giovedì 26 gennaio 2012

Catfish, o meglio dire mo so' cazfish?

Catfish
(USA 2010)
Regia: Henry Joost, Ariel Schulman
Cast: Yaniv Schulman, Henry Joost, Ariel Schulman, Angela Wesselman-Pierce, Melody C. Roscher
Genere: documentario 2.0
Se ti piace guarda anche: il mondo reale, considerando come dopo aver visto questo film ti staccherai da Facebook, Twitter e pure da Badoo!

Cos’è Catfish?
Catfish è un documentario. O forse un mockumentary, nel senso che la storia che racconta potrebbe essere vera oppure una gran montatura.
E proprio qua sta il nocciolo della faccenda.
Cosa è reale? Cosa non lo è?

Catfish non parla di pesce gatti come il titolo lascia supporre. Anche se in fondo un po’ sì, come scoprirete verso la fine.
Catfish si pone le maggiori domande esistenziali, solo che non le pone in un senso religioso. Qui non si parla infatti di stabilire o meno l’esistenza di Dio, bensì l’esistenza delle persone. Persone con cui abbiamo contatti tutti i giorni attraverso la rete come voi utenti di questo blog e io, fondatore e padrone supremo di questo blog cannibale.
Catfish parte raccontando la storia di un certo Yaniv, un ragazzo che entra in contatto con una ragazzina sulla rete.
Se state pensando a una qualche deriva pedofila, è normale: è la stessa cosa che ho immaginato pure io. Però la storia si evolve in altre direzioni, dalla commedia romantica, al dramma, ad altre cose che preferisco non anticiparvi perché ci sono diverse sorprese e svolte inaspettate.
Aspetta, ‘spetta n’attimo… Stiamo parlando di un documentario o di un thriller?
In teoria è un documentario, girato in maniera molto moderna e 2.0. Questo anzi è “il primo documentario sulla vita 2.0”, così come lo ha definito Chicken Broccoli sul suo blog. E chi poteva consigliarmi un film del genere che parla di persone conosciute in rete, se non una persona conosciuta in rete? Che poi Chicken Broccoli, esisterà veramente? E Cannibal Kid, esisterà veramente?
Catfish è tutto questo e anche molto di più. E forse è tutto vero oppure è tutto falso, come nel “documentario” di Banksy Exit Through the Gift Shop. Geniale quanto questo. Anzi, questo mi sa che è ancora più geniale.

Se fossimo in un paese normale, un film come Catfish dovrebbe essere proiettato in tv in prima serata e fatto seguire da un dibattito, invece di robe mal girate e già ampiamente discusse come Silvio Forever. Peccato che invece nel paese reale in cui viviamo, possiamo già ritenerci fortunati che La7 proponga qualcosa del genere. Il resto è tutto un Matrix e un Porta a Porta a Porta a Porta a Porta a Porta a Porta a Porta a Porta a Porta a Porta a Porta
sorry
disco incantato
mi sono brunovespizzato

E invece niente. Invece questo film non lo passano in tv e allora dove lo potete trovare? E dove se non su Internet? Purtroppo non sono nemmeno stati realizzati dei sottotitoli italiani e quindi vi dovete accontentare della versione con sottotitoli in inglese. Se però ve la cavicchiate abbastanza con l’English, seguirlo non è nemmeno troppo complesso e la visione, fidatevi di una persona conosciuta in rete, è assolutamente stra-consigliata. Fondamentale direi.

E se Cannibal Kid in realtà non fosse una persona, bensì un pesce gatto?
Catfish è un film che riguarda tutti noi. Dico noi perché se in questo momento vi trovate su questo sito bene o male un po’ di vita (anti?)social 2.0 la fate, che abbiate un profilo Facebook, cinguettiate su Twitter, facciate porno chat su Skype o frequentiate siti di appuntamenti o che diavolo ne so io ma chemmefrega ma chemmemporta saranno pure affari vostri. In ogni caso, se vi interessate di social network, non lasciatevelo sfuggire.
Se invece di Internet e menate varie ve ne sbattete, cercatelo lo stesso. Perché la storia che racconta lascerà con qualche domanda in testa anche a voi e, soprattutto, vi sorprenderà non poco.
Catfish. Guardatevelo. Ve lo consiglia uno che si fa chiamare Cannibal Kid e che forse non conoscerete mai. Forse non è nemmeno una persona reale ma solo un generatore automatico di frasi idiote creato da un qualche Bill Gates cervellone nerd di turno. Ma anche se così fosse, o anzi ancor di più se così fosse: guardate questo film. È un documentario illuminante sulla vita al giorno d’oggi.
Forse anche una riflessione sui massimi sistemi. E non parlo di sistemi operativi.
Catfish. E la vostra vita non sarà più la stessa. Non quella in rete, almeno.
(voto 7,5/10)

13 commenti:

  1. Pare interessante.
    Non per nulla è una proposta che arriva da Chicken: ahahahahaahahahahahahah!

    RispondiElimina
  2. Dai, su rai3 fanno anche del cinema decente in prima serata...il problema è che non lo pubblicizzano abbastanza

    RispondiElimina
  3. noooo non puoi toccarmi Badoo e le porno chat su Skype XD

    comunque interessante si...un filo inquietante...

    RispondiElimina
  4. mi hanno detto che si qui si metteva in dubbio la mia identià. Ebbene è vero. Lo ammetto. In realtà dietro il mio pseudonimo vegetale si nasconde una persona in carne e ossa. In realtà C&B sono io: http://www.facebook.com/pierce.angela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah, lo sapevo!
      ma col cavolo, anzi col broccolo che la/ti aggiungo :D

      Elimina
  5. Non mi ha stupito troppo e ho sentito fin dall'inizio la puzza di operazione commerciale piuttosto che la fragranza di cinema.
    Ad ogni modo contiene al suo interno una piccola verità, ossia che non è tanto grave che una donna con problemi seri come quella qui rappresentata si crei un'identità falsa, ma che un ragazzo di New York (!) con l'iPod, il Mac e i Ray-Ban si "innamori" - e magari senza virgolette - di tale identità. Questo è stato per me il risvolto più tetro.

    RispondiElimina
  6. sottotitoli introvabili...o no?qualcuno può aiutare povero ragazzo privato dell'uso dell'inglese?!grazie!
    massimiliano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. come ho scritto nel post, purtroppo i sottotitoli italiani non li hanno (ancora) fatti. :(
      in circolazione al momento ci sono solo quelli inglesi...

      Elimina
  7. finito di vedere ora, waaa che flash

    RispondiElimina
  8. Visto dopo l'ormai noto e omonimo programma TV su MTV. Quindi nulla di così nuovo... c'è di peggio (guardando la serie).
    Lascia il segno però senza ombra di dubbio, soprattutto a chi di rete/internet/social/blog quasi ci vive. Forse però è il nostro destino. La rete ci da tanto... e questi sono i rischi a cui andiamo incontro.

    RispondiElimina
  9. Sono una fan della serie ma, non so perchè, non sono mai riuscita a trovare il film da nessuna parte.. qualcuno potrebbe dirmi dove posso vederlo? senza sottotitoli mi va bene, grazie :)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com