martedì 22 gennaio 2019

Grazie Roma





Aò, bella regà. Che me dite?
Io mò ve racconto de quello che è successo lo scorso 22 dicembre. Nun 'n giorno qualunque. Er giorno de a partita Juventus – Roma.
A poche ore dar matche io stavo tutto agitato, vè, quand'ecco che m'arriva 'na telefonata 'naspettata. Me sta a chiamà la pischelletta che me piasce. Nun me caga mai de striscio manco pé sbàjo e me caga proprio er giorno in cui sto tutto teso pé a partita? A li mortacci sua!
Io comunque le rispondo tutto gentile: “Bella lì, che me racconti?”
Ciaaao! Niente, cioè, che ti va di venire a casa mia a vedere Roma?
Subito subito senza manco pensarci le ho risposto: “Minchia sì!”
E lei me fa: “Come, scusa?
Io me schiarisco la voce e le faccio: “Miii... piacerebbe moltissimo.”

Così niente, ce mettiamo d'accordo e io a sera sono lì sotto a citofonarle. Salgo da lei. È a prima volta che vado a casa sua. Anvedi che bell'appartamentino ai Parioli! Io in genere nun frequento molto la zona. Sò più 'n pischello de bassifondi. Che c'avete presente er quartiere de Bastogi che se vede in Come un gatto in tangenziale? Ecco, mò io abito 'na zona del genere. Casa sua invece tutta fighetta. C'ha er divano fighetto. Pure er computer ce l'ha fighetto, quello co' a mela. Me fa: “Ce lo vediamo su Netflix”.
Io le chiedo: “Ma che adesso gli incontri de calcio li stanno a fà vedè pure su Netflixe? Che è, vogliono fà le scarpe a DAZN?”.
Lei me interrompe e me fa: “Scusami, che c'entra il calcio?
“Juve – Roma. 'A partita. Stasera. Presente?”
Mi sa che c'è stato un misunderstanding”.
“Chi è che c'è stato? Che è, hai invitato n'antro?”
Intendevo dire che credo ci sia stato un piccolo fraintendimento. Io t'ho invitato a vedere Roma, il pluripremiato film di Alfonso Cuarón. Lo danno in streaming su Netflix. Non Juve – Roma.
Io lì per lì ho pensato: “Roma, er pluritelegattato filme de Astronzo Culón? Ma de che sta a parlà? Che s'è fumata, questa?”, poi me sò reso conto che tra noi c'era stato effettivamente 'n piccolo fraintendimento, o misunderstanding come le piace stà a dì a lei, e così pé rimedià le ho fatto: “Ma lo so. Te stavo a cojonà! Che ce sei cascata? Ma che me frega a me de a partita? È da quanno so' 'n pischelletto piccolo così che er calcio nun lo sto più a seguì. È tutto 'n magna magna, lo sanno tutti, daje.”

Lei me sembra che se la sia bevuta. O almeno me sembra che ha fatto finta de bersela. E a proposito de bere, m'ha versato 'n bicchiere, anzi 'n calice de vino che le han regalato i suoi da nun ho capito bene quale prestigiosa azienda vinicola de mii cojoni. A me comunque annava bene anche 'na birretta fresca presa ar Carrefourre. Nun pe' dì. Poi lei fa' partì er filme su Netflixe. Roma se chiama. In testa già me sto a girà un filme tutto mio. Aò, finalmente l'han fatto, penso. Han realizzato 'n filme su a Maggica. A Maggica Roma. Daje Astronzo Culón, faccè sognà!

Chissà su cosa si starà a concentrà? Sur Pupone? De sicuro deve parlà de er Pupone. E poi magari der Principe Giannini.
Sui titoli de testa così io chiedo alla pischella: “Ma che Giannini ce sta?”.
Giancarlo Giannini? No, non mi risulta sia nel cast.
Io penso: “Ma chi è 'sto fetentone de Giancarlo Giannini? Io stavo a parlà der mitico Giuseppe Giannini, naturalmente” però ho preferito nun dirglielo, ché me sembrava già tutta assorta a vedè er filme. Filme che è tutto in bianco e nero, manco l'avessero girato quei gobbi bastardi. Dopo qualche minuto me rendo conto che no, questo nun è 'n filme su a Maggica. Nun ce stà er Pupone e nun ce stà manco er Principe Giannini. E a dirla tutta nun è manco girato a Roma, 'tacci loro!


Pé rompé er silenzio, visto che ner filme nun è che parlino molto e, a parte 'ste domestiche che stanno a spiccià li lavori de casa e stanno ad accudì li pupi come Mary Poppinse senza manco 'n poco de zucchero pè mannà giù a pillola, nun è che succeda molto, alla pischelletta dico: “Tra 'n poco arméno er Colosseo lo fanno vedé, vè?”
Lei me fa: “AHAHAH, che simpatico che sei! Come sicuramente già saprai, il film è intitolato Roma perché è ambientato nel quartiere residenziale di Città del Messico chiamato appunto Colonia Roma.
“Certo, certo che lo sapevo,” le faccio io. “Te stavo de nuovo a cojonà.”

Poi de nuovo cala er silenzio tra de noi, nel filme nun sta a capità 'n cazzo e fortuna che ho attivato le notifiche de a partita sul cellulà, che se no tra 'n po' me stavo ad addormentà, oppure ad ammazzà. Li mortacci tua, Culón! Nun potevi girà, se nun 'n filme su a Maggica Roma, per lo meno 'na roba Tex-Mex ganza stile Robert Rodriguez, porcoddue?


Passano li minuti e da o Juventus Stadium nun sta ad arrivà arcuna notizia. Comincia a sorgermi er tremendo dubbio. Nun è che me so' dimenticato de attivà le notifiche? Li mortacci mia, sì!
Senza stare a farmi notà da a pischella, me metto a ravanà su o smart phonne, vado su Googole, cerco er risultato e vedo: “Juventus – Roma 1 – 0, gol di Mario Mandžukić, partita terminata”.


Nun riesco a trattenè 'n gridolino de dolore: “Nooo!” faccio. E vedo a pischella ar mi fianco pure lei co' li occhi lucidi che sta a guardà la scena ner filme in cui la sfigatissima protagonista ha appena perso er pupo. Poi se gira verso de me e me fa: “Oooh, pure tu ti sei commosso? Che tenero. Non pensavo fossi un tipo così sensibile”, se avvicina e me bacia. Co' a lingua.

Bilancio della serata. 'A partita nun l'ho vista e avemo pure perso, er filme s'è rivelato 'na rottura de cojoni minimo der decimo livello, ma almeno 'na cosa l'ho portata a casa: 'n bacio de a pischella che me piasce. Grazie Roma!

Roma
Regia: Alfonso Cuarón
Cast: Yalitza Aparicio, Marina de Tavira, Daniela Demesa, Latin Lover, Nancy García García, Jorge Antonio Guerrero
(voto 5/10)


5 commenti:

  1. Data la stroncatura ingiustificata, secondo me sei segretamente laziale!

    RispondiElimina
  2. nooooo perché 5? Questo film è bellissimo ^_^

    RispondiElimina
  3. Ancora non mi capacito di questo poco amore per Roma. Che sia perchè davvero c'è un burino dentro di te?
    Post degno di un cinepanettone... che è un complimento anche se non sembra ;)

    RispondiElimina
  4. c'è stato un minestronding, mi sembra evidente
    era meglio un fettuccinding col vino de li castelling!

    RispondiElimina
  5. Il post ha qualcosa di geniale, un pò come il film.
    Peccato tu non l'abbia capito. Ahahahahah!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com