lunedì 2 aprile 2012

Mission TOM CRUISE - Scavezzacollo fantasma

TOM CRUISE
Mission: Impossible - Protocollo fantasma
(USA 2011)
Titolo originale: Mission: Impossible - Ghost Protocol
Regia: Brad Bird
Cast: TOM CRUISE, jeremy renner, Simon Pegg, Paula Patton, Michael Nyqvist, Léa Seydoux, Josh Holloway, Anil Kapoor, Tom Wilkinson, Samuli Edelmann, Vladimir Mashkov, Ving Rhames, Michelle Monaghan
Se ti piace guarda anche: gli altri Mission: Impossible, Alias, The Bourne Identity, Tower Heist

TOM CRUISE presenta
TOM CRUISE 4: PROTOCOLLO TOM CRUISE
una produzione di TOM CRUISE
con TOM CRUISE
e la partecipazione straordinaria di TOM CRUISE

L’ho già detto che in questo film c’è TOM CRUISE? TOM CRUISE nella parte di TOM CRUISE sotto l’alias di Ethan Hunt che si arrampica da solo su un grattacielo a mani nude senza controfigura perché lui è TOM CRUISE?

"Ciao TOM, sono di nuovo TOM. Chiamavo solo per ricordarti che ti amo!"
Riesce difficile immaginare la saga di Mission: Impossible non senza Ethan Hunt, ma senza TOM CRUISE. Questi 4 episodi sono stati infatti soprattutto (unicamente?) uno sfoggio di TOMCRUISAGGINE e quindi la news che questo Protocollo fantasma possa rappresentare un passaggio di testimone dalle mani del Divo TOM CRUISE a quelle dell’ancora relativamente sconosciuto jeremy renner non sembrano così attendibili.
jeremy renner chi, chiede qualcuno seduto in fondo alla sala?
jeremy renner è stato il protagonista di The Hurt Locker e, mmm vediamo un po’… ha fatto anche The Town e… mmm, basta. Un CV ancora tutto da scrivere ma che per il momento non può certo competere con lo stardom supremo raggiunto da TOM CRUISE.


"TOM, vuoi parlare con TOM? Oddio, scusa OTTOM, quanto sei fissato!"
In attesa di scoprire se questo sarà davvero l’ultimo capitolo con TOM CRUISE protagonista, godiamoci intanto un breve tuffo nel passato.
Mission: Impossible 1: non mi era piaciuto. Ben orchestrato, realizzato in maniera impeccabile, con una notevole Emmanuelle Béart, con una magistrale scenona in cui TOM CRUISE stava sospeso nel vuoto, però Brian De Palma ha fatto moooolto ma moooooooooooooooolto meglio.
Mission: Impossible 2: non mi era piacito. Ricordo solo TOM CRUISE che si arrampica su una montagna, il tema musicale rivisitato in maniera esaltante dai Limp Bizkit, una regia di John Woo pseudo spettacolare, tanta noia.
Mission: Impossible 3: mi era piaciucchiato abbastanza. J.J. Abrams ci ha messo il suo tocco magico e ha regalato una maggiore umanità al personaggio di TOM CRUISE, in un film forse meno spettacolare ma più coinvolgente a livello emotivo rispetto agli altri.
E ora, attiviamo il Protocollo TOM CRUISE, intendevo il Protocollo fantasma.


"Lasciami! Solo TOM CRUISE può salvare TOM CRUISE!"
Per una serie action/spy come questa, per altro giunta ormai alla quarta puntata, la buona riuscita è dovuta, oltre alle buone condizioni di forma di TOM CRUISE, o più che a una sceneggiatura chissà quanto originale, alla buona orchestrazione delle varie scene d’azione. Delle coreografie, dei numeri spettacolari equivalenti alle canzoni in un musical. Per questo aspetto M:I 4 fa il suo porco dovere più che bene, tirando fuori delle trovate ad alto tasso di effetto “WOW!” che sembra di essere al circo più che al cinema, però il massimo che si può chiedere a una visione del genere è questo: venghino, signori, venghino!

"Mi scatto una foto da postare su Twitter per mostrare a tutti
quanto sono figo anche mentre sto rischiando di morire!"
Tra i numeracci della pellicola c’è una spettacolosa scena d’apertura, con la fuga di TOM CRUISE Ethan Hunt dal carcere grazie all’aiuto matrixiano di un Simon Pegg in versione Morpheus. Solo, più britannicamente cazzaro. Il suo personaggio contribuisce a dare maggiore umorismo rispetto agli altri episodi, anche se la battuta migliore spetta al jeremy renner, che dopo aver rischiato la vita in una mission impossible annuncia: “La prossima volta il riccone lo seduco io.”
Quindi c’è l’esplosione del Cremlino, cui TOM CRUISE riesce a sopravvivere per un solo motivo: è TOM CRUISE. Tra l’altro riesce pure a scappare dall’ospedale e persino quando fotte i vestiti in giro, la mission di TOM CRUISE è una e solo una: apparire il più cool possible. Anche con una felpa hoodie raccattata in giro, TOM CRUISE riesce a fare tendenza.
Nei giri all around the world di TOM CRUISE e dei suoi amichetti del momento, che in genere cambiano da episodio a episodio, c’è spazio anche per una capatina finale in India, ma la scena più spettacolare, esaltante e soprattutto inverosimile è quella tanto strombazzata a Dubai, sul Burj Khalifa, il grattacielo più alto del mondo. Ho le vertigini soltanto a scrivere il suo nome, nonostante mi faccia pensare più al rapper Wiz Khalifa che non a qualcosa di altissimo. Yo.
"Non sarai mai un TOM CRUISE!"
"Ma io... veramente... cercavo solo il bagno..."
In ogni caso, soffro talmente tanto di vertigini che quando da McDonald’s c’erano le patatine vertigo, me la facevo sotto a mangiarle e preferivo ordinare le chips normali. Per quanto notoriamente schifose meno buone.
TOM CRUISE invece non ha paura di niente. Altroché vertigini. Per lui è stata una passeggiata. Ma avrà girato davvero gran parte delle scene in prima persona?
Non importa saperlo. Così come non importa che le missioni di TOM CRUISE Ethan Hunt, lo dice il titolo stesso, siano mission umanamente impossibili. Se volete vedere del realismo, andate a riguardarvi un film di De Sica. Vittorio, non Christian. Quelli di quest’ultimo sono ancora più inverosimili. Vedere Belen Rodriguez o la Ferilli recitare? Una vera mission: impossible.

Merito della riuscita di quest’ultimo episodio, oltre a un TOM CRUISE in forma più TOMCRUISEGGIANTE che mai, va anche a BRAD PITT. No scusate, TOM CRUISE non divide la scena con un altro Divo. Volevo dire: Brad Bird, regista del poco incredibile Gli Incredibili che ha cercato di essere credibile alla sua prima prova live-action con attori in carne e ossa e muscoli, soprattutto quelli sfoggiati dal quasi cinquan-teen-ne TOM CRUISE. Un TOM CRUISE che nemmeno per mezza scena smette di ricordarci di possedere un fisico da far invidia a chi ha la metà, e pure ha chi a un terzo dei suoi anni.
"Dai Léa, muoviamoci a girare prima che TOM CRUISE
voglia comparire pure nell'unica scena in cui non è presente!"
Nonostante i meriti del Brad Uccello, il tocco di J.J. Abrams un pochino si sente ancora, visto che ha firmato il soggetto della pellicola insieme a TOM CRUISE e poi un po’ di “lostaggine” è garantita dalla soundtrack firmata con mestiere da Michael Giacchino e dalla presenza di Josh Holloway, l’ex James Ford (quello vero!) dell’isola di naufraghi che però qui avrà un destino alquanto sfigato. Esatto: lo fanno morire alla prima scena. Per mano di Léa Seydoux, la fighetta francese assassina spietata alla Nikita, ma attenzione perché se non vi piace lei c’è spazio anche per la figona di colore (ma non troppo di colore) Paula Patton. E nel cast multietnico che più multietnico non si può, per far feliz todo el mundo ci sono pure il solito super cattivone stereotipato Michael Nyqvist, l’uomo che odia le donne della trilogia svedese, e l’indiano Anil Kapoor, superstar di Bollywood apparso anche in The Millionaire come Gerry Scotti di turno e nell’ottava e ultima giornata di 24.
Ma il cast multietnico di turno è soltanto un contorno, poiché la portata principale, la sola e più importante, come forse avrete già intuito è un’altra:
TOM CRUISE
(voto 6,5/10)

21 commenti:

  1. Il protagonista di questo film assomiglia vagamente a Tom Cruise. Forse è solo il vicino di casa di Patrick Bateman.

    RispondiElimina
  2. Questo Tom Cruise dall'ego esagerato mi ricorda un altro personaggio della stessa risma: Tom Cannibal. Ahahahahahahaha!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Irriverent Escapadeaprile 02, 2012 11:57 AM

      Vero che non ti offendi, Young Cannibal, se ho pensato la stessa cosa di Mr Ford?

      Con una piccola differenza, Cruise non lo sopporto proprio..

      Elimina
    2. non capisco davvero perché la pensiate così, in fondo questo stupendo post è stato solo ideato, scritto e prodotto da quel genio assoluto di CANNIBAL KID :)

      Elimina
    3. Irriverent Escapadeaprile 02, 2012 9:48 PM

      quel genio assoluto, si ma soprattutto modesto direi..

      Elimina
  3. per caso, in questo film c'è anche TOM CRUISE?????

    RispondiElimina
  4. questo è carino,val bene una tripletta pizza-divano-dvd,anzi considerate le porcherie horror/avventura/azione degli ultimi mesi meglio tenerselo buono...il terzo era insopportabile(da qui ho iniziato a dubitare di jj abrams...e visto alcatraz non penso di aver sbagliato di molto!)e ha rischiato di far naufragare per sempre la serie...il primo è sempre il primo e TOM CRUISE era in forma spettacolare...il secondo è molto banalmente(con face off) il più importante film action degli ultimi anni:se non piacciono 'sti due significa che è proprio il genere che non ti sconfinfera!
    massimiliano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per me nel genere action Crank domina su tutto e tutti! :)

      Elimina
    2. Piaciuto mooolto ma non adorato,nonostante il mito assoluto Jason Statham!!!!
      massimiliano

      Elimina
  5. un divertente intrattenimento..fatto bene come effetti speciali e fotografia..per il resto la solita storia

    RispondiElimina
  6. Io nel film ho contato 10 Tom Cruise, ho visto giusto? :-D

    RispondiElimina
  7. ciao Marco
    buon inizio settimana
    questo film non l'ho visto, ma come tutti quelli in cui c'è Tom Cruise (credo di averli visti e stravisti tutti tranne questo) credo mi piacerà... infatti, si guarda più lui e le sue scene action che la trama in sé e per sé ... la calamita di ogni suo film è il suo sorriso che non invecchia mai ... ;-)

    RispondiElimina
  8. Risposte
    1. http://lecinematographique.blogspot.it/

      Elimina
  9. si sono meglio i primi mission impossible decisamente ^^

    RispondiElimina
  10. Strano che la colonna sonora non sia stata affidata a TOM CRUISE.

    RispondiElimina
  11. ahahahah sulla didascalia "Ciao TOM, sono di nuovo TOM" il sottoscritto è entrato in una sorta di loop in stile "Esercito delle 12 scimmie". Ci sono io, steso sul divano mentre leggo questo articolo, che guardo e riguardo me stesso crollare sul pavimento con le ossa frantumate come manco Samuel L. Jackson in "Unbreakable" (peraltro uno dei rari film su cui, ancora oggi, mi interrogo chiedendomi se mi è mai realmente piaciuto o se mi ha sempre fatto cagare).

    Fino ad ora, decisamente la recensione numero 1 del Cannibale per quel che mi riguarda. Boccheggio...ahahah

    RispondiElimina
  12. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  13. Ho adorato questo film come tutti gli altri MI.Perchè adoro TOM CRUISE che a parte le sue vaccate scientologiane è un figo da paura :P e riesce ad essere ancora credibile in film d'azione come questo!
    Tamarritudine,acrobazie,pim pum pam scenari mozzafiato aaaaaah viva TOM CRUISE XD XD XD e viva le fantastiche rece di Cannibal kid!!!! \m/ \m/

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com