mercoledì 11 gennaio 2012

Il tredicesimo apostolo: Il codice da Alessio Vinci

Il tredicesimo apostolo
(stagione 1, episodi 1-2)
Rete: Canale 5, il mercoledì sera
Cast: Claudio Gioè, Claudia Pandolfi, Luigi Diberti, Stefano Pesce, Tommaso Ragno, Toni Bertorelli, Yorgo Voyagis
Genere: paranormal italianity
Se ti piace guarda anche: X-Files, Fringe, Il codice da Vinci

"Io voglio solo capire quello che sta succedendo e perché.

Fede e scetticismo. C’è chi ha la prima, Beato (è proprio il caso di dirlo) lui/lei, io faccio parte della seconda categoria. Ci sono cose in cui credo, come il cinema di Quentin Tarantino, la voce di Thom Yorke o le tette di Kirsten Dunst, cose religiose a modo mio di questo tipo, però il più delle volte tendo a essere diffidente. A non credere in generale a niente, fino a che non l’ho sperimentato o visto in prima persona. Anche io ogni tanto compio dei vari Atti di Fede, come quando compro titoli di stato italiani ad esempio, però è molto raro.
Fede e scetticismo, una grande contrapposizione proposta anche nella nuova fiction di Canale 5 Il tredicesimo apostolo, in cui i due protagonisti sono un uomo religioso, interpretato da Claudio Gioè (già tra La meglio gioventù) e una tipa più, come dire?, profana/atea/scettica/razionale, in cui ritroviamo Claudia Pandolfi, una delle poche attrici italiane che quando la vedo non mi fa venire voglia di fuggire all’estero.
È con quest’ultimo punto di vista, quello scettico ovviamente, che mi sono avvicinato a questa fiction italiana, parole che già al solo vederle impresse sullo schermo del PC mi provocano immediati brrrrrrr-brividi lungo tutta la spina dorsale.
FICTION ITALIANA
ripetete dopo di me
FICTION ITALIANA
l’avete sentito anche voi quel brivido, vero?

Mi son detto: faccio finta, anzi faccio fiction (uahahah, che giocone di parolone!) di non sapere che si tratta di una fiction italiana e me la guardo come se si trattasse di una produzione americana o britannica.
Sì, come no?
Vabbè, facciamo che me la guardo come se si trattasse di una produzione spagnola o francese, che ci può anche stare.
Mi decido a vedere Il tredicesimo apostolo dopo aver saputo che alla prima puntata ha fatto registrare oltre 7 milioni di spettatori ed è diventato subito un caso mediatico e quando succedono cose di questo tipo la mia curiosità mi spinge a indagare. Per citare il protagonista della fiction: “Io voglio solo capire quello che sta succedendo e perché.” Così me lo guardo, però non su Canale 5 bensì in streaming, per 2 ragioni:
1) Non voglio far aumentare l’auditel del Biscione.
2) Il pensiero di vedere un programma con in mezzo le pubblicità ormai mi causa più brividi del termine FICTION ITALIANA.

"Qualche figa e qualche parolaccia di troppo,
però non è male come dicono, 'sto Pensieri Cannibali..."
E allora dopo tutte 'ste paranoie lo guardo e ci sono subito queste musiche avvolgenti che fanno molto Misfits, intendo quelle partiture epiche di archi, non le canzoni electro-rock, lì sarebbe davvero troppo per Canale 5! Musiche anche un po’ sullo stile di quelle di Hans Zimmer per i vari Batman, in grado di coinvolgere e mettere tensione anche se non sta succedendo un bel nulla.
La storia entra subito nel vivo, senza perdere troppo tempo a introdurci i personaggi, con le loro personalità e il loro misterioso passato che ci verranno disvelati solo più in là. La trama mixa in maniera abile il paranormale con la tematica religioso-cristiana, piatto forte che ci piaccia o meno della cultura italiana, e lo fa senza essere troppo paracula o ruffiana nei confronti del Vaticano. Lo stile è un po’ quello alla Dan Brown, così come la regia di modello ricalco-americano somiglia a quella de Il codice da Vinci. Insomma, roba che non c’è da gridare al “Miracolo!” mistico, però abbastanza per rimanere davanti allo schermo senza troppi sbadigli e senza pensare tutto il tempo che le fiction italiane fanno davvero schifo.

Il protagonista è un teologo che insegna all’università ma è anche un gesuita, una sorta di versione religiosa del Dr. House (ugualmente sicuro di sé, va pure in moto, ma è molto meno stronzo e ironico e non zoppica) con tanto di assistenti so-tutto-io che gli danno una mano a risolvere i misteri. Perché ‘sto tizio, non contento di prendersi lo stipendio ecclesiastico e quello universitario, nel tempo perso è pure una sorta di detective dell’occulto, convocato dalla Curia, o meglio dalla Congregazione della Verità, per indagare su casi inspiegabili e presunti miracoli. Fossi in Monti io gli farei un bel controllo a sorpresa per vedere se è in regola con tutti i lavori (qualcuno lo farà mica in nero?) o se invece sotto c’è un miracolo di quelli all’italiana.

Si fanno o non si fanno? CeRRRto che si fanno!
Nel corso di una di queste indagini, che riguarda il misterioso caso di due bambinetti che… levitano (bambini che levitano in una fiction di Canale 5? Questa non me l’aspettavo!), il nostro Dr. House-pretone si imbatte in una psicoterapeuta-assistente sociale, Claudia Pandolfi of course. Se lui oltre che il Gregory House è anche un po’ il Mulder della situazione, lei diventerà la sua Scully. Tensioni sessuali comprese, ma certo che sì! Se non ci metti un po’ di tensione sessuale, con il prete che fa tanto Uccelli di rovo e ho detto uccelli, chi lo guarda?
Ma chi si cela dietro a un prodotto orchestrato con tanta diabolica cura?
Chi, se non l’uomo che ultimamente sembra aver intercettato il gusto degli italiani meglio di ogni altro...
Silvio Berlusconi?
Quella pagina per fortuna l’abbiamo voltata.
Mario Monti?
Ma và!
Rocco Siffredi?
No…
Un'immagine recente di Pietro Valsecchi
Pietro Valsecchi?
Esatto, proprio lui.
Ma chi è Pietro Valsecchi?
Pietro Valsecchi è un uomo che in questo momento per prima cosa si starà contando tutti i soldi che ha fatto, e poi per seconda cosa è il produttore di varie fiction italiane, dai RIS ai Liceali, nonché dei film multimilionari di Checco Zalone e del successo a sorpresa dei botteghini italiani degli ultimi mesi, ovvero I soliti idoti. Uno che insomma di marketing e di come vendere un prodotto ne sa qualcosina e che de Il tredicesimo apostolo oltre che producer è pure ideatore del soggetto. O magari ha semplicemente “sgraffignato” l’idea a qualcun altro, ma questo mistero potrebbe diventare l’argomento di una delle prossime puntate della fiction, quindi non starò a indagare più di tanto. Fatto sta che ancora una volta ha fatto centro nei gusti degli italiani, con una serie che ha fatto registrare subito ascolti da non dico finale, ma almeno da semi-finale di Champions League sì.

Quello che mi preme sottolineare, e non sono nemmeno stato pagato per farlo (maledizione!) è che Il tredicesimo apostolo è una serie che funziona. È accattivante, frulla ingredienti vari già visti e rivisti altrove, dal citato Codice da Vinci ai cult del paranormale come Fringe o X-Files (la prima puntata in particolare ricorda lo splendido episodio Il signore delle mosche con nel cast Aaron Paul futuro Breaking Bad!) , però lo fa con quell’italianità nelle storie e nei personaggi capaci di renderlo appetibile al pubblico nazional-popolare ed è grado di intrattenere anche chi cerca un prodotto non dico eccellente, ma almeno una via nostrana a una serialità televisiva decente. I due protagonisti poi se la sfangano più che bene, mentre gli altri attori mi hanno ricordato che tra le produzioni italiane e quelle, per dire, inglesi c’è ancora un divario ben più largo del canale della Manica.
"Sorella, mi dica: guardare Canale 5 è peccato?"
E allora sono partito con tutti gli scetticismi del caso come la Pandolfi e alla fine mi ritrovo a promuovere mio malgrado questa serie. Come la Pandolfi fa nei confronti del Dr. House-pretone. Almeno, l’inizio. I primi due episodi mi hanno convinto. Che poi continui a seguirla con affezione, questo è un altro paio di maniche. Che poi il suo successo generi presto tutta una serie di altre fiction mostruose ricalcate malamente su questo modello, già di suo non troppo originale, è pure questa un’altra questione.
La mia prima recensione dell’anno è quindi una sorpresa assoluta.
Pensieri Cannibali che promuove una fiction italiana?
Si è venduto? Pure lui si è sputtanato?
Credete quello che volete, tanto è sempre tutta una questione di Fede. E di scetticismo.
Io, da scettico, dico che Pensieri Cannibali si è smerdato. Poi, voi siete liberi di Credere quello che volete…
(voto 6+/10)


23 commenti:

  1. Bravo, fai bene a tenere la posizione.
    Anch'io senza sapere di cosa si trattasse sono rimasto incollato allo schermo e mi sorprendevo di me stesso che ormai ho quasi abbandonato la televisione.
    Quando un prodotto è valido non c'entra la nazionalità.

    RispondiElimina
  2. A me però alle parole Fiction italiana continua a venire il mal di pancia, altro che brividi...

    Magari un'occhiata se avrò tempo gliela darò...

    Se avrò tempo.... Ah ah ah ah!

    RispondiElimina
  3. no mi spiace non ce la posso fare a guardarlo,fictio brrrr! e poi questi argomenti religiosi non mi interessano minimamente.

    RispondiElimina
  4. però consiglio a tutti coloro che storcono il naso a proposito di fiction italiane di guardarsi Boris la serie, e poi mi venite a parlare di community, how i met your mother etc...

    RispondiElimina
  5. Mi verrebbe da bestemmiare ma non mi sembra il post adattao ;)
    Mah! Chissà! Boh|? Mbèh! Sgrunt! Sgnaf!
    Giuro che non so cosa commentare... a sto punto mi tocca dare un occhio ma se mi fai perdere tempo chiamo spalmen!!! LoL

    RispondiElimina
  6. L'unica cosa che riesco a guardare in tv è la pubblicità su Telemarket.

    RispondiElimina
  7. Pensare che l'ho escluso perché credevo fosse la solita fiction italiana; che non mi convenga dargli un'occhiata?... gli dò un'occhiata... gli dò un'occhiata... gli dò un'occhiata... gli dò un'occhiata... passato, no, lascio perdere :)

    RispondiElimina
  8. Dopo un post dedicato a questa roba, potrò prenderti per il culo tutto l'anno senza aver paura di dedicarmi al Van Damme di turno.

    Dovrei ringraziarti, ma dato che punto ad essere il villain numero uno, non lo farò! ;)

    RispondiElimina
  9. mi sto vergognando al posto tuo

    RispondiElimina
  10. a meno che tu non abbia l'apparecchio dell'auditel a casa che registra quello che guardi, non fai aumentare gli ascolti :)

    RispondiElimina
  11. è la risposta Mediaset a Donmatteo
    il guaio è che di preti così (almeno in Italia) NON NE ABBIAMO; quei pochi che valgono qualcosa SI GUARDANO INTORNO, SI DEPRIMONO E VANNO MISSIONARI NEL TERZO MONDO
    quelli spagnoli sono migliori...
    ma forse il mio giudizio positivo dipende dal fatto che, quando ero giovane e giravo autostoppando da quelle parti, un prete che mi prendeva su lo trovavo sempre

    RispondiElimina
  12. Hai appena vinto un prestigiosissimo premio da me assegnato. Per la consegna ufficiale e la cerimonia passa da me!:)

    RispondiElimina
  13. Un'immagine recente di Pietro Valsecchi AHAHAHAHAHAH
    Quanto sto ridendo!!! :)

    RispondiElimina
  14. Si, beh... A me non dispiace ecco! Ciao!

    RispondiElimina
  15. Non me la sento di guardare qualcosa con la Pandolfi dentro, davvero.
    E' più forte di me.
    Magari quando avrò 70 anni e la demenza senile mi avrà ormai soffocata recupererò la serie.
    Nel frattempo, vivrò nell'ignoranza tenendomi il mio scetticismo.

    RispondiElimina
  16. *diamond dog
    alla fine si lascia vedere. sorprendentemente!

    *la firma cangiante
    tu però hai già un sacco di altra roba meglio di questa segnalata sul mio blog da recuperare ;D

    *serena
    neanche a me, però incredibilmente questa serie la trovo ok

    *anonimo
    boris è stato un caso un po' a parte, infatti preferisco considerarlo un telefilm vero e proprio più che una fiction italiana :)

    *eddy
    non aspettarti certo un capolavoro. solo una serie decente. che in italia è già un piccolo grande miracolo!

    *popsylon
    aahahah, non male :D

    *sailor fede
    non è imperdibile, però se ti capita di vederlo non è una totale perdita di tempo

    *mr. ford
    anch'io pensavo fosse una merdata. invece l'ho visto e pur non essendo eccezionale non è neanche malaccio.
    so che per un uomo vecchio stile come te non c'è possibilità, però dovresti provare a superare i tuoi enormi pregiudizi, almeno ogni tanto ;)

    *lorant
    e fai bene ;)

    *paolo
    lo so, però per sicurezza meglio non rischiare ahaha

    *il bibliofilo
    anvedi il passato da autostopparo del bibliofilo!

    *perso
    thanx! ora pretendo i soldi! :D

    *melinda
    XD

    *nora
    brava, neanche a me!

    *babol
    la pandolfi è una delle poche-pochissime attrici italiane che mi piacciono, quindi non me la toccare! :)

    RispondiElimina
  17. il brivido della fiction italiana è impareggiabile... ahahahah cioè manca a priori... però è parecchio rosa ;-) e vedere un prete che si fa baciare in Italia, in tv, sa di blasfemo e terribilmente peccaminoso... stasero lo registro comunque. primo perché Kevin non lo vuole vedere... secondo, perché se non lo vedo io chi la sente mia sorella O_O che ovviamente è già innamoratissima del prete....
    buona serata

    RispondiElimina
  18. brrrr brrr brividi fortissimi! Potrebbe essere pure un capolavoro ma io la fiction italiana non riesco proprio a prenderla sul serio, la sfotto a priori; forse è un pregiudizio ma forse no ;)

    RispondiElimina
  19. Premetto che questo sará un commento che non c'entra minimamente con il post qui sopra XD Ho visto finalmente Il cigno nero e ora posso dire che mi sento meglio con me stessa e meno ignorantA.
    Davvero un gran bel film!

    RispondiElimina
  20. visto l'episodio di iersera
    ricorda VAN HELSING, ma l'attore più che H. Jackman sembra Raz "Bracciarubateall'agricoltura" Degan e il confronto C. Pandolfi - K. Beckinsale è impietoso

    RispondiElimina
  21. ray ban sunglasses, http://www.raybansunglass.us.com/
    cheap jordans, http://www.cheapjordanshoes.in.net/
    montblanc pens, http://www.montblanc-pens.com.co/
    jordan shoes, http://www.jordanshoes.us.com/
    true religion outlet, http://www.truereligionoutletstore.us.com/
    ugg boots, http://www.uggboot.com.co/
    michael kors handbags, http://www.michaelkorshandbag.co.uk/
    michael kors outlet store, http://www.michaelkorsoutlet-store.us.com/
    abercrombie and fitch, http://www.abercrombie-fitch.us.com/
    coach outlet store, http://www.coach-outlet-store.us.com/
    michael kors outlet, http://www.michaelkorsusa.us/
    swarovski crystal, http://www.swarovskicrystals.co.uk/
    oakley sunglasses, http://www.oakley.in.net/
    prada outlet, http://www.pradaoutlet.us/
    air max 2015, http://www.airmax2015.in.net/
    michael kors outlet, http://www.michaelkorsoutletonlinestores.us.com/
    ghd hair straighteners, http://www.ghdhairstraightenerssale.co.uk/
    michael kors handbags, http://www.michaelkorshandbags.in.net/
    juicy couture outlet, http://www.juicycoutureoutlet.net/
    tiffany and co jewelry, http://www.tiffanyandco.in.net/
    nike air max shoes, http://www.nikeairmaxshoess.co.uk/
    coach outlet online, http://www.coachoutletonline.in.net/
    michael kors outlet, http://www.michaelkorsoutletusa.net/
    prada shoes, http://www.pradashoes.us/
    louis vuitton handbags, http://www.louisvuittonhandbags.org.uk/
    2015921caihuali

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com