sabato 3 maggio 2014

GUIDA GALATTICA ALLA MUSICA BRITPOP




Indovinello: qual è quell’animale che cento ne pensa e cento ne fa?
Esatto, il Cannibale. Un animale strano, selvatico, che non pago di aver creato già classifiche e liste assortite di tutti i tipi, come la serie della vergogna e quella della crescita, adesso ha ideato un modo nuovo per propinarvi le sue Top 10.
Questa volta la scusa è di fare delle Top Dieci dedicate ad alcuni generi e sottogeneri musicali, rivisti sempre attraverso l’ottica cannibale, ovvio. Ad aprire le danze ci pensa un genere con cui l’animale Cannibale è stato allevato: il Britpop.


Se da buoni babbani non sapete cos’è, vi dico brevemente che è stata quella scena musicale sviluppatasi in Gran Bretagna – dal nome l’avreste mai detto? – nel corso degli anni ’90. Le radici del genere si possono trovare nei 60s, con band fondamentali come Beatles, Rolling Stones e Kinks, così come nel glam-rock 70s di David Bowie, ma un’influenza enorme l’hanno giocata anche gruppi successivi come Smiths e Stone Roses.
Da queste basi, nel corso degli anni ’90 e a partire dal 1993-94 circa, in tutto il Regno (Unito) c’è stato un enorme fermento musicale e sono salite alla ribalta un sacco di band dal suono pop-rock, che oggi potremmo definire indie-rock, ma che allora chiamavamo Britpop. Tra i primi a ottenere una grande notorietà ci sono stati gli Suede con il loro look androgino e il loro sound glam, ma l’apice della popolarità il genere l’ha toccato con la rivalità epica tra Blur e Oasis, alimentata da sfide a colpi di grandi canzoni e di battibecchi verbali, puntualmente riportati dalle riviste inglesi più cool del periodo, NME e Melody Maker.
Da lì in poi la scena si è ingigantita, sono nate un sacco di band cloni, non solo in Gran Bretagna ma ovunque, persino in Italia, dove c’erano i Lunapop che prendevano in prestito pezzi dagli Ocean Colour Scene, i Super B che scimmiottavano i Blur, Daniele Groff che imitava (malamente) gli Oasis. Qualcuno se li ricorda?
Verso la fine degli anni ’90 l’interesse nei confronti della scena, come per tutte le scene, è scemato, e il Britpop è passato di moda ma ora, a 20 anni di distanza, è tempo di revival. Per fare un tuffo in quel periodo potete dare un’occhiata alla serie My Mad Fat Diary e dare un ascolto alla mia playlist su Spotify, nonché alla mia immancabile Top 10 qui sotto.



Top 10 canzoni Britpop (secondo Pensieri Cannibali)

10. Charlatans “One to Another”



9. Elastica “Connection”



8. Supergrass “Alright”



7. Bluetones “Slight Return”



6. Mansun “Wide Open Space”



5. The Verve “Bittersweet Symphony”



4. Oasis “Live Forever”



3. Pulp “Disco 2000”



2. Blur “The Universal”



1. Suede “Beautiful Ones”

27 commenti:

  1. Bella! E se vuoi, da oggi a mezzodì trovi la mia "letture con cui sono cresciuta" con doverosa citazione del Cannibale :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. passerò a leggere.
      e da te mi aspetto delle letture molto radical-chic ;)

      Elimina
  2. un genere che amo tantissimo! ma dici quindi che mad fat diary me lo devo recuperare?

    RispondiElimina
  3. se ami il britpop, devi recuperare my mad fat diary tipo ISTANTANEAMENTE!

    RispondiElimina
  4. Ottima compilation, che mi riporta ai miei vent'anni. Però, un appunto lo voglio fare: hai dimenticato il gruppo più importante fra tutti quelli citati. I The La's: un solo disco, un capolavoro, la bibbia del brit pop, da cui tutti attingeranno a piene mani. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. i la's sono arrivati prima dell'ondata britpop vera e propria, e poi non mi hanno mai entusiasmato molto.

      Elimina
  5. Proprio la notte appena trascorsa ho visto un documentario fantastico sul brit- rock , che poi andava lentamente trasformandosi per far piacere agli americani....
    Vedi gli inizi di John Mayall, gli Small Faces, Eric Clapton ...ma grazie per aver ricordato the Verve e la loro fantastica"Bittersweet Symphony"
    Felice domenica!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hey, ma ieri era ancora sabato... :)
      comunque oggi te lo posso dire: felice domenica!

      Elimina
  6. Niè, per un attimo sono tornato nella mia cameretta: stereo acceso e Tutto Musica da sfogliare.
    Bittersweet Symphony = finale di Cruel Intentions = cult

    RispondiElimina
  7. Oasis e Blur a parte non conosco quasi nulla...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questa allora è l'occasione giusta per recuperare ;)

      Elimina
  8. Troppo, troppo cannibale per i miei gusti, questa lista. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e anche troppo britannica...
      hey, un momento: si parla di britpop! :)

      Elimina
  9. Non totalmente d'accordo: tanto roba bella ma tanta altra che non ha inserito e secondo me meritava. Comunque bella classifica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ovviamente delle scelte sono state necessarie, mica si può inserire tutto. :)
      comunque chi manca, di così fondamentale?

      Elimina
  10. Me ne piacciono più di quante credessi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. chissà, allora magari sei più britpopper di quanto credessi ;)

      Elimina
  11. Il Brtipop, quella sì che era musica, altro che i Lunapop!!

    RispondiElimina
  12. La mia ignoranza italiota portava solo a Blur e Oasis, ma ci sono almeno altre due canzoni interessanti, esclusi i Verve che neanche li avrei messi. Beata ignoranza....

    RispondiElimina
  13. Di Suede avrei messo Heroine... Anzi no, forse So Young. Magari avrei messo Animal Nitrate. Vabè. Le avrei messe tutte. Credo che, tolto il genio di Damon Albarn, che non per niente ha fatto tante altre cose meravigliose, conclusa la stagione del Brit pop, i Suede siano quelli che hanno incarnato di più (per me) quel tipo di musica. Infatti secondo me sono anche quelli che hanno tratto maggiormente ispirazione dagli Smiths. Smiths che IMHO, sono stati una delle band più "influenzanti" degli ultimi 40 anni. :)
    Sì, lo so, sono noiosa, logorroica ed egocentrica.
    Ma sono della vergine, non è colpa mia.

    RispondiElimina
  14. per caso ti piacciono gli suede? :D

    che poi mi sono sempre chiesto: ma si dice gli suede o i suede?

    RispondiElimina
  15. Ehmgmm... Sì mi piacciono. Un po'. In merito alla domanda, è mooooooolto difficile. GLI gnocchi o I gnocchi? Io dico sempre la seconda, ma temo sia sbagliato :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in italiano in effetti è corretto gli gnocchi
      http://www.italki.com/question/170806

      quindi a questo punto potrebbe essere anche gli suede ;)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com