domenica 12 aprile 2015

ANOTHER ME, UNA SOLA SANSA NON ERA ABBASTANZA?





Another Me
(UK, Spagna 2013)
Regia: Isabel Coixet
Sceneggiatura: Isabel Coixet
Tratto dal romanzo: Another Me di Cathy MacPhail
Cast: Sophie Turner, Rhys Ifans, Claire Forlani, Jonathan Rhys Meyers, Gregg Sulkin, Geraldine Chaplin, Ivana Baquero, Leonor Watling, Charlotte Vega
Genere: sdoppiato
Se ti piace guarda anche: The Double, Enemy, Il cigno nero

Game of Thrones è una serie piena di ottimi personaggi. Soprattutto i primi tempi, poi quel gran bastardo dell'autore George R. R. Martin si è divertito a fare fuori molti dei migliori uno dopo l'altro. Un po' come in The Walking Dead. Appena un personaggio diventa promettente, ecco che su di lui cala La morte nera.
Il trono di spade - Game of Thrones, che ritorna su HBO con la quinta stagione questa sera, è una serie piena di ottimi personaggi, dicevo. Tra questi NON rientra Sansa. La lagnosissima Sansa Stark. Sansa di lei la serie probabilmente sarebbe meglio, ma purtroppo ce la dobbiamo tenere. Se come personaggio l'ho sempre trovata insopportabile, anche l'attrice che la interpreta, Sophie Turner, non mi ha mai convinto del tutto. Sono anzi convinto che abbassi il livello di recitazione rispetto a ottimi attori come Emilia Clarke e Peter Dinklage di diverse spanne, anche se mai quante Kit Harington, il pessimo Jon Snow che non sa niente.
Sophie Turner però è giovane, quello in Game of Thrones è il suo primissimo ruolo, e nel video di “Oblivion” dei Bastille non se la cava poi nient'affatto male.



Ero quindi piuttosto curioso di vederla alla prova in una pellicola tutta “sua”, da protagonista assoluta. L'occasione è arrivata con il thriller Another Me. A me lei non è mai piaciuta molto nemmeno fisicamente, però quando ho visto la locandina della pellicola ho esclamato: “Maremma, la maiala!” (battuta degna di un film di Paolo Ruffini, lo so, lo so).


Locandina a parte, Another Me non fa esclamare per alcun altro motivo. Al massimo fa sbadigliare. Si tratta di un thrillerino davvero anonimo, interpretato sansa convinzione da Sophie Turner e parecchio derivativo. Sembra di assistere a una copia brutta, ma brutta brutta brutta, de Il cigno nero. Pure qui viene affrontato il tema del doppio, solo in maniera molto meno efficace rispetto al film di Darren Aronofsky ai tempi in cui firmava grandi pellicole e non stava a prendere la pioggia insieme a quel menagramo di Noè. Così come perde anche il confronto con The Double ed Enemy, altre due pellicole recenti incentrate sullo stesso identico argomento.


Sorprende trovare alla regia di questa insipida co-produzione anglo-spagnola Isabel Coixet, regista iberica di cui ammetto di non aver mai visto alcun film, ma di cui avevo sentito parlare bene a proposito di La mia vita senza me e La vita segreta delle parole. Una doppietta di film con protagonista Sarah Polley che dovrebbe – non avendole viste il condizionale è d'obbligo – avere in comune con questo nuovo Another Me il tema a lei caro della scomparsa, della sparizione. Al di là della presenza di questo argomento, affrontato in maniera parecchio superficiale, è davvero difficile scorgere dei segni autoriali all'interno di un filmetto come Another Me che pare buono, al massimo, per una prima serata a bassa tensione di Rai 2, o per una visione in seconda serata tra il sonno e la veglia di Italia 1.

"Certo che so' proprio figa in 'sto film!"

Per quanto io sia appassionato della tematica del doppio, sebbene ormai stia diventando troppo abusata e stia cominciando a stufarmi, e per quanto io di solito in questo genere di thriller adolescenziali ci sguazzi alla grande, Another Me è un film che non regala soddisfazioni, manco dalla colonna sonora o da un personaggio secondario. Niente di niente. La storiella romantica tra la Turner e il belloccio Gregg Sulkin, il tipo che si fa Karma e pure l'amica nella lesbo teen serie Faking It, è inserita così, a casaccio, giusto per proporre due limoni tra i protagonisti.


I personaggi dei genitori sono poi del tutto penosi. Il padre è un derelitto vivente che spia la gente dalla finestra, in pratica una versione scema del protagonista de La finestra sul cortile di Hitchcock. La madre è invece la più grande idiota nella storia dell'umanità: tradisce il marito moribondo con Jonathan Rhys Meyers, e fin lì niente da dire, ma decide di farlo dove?
In macchina sotto casa. Con tutti i posti del mondo, proprio lì.

Va beh gente, dai. Sbaracchiamo tutto. Passi la sospensione dell'incredulità, però a una cosa così non si può davvero credere. Andare in un motel no, eh? E Jonathan Rhys Meyers una casa non ce l'ha? Devono per forza trombare in auto come due adolescenti sotto lo sguardo di quel guardone di marito e di quella guardona della figlia?
Sono disposto a credere che Sophie Turner abbia ATTENZIONE SPOILER! una gemella fantasma stalker FINE SPOILER ma questo no, è davvero troppo.

Another Me è un film che fa acqua da tutte le parti, per non parlare di un finale che fa cascare le braccia e pure la palle. Non si può nemmeno addossare troppo la colpa a Sophie Turner la quale, lungi dall'essere anche solo lontanamente convincente, non è nemmeno tra le cose peggiori del film e anzi almeno a livello fisico convince parecchio. Anche tutto il resto del cast recita male, pure Claire Forlani che negli anni '90 sembrava una promessa (mai mantenuta) del cinema, e perfino Jonathan Rhys Meyers, un tipo che io proprio non capisco. Fossi in lui la smetterei di girare filmacci come Shadowhunters, Shelter - Identità paranormali e questo, o seriacce come Dracula, e di professione starei a fare soltanto il figo 24 ore su 24.

"Come siamo caduti così in basso, come?"

Interpreti svogliati a parte, il difetto principale di Another Me è una sceneggiatura scritta coi piedi. Tanto che ti chiedi: ma sarà più colpa della regista e autrice dell'adattamento Isabel Coixet o dell'autrice del romanzo omonimo da cui è tratto, tale Cathy MacPhail, che non ho letto ma che mi immagino come un Harmony young adult dalle vaghe tinte mystery?
Questa domanda è destinata a rimanere sansa risposta. E lo so, lo so, anche le battute e i giochi di parole di questo post sono stati scritti coi piedi.
(voto 4/10)

15 commenti:

  1. Non lo avrei visto mai pagando al cinema, anche senza leggerti.. ma ora neanche "in seconda serata tra il sonno e la veglia di Italia 1".. ;)

    RispondiElimina
  2. Non sapevo neppure che fosse uscito.
    E continuerò a fare finta che sia così, nonostante il tuo voto sia un bell'incentivo a recuperarlo! ;)

    RispondiElimina
  3. Incredibile ma vero, ma presto vedremo quell'appendi abiti di Sansa ovunque, il tuo commento la dice lunga sul film ;-)

    RispondiElimina
  4. Peccato, la tematica sembrerebbe interessante.
    Sansa inizialmente non la sopportavo nemmeno io, però ha avuto una bella evoluzione nel corso della serie che me l'ha fatta rivalutare.
    Anche l'attrice ha offerto una prestazione niente male nella 4 stagione, inoltre è diventata anche una bella ragazza quindi promossa. :D

    RispondiElimina
  5. Due gran palle. L'anno scorso ci sono andati giù pesante coi film sul doppleganger.

    RispondiElimina
  6. Lei è bellissima, ma non abbastanza da farmi recuperare il film :)

    RispondiElimina
  7. #TeamSansa
    Pronta a scatenare guerre contro i detrattori, avrò imparato qualcosa da quel genio del male di Ditocorto?
    Vabbè, nel caso piango.

    RispondiElimina
  8. Sansa già me la devo subire in Game of thrones,che MAMMAMIARICOMINCIASTASERACIOE'DOMANICOLTORRENTETENETEMICHENONMITENGO , sicuramente non mi disturberò a guardare un altro film con lei che recita woff woff come in GoT,e senza manco la storia fantasy che mi intrippa.E pure a me ste storie sui doppi stanno sfracicando i cosiddetti!!!!Comunque anche se la odio devo ammettere che sta diventando una bella topa(i love redheads <3 ),quindi capisco perchè i maschietti si confondano e pensano che sia capace di lontanamente recitare XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di Game of Thrones sono arrivati in rete già i primi 4 episodi della nuova stagione, alla faccia della HBO...
      Buona visione! ;)

      Elimina
    2. è da ieri che provo a scaricarli in tutte le maniere,ma la qualità non è eccellente.Per il sacro Game of Thrones preferisco aspettare di averli in megaaccadìrobacheilkingslayerescedallativvù piuttosto che scaricarli compressi e guardarmeli alla cazzo.
      Non ti dico che fibrillazione quando ho letto la notizia,però XD

      Elimina
  9. ray ban sunglasses, http://www.raybansunglass.us.com/
    cheap jordans, http://www.cheapjordanshoes.in.net/
    montblanc pens, http://www.montblanc-pens.com.co/
    jordan shoes, http://www.jordanshoes.us.com/
    true religion outlet, http://www.truereligionoutletstore.us.com/
    ugg boots, http://www.uggboot.com.co/
    michael kors handbags, http://www.michaelkorshandbag.co.uk/
    michael kors outlet store, http://www.michaelkorsoutlet-store.us.com/
    abercrombie and fitch, http://www.abercrombie-fitch.us.com/
    coach outlet store, http://www.coach-outlet-store.us.com/
    michael kors outlet, http://www.michaelkorsusa.us/
    swarovski crystal, http://www.swarovskicrystals.co.uk/
    oakley sunglasses, http://www.oakley.in.net/
    prada outlet, http://www.pradaoutlet.us/
    air max 2015, http://www.airmax2015.in.net/
    michael kors outlet, http://www.michaelkorsoutletonlinestores.us.com/
    ghd hair straighteners, http://www.ghdhairstraightenerssale.co.uk/
    michael kors handbags, http://www.michaelkorshandbags.in.net/
    juicy couture outlet, http://www.juicycoutureoutlet.net/
    tiffany and co jewelry, http://www.tiffanyandco.in.net/
    nike air max shoes, http://www.nikeairmaxshoess.co.uk/
    coach outlet online, http://www.coachoutletonline.in.net/
    michael kors outlet, http://www.michaelkorsoutletusa.net/
    prada shoes, http://www.pradashoes.us/
    louis vuitton handbags, http://www.louisvuittonhandbags.org.uk/
    2015921caihuali

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com