lunedì 24 settembre 2012

I rimbambini di Cold Rock

I bambini di Cold Rock
(USA, Canada, Francia 2012)
Titolo originale: The Tall Man
Regia: Pascal Laugier
Cast: Jessica Biel, Jodelle Ferland, Stephen McHattie, William B. Davis, Samantha Ferris, Colleen Wheeler, Eve Harlow, Teach Grant
Genere: bimbi scomparsi
Se ti piace guarda anche: Happy Town (serie tv), Gothika, The Village

Little Cannibals, are you ready for some rock?
Noooooooo!
Are you ready for some Cold Rock?
Yeaaaaaaaah!

"M'hanno ridotta così solo perché ho fatto Settimo Cielo... Han fatto bene!"
Cari lettori cannibali, ecco per voi un po’ di sano rock. Facciamo anzi un po’ di Cold Rock, meno sano ma più inquietante.
Cold Rock è la classica cittadina da film americano. Sperduta nel nulla, grigia, minacciosa, piena di tizi angoscianti e con un’atmosfera che al confronto Twin Peaks sembra un’allegra meta di villeggiatura estiva. Un posto dalle parti di Seattle, in cui crescere non dev’essere il massimo della vita. Ve lo dice uno cresciuto a Casale Monferrato, una sorta di controparte italiana di Cold Rock.
Le giovani generazioni della cittadina si trovano dunque di fronte a un futuro oscuro, reso ancora più oscuro dal fatto che potrebbero non arrivarci vivi, a questo futuro. Perché?
Colpa di un mancato ricambio generazionale, di una classe politica (e non solo politica) ultra-centenaria, di una mentalità più vecchia dei Flinstones?
No, il motivo è più terra a terra. I bambini, un sacco di bambini di Cold Rock, spariscono. Nel nulla. Da un giorno all’altro. Ogni tanto, uno di loro viene preso. Catturato da una presenza minacciosa.
Chi è?
È The Tall Man, l’uomo alto, come lo chiamano in città. Lo spilungone che porta via i bambini di Cold Rock.
Sarà davvero così, oppure è soltanto una leggenda inventata dalla gente del posto, in una maniera analoga a quanto architettato dai bifolchi che abitavano il The Village di M. Night Shyamalan?

"Fermate l'autobus, è una questione di vita o di morte!
Ho finito i corn flakes e devo andare al supermercato a comprarli, altrimenti
domani il Reverendo Camden mi sevizia se non trova la colazione pronta."
Il film del francese Pascal Laugier, già autore dei cult horror Saint Ange e Martyrs che ancora devono passare sui miei schermi, inizia come il classico thriller horror americano. Una scritta inquietante spiega che ogni anno nei soli Stati Uniti scompaiono 800.000 bambini (ellamadonna!). Quindi ci viene mostrata una sopravvissuta a una strage. C’è la polizia che investiga. I titoli di testa sembrano la sigla di una serie tv dark. C’è la voce fuori campo di una ragazzina. C’è una ragazzina inquietante che non parla, mentre un’altra partorisce un bambino morto, prontamente resuscitato dall’eroica Jessica Biel.
Tutto nella norma. Il classico thrillerino-horrorino americano. Ben fatto, angosciante al punto giusto, con una scena di inseguimento da cuore in gola, però pur sempre il classico thrillerino-horrorino americano. O no?
A metà film, il colpo di scena.

ATTENZIONE SPOILER
Dopo una prima parte molto tesa ma parecchio tradizionale, il film sterza e prende un’altra direzione, più imprevedibile. Ho tirato su la scritta attenzione spoiler, ma non vi svelerò in cosa consiste. Era solo per mettervi sull’attenti inutilmente. E, nella parte finale, la pellicola prova a imboccare un’altra direzione ancora. Non del tutto riuscita, ma che comunque dona alla visione un messaggio piuttosto interessante sulle giovani generazioni e sulle loro speranze future.
FINE SPOILER (che in realtà non c’era)

Chiuso il capitolo pseudo spoiler, apriamo il capitolo Jessica Biel.

"Non mi risulta assolutamente di avere una faccia da pesce lesso..."
CAPITOLO JESSICA BIEL
Per me è un mistero come Jessica sBiellata possa essere una star, o una quasi star. Come bellezza è assolutamente convenzionale, quasi anonima. Tette? Niente. Culo? Discreto. Faccia? Non sarebbe male, non avesse sempre quell’espressione da pesce lesso addosso che si porta dietro fin dai tempi di Settimo Cielo. E qui veniamo a una questione cruciale: può un’attrice (o anche un attore) proveniente da Settimo Cielo risultare credibile in futuro?
Nah, direi di no. Non stiamo parlando di un passo falso. Quello può capitare, nella carriera di un'attore.  Ma qui stiamo parlando della PEGGIORE serie tv di tutti i tempi. E della famiglia più odiosa nella storia della televisione e delle famiglie in generale.
Dite che i Misseri sono ancora peggio? Mmm, può darsi, ma ci sarebbe da discuterne e comunque se la giocherebbero ai punti contro i maledetti Camden.
Considerando il fatto che sia stata lanciata da Settimo Cielo, la Biel si è costruita una credibilità attoriale quasi decente e allora forse è questo il segreto del suo successo: essere sopravvissuta alla famiglia Camden senza essere uscita del tutto di testa.
Per The Tall Man, Jessica B.L. è comunque la scelta perfetta. Perché la sua interpretazione è fenomenale? No, è perfetta perché ha una parte da buona o non-buona o cattiva o forse-non-così-cattiva. Non si capisce e non l’ha capito nemmeno lei. Almeno stando a giudicare dalla faccia da pesce lesso che presenta immutata pure qui. L'enigmaticità della sua (non) espressione risulta quindi l'ideale, per il suo enigmatico personaggio.
FINE CAPITOLO JESSICA BIEL

"Reverendo Camden, brutto maniaco, stai lontano da noi!"
Jessica Biel è convincente, quindi, ma non del tutto. Lo stesso vale per il film. Ha una prima parte da thriller puro davvero intensa, mentre nella seconda sa stupire con un paio di svolte niente male. La regia di Pascal Laugier è ottima. Solida e professionale nella parte di tensione, capace di qualche slancio autoriale in altri frangenti. Eppure c’è qualcosa che manca. Un non so che, che manca. Oltre a una voglia di stupire a tutti i costi, quella invece ben presente, che lascia un po’ perplessi.
Nonostante le perplessità e nonostante la Jessica sBiellata, è pur sempre uno dei migliori thriller-horror dell’annata, però i livelli dei miracolosi The Innkeepers e Quella casa nel bosco restano lontani.
Così come restano lontani anche i livelli di Settimo Cielo, probabilmente l’horror più spaventoso mai realizzato.
(voto 7-/10)

11 commenti:

  1. Tralasciando il noiosissimo Innkeepers sono d'accordo al cento per cento con quello che hai scritto, pensa te.
    Perfino, come dicevamo ai tempi in cui postai io questo film, rispetto a Jessica Biel! ;)

    RispondiElimina
  2. per me rimane una commercialata, mi rifiuto di vederlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma perché?
      non è particolarmente una commercialata, anzi...
      prometheus, quella sì è una commercialata :D

      Elimina
    2. bah... da fuori sembra una trashata alla silent hill...

      Elimina
  3. Sembra interessante, Saint Ange lo trovai abbastanza noiosetto, ma una seconda possibilità va data a tutti:D

    RispondiElimina
  4. Troppo contorto; costruito senza ispirazione, ma con un'unica idea messa giù con l'intento di stupire a tutti i costi.

    RispondiElimina
  5. Martyrs va visto assolutamente, uno dei film più sconvolgenti degli ultimi anni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. martyrs?!?! ma anche no... diamo un peso alle parole

      Elimina
    2. Mi associo a Lorant. Martyrs una schifezza galattica. Dunque probabilmente al Cannibale parrà una genialata! Ahahahahah!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com