giovedì 31 gennaio 2013

LES REVENANTS, QUANT’E’ CHIC LA RESURREZIONE?

Les Revenants
(serie tv, stagione 1, episodi 1-6)
Rete francese: Canal +
Rete italiana: non ancora arrivata
Creata da: Fabrice Gobert
Cast: Yara Pilartz, Jenna Thiam, Pierre Perrier, Céline Sallette, Frédéric Pierrot, Anne Consigny, Samir Guesmi, Guillaume Gouix, Clotilde Hesme, Ana Girardot
Genere: a volte ritornano
Se ti piace guarda anche: Lasciami entrare, Amabili resti, The Killing, Twin Peaks

Gesù Cristo, le persone possono resuscitare?
Ok, la tua risposta - di parte - sarà sicuramente sì, Gesù.
Allora mi correggo. Ho sbagliato la punteggiatura. Intendevo: Gesù Cristo, le persone possono resuscitare!
È proprio quanto capita in questa serie rivelazione: Les Revenants. E io lo sapevo. Io lo sapevo che prima o poi sarebbe successo. Dopo la strepitosa annata cinematografica avuta, la classifica dei film cannibali del 2012 sta a testimoniarlo, i francesi hanno spinto le loro mire coloniali anche al piccolo schermo.
Risultato?
Ce l’hanno fatta. Di nuovo. Pure qui hanno ottime possibilità di primeggiare. Maledetti. Li si odia, li si invidia, ma alla fine non si può non inchinarsi di fronte allo stato di grazia cinematografico e a questo punto pure televisivo in cui si trovano. Tutto questo mentre il cinema italiano versa in uno stato alquanto malconcio e, se provi solo ad accendere la tv anche solo per un istante, perdi i sensi.

"Hey, sei tu quello che chiamano il Cannibale?"
"No, non ho mica un blog sfigato di cinema, io..."
I francesi hanno tirato fuori una serie splendidamente realizzata, emozionante, tesa, misteriosa, di quelle che creano dipendenza e affezione. Les Revenants si ispira al film del 2004 Les Revenants - Quelli che ritornano di Robin Compillo, pellicola passata piuttosto inosservata, almeno dalle nostre parti. Per le sue atmosfere, si vede che il creatore Fabrice Gobert si è però ispirato e ha preso appunti anche dalle serie americane, Twin Peaks su tutte. Eppure, nonostante qualche richiamo ai telefilm d’Oltreoceano, Les Revenants emerge con una personalità francese, europea, vagamente dalle parti delle atmosfere dall’alternative horror svedese Lasciami entrare. Soprattutto, con una personalità sua. I colpi di scena ci sono, eccome, però non c’è la voglia di stupire a tutti i costi tipica di molte produzioni americane. Niente effetti e niente effetti speciali, solo affetti.
La rappresentazione è del tutto naturale e realistica, nonostante lo spunto di partenza mystery/fantasy non lo sia affatto. Lo spunto è infatti quello che vi anticipavo in apertura: delle persone che resuscitano. Non sotto forma di fantasmi, ritornano in carne e ossa. Sarà perché, come cantano i Baustelle, la morte non esiste più? Questi revenants non sono nemmeno zombie. Non propriamente. Non ancora. Hanno sempre una gran fame, ma non mangiano gli altri esseri umani. Per il momento.
A dirla tutta, un personaggio cannibale c’è anche, un assassino detto il Cannibale appunto, però cannibale lui forse lo era già prima di morire…

Les Revenants non è quindi una risposta francese a The Walking Dead, come qualcuno ha cercato di venderlo. È qualcosa di altro e qualcosa di più. Una serie molto umana lei, come direbbe Fracchia la belva umana. È una serie dai risvolti mystery, però è molto concentrata sui suoi personaggi, splendidamente sviluppati e ottimamente intepretati.
Ci sono due gemelline dai capelli rossi: Camille (Yara Pilartz, vista in 17 ragazze) è morta in un incidente sullo scuolabus, mentre Lena (Jenna Thiam) è cresciuta ed è diventata una teenager ribelle. C’è l’infermiera lesbica Julie (Céline Sallette, già negli splendidi Un sapore di ruggine e ossa e L’Apollonide) che è stata aggredita in un sottopassaggio mentre era vestita da Catwoman. C’è Simon (Pierre Perrier), giovane morto proprio il giorno del suo matrimonio e c'è Lucy Clarsen (Ana Girardot) che è una medium che comunica con i morti mentre fa sesso e ce ne sono altri, di revenants…

"Catwoman, guarda che se ti metti a cantare pure te come Anne Hathaway,
ti faccio fuori!"
In questa cittadina francese inquieta che fa apparire Twin Peaks o Sunnydale come dei luoghi normali in cui vivere, i morti ritornano in vita, un pazzo assassino cannibale è tornato ad aggredire, uccidere e mangiare le sue vittime, e in più ci sono degli animali ritrovati misteriosamente morti in un lago. Misteri su misteri che si intrecciano in maniera delicata, non sensazionalistica, mettendo sempre al centro le vicende e gli stati d’animo dei personaggi, più che cercando di shockare il pubblico.
La tensione per la voglia di saperne di più, per la voglia di scoprire cosa succede in questa cittadina è costante, e una parte del merito va alla colonna sonora eccellente dei Mogwai, gruppo scozzese post-rock che nel nome omaggia il film I Gremlins e che non è nuovo alle soundtracks francesi, avendo già realizzato le musiche per il documentario Zidane, A 21st Century Portrait. Una band che realizza cose notevoli fin dagli anni ’90, ma che con questa colonna sonora ha realizzato forse la soundtrack per una serie tv più bella sentita dai tempi di… Twin Peaks. Il già citato Twin Peaks. E se continuo a nominarlo, vuol dire che un motivo c’è e l’unica altra cosa che posso dirvi è quindi quella di non perdervi questa serie per niente al mondo.
In Francia sta avendo un notevole successo e prima o poi magari arriverà anche in Italia. Nel frattempo ve la potete già godere in lingua originale con sottotitoli realizzati sia da Italiansubs che da Subsfactory.
C’è poco da fare. I francesi non si può fare a meno di amarli, in questo periodo. Amarli e invidiarli.
(voto 9/10)


18 commenti:

  1. Premesso che non una cippa di questa serie (a parte quello che ho appena letto) NON POSSO NON CHIEDERMI ancora una volta PERCHE' I MANGIARANE siano così originali nel cinema, nel teatro, nell'arte... E NOI NO
    Forse noi siamo pigri e ripetitivi e a loro piace cambiare?
    Forse il '68 da loro ha davvero stimolato l'IMMAGINAZIONE AL POTERE, mentre da noi è stato solo un casino sterile?
    Forse loro accolgono volentieri chi viene dall'estero: l'ing. EIFFEL, EUGENE IONESCO, VAN GOGH, MONICA BELLUCCI ecc...

    RispondiElimina
  2. Più che incazzarmi perchè noi non riusciamo ad essere come i francesi (ma già avvicinarsi al livello televisivo dei canadesi mi andrebbe bene...) mi fa più rabbia che i francesi inizino anche loro a seguire gli inglesi sul formato delle stagioni brevi. Solo 6 episodi?
    Che brutta notizia che mi hai dato cannibale!
    Peccato perchè dopo aver visto i primi 4 mi stava prendendo parecchio. Chapeau! Mi viene da dire solo questo.

    PS: Sarei poi curioso di conoscere il tuo parere su "Banshee". Per me, insieme a "Les Revenants", miglior serie d'inizio 2013 a mani basse!

    Namaste

    RispondiElimina
    Risposte
    1. di les revenants ci sono 8 episodi.
      io per ora ho visto i primi 6, sono in attesa dei sottotitoli degli altri 2...

      di banshee ho visto solo il primo episodio. non mi ha convinto molto, però poi magari migliora...

      Elimina
  3. Dopo un voto così alto dato da te caro Marco, che mi sembri piuttosto severo nei tuoi giudizi, è impensabile perderlo...
    E infatti non lo prederemo..
    Ti farò sapere ...buona serata!

    RispondiElimina
  4. 9 su 10 e la colonna sonora dei Mogwai. Questi mi sembrano già due dati che depongono a favore di questa serie...mi sa che vado a dare una spolverata al mio francese!

    RispondiElimina
  5. Ho già la prima puntata sottomano! :)

    RispondiElimina
  6. Piace molto anche a me, serie parecchio tesa ed elegante, con una trama kinghiana che si svela poco a poco con gran maestria. :)

    RispondiElimina
  7. I’m not that much of a internet reader to be
    honest but your blogs really nice, keep it up!
    I'll go ahead and bookmark your website to come back down the road. Many thanks
    Also visit my web site ; blackrock muniyield quality fund

    RispondiElimina
  8. Ho già detto la mia. Meraviglia. Stupendo. Maledetti. Francesi odiosi, ma cazzo non ne sbagliano una. Maledetti ;)

    RispondiElimina
  9. Una serie sublime. Il pilot è un capolavoro.

    RispondiElimina
  10. figata! finito ora di vedere l'ultima puntata ma non riesco a immaginare come si possa sviluppare la seconda stagione

    RispondiElimina
  11. Ho visto ieri sera le prime due.
    Spettacolari, un tiro della madonna.
    Che invidia

    RispondiElimina
  12. Come resistere al tuo entusiasmo, la colonna sonora e lo splendido trailer?
    Corro a procurarmi il primo episodio!

    RispondiElimina
  13. Sto guardando proprio adesso questa serie, e mi sono detta "figurati se non c'è una recensione cannibale" e infatti!
    Sono solo alla quinta puntata ma posso dire che è una delle serie più belle degli ultimi tempi, e sono felice di trovarti d'accordo.

    RispondiElimina
  14. ray ban sunglasses, http://www.raybansunglass.us.com/
    cheap jordans, http://www.cheapjordanshoes.in.net/
    montblanc pens, http://www.montblanc-pens.com.co/
    jordan shoes, http://www.jordanshoes.us.com/
    true religion outlet, http://www.truereligionoutletstore.us.com/
    ugg boots, http://www.uggboot.com.co/
    michael kors handbags, http://www.michaelkorshandbag.co.uk/
    michael kors outlet store, http://www.michaelkorsoutlet-store.us.com/
    abercrombie and fitch, http://www.abercrombie-fitch.us.com/
    coach outlet store, http://www.coach-outlet-store.us.com/
    michael kors outlet, http://www.michaelkorsusa.us/
    swarovski crystal, http://www.swarovskicrystals.co.uk/
    oakley sunglasses, http://www.oakley.in.net/
    prada outlet, http://www.pradaoutlet.us/
    air max 2015, http://www.airmax2015.in.net/
    michael kors outlet, http://www.michaelkorsoutletonlinestores.us.com/
    ghd hair straighteners, http://www.ghdhairstraightenerssale.co.uk/
    michael kors handbags, http://www.michaelkorshandbags.in.net/
    juicy couture outlet, http://www.juicycoutureoutlet.net/
    tiffany and co jewelry, http://www.tiffanyandco.in.net/
    nike air max shoes, http://www.nikeairmaxshoess.co.uk/
    coach outlet online, http://www.coachoutletonline.in.net/
    michael kors outlet, http://www.michaelkorsoutletusa.net/
    prada shoes, http://www.pradashoes.us/
    louis vuitton handbags, http://www.louisvuittonhandbags.org.uk/
    2015921caihuali

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com