giovedì 12 gennaio 2012

I PEGGIO FILM 2011


Gli Oscar Cannibali hanno decretato il meglio passato sugli schermi di questo blog nel corso del 2011, ma tutti i cattivoni che pensavano di essere stati semplicemente e bellamente ignorati, adesso devono fare i conti con le loro malefatte.
Questi sono infatti i contro-Oscar cannibali, sì una sorta di scopiazzatura dei Razzie Awards, per decretare il peggio dell’annata. Alcuni film sono davvero tremendi, altri sono noiosi ma proprio noiosissimi (cosa che da queste parti è vista come una colpa ancora peggiore dell’essere semplicemente brutti), altri sono odiosi, sopravvalutati, irritanti.
Vediamo quindi la Top 10 dei peggio (per varie ragioni) film cannibali 2011.

"Finchè la barca va, lasciala andare...
Con un repertorio del genere, come abbiam fatto a non piacere a Cannibal?"
10. Il discorso del re
A me la storiella dell'uomo più privilegiato d'Inghilterra la cui unica preoccupazione è quello di fare un discorso in radio di 30 secondi mentre là fuori sta solo scoppiando la Seconda Guerra Mondiale mi sembra rappresenti un comportamento un filino egoista e quindi io, altrettanto egoisticamente, non ho provato la minima pietà o empatia nei suoi confronti.
A parte il piccolo dettaglio di raccontare una delle storie più ridicole della Storia, Il discorso del re è un film modesto e parecchio noioso, talmente mediocre che non rientrerebbe nemmeno nella classifica dei peggiori. Non fosse per una ragione: ‘sta robetta ha battuto super filmoni come Il cigno nero, The Social Network, Un gelido inverno e Inception agli scorsi Oscar. Uno scandalo peggiore persino di Gandhi che batte E.T. e Forrest Gump che ha la meglio su Pulp Fiction.
Non sarà colpa del film in sé, bensì delle decisioni dell’Academy Awards, ma ciò non toglie che Il discorso del re è per me il film più odioso del 2011.
Leggi la mia RECENSIONE

"Ma che minkia c'abbiamo da festeggiare?"
9. Qualunquemente
Un film comico dovrebbe far ridere, si suppone.
Ecco, Qualunquemente non fa ridere. Mai. In qualunque(mente) momento della sua durata.
La parte di pseudo-critica politica naufraga poi miseramente dietro una sceneggiatura inesistente ed è stata ampiamente superata da un’attualità molto più tragicamente comica di quella rappresentata dal pur valido (almeno un tempo) Antonio Albanese.
Leggi la mia RECENSIONE

"Tieni lontano quel coso dalla mia vagina!
Con quel coso intendo Mel Gibson!"


8. Mr. Beaver
Premio di più imbarazzante dell’anno: Mel Gibson con un castoro pupazzo attaccato al braccio. Non c'è storia, vince su tutta la linea!
Se fosse stato interpretato da un Robin Williams, il film della Jodie Foster sarebbe risultato magari non dico bello, ma se non altro accettabile.
Ma con Mel Gibson davvero NO!
Leggi la mia RECENSIONE

"Certo che tra l'ultima pessima stagione di Dexter e
'sta roba ho avuto davvero un bell'annetto di merda!"



7. Skyline
In un anno ottimo per la fantascienza, con un sacco di film che hanno saputo riadattare il genere con una componente più umanistica o partendo dalla sci-fi per riflessioni più vaste, come Melancholia o Another Earth, Skyline rappresenta invece una fantascienza vecchia, stanca, senza idee e ridicola nella sua realizzazione. Atroce.
Leggi la mia RECENSIONE



"Tu... non puoi... passare!"
6. TrollHunter
Blair Witch Project c’era stato nel 1999. Già bastava e avanzava da solo e invece sono arrivati un sacco di cloni vari.
A 12 anni di distanza, c’era davvero il bisogno di proporre la stessa identica idea, aggiungendoci degli involontariamente comici Troll norvegesi?
La mia risposta la potete capire dalla presenza del film in questa classifica…


Uno Shakespeare peggiore di Joseph Fiennes.
Impossibile? No, eccovelo qui!
5. Anonymous
Secondo la teoria espressa in questo film di Roland Emmerich, William Shakespeare in realtà era un analfabeta. Secondo me, Roland Emmerich è cinematograficamente un analfabeta. Direi che siamo pari, no?

"Dai che le riprese sono finite!
Siamo liberi!"
4. I fantastici viaggi di Gulliver
Jack Black una volta era simpatico. Adesso è diventato la parodia di se stesso e questa versione dei fantastici (ma dooove?) viaggi di Gulliver è una schifezza cui è davvero un’impresa gulliveriana arrivare fino al fondo. La dimostrazione di come a Hollywood possano essere buttati nel cesso oltre 100 milioni di dollari con una facilità impressionante. Alla faccia della crisi.
Leggi la mia RECENSIONE




"Al mio fan numero uno: Mr. James Ford. Con amore, JBeebs!"
3. Justin Bieber: Never Say Never
Certo che pure io me le vado a cercare…
Questo documentario sulla vita del 15enne Justin Bieber se non altro fa riflettere profondamente, non tanto sulle nuovissime generazioni, ma su quelle vecchie che cercano di sfruttarle. Per certi aspetti è più inquietante persino di Inside Job!
Leggi la mia RECENSIONE

"Facciam pure la parodia di Grease.
Ma quanto siam giovani?"




2. Box Office 3D: Il film dei film
Questo non si può nemmeno considerare un film, altroché il film dei film…
Un insieme di scenette slegate tra loro, una serie di pseudo parodie per nulla divertenti e invece tristissime da film che Ezio Greggio probabilmente in realtà non ha mai nemmeno visto (Harry Potter, Twilight), insieme ad altri non esattamente nuovissimi (Il Gladiatore, Il codice da Vinci, Grease...).
Una schifezza degna di un Tapiro d’Oro speciale, mio caro Ezino.

"Questa ce la pagherai cara, stupido Cannibal!"
1. Transformers 3
Il nulla. Il vuoto totale fatto film. Un insieme di effettacci speciali messi insieme senza logica. Un cinema, se cinema lo si può considerare, che si dimentica dell’uomo e diventa robot, programmato per macinare incassi. In più, in questo capitolo Michael Bay e soci hanno pure tolto l’unica ragione d’essere di questa serie: ovvero Megan Fox. E per questo non vi potrò mai perdonare, brutti bastardi!
Leggi la mia RECENSIONE

E se il molto ambito premio di Ciofeca Cannibale d’Oro quest’anno è finito a Transformers 3, ecco anche qualche altro bell’awarduccio in arrivo…

Premio critici non capite un ca$$o (Film più sopravvalutato)
1. Il discorso del re
2. La pelle che abito
3. Biutiful
4. Il Grinta
5. Corpo celeste

Innanzitutto Il discorso del re, che come già detto ha “rubato” l’Oscar a filmoni enormemente superiori, quindi La pelle che abito, che ho trovato assurdo e ridicolo anche volendolo considerare un film grottesco. Oltre ad essere un thriller con una tensione pari allo zero. Con Biutiful, Inarritu per la prima volta mi ha deluso (non a caso per la prima volta non si è avvalso di una sceneggiatura del suo fido collaboratore Guillermo Arriaga), mentre Il Grinta è uno dei film dei Coen che mi è piaciuto di più, ma nonostante questo continuo a ritenerli enormente sopravvalutati. Corpo celeste, opera d’esordio della sorella “d’arte” (?!) Alice Rohrwacher è stato salutato da una parte della critica come il film italiano dell’anno cosa che, ammesso e non concesso sia vera, ci dà un’idea precisa dello stato di salute del cinema nostrano. Una pellicola pseudo neo-realista che dà un buffetto alla Chiesa viene vista come un pugno allo stomaco? Vabbè…


Premio Valium (Film più noioso)
1. Valhalla Rising
2. Il dilemma
3. La versione di Barney
4. Il discorso del re
5. L’alba del pianeta delle scimmie

Se soffrite d’insonnia, prendete una bella dose di Valhalla Rising: una garanzia.
Quanto a Il dilemma firmato da Ron Howard, non ricordo nemmeno bene se sono riuscito ad arrivare alla fine. Un dilemma riuscire a stare svegli. Soporiferi anche La versione di Barney, il già pluri-nominato Il discorso del re e L’alba del pianeta delle scimmie, nemmeno film del tutto brutti, quanto ben poco interessanti sia per ritmi (ritmi?) che per argomenti trattati. ZZZZZZZZZZ


"Ma peeerché?" award (Scena scult)
1. Immaturi (balletto Ufo Robot)
2. Real steel (balletto del bambino col robot)
3. Drive Angry 3D (Nicolas Cage fa una sanguinosa sparatoria mentre scopa con una tipa)
4. The Next Three Days (Russell Crowe fa il Will Smith di turno)
5. Super (una scena qualunque)

Scena scult dell’anno il balletto degli Immaturi sulle note di Ufo Robot. Una scenona che fa di tutto per essere retrò-cult, ma per quanto mi riguarda è riuscita a fare l’esatto opposto. Tragico pure il balletto dell’odioso bambino di Real Steel insieme al suo robot (se non si era capito, io ooodio i robot!). Lo scenone di sesso e omicidio di Nicolas Cage in Drive Angry cammina sul bilico del cult/scult, ma alla fine il parrucchino anzi parruccone di Cage fa propendere per lo scult. Inverosimile la parte finale di The Next Three Days in cui il tranquillo professore Russell Crowe si trasforma in una specie di supereroe in grado di fare numeri incredibili con pistole e auto, mentre il (poco) supereroico Super è tanto scult in ogni suo momento quanto Kick-Ass era invece un cult in (quasi) ogni suo momento.


Premio speciale “Ho fatto la cazzata dell’anno”
James Franco in 127 ore

(Cazzata dell’anno non il film, che è anche piuttosto interessante sebbene non eccelso, ma il comportamento del protagonista, ispirato alla vera storia di Aron Ralston)

Per la serie: alla larga dai guai! James Franco si va a fare una tranquilla escursione tra i canyon dello Utah e stranamente finisce con un braccio incastrato in mezzo a due rocce.

“Miii che paura!” award (Peggior cattivo)
Lord Voldemort (Ralph Fiennes), Harry Potter e i doni della morte: Parte II

Talmente temibile che viene sconfitto da un paio di bimbiminkia. Devo aggiungere altro?
Ah sì: Gargamella quest’anno mi ha terrorizzato di più!

Premio “tappi alle orecchie” (Peggior canzone)
Don Omar feat. Lucenzo “Danza kuduro” (Fast & Furious 5)

Danza Kuduro suonata nella parte finale dell’inutile sequel Fast & Furious 5 fa tanto cinepanettone… Che orrore!


“Rinchiudetelo in uno zoo” award (Peggior animale cinematografico)
1. Braccio-castoro di Mel Gibson (Mr. Beaver)
2. Troll  (TrollHunter) (i mostri meno spaventosi nella storia del cinema, dopo Voldemort!)
3. Grande Puffo (I puffi)
4. Scimmietta (Una notte da leoni 2)
5. Elefantessa emo innamorata di Robert Pattinson (Come l’acqua per gli elefanti)

Se nel corso degli Oscar Cannibali c’è stato spazio per i migliori animali cinematografici, in questa sede non potevano mancare pure i peggiori: su tutti il castoro (pu)pazzo che abita nel braccio di Mel Gibson in Mr. Beaver, ma atroci pure Troll e Puffi (non so se possano essere considerati animali veri e propri, ma facciamo finta di sì), in particolare il saccente Grande Puffo che già non sopportavo nei cartoni, figuriamoci qui. Per la serie non abbiamo altre idee e allora usiamo gli animali, vergognoso lo sfruttamento di una scimmietta ben poco esilarante in Una notte da leoni 2, e menzione finale anche per l’elefantessa innamorata di Robert “Edward Cullen” Pattinson in Come l’acqua per gli elefanti, manco fosse un'adolescente emo in calore.


Steven Seagal Award (Peggior attore)
1. Adrien Brody/Byron Deidra (Giallo/Argento)
2. Mel Gibson (Mr. Beaver)
3. Nicolas Cage (qualunque film)
4. Tom Hanks (L’amore all’improvviso)
5. Antonio Banderas (La pelle che abito)

Cinquina che in altri posti e in altri tempi sarebbe stata considerata da Oscar, ma non qui su Pensieri Cannibali e non certo ora. La palma di peggiore va al “doppio” Adrien Brody di Giallo/Argento: se già in versione detective è pessimo, in versione pazzo serial killer si è dovuto nascondere dietro l’alter ego di Byron Deidra (che altro non è se non l’anagramma di Adrien Brody) talmente è penoso.
Mel Gibson in Mr. Beaver, l'abbiamo già detto ma meglio ribadirlo, è davvero troppo ridicolo per essere vero, Nicolas Cage ormai ogni film che tocca si trasforma non in oro bensì in un altro meno nobile materiale, Tom Hanks in L’amore all’improvviso è detestabile persino più del suo solito in quella che può tranquillamente essere considerata la peggiore commedia sentimentale dell’anno e Antonio Banderas in La pelle che abito semplicemente no, non è credibile. Non come chirurgo plastico, intendo come attore.


Cagna maledetta award (Peggior attrice)
1. Carla Bruni (Midnight in Paris)
2. Rosie Huntington-Whiteley (Transformers 3)
3. Sarah Jessica Parker (Ma come fa a far tutto)
4. Ambra Angiolini (Immaturi)
5. Selena Gomez (Monte Carlo)

Carla Bruni sarà brava in tante altre cose… forse, anche se adesso non me ne viene in mente nessuna, però di sicuro a recitare non è buona. Esordire poi in un film di Woody Allen con un cast della Madonna non è proprio l’ideale. Prima dovrebbe partire per gradi, non so, magari da qualche fiction con Manuela Arcuri… Se la Carlà è l’unica nota stonata di Midnight in Paris, Rosie Huntington-Whiteley è solo una delle tante cose a non funzionare in Transformers 3. Sarà anche una bella gnoccolona, però NON è Megan Fox. Assolutamente no. E come attrice è espressiva tanto quanto i Transformers. Nomina necessaria anche per una Sarah Jessica Parker che dopo la fine di Sex and the City dovrebbe ormai pensare seriamente a una pensione anticipata (che Monti e la Fornero gliela concedano o meno, noi spettatori la PRETENDIAMO), un’Ambra Angiolini che, checché se ne dica in giro, come attrice (e non solo come attrice) è uno strazio, mentre Selena Gomez non è nemmeno così terribile a recitare, però il fatto che stia insieme a Justin Bieber le ha fatto guadagnare una nomina di diritto, tiè!


"Ridatemi i soldi del biglietto anche se l'ho visto gratis su Internet" award (Delusione dell’anno)
1. Biutiful
2. Harry Potter e i doni della morte: Parte II
3. Hereafter
4. Una notte da leoni 2
5. Your Highness - Sua maestà

Avendo sempre amato i film di Inarritu, Biutiful davvero non me l’aspettavo: tra facile pietismo e visioni paranormali, una pellicola davvero bruttiful! Per poco non preferivo vedermi una delle diecimila puntata della quasi omonima soap-opera.
Non sono mai stato un potteriano, però avrei desiderato diventarlo con l’ultimo capitolo. E invece I doni della morte - Parte 2 si sono rivelati un dono davvero mortale, con un finale telefonatissimo e gettato via in maniera frettolosa, senza spazio per i personaggi più fighi (Hermione e... ehm, basta) e con un Voldemort così cattivo da non far paura nemmeno al ridicolo Colin Hanks dell’ultima stagione di Dexter! Dall’Hereafter di Clint Eastwood mi aspettavo qualcosa in più di una copia sbiadita dei film di Shymalan e di Inarritu (quello dei vecchi tempi). Una notte da leoni 2 si è dimostrato il sequel più scontato che potevano fare, una replica sterile e inutile del primo spassosissimo film, mentre da Your Higness non è che mi attendessi grandi cose, però gettare così un super cast con Natalie Portman, Zooey Deschanel e James Franco è stato davvero lo spreco dell’anno.


Menzioni speciali per film mediamente brutti ma talmente mediocri da non riuscire a rientrare nemmeno in qualche categoria qui sopra: Red State, Red White and Blue, C’è chi dice no, Prom - Ballo di fine anno, Per sfortuna che ci sei, Come ammazzare il capo e vivere felici, Horror Movie, Mia moglie per finta, Faster e Priest.


Chiudo il peggio (naturalmente secondo il mio discutibile punto di vista) cinema dell’anno con una nota positiva: con dei buoni propositi. Sì, di ciò che gradirei NON vedere più in questo 2012:

- Film di tizi normali che si improvvisano supereroi. Supereroi che si improvvisano tizi normali. Supereroi che nemmeno il proprietario del negozio di fumetti dei Simpson conosce cui viene dedicata un’intera pellicola. Insomma, tutti i film sui supereroi che non rispondono al nome di Batman o Spider-Man.

- Commedie all’italiana. Di qualunque tipo. Vi prego, basta così!

- Horror o pseudo horror incentrati su torture/sequestri/rapimenti vari che finiscono immancabilmente e prevedibilmente nell’ennesimo bagno di sangue.

- Horror o pseudo horror su un gruppo di ragazzi in vacanza verso mete esotiche che finiscono immancabilmente e prevedibilmente in un bagno di sangue. Una volta potevano anche risultare divertenti, però adesso cambiate copione.

- Documentari su cantanti di 15 anni la cui vita NON è stata così interessante da essere già raccontata. E forse mai nemmeno lo sarà.

- Personaggi animati cult degli anni ’80 riproposti in computer grafica.

- Mel Gibson con un castoro al braccio.

- Film col 3D nel titolo.

- Film con Nicolas Cage.


40 commenti:

  1. NO NO NO! mischiare il mio povero Harry, Anonymous e il discorso del re con Justin Bieber e Antonio Albanese è blasfemia!è PAZZIA!

    RispondiElimina
  2. Dissento su Il discorso del re... concordo abbastanza sul resto.. e complimenti per il coraggio che hai dimostrato nel pagare il biglietto per vedere box office 3d

    RispondiElimina
  3. guarda che la teoria su Shakespeare non l'ha inventata Emmerich, ma altri personaggi fra i quali un certo Sigmund Freud e Mrk Twain eh!
    http://it.wikipedia.org/wiki/Attribuzione_delle_opere_di_Shakespeare

    poi vabbè, la Prince Tudor Theory può sembrare roba da Ridge Forrester per alcuni, ma anche quella non l'ha inventata lui!
    http://en.wikipedia.org/wiki/Prince_Tudor_theory

    RispondiElimina
  4. Ci siamo! Hereafter (come Changeling, il vuoto e la distanza), Qualunquemente, Corpo celeste e Il discorso del re (sopravvalutati dalla critica eccome!). Ecco, manca quel giochino stupido che è 127 ore, esercizio di pessimo stile che sai già tutto e tutto mischia molto alla cdc...Ma per il resto, ci siamo!! Sul discorso del re, invito a leggere qui (non è roba mia anche se ospitata sul mio sito): http://mulosetaccioepiccone.blogspot.com/2011/03/blog-post.html
    parole sante!

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. verrò di notte a trascinarti per i piedi, SALLO è_____é

    RispondiElimina
  7. Uhhhh, dimenticavo Valhalla Rising, hai ragione, un film IMPERDIBILE! Cazzo, ho ancora davanti l'occhio del Pazzo, uhhhhh, indimenticabile, come il viaggio nella Terra Promessa, in modo differente ma noioso e "baroccoco" al pari di Crialese!
    ps Ma quella puttanata di Contagion? Ah devi vederla! Siamo ai livelli di The Fog (2005) e In the market

    RispondiElimina
  8. Argh!!

    No, mi dispiace, io sono una di quelle che ha adorato Il discorso del re. Amo questo genere di film "piccini", educati, possibilmente inglesi e possibilmente visti in lingua originale (credo che doppiato perda di significato in maniera incredibile).
    Qualunquemente invece è stata la delusione dell'anno. Amo Cetto la qualunque, non mi aspettavo di ridere così poco, davvero.
    Anche Anonymous mi è piaciuto, certo non a livelli di capolavoro. Ma da Emmerich mi aspettavo di molto peggio, e il "figlio di Codaliscia" come Shakespeare non mi è parso male.

    Gli altri, per fortuna, non li ho visti.

    Quanto agli attori, applausi per le scelte di Carla Bruni e Adrien Brody in Giallo (maledetto b***ardo!!). Li ho odiati dal primo istante!!
    Però Voldie peggior cattivo.... no, dai. Non il Signore Oscuro. Al limite ribadisco Giallo. Ma sarebbe come sparare sulla Croce Rossa!

    RispondiElimina
  9. Wèwèwè, Red State è davvero ganzo, altroché ;)

    Moz-

    RispondiElimina
  10. Tralasciando la tua consueta e totale ignoranza cinematografica nei commenti a Valhalla rising, Hereafter, Red White and Blue, Red State e Troll hunter, devo dire che mi aspettavo un Mr. Beaver più in alto nella classifica.
    Certo, Transformers 3 - che mi sono ben guardato di vedere - era un grosso calibro, ma avrei puntato di più sul vecchio Mel.

    RispondiElimina
  11. Concordo su tutto.
    Però... Biutiful mi è piaciuto parecchio. Non è all'altezza dei precedenti film, lo riconosco bene, però mi ha detto tante cose. Anche Valhalla Rising mi è piaciuto tantissimo. Un po' lento, forse, ma bello, per il mio gusto.

    Su una cosa in particolare concordo con te! Corpo Celeste è inguardabile. Non so come possano definirlo la nuova frontiera del cinema italiano. A me pare sempre la solita trita e ritrita vecchia frontiera. Il cinema italiano non si svecchia mai!

    RispondiElimina
  12. Il discorso del re e La pelle che abito: d'accordo al 100%, ma i fratelli Coen, no. Sono una spanna sopra: la metà dei loro film sono capolavori! Cannibal Blasfemo :)

    Ambra Angiolini è uno dei tanti misteri italiani: non sa fare nulla, neanche a parlare...

    RispondiElimina
  13. Anonimous mi è piaciuto...
    ma il dirscorso del re proprio no...

    e Il grinta non è poi male... è una bella storia alla Cohen

    RispondiElimina
  14. Io adoro leggere le Flop Ten, sono molto più interessanti delle Top Ten... e ovviamente la tua classifica è strepitosa! Non sono molto d'accordo su "Il discorso del re", ma mi sono ugualmente divertita a leggere la tua recensione!

    C'è una petizione per non far più recitare Nicolas Cage? La sottoscriverei all'istante!

    RispondiElimina
  15. Qualunquemente l'ho trovato molto intelligente. Per il resto, sei il solito impeccabile e inopinabile bastardo :)))

    RispondiElimina
  16. a parte voldemort. vabbe voglio vedere se ti suona alla porta... quello che mi ha sconvolto è:
    TROLLHUNTER TRA I PEGGIORI?!?!?! ma i troll del film non sono messi lì per far paura! (a proposito del fatto che non fanno paura, infatti) ma sono come creature leggendarie, come fossero mammuth, poi si mangiano gli uomini e ok, ma il film non è paranormal activity 2 e 3(quelli si che NON fa paura quando invece vorrebbero farla). No secondo me su TROLL cantonata!
    e poi Red White & Blue! CAZZO! Ma è il miglior "horror" (nell'accezione maledetta del termine) dell'anno! Cristo un film grondande paura (del mostro peggiore: l'uomo)
    boh. queste due cose sono saltate agli occhi...
    invece D'ACCORDISSIMO su IL GRINTA! du palle...

    RispondiElimina
  17. Non ho visto il Discorso del Re, ma ho letto la storia di quel re. Uno dei più amati dai suoi sudditi perché nonostante gli avevano consigliato di scappare e andarsene in Canada, lui ha deciso di rimanere con il suo popolo durante quel tempo difficile, pur rischiando la propria vita. Il film lo voglio vedere comunque... anche solo perché lo considero un grande attore! :-) Ciao Cannibale!!! :-)

    RispondiElimina
  18. 1. I titoli che dai ai premi che assegni continuano ad essere fantastici

    2. Nicolas Cage peggior attore in qualunque film: LO PENSO ANCH'IOOOOOO!

    3. Non ci credo che qualcuno ha osato mettere Danza Kuduro come colonna sonora di qualcosa. Oddio.

    4. TI ADORO!

    RispondiElimina
  19. *alessia
    lo so, di solito antonio albanese è a livelli ben superiori rispetto a robacce come anonymous ;)

    *fabrizio
    vabbè che so masochista, però non ho mai detto di aver pagato per vedere box office 3d :)

    *emmeggì
    127 ore non mi ha entusiasmato, nè mi è dispiaciuto, e comunque la sua menzione se l'è beccata!
    lo stesso vale per contagion, mi è sembrato un film medio non degno di stare di nè tra i migliori nè tra i peggiori..

    *agnese
    sei già più minacciosa di voldemort, però non abbastanza minacciosa :D

    *babol
    il discorso del re l'ho visto in lingua originale, ma non mi ha comunque impressionato. anzi... °__°

    *moz
    boh, a me è sembrato solo un film confuso che non sa dove andare a parare...

    *mr. ford
    mr. ford beaver l'ho plurinominato ed è stato quindi bersagliato abbastanza. e poi ho visto mel gibson fare persino di peggio: in braveheart! :)

    *veronica
    cinema italiano neo neo-realista spacciato per novità? no, grazie :)

    *lucien
    oh, io i coen non li capisco proprio. c'è chi non capisce film come the tree of life e melancholia, io non capisco i coen.

    *pupottina
    appunto: alla coen :) (vedi sopra)

    *sailor
    sì, han fatto il referendum per abrogare nicolas cage, però purtroppo la corte costituzionale l'ha rifiutato...

    *ubi
    grazie.
    ehm, almeno credo :)

    *ceb
    blair troll project non lo considero proprio cinema. ci sono filmati amatoriali su youtube che al confronto sì che sono grande cinema :D
    red white and blue mi ha fatto proprio schifo, con quel montaggio veloce vorrebbe essere innovativo, ma io l'ho trovato solo snervante. e la trama poi è prevedibilissima.

    *daisy
    sarà che io non sopporto i re e chi sta al potere, ma la sua storia non mi ha toccato per niente. comunque se vuoi vedere un film bello noioso fai pure ahahah :D

    *ale
    grazie per i punti 1 e 4!
    sul 2 credo che ormai tutto il mondo sia d'accordo.
    per quanto riguarda il 3, danza kuduro è presente pure nel film di ezio greggio e persino in una versione tarocca!

    RispondiElimina
  20. "prevedibilissima"??...oddio dove abiti? dimmelo che non ci vengo mai :DDD

    RispondiElimina
  21. (poi comunque non è che la trama di drive fosse così originale (uomo che guida si innamora. fine)... per non parlare di quella di melancholia (pianeta grosso sfonda pianeta piccolo. fine)
    non è mai SOLO la trama, no? :)

    RispondiElimina
  22. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  23. Amico, abbiamo tanti di quei punti in comune che le differenze di vedute su robette come 127 ore (sono incluse le due buttate nel cesso a star dietro a un montaggio e una sceneggiatura da varietà gggiovanile videomusicale?) e Contagion (una vera perla di scempiaggine) svaniscono nel nulla.
    @CeB Hai un'icona stupenda, però secondo me non hai colto molto della trama di Melancholia, c'è un filino più di un Pianeta che finisce contro un altro (tipo una depressione umana e sociale che coincide con un decadimento cosmico?).
    @ marco e @everyone Sul Discorso del Re le parole che hai usate qui sono beate, ma sante, lo ribadisco, e stavolta riporto perchè per me si possono estendere a un discorso generale sul cinema mainstream d'autore degli ultimi vent0anni, quella di G. D'Agnolo Vallan: "La canonizzazione del "Discorso del re" di T. Hooper sembra la conferma degli stereotipi classici che confezionano un film da Oscar: buoni sentimenti, fonte "alta", costumi d'epoca, accento inglese, politica rassicurante e forma insipida e, quello che non fallisce praticamente mai, il protagonista disabile. Resta inesplorato il deserto morale della Facebook generation di "Social network"

    RispondiElimina
  24. Della top ten ne avrò visti penso due...ultimamente per mancanza di tempo seleziono in anticipo i film da vedere e il mio fiuto e pregiudizio ostinato il più delle volte mi da ragione vista la tua classifica Kid.....

    Il discorso del re è di certo una delusione del 2011 anche se non si merita di stare tra i peggiori in assoluto... Qualunquemente non saprei dove si merita di stare....

    Per tutti gli altri sono cose che evito di vedere apriori....

    RispondiElimina
  25. Concordo sul Discorso del re un tantino sopravvalutato, anche se comunque mi è piaciuto.
    Sono invece in violento disaccordo su La versione di Barney (noioso??!!) e su Hereafter, che ho trovato splendido.

    RispondiElimina
  26. *ceb
    attenzione spoilerone per chi non l'avesse visto: il collegamento delle due storie per via dell'aids si capiva subito. il solito finale vendetta/splatter è poi roba già vista in miliardi di altri film. ma oltre a una trama penosa, è proprio la messa in scena che mi ha dato fastidio.
    drive e melancholia poi sono film visivamente magnifici, questo è una porcheria :D

    *emmegì
    non posso che sottoscrivere :)

    *dino
    e fai bene a continuare a evitarli, anche se qualcuno può tornarti utile per una sana stroncatura, che è sempre divertente da scrivere!

    RispondiElimina
  27. *zio scriba
    sono film che proprio non mi hanno catturato e quindi li ho trovati decisamente soporiferi, sorry ;)

    RispondiElimina
  28. anche a me sono garbati (certo non li considero capolavori) sia Il discorso del re che Anonymuos.

    su valhalla rising non ci torno su stai tranquillo :D

    RispondiElimina
  29. anche a me sono garbati (certo non li considero capolavori) sia Il discorso del re che Anonymuos.

    su valhalla rising non ci torno su stai tranquillo :D

    RispondiElimina
  30. Il discorso del re meritava il podio, ma almeno l'hai messo primo nei film sottovalutati. :D Degli altri ho visto solo Transformers e Skyline, che mi ha fatto molto piacere vedere nella top ten.
    TrollHunter però continua ad attirarmi parecchio.
    Non condivido il premio Valium, ma va be'... e anche La pelle che abito mi è piaciuto moltissimo. L'alba del pianeta delle scimmie ha deluso molto anche me. Idem per Il grinta, per me il peggiore dei Coen dai tempi di Ladykillers.
    Il balletto di Immaturi è scandaloso, ma anche lì si poteva mettere una scena qualunque.
    Meritatissimo il premio a Brody!

    p.s. complimenti per aver visto Box Office. :D

    RispondiElimina
  31. Ovviamente intendevo sopravvalutati, non sottovalutati...

    RispondiElimina
  32. Alcuni ho avuto la fortuna di non vederli! Concordo pienamente su Qualunquemente!

    RispondiElimina
  33. Ma dove hai trovato la forza per vedere un documentario su Justin Bieber? Aiutooo!!!
    Comunque tra i film menzionati, solo con due non mi trovo d'accordo, ma forse già ne avevo parlato in passato "La pelle che abito" e "Hereafter"...anzi no, pure "Immaturi" a me è piaciuto :P
    Sei geniale con i titoli dei premi...big big Cannibal :)

    RispondiElimina
  34. mi hai fatto davvero molto ridere e ti ringrazio :-)
    cmq praticamente tutti i film peggiori qui citati non li ho visti, proprio perché non mi ispiravano neanche minimamente... però il discorso del re l'ho visto e m'è pure piaciuto! forse un po' lento, però, ti do atto.
    Per il resto come hai fatto a guardare certa roba... che eroe... davvero stoico. hai dimenticato il film Thor che ho visto per caso una sera (fortunatamente in dvd), che in confronto quella scemata di Captain America era quasi bello (il che tutto dire)
    Spero anch'io di non vedere film con Nicholas Cage nel 2012 e possibilmente mai più!

    RispondiElimina
  35. davvero come si fa a togliere mega fox da transformers 3...

    certamente un esagerazione i premi oscar per il discorso del re!

    RispondiElimina
  36. byron deidra... che mi ero scordato... hahaehaeh. dio cristo. ma l'hai visto il trailer di DRACULA 3D? Ha già vinto TUTTI i possibili Merda Award di SEMPRE!

    RispondiElimina
  37. *ceb
    no, non l'avevo ancora visto.
    recuperato ora *_____*
    sono traumatizzato!

    RispondiElimina
  38. quoto Melinda: ma dove hai trovato la forza di vedere un documentario su Justin Bieber. Non condivido una menzione speciale: a me c'è chi dice no è piaciuto!!!

    RispondiElimina
  39. Tralascio la tua estrema cattiverai su Valhalla rising, perché credo di amarti per come hai maltrattato il discorso del re, per cui la notte degli oscar ho schiumato di rabbia feroce e incontenibile.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com