domenica 26 ottobre 2014

SHAILENE WOODLEY PORTA SFIGA PERÒ HA DELLE BELLE TETTE





White Bird in a Blizzard
(USA, Francia 2014)
Regia: Gregg Araki
Sceneggiatura: Gregg Araki
Tratto dal romanzo: White Bird in a Blizzard di Laura Kasischke
Cast: Shailene Woodley, Eva Green, Christopher Meloni, Shiloh Fernandez, Gabourey Sidibe, Mark Indelicato, Thomas Jane, Angela Bassett, Sheryl Lee, Dale Dickey, Jacob Artist
Genere: 80s
Se ti piace guarda anche: Mysterious Skin, Donnie Darko

Ci sono due cose garantite quando ci si appresta a vedere un film/serie tv con Shailene Woodley.
Non mi riferisco alle sue tette. Quelle si possono ammirare soltanto in quest'ultimo White Bird in a Blizzard. Dopo tante parti in cui fa la parte della tipa timorata di Dio, qui finalmente si mostra con le zinne di fuori, per la prima volta, e c'è da dire che ha delle tette proprio belline, né troppo piccole, né troppo grosse. Insomma “Fantastiche, cazzo!” come dice Thomas Jane nella pellicola.
Sono allora altre due le cose garantite quando ci troviamo di fronte a un prodotto con Shailene.
La prima è la sfiga.


Il primo ruolo di un certo rilievo la Woodley l'ha avuto in The O.C., dove era Kaitlin Cooper, ruolo poi ricoperto anche da Willa Holland, gnocchetta vista in Gossip Girl e Arrow. Cosa succede di tanto tragico in The O.C.?
Oh, niente. ATTENZIONE SPOILER! Capita solo che sua sorella Marissa Cooper alias Mischa Barton muore. FINE SPOILER

Shailene Woodley con la mamma MILF Julie Cooper in The O.C.

La sua prima parte da protagonista Shailene l'ha avuta in La vita segreta di una teenager americana, dove è una seducente sedicenne che rimane incinta la prima volta che scopa. D'altra parte l'autrice della serie è la stessa di Settimo Cielo e quindi la morale è: se fai sesso, ti capita qualcosa di spiacevole.

Shailene Woodley in versione giovane MILF.

In Paradiso amaro invece sua mamma è in coma per tutto il tempo.
ATTENZIONE SPOILER E se pensate che alla fine si svegli, beh, avete dimenticato che Shailene Woodley porta una sfiga pazzesca! FINE SPOILER

"Acciderbolina! Da quando è uscito il post di Pensieri Cannibali su di me, continuano ad arrivarmi SMS di maniaci..."

In Divergent Shailene vive in un mondo distopico che fa schifo al cazzo.
E poi ATTENZIONE SPOILER naturalmente sua mamma muore. FINE SPOILER

"Shailene, qui ero tuo fratello, ma dopo averti visto le tette ho chiesto
di essere disconosciuto dalla famiglia per potermiti fare!"

Niente comunque in confronto a Colpa delle stelle, in cui è una ragazza malata di cancro che si innamora di un ragazzo malato di cancro. In più c'ha pure un amico cieco, giusto per non farsi mancare niente.

"Sicura di sentirti bene? Sembri la tipa inquietante di Bates Motel."

A questo punto, appena parte un film con Shailene Woodley, oltre a fare le corna è lecito chiedersi: e questa volta, cosa diavolo le capiterà di male?
Il nuovissimo White Bird in a Blizzard risponde subito a questa domanda. La mamma di Shailene è...
Morta?
No, questa volta è "solo" scomparsa. Dove?
Boh.
Tu lo sai?
Lei lo sa?
Io non lo so. Nessuno lo sa. La mamma di Shailene Woodley scompare subito nel nulla, ed è un peccato perché è Eva Green.
Cioè, ingaggi in un tuo film Eva Green e la fai sparire immediatamente? Ma cosa sei, gay?

"Ho accettato di girare un film in cui non sono io a mostrare le tette?
Mioddio, ma che mi sta succedendo?"

Sì, in effetti il regista Gregg Araki è gay. O meglio, è bisessuale. Prima era dichiaratamente omosex, poi ha incontrato Kathleen Robertson che è così figa da far cambiare orientamento sessuale alle persone e da allora Gregg Araki è bisex. D'altra parte la tematica dell'omosessualità e della confusione sessuale è sempre presente nei suoi film, tra cui cito i fichissimi Doom Generation ed Ectasy Generation, il notevole Mysterious Skin e il recente esplosivo Kaboom, e ritorna pure qui in questo suo ultimo lavoro.

Che altro succede, in White Bird in a Blizzard?
Niente di che. La scomparsa nel nulla di una (apparentemente) perfetta madre nonché moglie nonché casalinga non vi sembra già abbastanza?
No? E allora io, senza spoilerarvi troppo, vi anticipo giusto qualche cosina che potrete trovarvi in questo film:

  • Un paio di splendide attrici, Shailene Woodley ed Eva Green, di cui una nuda e per una volta non è la seconda ma la prima. In più c'è una piccola apparizione di Sheryl Lee, meglio nota come la povera Laura Palmer di Twin Peaks, a proposito di gente con la sfiga addosso.
  • Una regia meno visionaria del solito ma comunque un pochino visionaria del solito ottimo Gregg Araki.
  • Una storia adolescenziale, ma neanche troppo.
  • Qualche leggero risvolto thriller che però per fortuna non si trasforma nel solito thriller.
  • Una voce fuori campo efficace, sebbene forse eccessivamente presente, che evidenzia le radici letterarie della pellicola, tratta dall'omonimo romanzo di Laura Kasischke (chi riesce a pronunciare il suo cognome correttamente vince una palpatina alle tette di Shailene Woodley).
  • Una affascinante ambientazione 80s (il cuore della storia è collocato nell'autunno/inverno del 1988 proprio come Donnie Darko).
  • Una grandiosa colonna sonora 80s che comprende tra gli altri Tears for Fears, Depeche Mode, Cure, Echo & the Bunnymen, Siouxsie and the Banshees, Jesus and Mary Chain, New Order, Talk Talk, Soft Cell, Psychedelic Furs e Pet Shop Boys, più musiche originali composte da Robin Guthrie dei Cocteau Twins.

Riassumendo: White Bird in a Blizzard contiene tutti gli ingredienti ideali per cucinare un classico gustosissimo film cannibale.

Fine del post.


Ah no, mi stavo quasi scordando la seconda cosa garantita da un film con Shailene Woodley oltre alla sfiga: le lacrime.
(voto 7+/10)



"Volete vedere le mie tette?
E allora o aspettate il prossimo scandalo Fappening, o vi guardate questo film!"

14 commenti:

  1. E' piaciuto pure a me. Forse un po' di meno, guarda, perché è il primo del regista che vedo: devo recuperare, perché mi ha colpito.
    Come ti ho risposto nel commento alla mia pseudo recensione, non mi hanno convinto i personaggi maschili. Soprattutto il padre che si tromba un determinato personaggio. Ho capito che a lui è cara la tematica, però boh. Ecco perché ho scritto che mi ricordava un Lontana dal paradiso anni '80. :P I rapporti tra gli uomini sono abbastanza irrisolti. Loro due bravissime, Eva Green che vorrebbe mostarsi sciatta e brutta ma che non tanto ci riesce, la Woodley che - ebbene sì - ha proprio belle tette. Augustus Waters, col cancro o meno, si era consolato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la cosa dei personaggi maschili non so se era già presente nel romanzo da cui la pellicola è tratta.
      secondo me è stata inserita da gregg araki, il suo zampino doveva pur metterlo ;)

      Elimina
    2. Ahahahah, può darsi! Spero che la solita Neri Pozza porti il romanzo da noi, perché sono curioso.
      L'altro mese, dell'autrice, ne hanno tradotto un altro. Pure Davanti agli occhi - anche film con la Rachel Wood che ho visto ma che proprio non ricordo - era suo, e da noi è arrivato. C'è speranza :)

      Elimina
    3. in questo davanti agli occhi ho visto che oltre a evan c'è pure uma thurman... quasi quasi me lo recupero!

      Elimina
  2. a me lei sta anticaptica dai tempi in cui guardavo "La vita segreta...", quindi non riesco a prendere in considerazione i suoi film... la tua rece invece mi sta molto simpatica e l'ho adorata, nonostante il continuo riferimento alle tette di Shailene... :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, anch'io la odio - cosa universalmente nota - ma l'ho rivalutata. E non solo per le tette. :P

      Elimina
    2. ma sopratutto per le tette ahahah :D

      Elimina
  3. Ho come l'impressione che, nonostante Kaboom mi sia piaciuto, questo sia un pò troppo cannibalesco, per me.
    Comunque la Woodley, nonostante i film di merda cui normalmente prende parte, non mi dispiace. Fisicamente parlando.

    RispondiElimina
  4. ti piace la super teen shailene?
    ti stai proprio cannibalizzando, bravo! ;)

    RispondiElimina
  5. Ce l'ho da parte da qualche settimana...ovviamente mi hai preceduto e se è piaciuto a te, penso proprio piacerà anche a me!Il regista non lo conosco per niente ma sembra parecchio interssante...Mi consigli di vedere Kaboom prima? o posso partire anche da questo?

    RispondiElimina
  6. puoi tranquillamente partire da questo.
    a parte qualche piccolo dettaglio, è un film parecchio indipendente dal resto della sua filmografia.
    però pure kaboom lo devi assolutamente vedere!

    RispondiElimina
  7. Bella rece as usual. Lei non mi piace, ha una forma di capelli strana, quando faceva la teen incinta aveva uno scalpo inguardabile. Dici che mi dovrei concentrare sulle tette? XD

    RispondiElimina
  8. Credo che il commento sotto l'immagine di Eva Green sia uno dei miei preferiti di sempre. Dannato genio!

    RispondiElimina
  9. gran figa certo, pero' le tette potevi metterle che cazzo cannibal..

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com