martedì 14 novembre 2017

Gifted – Il dono di dare i numeri





Gifted – Il dono del talento
Regia: Marc Webb
Cast: Chris Evans, Mckenna Grace, Jenny Slate, Lindsay Duncan, Octavia Spencer, Elizabeth Marvel


Oggi diamo i numeri!
Come???
Vi chiedete dove sta la novità rispetto al solito?
Sta nel fatto che oggi diamo letteralmente i numeri. E i più scaramantici tra voi possono anche giocarseli al Lotto e, in caso di vincita, devolvere una parte, diciamo un 5% (giusto per iniziare a dare i numeri), in beneficenza a Pensieri Cannibali.


Quanto fa 7 + 8?
Andiamo, lo sanno tutti... o forse no?
Conosco diverse persone che, per quanto intelligenti e acculturate e magari anche laureate con 110 e lode, non sanno fare i calcoli più elementari. Roba che alla cassa al supermercato volendo le possono fregare alla grande e manco se ne accorgono.
Chi sa fare i calcoli, eccome se li sa fare, è invece la bimbetta protagonista della pellicola Gifted - Il dono del talento, la figlia di una geniale matematica suicida che vive insieme allo zio, e sempre siano lodati gli zii! Proprio come la madre, ha una capacità unica nel risolvere calcoli, equazioni e formule che metterebbero in crisi persino Einstein. In pratica è come Will Hunting – Genio ribelle, solo senza la parte ribelle, e quindi è tutto un po' più noioso e più all'interno dei binari del solito educativo “family movie” e il dramma principale della storia è legato al fatto che la nonna cerca di strappare allo zio la custodia della baby genietta.
Comunque, se ancora ve lo state chiedendo e non c'avete voglia di mettere mano alla calcolatrice, 7 + 8 fa 15.
Aspettate che controllo con la calcolatrice...
Sì, 15. Sicuro. E adesso altri numeri.



500, o meglio (500) giorni insieme, il film cult con cui ha esordito il regista di Gifted, Marc Webb.



2 i film supereroistici diretti da Marc Webb: The Amazing Spider-Man e The Amazing Spider-Man 2 – Il potere di Electro, entrambi ben poco amazing e che di incredibile avevano più che altro il super potere di avere titoli fuorvianti e gli occhioni di Emma Stone.



10 se non ho contato male i cinecomics/film supereroistici girati finora da Chris Evans, l'attore più fissato con i cinecomics oggi in circolazione e, credo, di tutti i tempi. Ha fatto I fantastici 4 e I fantastici 4 e Silver Surfer, più tre film “solisti” nei panni di Captain America, Avengers 1 e 2, un cameo in Spider-Man: Homecoming, e non vanno dimenticati Push, film su un gruppo di persone dotate di poteri di telecinesi e chiaroveggenza, e il cinefumetto sui generis Scott Pilgrim vs. the World. E in arrivo ha (almeno) un altro paio di pellicole degli Avengers, che lo porteranno presto a quota 12.



11 gli anni della giovanissima attrice rivelazione del film, la piccola protagonista femminile Mckenna Grace, che potrebbe essere la nuova Kiernan Shipka, la baby star di Mad Men che ormai, alla veneranda età di 17 anni, ha già bisogno di un'erede.
Nonostante la giovane età, Mckenna Grace vanta già un curriculum vitae da far invidia a quello di molti adulti, attori ma non solo. Anche il mio, ad esempio. La bimboattrice è già comparsa in Independence Day – Rigenerazione (e va beh, di questo magari non può vantarsene), Amityville – Il risveglio, la serie Designated Survivor, Once Upon a Time – C'era una volta dove ha avuto la parte di Emma Swan/Jennifer Morrison da bambina e il nuovo film I, Tonya in cui ha il ruolo di Tonya Harding/Margot Robbie da piccola. Questo soltanto per dire una piccola parte delle cose ha già girato. Qualcuno ha per caso parlato di sfruttamento del lavoro minorile da parte dei suoi veri genitori? Non sarebbe meglio a questo punto affidare pure lei a uno zio?



1 l'occhio solo che ha il povero ma simpatico gatto che tiene compagnia alla protagonista.



100%, anzi facciamo 95% la percentuale di spreco nei confronti del premio Oscar Octavia Spencer e della indie princess Jenny Slate, confinate in due parti troppo minuscole e che avrebbero meritato uno spazio maggiore. Altrimenti le avrebbero potute dare a due attrici di minor talento.



40 i milioni di $ incassati nel mondo dal film finora, di cui $ 24 milioni in patria e, a fronte del budget di appena $ 7 milioni che è costato, si può considerare se non un successo clamoroso, se non altro un investimento riuscito.

"Hey, ma allora il product placement non lo fanno solo nelle fiction di Canale 5..."


6+ il voto che Pensieri Cannibali assegna a Gifted, perché si lascia guardare con piacere e a tratti è davvero cariiino, però non riesce a distinguersi troppo da altre pellicole simili e non è così dotato di talento come il solito ingannevole titolo dei lavori di Marc Webb lascerebbe presupporre. Inoltre il rischio buonismo della vicenda a tratti è scongiurato e a tratti no, tra un finale telefonato e una colonna sonora in cui spiccano (in negativo) delle banali ballate acustiche che vorrebbero far venire giù le lacrime e invece fanno andare giù solo le mutande, e ciò è un gran peccato soprattutto considerando lo splendore che era invece la soundtrack di (500) giorni insieme.



5 il voto che Pensieri Cannibali assegna a Marc Webb, un tempo (ovvero 8 anni fa) uno dei registi più promettenti in circolazione a Hollywood e oggi un mestierante anonimo incapace di dare ai suoi film successivi a (500) giorni insieme il benché minimo tocco di personalità. Che peccato 3mendo!



5 commenti:

  1. Non posso farcela ad affrontare ancora Marc Webb, di recente mi sono rivisto i suoi (non tanto) Amazing Spider-Man e giuro che non lo farò MAI più. Con lui ho chiuso, mi farà bastare questo tuo ottimo post! ;-) Cheers

    RispondiElimina
  2. Visto più di qualche mese fa. Carino, dolce, tutti bravi, ma.
    Solita storia, raccontata nel solito modo.
    Ci volevi tu tra gli sceneggiatori, dimostra il post. ;)

    RispondiElimina
  3. I miei dubbi persistono anche dopo tutti questi numeri. Nun so, sarà anche meno buonista del previsto -soprattutto se ha superato il tuo giudizio- ma sembra esserci di meglio da vedere. Marc Webb, torna in te!

    RispondiElimina
  4. io avrei anche voluto vederlo, ma è rimasto nelle sale da natale a san stefano, corpo di mille balene

    RispondiElimina
  5. L'ho trovato molto noioso.... Forse anche più vecchio di quel che è!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com