lunedì 1 settembre 2014

UNDER THE SKIN – ATTENTI ALLE FIGHE SPAZIALI





Under the Skin
(UK, USA, Svizzera 2013)
Regia: Jonathan Glazer
Sceneggiatura: Walter Campbell, Jonathan Glazer
Ispirato al romanzo: Sotto la pelle di Michel Faber
Cast: Scarlett Johansson, Jeremy McWilliams, Lynsey Taylor Mackay, Paul Brannigan, Dougie McConnell, Kevin McAlinden
Genere: spaziale
Se ti piace guarda anche: Beyond the Black Rainbow, Specie mortale

Se una figa spaziale, e con figa spaziale intendo proprio una figa giunta dallo spazio profondo, vi offre un passaggio, non illudetevi. Le cose per voi non potranno andare a finire bene. Proprio no.
La storia raccontata in Under the Skin fondamentalmente è questa. Scarlett Johansson è un’aliena che va in giro su un furgoncino per dei paesini sperduti della Scozia a rimorchiare dei tipi, apparentemente fortunelli. Ma quello che è il sogno di qualunque uomo sulla faccia della Terra, ben presto rischia di tramutarsi in un incubo.

La trama di questa pellicola è semplicissima e allo stesso tempo non si capisce un tubo. Under the Skin è un film criptico, visionario, un sogno/incubo a occhi aperti. Cinema puro. Una visione destinata a spaccare in due il pubblico, tra chi assisterà estasiato e chi griderà alla boiata pazzesca. A qualcuno spaccherà anche le palle, certo non a me. Pur non essendo magari un capolavoro assoluto, Under the Skin è un film che mi è rimasto sotto pelle. Perché?
Difficile spiegare il perché.
Anzi no. È semplicissimo: Scarlett Johansson in versione aliena nuda. Enough said. Serve altro?

In realtà c’è dell’altro. Non che fosse necessario, quando si ha già a disposizione una Scarlett Johansson aliena nuda, ma c’è. Se la bella attrice tira fuori tutte le sue doti migliori, sia fisiche che recitative, lo stesso fa il regista Jonathan Glazer che, dopo i suoi due lungometraggi Sexy Beast e Birth – Io sono Sean che ancora non ho visto, tira fuori tutto il suo enorme talento visivo. Quello già mostrato in alcuni strepitosi videoclip da lui diretti. Cito “Karmacoma” e “Live With Me” dei Massive Attack, “Street Spirit (Fade Out”) e il capolavorissimo “Karma Police” dei Radiohead, il pazzesco “Rabbit in Your Headlights” degli UNKLE feat. Thom Yorke, il kubrickiano “The Universal” dei Blur e lo spettacoloso “Virtual Insanity” dei Jamiroquai.



"Smettetela di ridere! Sono figa anche mentre scivolo su una buccia di banana."
Tutto questo immaginario visivo viene riposto da Glazer all’interno di una storia dai vaghi contorni sci-fi ispirata al romanzo Sotto la pelle dello scrittore olandese Michel Faber, costruita con una tensione palpabile quasi da thriller-horror, grazie anche al contributo sonoro di Mica Levi, la leader del gruppo indie-rock sperimentale Micachu & the Shapes che ha realizzato una delle migliori e più angoscianti soundtrack dai tempi di Twin Peaks.
Under the Skin avvolge a sé con un’atmosfera unica. Ci possono essere richiami a un’estetica da 2001: Odissea nello spazio nella scena iniziale, così come vaghi riferimenti al cinema visionario di David Cronenberg e David Lynch, non a caso uno dei tizi rimorchiati dalla Johansson è un tipo alla Elephant Man, eppure Jonathan Glazer attinge dallo stile dei suoi videoclip per realizzare un’opera estremamente originale e personale, lontana anni luce da qualunque altra pellicola a tematica aliena in circolazione. E questo nonostante una trama che, a prima vista, pare ricordare il trash scult movie anni novanta Specie mortale con Natasha Henstridge.

"In questo post Cannibal non ha messo manco una foto di me nuda? Sono shockata!
Potete però consolarvi con i selfie di Jennifer Lawrence nuda..."
La cosa più impressionante che emerge, oltre al compartimento visivo e sonoro di primissimo livello, e oltre naturalmente al corpo altrettanto di primissimo livello di Scarlett, è però un’altra: l’incredibile umanità di questo film. Per gran parte della sua durata, Under the Skin appare come un glaciale monolito, fino a che a un certo punto scatta qualcosa. Scarlett prende la mano dell’Elephant Man e prova una sensazione di freddezza. La stessa che si prova nei confronti della prima parte della pellicola. Da lì in poi però le cose cambiano. L’aliena comincia a sentirsi umana e allo stesso tempo il film apre il suo cuore. Cosa che non implica il trasformarsi in una romcom, tutt’altro, solo il lasciarsi andare alle emozioni. O almeno giusto un pochino, visto che la pellicola più che al cuore mira al cervello.
Più che un film sugli alieni, Under the Skin diventa allora una riflessione sulla solitudine umana, e non solo umana, e su come la nostra intera razza possa essere annientata in un battibaleno. Come?
Con il potere della figa.
Si possono cercare tante spiegazioni più o meno filosofiche per una pellicola enigmatica quanto affascinante come questa, però il suo messaggio fondamentale è semplice: sulla faccia della Terra non c’è niente di più forte del potere della figa.
(voto 8/10)

18 commenti:

  1. 8 è un voto esagerato, però siamo sulla stessa lunghezza d'onda. devo preoccuparmi? ;)

    RispondiElimina
  2. Dovrei riuscire a vederlo in settimana, però chiariscimi una cosa: non si capisce una mazza a livello horror asiatico (ovvero con un po' di sforzo mentale ci si può arrivare) o non ci si capisce una mazza a livello Il pasto nudo di Cronenberg (ogni tentativo è inutile, dannoso e provoca solo emicrania e frustrazione)? Nel secondo caso preparo già la corda per impiccarmi!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. siamo ai livelli di cronenberg che fa un film con lynch e terry gilliam :)

      Elimina
  3. Scarlett mora aliena mi incuriosisce moltissimo, più del film in sé! Il genere spaziale non mi fa impazzire, ma lei va vista in ogni forma, versione e dimensione spazio-temporale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tranquilla che con gli altri film "spaziali" questo ha poco o nulla a che vedere. per fortuna.

      Elimina
  4. certo che potevi evitare di vomitare tutte queste bullshits su Under the Skin... bastava solo che esaltassi quel gran pezzo di figa della Scarlett che recita in un film aberrante, altro che visionario...
    piuttosto hai visto la Lawrence nuda?!?! passa dalle mie parti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. certo che l'ho vista.
      non le leggi le didascalie alle foto? ;)

      Elimina
  5. Mi lascerei mangiare vivo, io, da Scarlett Comesiscrive!!!!!
    Quel che rovina il film è l'ambientazione.
    Alcuni amano le foreste scozzesi. Io le considero uno dei luoghi più deprimenti che il diavolo abbia mai creato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'effetto deprimente credo sia voluto per contrastare la gnoccaggine di scarlett comesiscrive, quindi l'ambientazione in tal senso è perfetta.

      Elimina
  6. A parte che la Lawrence se la mangia a colazione, a Scarlett, per il resto ho come l'impressione che finirò per bottigliare questo tuo presunto filmone. ;)

    RispondiElimina
  7. Great blog!


    http://kissthestarsblog.blogspot.ro/

    RispondiElimina
  8. Lo dico o non lo dico?
    Lo dico.
    Minchiata colossale. Si salva solo per le zinne della Johansson.

    RispondiElimina
  9. Secondo me la Scarlett è tremila volte+ bona in Captain America:winter soldier,sti capelli scuri su di lei non mi piacciono per niente(commento in coro dei maschietti:ECCHILIGUARDAICAPELLI?Beh il mio compagno sì,per esempio).Cmq sto film per me era una palla insopportabile,infatti abbiamo cominciato a saltare pezzi dopo neanche metà perche avevamo la bava alla bocca(e non per Scarlett).A dire la verita avevamo le balle rotte già ai titoli di testa,ma noi odiamo Kubrick e le atmosfere alla 2001 ;) Pure l'ambientazione bigia non aiutava XD

    RispondiElimina

  10. Io sono d'accordo con te, caro Cannibal, non un capolavoro ma un film da vedere, ascoltare e vivere. Visto in sala ieri e qualcuno se n'è andato prima della fine...Un buon segno.
    PS su gli spietati (che ho votato come miglior sito di cinema grazie alla tua segnalazione ;-P) si prende addirittura dei 10...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se hai davvero votato per loro anziché per pensieri cannibali, sei proprio spietato ahahah ;)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com