comunque devo ammettere che, a parte giusto qualche video musicale, non ho mai visto niente dei Manetti Bros. e non credo nemmeno comincerò da questo film, uè uè.
Ford dice: i Manetti Bros mi stanno simpatici, ma non credo che rivoluzioneranno il Cinema italiano. O almeno, non quanto il Cinema italiano necessiterebbe. Anche in questo caso, dunque, metto in coda alla lista: sicuramente qualche recupero più interessante o titolo che potrebbe portarmi almeno sulla carta al conflitto con il mio rivale lo troverò di certo.

"Ma guarda questo svergognato qua!
Preferisce WhiteRussian al mitico Pensieri Cannibali..."

Ti sposo ma non troppo
Cannibal dice: Qui siamo proprio alla frutta. Un film orripilante già dal trailer, anzi, già a partire dal titolo. Di più inguardabile di questa improbabile romcom con protagonista un’improbabile Vanessa Incontrada c’è giusto WrestleMania!
Ford dice: Non voglio essere troppo tenero con questa schifezza. E no, non sto parlando del Cannibale, bensì di uno dei titoli italiani più agghiaccianti mai usciti in sala da quando esiste questa rubrica. Anzi, da quando esiste il Cinema, probabilmente.

"Sto leggendo Pensieri Cannibali ed è troppo più figo di MYmovies.
Va beh, rispetto a White Russian poi è proprio di un altro pianeta..."

7 commenti:

  1. Ma quello dei Manetti... però mi sa che lo distribuiscono tipo in 20 sale :)

    RispondiElimina
  2. Il Gigolò non mi sembra male ma credo punterò Transcendence, che già mi inquietava dal trailer!

    RispondiElimina
  3. Solo a leggere il titolo di "onirica" mi vengono le convulsioni. Poi magari trattasi di un capolavoro indiscusso, ma quel titolo mi fa paura.

    RispondiElimina
  4. Potrei dare una chance a Onirica e forse a Woody in un film non diretto da Woody... ma temo fortemente...

    RispondiElimina
  5. La rubrica sarà in rinnovamento, ma sei sempre il vecchio Cannibale, e non una bella figa. Purtroppo. ;)

    RispondiElimina
  6. allora io ho prenotato Trascendence, Onirica e Gigolò per caso, sono questi i film che mi ispirano maggiormente, ma ragà non gettate la spugna tra voi eh? XD

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com