mercoledì 30 aprile 2014

THE TO DO LIST, IL NYMPHOMANIAC DELLE COMMEDIE AMERICANE




The To Do List
(USA 2013)
Regia: Maggie Carey
Sceneggiatura: Maggie Carey
Cast: Aubrey Plaza, Johnny Simmons, Scott Porter, Bill Hader, Alia Shawkat, Sarah Steele, Rachel Bilson, Andy Samberg, Christopher Mintz-Plasse, Donald Glover, Clark Gregg, Connie Britton, Nolan Gould, Adam Pally, Jack McBrayer
Genere: anni novanta
Se ti piace guarda anche: Easy Girl, C’era una volta un’estate, American Pie, Suxbad, Non è un’altra stupida commedia americana, Ragazze a Beverly Hills

Come forse saprete, mi piace leggermente fare liste. Roba che il protagonista di Alta fedeltà è un pivello al mio confronto. Ispirato dalla visione di The To Do List, pellicola in cui Aubrey Plaza è una liceale che decide di compilare la lista delle “maialate” sessuali da fare prima di andare al college, vi propongo la mia personale lista di cose che vorrei fare, non prima dell’università, che con quella già ho dato, ma prima di morire.

The To Do List Cannibale
  • Farmi almeno una Spice Girl. Posso accettare persino Sporty Spice.
  • Incontrare una come Joe o B di Nymphomaniac su un vagone di Trenitalia.
  • Farmi frustare da Lars von Trier.
  • Fare un motoscafo tra le tette di Kate Upton.
  • Farmi Jennifer Lawrence. Non importa come e non importa quando. Va bene anche quando sarà una vecchia decrepita sul letto di morte.
  • Avere un figlio. Possibilmente con Britney Spears. E poi possibilmente abbandonarlo di fronte a una scuola di magia stile Hogwarts.
  • Farlo con una pornostar. Valentina Nappi, se per caso stai leggendo, questa è una richiesta ufficiale.
  • Organizzare un’orgia party con i Daft Punk che fanno da dj.
  • Partecipare a un Bunga Bunga party e poi essere pagato a vita da Berlusconi per non raccontare quanto successo.
  • Vedere Hollywood che sputtana un mio romanzo/racconto, ma mi copre di denaro mentre mi fotte.
  • Far diventare Pensieri Cannibali un sito più visitato di YouPorn.
  • Guardare il film The To Do List. ✓

L’ultima l’ho messa, così almeno una cosa posso spuntarla subito via dalla lista. The To Do List ho appena finito di guardarlo, dietro consiglio di Valentina che ringrazio, e mi ha esaltato come poche altre pellicole viste negli ultimi tempi. Questo è in pratica il film cannibale per eccellenza. È una commedia teen americana volgare e politically incorrect al punto giusto, ha una protagonista super alternative come la nuova diva indie Aubrey Plaza, ha una colonna sonora bomba ed è ambientato negli anni ’90.
90s is the new 80s. Dopo il revival degli anni ’80 che ormai ci stiamo lasciando alle spalle, adesso è arrivato il momento di ripescare il decennio successivo. Cosa che da una parte mi riempie di gioia, essendo la decade in cui sono cresciuto, e dall’altra mi mette una gran malinconia, visto che significa che sto davvero invecchiando.

The To Do List è tutto quello che si può chiedere a un film teen. Se non mi credete, facciamo una lista delle cose che ci devono essere in una pellicola adolescenziale come si deve e poi vediamo:

  • Tipa nerd che trova un lavoretto estivo che rappresenterà un passo fondamentale nella sua crescita personale ✓
  • Tipa nerd che si innamora del tipo figo ✓
  • Tipo nerd che si innamora della tipa nerd innamorata del tipo figo (Scott Porter delle serie Friday Night Lights e Hart of Dixie) ✓

  • Tipa nerd che poi non è così nerd e si rivela un bel vaccone ✓
  • Tipo nerd interpretato da Christopher Mintz-Plasse ✓

  • La sorella figa (Rachel Bilson, la Summer di The O.C. che qui ha in pratica lo stesso ruolo ed è sempre gnocca uguale) ✓

  • Amiche della protagonista sessualmente più esperte di lei ✓
  • Tipo grunge interpretato dal geniale Andy Samberg ✓

  • Un genitore spaventato all’idea di parlare ai figli di sesso (l’agente dello S.H.I.E.L.D. Clark Gregg) e l’altro che invece non vede l’ora di farlo (la MILF tv per eccellenza Connie Britton, quella delle serie Nashville, Friday Night Lights e American Horror Story stagione 1) ✓
  • Genitori che vedono i figli fare sesso ✓
  • Figli che vedono i genitori fare sesso ✓

The To Do List combina in pratica gli elementi fondamentali delle pellicole ormai super classiche degli anni ’80 di John Hughes, il memorabile Sixteen Candles – Un compleanno da ricordare su tutti, con i filmetti trash goliardici degli anni ’90/primi anni zero come American Pie e Non è un’altra stupida commedia americana. Sembra una puntata di Beverly Hills 90210, però riletta in chiave quasi parodistica ma non del tutto. C’è infatti un grande rispetto per gli anni ’90, citati in continuazione attraverso i poster della protagonista, attraverso gli abiti e le acconciature oggi inguardabili dei vari personaggi, e naturalmente attraverso le canzoni, che vanno dagli Spin Doctors alle Salt-N-Pepa e dai Cranberries a Marky Mark.

"E adesso quale altra lista dovrò inventarmi per superare quelle cannibali?"
C’è un grande rispetto per i 90s, ma allo stesso tempo c’è la voglia di andare oltre. Si può dire che in questo film non c’è niente che non si sia visto nelle pellicole e nelle serie tv di quel decennio e se il protagonista fosse un ragazzo, come il Jimbo di American Pie, sarebbe anche vero. Eppure un fattore di novità c’è. The To Do List è una pellicola profondamente femminista, in cui si va oltre la solita trama da romcom dove la ragazza di turno per raggiungere la vera felicità deve per forza trovare un bravo ragazzo, il grande amore della sua vita, e accasarsi. La protagonista di The To List è invece una ragazza indipendente che scopre a sue spese le gioie, così come i dolori, del sesso. Come Joe di Nymphomaniac, solo che questa è una commedia spassosa e leggera, ci sono meno, diciamo mooolte meno scene esplicite, e l’autore non è un pazzo maniaco geniale come Lars von Trier, bensì la più modesta esordiente Maggie Carey. La regista alle prime armi dimostra di essere dietro la macchina da presa ancora acerba, mentre come sceneggiatrice possiede già una buona consapevolezza dei propri mezzi. Non avrà realizzato la pellicola più originale del mondo, eppure il suo stile è fresco e ricorda quello della Diablo Cody dei primi tempi.
In pratica, The To Do List è la teen comedy più figa vista da molto tempo a questa parte. Oserei quasi dire dagli anni Novanta. Da mettere subito in cima alla lista dei film da vedere.
(voto 7,5/10)


23 commenti:

  1. Spero che non sia una delle tue cannibalate, perchè ce l'ho tra le prossime visioni! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. speri male, questa è una cannibalata al 101%!

      Elimina
  2. Bella lista, il film forse lo recupero. Da un po' di tempo ho tralasciato i teen movie...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. male, mai tralasciare i teen movie ;)

      Elimina
    2. allora capisco perché ti sei fermato lì :)

      Elimina
  3. Sembra proprio la cagata totale che potrebbe piacermi!

    RispondiElimina
  4. Come dice Mareva, è una cagata totale che piace, però. A me non è piaciuto particolarmente, però ha alcune cose simpatiche.
    Volgarotto, spesso inutilmente, ma con un'ambientazione cult. L'ho visto nel periodo di Natale, mi pare, e la scena che vede coinvolta una piscina e un pezzo di... mi hai capito... mi è rimasta impressa :°D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma questo è un film che va visto rigorosamente nel periodo primavera/estate, non a natale! ;)

      Elimina
  5. Sembra l'evoluzione di "Non è un'altra stupida commedia americana"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quello è un altro mio cultissimo, però questo come storia è realizzato meglio.

      Elimina
  6. Le commedie davvero non riesco più a digerirle. Però questa mishccpira... :)

    ps (fuori contesto): meglio Autumn Reese (Taylor) rispetto alla Bilson (Summer), se proprio dobbiamo tirare in mezzo OC, comunque... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è una bella sfida, però per me summer non si batte! :)

      Elimina
  7. Sembra il classico film da guardare in compagnia di sostanze psicotrope per apprezzarlo appieno. Ma Rachel Bilson come mai non invecchia? Ha un suo ritratto chiuso in soffitta o cosa? Andy Samberg idolo. Si vede qualche tetta almeno?

    RispondiElimina
  8. eh, purtroppo no. la regista è pur sempre una donna... :)
    in compenso però c'è l'eterna giovane bilson in reggiseno.

    RispondiElimina
  9. Sono sempre a caccia di teen movie (e di chick flick) validi, e avendo letto la tua recensione sono andata subito a vedermi questo. Ambientazione a parte (io mi sono diplomata nel 95, per cui puoi capire che un film ambientato nel 93 lo adoro per principio. Quando Rachel Bilson dice che non vuole perdersi "Quell'uragano di papà" il mio cuore ha fatto un balzo di nostalgica gioia XD - Dio quanto mi sento vecchia...), l'ho trovato davvero divertente e quasi geniale nel fatto che la protagonista sia una ragazza. Mi aspettavo una caduta finale in cui lei si pente delle scelte fatte, invece sono rimasta piacevolmente sorpresa anche in quel senso :D Grazie per la dritta!!
    (ti è per caso capitato di vedere un film che, in italiano, si chiama tragicamente "Botte di fortuna"?)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. felice che ti sia piaciuto!
      d'altra parte, per una 90s princess come te, non poteva essere altrimenti ;)
      botte di fortuna... ah, quello che in originale si intitola the brass teapot... ma perché un titolo del genere?
      comunque no, non ancora. merita?

      Elimina
    2. esatto, the brass teapot. Se ti capita di vederlo, il mistero del titolo in italiano ti si chiarirà immediatamente e capirai quanto sono dei comici in erba quelli che si occupano degli adattamenti... comunque boh, sono indecisa se è una gran cagata o un film interessante (soprattutto per i due protagonisti), e quando sono indecisa mi affido al tuo parere :D

      Elimina
  10. Visto ieri sera. Ma sono io con le traveggole, o l'amica riccia e pettoruta della protagonista (Fiona mi pare si chiami) è la stessa attrice che faceva l'amica di Hillary Duff in Lizzie McGuire?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. di lizzie mcguire ricordo giusto hilary duff, che pare stia per tornare sulle scene...
      l'amica non la ricordo.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com