venerdì 21 febbraio 2014

IL FESTIVAL DI SANRENZO ARCORE




Il tema del Festival di Sanremo di quest'anno è La grande bellezza.
Non ci credete? In effetti di bellezza nella prima e nella seconda puntata non se n'è vista e, a parte le splendide esibizioni di Damien Rice e Rufus Wainwright, di certo non se n'è nemmeno sentita.
La grande bellezza non è quella che può essere per me, per te o per gli italiani in generale, ma è La grande bellezza secondo Fabio Fazio.
Fazio, ti sei rotto le palle di essere definito buonista?
Bene, ti accontento io. Altroché buonista, Fabio, tu sei un dittatore del cazzo.
Se io fossi il direttore artistico della kermesse al suo posto, non imporrei i miei gusti. Cercherei di accontentare diversi tipi di pubblico. Sanremo è uno spettacolo nazional-popolare, deve rivolgersi a tutti. Non solo a quelli che hanno i gusti come Fazio, ovvero gli Over 80. E non mi si dica che tutti gli italiani hanno dei gusti del genere, visto che gli ascolti disastrosi della seconda e di questa terza serata dimostrano il contrario.
L'idea di grande bellezza fabiofazista sono delle terrificanti canzoni napoletane intervallate da battutacce di Renzo Arbore che non fanno ridere manco per sbaglio e, visto che anche l'occhio vuole la sua parte, spazio alla grande bellezza femminile con la Carrà e le gemelle Kessler.
Genere MILF?
No, genere DILF (Dead I'd Like to Fuck).
L'idea di grande bellezza proposta da Silvio Berlusconi nei suoi festini ad Arcore invece è: musica napoletana uè uè, battute abominevoli ricche di stereotipi e già sentite ai tempi di Garibaldi, con in più come contorno della gnocca.
Ecco, esattamente la stessa idea di Fabio Fazio. Gnocca a parte, che quella sia mai, che schifo!
Scusate, ma io a questo punto, dovendo scegliere tra le due, preferisco la bellezza berlusconiana.

La grande bellezza di Fabio Fazio ricalca inoltre punto a punto quella del film di Paolo Sorrentino.
La musica trash di Raffaella Carrà?
Presente.
La vecchina bicentenaria?
Ce l'abbiamo avuta, e anche più di una.
Gli abiti kitsch che manco Serena Grandi?
A bizzeffe.
Le esibizioni più o meno artistiche e più o meno radical-chic?
Quelle un sacco, sia in gara che fuori gara.
A questo punto mancano solo le tette della Ferilli che quelle, nel Sanremo castrato di Fazio ce le possiamo scordare, e la performance pazzesca della bambina che fa action painting. Pure quella, considerando lo spazio che sta dando ai giovani il conduttore di Che tempo di merda che fa, ce la possiamo solo sognare.
A parte questa mancanze, La grande bellezza di Sanremo è parecchio vicina a La grande bellezza di Sorrentino.
Quello che, forse, a Fabio Fazio è sfuggito è che il film è un ironico massacro di questo schifo di cultura italiota, mentre il suo Sanremo ne è una celebrazione. C'è giusto questa piccola differenza.


Dopo questo mio lungo monologo-sfogo littizzettiano, per cui vi chiedo scusa, passiamo alle cose belle...
Una cosa bella nel corso della serata c'è stata, ma per quella si è dovuto aspettare un bel po'. Cominciamo allora prima con le cose meno belle: i cantanti in gara.

Renzo Rubino
Un uomo posseduto, manco cantasse un pezzo così travolgente.
Della canzone mi piacciono i coretti "Aaaah aaaaaaaah", mentre del resto farei anche volentieri a meno.
(voto 6/10)

Dicono su Twitter
Togliete i piragna dalle mutande di Renzo Rubino

Rubino sono due accordi del cazzo, stai calmo.

è il classico cantante che piace alle mamme


Giusy Ferreri
Da quando la Giusy ha smesso di imitare Amy Winehouse, sto cercando di capire chi cerchi di scopiazzare adesso. In attesa di scoprirlo, non mi dispiace nemmeno troppissimo.
Lo so, sono troppo buonista, stasera. Che palle. Mi faccio più schifo di Fazio.
Non trovo niente da dire nemmeno sul suo abito, perché come puoi commentare in modo cattivo qualcuno che si vuole così male da vestirti in codesto modo?
(voto 6/10)

"Sì, il mio abito è stato approvato dall'Associazione Italiana Non Vedenti."

Frankie Hi-Nrg
Abito grigio subito segnalato alla Polizia della Moda.
La canzone al primo ascolto mi sembrava simpaticosa. Al secondo la trovo già odiosa. Un buon segno, non per Frankie ma per la mia sanità mentale.
(voto 5,5/10)


Raphael Gualazzi e Bloody Beetroots
Il pezzo di Raphael Gualazzi e Bloody Beetroots non sarebbe malvagio.
Se solo non ci fosse Raphael Gualazzi.
(voto 6/10)


Cristiano De André
Al primo ascolto l'avevo sopravvalutato.
Adesso mi sembra che abbia la carica rock di un...
di un Fabio Fazio. Ecco, l'ho detto.
(voto 5/10)

Cristiano De Andrè sta invecchiando così bene che sembra Stefano Ricucci.

la canzone di de andré figlio fa veramente schifo

Mi piacerebbe avere il corpo di Cristiano De Andrè. Per farlo a pezzi.

C'è stato poi spazio per un buonistimissimo monologo di Luciana Littizzetto ricco di battute stereotipate che non facevano ridere e per il ballerino Dergin Tokmak che ha dimostrato come anche con le stampelle si possa ballare molto, ma molto meglio di Fabio Fazio.

Lucy belle parole ma in Italia è come il buon gusto per Anna Tatangelo: non ci arriva.

Il monologo di luciana littizzetto ha così tanto luoghi comuni che ha fatto richiesta per diventare provincia

Ah ma non é il festival di Sanremo é Rieducational Channel.


A sorpresa è arrivato uno dei pochi momenti originali e direi cool di questa edizione del Festival: un gruppo a cappella ha preso possesso dell'Ariston. Gli autori di Sanremo evidentemente hanno scoperto l'esistenza dei flash mob e della serie musical Glee. Giusto con qualche anno di ritardo, ma meglio tardi che mai.

L'ho sempre sospettato che tra il pubblico ci fossero cantanti più bravi che sul palco


Francesco Sarcina
Le vibrazioni di fastidio che mi regala Francesco Sarcina, nessuno mai.
E poi basta con 'sti selfie.
(voto 3/10)

KANYE SBUCA DAL NULLA E INTERROMPI QUALCUNO TI PREGO


Perturbazione
I migliori, senza storia.
Cosa che significa che arriveranno ultimi o penultimi nella classifica ufficiale, ma vinceranno il premio della critica. O forse il televoto ci regalerà delle sorprese?
(voto 7,5/10)


Francesco Renga
Non ce l'ho più fatta a risentirlo.
(voto 2/10 sulla fiducia)
Devo ammettere che Francesco Renga ha creato un nuovo genere musicale: La canzone pallosa.


Riccardo Sinigallia
Mi piace.
La canzone non è bella quanto quel gioiellino di "Bellamore", ma quasi.
(voto 7/10)

Ah Riccardo, cambiati i vestiti che cominciano a puzzà.

Renzo Arbore
La domanda era: riuscirà a fare peggio del Claudio Baglioni di ieri?
Risposta: sì. Non credevo fosse possibile, però sì.
Uno dei momenti più brutti, tristi, lunghi nella storia di questo Sanremo e della televisione italiana tutta. E poi ci chiediamo perché all'estero ci vedono così...


, 60 anni in tv. Che sia forse arrivata l'ora di levarsi dalle palle?

Che palle quando in tv devono sempre elogiare qualcuno come se fosse stato un Gesù Cristo sceso in terra, CHE PALLE.

Probabilmente il pubblico che potrebbe apprezzare questo è per l'80% morto.

: ti sei alzato direttamente da tavola che hai ancora il bavaglino al collo?

Arbore finge di essere rincoglionito. Fazio no.

Ma l'Ariston il resto dell'anno è un reparto geriatrico?

Mi sento fuori luogo. Con luogo intendo l'intero sistema solare.

Arbore sembra nonno Simpson preso dai racconti sconclusionati sulla guerra

Mirare alla testa. Come agli zombie.

Ah, la grande canzone napoletana! Uno dei motivi per i quali mi pento di non essere nato in Groenlandia

A Sanremo si alzano per Arbore. Come sull'autobus. [mangiabinari]

Una mia durante le battute di Arbore...


Noemi
Minkia, la musica ggiovane di questo Sanremo!
Ecco, non è questa.
Grazie al suo look, pare inoltre che Ryan Murphy l'abbia ingaggiata per lo spinoff europeo della sua serie American Horror Story che si chiamerà Italian Horror Story: Sanremo e si preannuncia come la stagione più spaventosa fino ad ora.
(voto 5,5/10)

Dopo Arbore anche Noemi celebra Napoli. Indossando un sacco della spazzatura. [


Antonella Ruggiero
La morte.
Della musica?
No, la morte è basta.
(voto zero/10)

Giuro che se cantasse in coreano capirei molte più parole


Arisa
Rispetto al primo ascolto, il pezzo è un pochino migliorato. O - cosa probabile - sarà solo che dopo Antonella Ruggiero anche un dito nel culo risulterebbe piacevole.
(voto 6/10)


Ron
Mumford & Ron e la sua personale versione del folk.
Sono profondamente deluso perché da lui mi aspettavo di molto peggio.
(voto 5+/10)


Giuliano Palma
Lui è il preferito di mia mamma, che prima di questo Festival non l'aveva manco mai sentito, quindi non dirò cattiverie sul suo conto. Anche perché non dispiace nemmeno a me e la firma sul pezzo di Nina Zilli si sente. Sale sul podio dei miei preferiti con Perturbazione e Riccardo Sinigallia.
(voto 6,5/10)

Giuliano Palma con gli occhiali

Giuliano Palma senza occhiali

Damien Rice ce lo stanno facendo proprio sospirare. Prima di farcelo sentire, arriva direttamente dal film Gravity l'astronauta Luca Parmitano.

, la domanda che tutti ti vorrebbero fare è: "Ma anche visto dallo spazio il Festival di fa così cagare?"

Damien Rice
"Cannonball" stupenda.
"The Blower's Daughter" vabbè, ciao a tutti!
Il momento più bello del Festival di quest'anno. Forse anche dei Festival di tutti gli anni.
E c'è gente che sta ancora a ballà con Arbore, ma andate a morì ammazzati!
(voto 1000)

Ognuno ha i suoi Baglioni. Sniff.
Dopo il momento, l'unico momento di grande bellezza della serata, so' cazzi di chi viene dopo.
E chi arriva dopo la mezzanotte, ultima ruota del carro del Festival?
I Giovani.

Rocco Hunt
Rap campano in stile Clementino. Finalmente uno che non parla d'ammore.
Bravo guagliò.
(voto 6+/10)

"No, non ho 8 anni. Ne ho 20."

Veronica De Simona
Giovani Laure Pausini crescono.
E noi non è che dobbiamo vederle crescere per forza.
(voto 3/10)



Robert The Niro
Non è Damien Rice, oookay, e le sue canzoni in inglese sono meglio, però rispetto agli altri giovani in gara e pure alla gran parte dei Big è di un altro pianeta.
Anche se devo dire che da lui mi aspettavo qualcosina di più...
(voto 7/10)

The Niro non può gareggiare coi giovani ma dovrebbe sbaragliare i big.


Vadim
Bah, giusto in Italia possiamo considerare giovane uno così.
(voto 1/10)

Il brano di si chiama "La modernità". Se non altro non possiamo dire che gli manchi l'autoironia.

Ho come l'impressione che Vadimm abbia un disperato bisogno di figa

Mi dicono che c'è un altro giovane in gara: Toto Cotugno


Chi ha passato il turno?
A sorpresa i due giovani migliori: The Niro e Rocco Hunt. Se ne vanno invece giustamente a casa la Caterina Caselli anoressica vestita con un centrotavola e il becchino.

La serata si è rivelata nel complesso meno tragica rispetto alla seconda, se non altro per l'alternarsi più veloce delle canzoni e per la memorabile doppietta di Damien Rice, però certo che con Renzo Arbore la tv italiana ha toccato un nuovo punto basso.

Chiudo, ma solo per oggi, il resoconto sanremese con la classifica provvisoria dei Big al Televoto.
Ecco come hanno votato gli italiani fino ad ora.

  1. Francesco Renga - "Vivendo Adesso"
  2. Arisa - "Controvento"
  3. Renzo Rubino - "Ora"
  4. Perturbazione - "L'Unica"
  5. Raphael Gualazzi & The BloodyBeetroots - "Liberi O No"
  6. Cristiano De André - "Il Cielo È Vuoto"
  7. Giusy Ferreri - "Ti porto A Cena Con Me"
  8. Antonella Ruggiero – "Da Lontano"
  9. Noemi - "Bagnati Dal Sole"
10. Riccardo Sinigallia - "Prima Di Andare Via"
11. Francesco Sarcina - "Nel Tuo Sorriso"
12. Giuliano Palma - "Così Lontano"
13. Ron – "Sing In The Rain"
14. Frankie Hi-Nrg - "Pedala"

quarti, significa che la gente che televota ha sviluppato un buon gusto? Ah no, c'è primo.

40 commenti:

  1. Ho notato anche io un filo di miglioramento ieri sera...quindi Sanremo l'ha vinto Damien Rice,giusto?VERO?
    E comunque Noemi era vestita da Venom...ne sono sicura!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il mio festival l'ha sicuramente vinto lui.
      quello di fazio lo vincerà probabilmente renga...

      Elimina
  2. Condivido pienamente il tuo monologo iniziale (vedi sei in tema con questa edizione di Sanremo dove anche il cestino della spazzatura fa un monologo sul palco). E chiedo che tu sia scelto al posto della Littizzetto nella prossima edizione :P
    Ieri sera abbiamo raggiunto l'apice della geriatricità in questa edizione, che spero non venga mai superata. I quaranta minuti di Arbore li ho passati con un misto di imbarazzo e disgusto, anzi ora che ci penso forse era pena.
    Ridateci il festival nazionalpopolare, le baracconate della Clerici, i casini di Morandi, guarda rivoglio anche Pippo! Almeno qualche ospite decente lo portava sul palco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bene, allora non resta che convincere i vertici rai e poi andrò ufficialmente a sostituire la litti :)

      Elimina
  3. Quest'anno non mi ispira per nulla Sanremo, ma i tuoi post sulla manifestazione sono sempre esilaranti :D ottimi anche i tweet vedi quello sul pubblico vero di Arbore ed il nuovo genere di Renga :D Giusy Ferreri secondo me ha visto Uomini che odiano le donne in versione svedese, ha un non so che di Noomi Rapace/Lisbeth Salander

    RispondiElimina
    Risposte
    1. perché, gli altri anni ti ispirava?
      ahaah :)

      è vero, giusy ferreri è passata dal copiare amy winehouse a lisbeth...

      Elimina
  4. Ho avuto la brillante idea di sintonizzarmi mentre la Littizzetto faceva il suo monologo delle tette, dei culi e della donna senza braccio: una cosa a dir poco imbarazzante per non dire penosa, la sagra del clichè. Fazio è peggio di un prurito intimo. Arbore mi è sempre stato sui marroni e sempre ci starà. Aridatece Pippo Baudo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. rimpiangere baudo rende bene il trauma che è quest'ultima edizione :)

      Elimina
  5. A me The Niro non piaceva. Alla canzone non ho prestato tanto ascolto perché ero occupato a dire quanto facessero schifo i suoi falsetti.
    La biondina l'ho vista in The Voice: lei molto caruccia - per quel che posso capirne, il suo vestito mi piaceva pure - ma la canzone era La notte di Arisa 2.0. Lo scugnizzo napoletano mi piace, ma molto probabilmente è più "big" lui di Rubino: su Facebook è notissimo - io non l'ho mai visto ieri - quindi abbiamo il vincitore, anche se a me piace quello che ha cantato per primo tra i giovani, l'altro ieri. Tra le canzoni dei vip(s): mi piace Arisa, la Ferreri, i Perturbazione, Palma. Molto radiofonica - anche se non telegenica - Noemi. Manco Gualazzi mi dispiace e Rubino è anche bravo, ma si dimena peggio di Quaid in Great Balls of Fire. Immenso Rice.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. * non l'ho mai visto prima.

      Elimina
    2. te ne piacciono già parecchi... beato te :)

      Elimina
  6. Sono stata tentata di vederlo per Damien Rice (che recupererò) e per commentare sul pezzo il post che avrei letto oggi, ma sono stata colta da narcolessia e alle 21,15 ronfavo sul divano, alle 23 ho riaperto gli occhi, messo a registrare Zoro e sono tornata a dormire, tanto c'era chi faceva questa fatica per me... .
    Ci sono effetti collaterali? Scusa, non ti conosco, ma non vorrei tu restassi in qualche modo danneggiato da questa esperienza... :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 21:15?
      sanremo è davvero miracoloso per far cadere narcolettici :)

      gli effetti normali di sanremo sono: nausea, mal di testa, istinti omicidi.
      quelli collaterali sono il mettersi a canticchiare qualcuna delle canzoncine in gara. cosa che quest'anno non è capitata, visto che di canticchiabile c'è davvero ben poco...

      Elimina
  7. In questa settimana hai aumentato il tuo regime usuale di droghe e alcool per sopportare 'sta roba!? ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. certo che sì.
      ho cominciato persino a bere white russian ahah

      Elimina
  8. Goi troppo buono! Sanremo ti fa male! A me questa puntata ha fatto più schifo della seconda. Rice alza la media, ma Arbore la fa precipitare. Come hai detto tu parlare di "grande bellezza" è autofottersi visto il significato del film che pure i sordi hanno capito e la scelta musicale è pessima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. arbore è stato micidiale.
      però la marea di insulti che gli sono piovuti addosso da me e da altri su twitter hanno fatto passare persino la sua infinita ospitata.
      secondo me adesso è ancora lì all'ariston a cantare insieme a baglioni :)

      Elimina
  9. Io la chiamerei "La grande tristezza". Damien Rice, povero, non doveva farne parte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. evidentemente era ignaro di ciò che sanremo in realtà fosse.
      ovvero tutto tranne un festival della musica...

      Elimina
  10. ..Arbore non lo vedo dai tempi di 'Quelli della notte'. Poi è morto, come succede a tutti , anche a me, ma non è stato seppellito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma va là, che tu sei un giovanotto ;)

      Elimina
  11. 'Azz..Il vero spettacolo è qui! Complimenti per la trasmissione!
    Io continuerò a non guardare l'originale: è sicuramente più salutare leggerne la cronaca qui.
    Grande!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il più grande spettacolo dopo il big bang...
      no, quello non è qui :)

      Elimina
  12. non mi son persa niente insomma ahahah inutile dire che ho fatto bene ad andare a vedermi Dallas Buyers Club :D
    stasera sono a casa quindi.. forse.. dico forse, se ho la forza, tenterò di vederlo.. non sò con quale coraggio... @_@

    RispondiElimina
    Risposte
    1. damien rice te lo puoi recuperare in rete.
      per il resto no, non ti sei persa niente... niente di bello, almeno :D

      Elimina
  13. Risposte
    1. sì, il resto dell'anno, quando non fa sanremo, si trasforma in un metallaro
      XD

      Elimina
  14. Ahahahahahahah! io sto ridendo per Mumford&Ron... comunque se ieri non c'era Rice, era tutto da buttare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. una decina di minuti ottimi contro 4 ore di strazio.
      è stata davvero una dura prova di resistenza :)

      Elimina
  15. ahhhh...amorevole amico mio, che piacere il rileggerti questa sera...e allora quasi quasi penso che domani non scriverò nulla, ma leggerò il tuo resoconto, perfetto come un orologio svizzero , perchè mi sonoo sgonfiata veramente nel sentire ( molto poco ma mi basta) questo strazio...
    Ciao Marcolino, resisti , ma non buttare la tv dalla finestra!::))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questa promessa sai già che non posso mantenerla :)

      Elimina
  16. stamattina ho assistito a un breve spezzone di "unomattina" in cui il pezzo con Arbore veniva osannato. In studio erano presenti Achille Bonito Oliva e Francesca Reggiani. I conduttori non facevano altro he dire "grande Arbore". Io ho ascoltato e mi sono reso conto che ha riproposto sempre le solite canzoni.

    Nella setttimana di sanremo in ogni canale i sono vecchi cantanti che ripropongono vecchie canzoni. Una su tutte: la zanicchi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e io che pensavo che il festival fosse vecchio...
      ciò che gira intorno al festival lo è ancora di più *___*

      Elimina
  17. Stasera, cambia canale: scegli il controfestival ! :)

    RispondiElimina
  18. Non seguo il festival( ebbene si..mi voglio ancora bene) ma i tuoi riassunti sono esilaranti e velenosi...bravissimo...

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com