martedì 30 giugno 2015

Contagious - The Walking Dad





Contagious: Epidemia mortale
(USA, Svizzera 2015)
Titolo originale: Maggie
Regia: Henry Hobson
Sceneggiatura: John Scott 3
Cast: Abigail Breslin, Arnold Schwarzenegger, Joely Richardson, Raeden Greer, Bryce Romero
Genere: mortale
Se ti piace guarda anche: In the Flesh, The Walking Dead, Life After Beth

Finalmente Arnold Schwarzenegger ha azzeccato il ruolo giusto: gli fanno fare lo zombie.
No?
Come, no?
È il padre di una ragazza zombie, ma lui recita la parte dell'essere umano al 100%?
Allora non ci siamo. Non ci siamo proprio. Il film Contagious: Epidemia mortale è infatti tutto così: è uno zombie che cerca di essere umano, solo che non ci riesce. Manco lontanamente. Arnold Schwarzenegger se la cava bene solo quando fa la parte della statua. Ecco. Non l'attore, né tanto meno il governatore. Quello è il suo lavoro ideale: la statua di cera.


Un'altra professione che potrebbe fare è la stessa cui si è dedicato Gianni Morandi: quella di commentatore sui social network.


Meglio si dedichi a questi mestieri, visto che ormai persino nella parte dello Schwarzenegger c'è chi riesce a fare meglio di lui. Jake Gyllenhaal, Emilia Clarke, Cara Delevingne e Tinie Tempah, per esempio...



Purtroppo, Arnold Schwarzenegger ogni tanto si crede di essere anche un attore e in Contagious: Epidemia mortale pretende pure di fare l'attore serio. Nella drammatica parte del padre con la figlia che si sta per tramutare in una zombie, tiene per tutto il tempo la faccia da cane bastonato. Il fatto di essere un attore cane non lo rende però credibile come cane bastonato. Non è mica Carey Mulligan.


Arnold Schwarzenegger è un problema grosso e muscoloso, ma non è l'unico della pellicola, intitolata in originale Maggie e tramutata da noi non in zombie, ma in qualcosa di peggio: Contagious: Epidemia mortale. A questo punto uno si immagina una pellicola post-apocalittica piena d'azione con Schwarzy impegnato in sparatorie e inseguimenti al cardiopalma. Così non è e per me sarebbe solo un bene. Peccato che il film sia qualcosa di ancora peggio...
UNA PALLA ALLUCINANTE FINTO AUTORIALE.

"Ma dai...
ti sei addormentata pure tu?"

Contagious: Epidemia mortale sembra la versione noiosa di un episodio noioso di The Walking Dead, ovvero un episodio qualunque di The Walking Dead. A differenza della serie tv, in cui di solito in una puntata non succede un bel nulla di niente per 50 minuti, e poi negli ultimi 2 c'è magari un mezzo colpo di scena, qui manco quello. Ci sono solo 90 minuti di attesa, aspettando che capiti qualcosa e poi quando succede finalmente qualcosa...

ATTENZIONE SPOILER
Il film ci regala uno dei finali più idioti nella Storia del Cinema.
Una ragazza zombie la fa finita buttandosi dal tetto di una cascina?!?
Chi glielo spiega che una caduta di pochi metri a uno zombie non fa manco un graffio e dopo pochi istanti può rialzarsi e riprendere la sua non-vita come prima?
FINE SPOILER

Vogliamo essere buoni e salvare qualcosa, giusto per non apparire i soliti blogger faziosi che partono con i pregiudizi nei confronti di Arnold Schwarzenegger e delle storie di zombie che oramai hanno entrambi rotto gli zebedei?
A livello estetico la fotografia non è malaccio, per quanto appaia giusto come la brutta copia di un film a caso di Terrence Malick.
L'interpretazione di Abigail Breslin nei panni della ragazzetta che sta per trasformarsi non in una donna ma in una zombie non è poi del tutto da buttare, sebbene la sceneggiatura non la aiuti di certo, visto che i dialoghi sono banalissimi e, soprattutto, manca quasi del tutto quel rapporto che dovrebbe essere la chiave dell'intero film: il rapporto con il padre. A parte un paio di scene, una ruffianissima in cui ricordano la madre scomparsa di lei e un'altra in cui Schwarzy fa il buffone a pranzo, non è che tra loro ci sia tutta questa interazione che potrebbe portare a empatizzare con loro. Questo film è freddo come uno zombie.

"Scommetto che questo sguardo perso nel vuoto l'hai imparato da Schwarzy, vero?"

Il pregio principale è allora paradossalmente anche ciò che più lo affossa. L'unica idea originale di questo ennesimo zombie-movie non troppo lontano dalle atmosfere della serie inglese In the Flesh è che la trasformazione da vivente a non-vivente avviene in maniera lenta e graduale, al contrario di molti film e telefilm in cui è più veloce e repentina. Uno spunto che non sarebbe malvagio, se solo fosse stato supportato da una sceneggiatura un minimo decente. Con quella che si ritrova, il film è proprio come la trasformazione della ragazza in zombie: una lunga, estenuante agonia.
(voto 4,5/10)

"Ho una nuova missione nella vita: bruciare Pensieri Cannibali."

17 commenti:

  1. Scomemtto che se al posto di Schwarzy ci fosse stato Gyllenhaal avresti parlato di Maggie come del film rivelazione dell'anno! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo spirito radicalchicboring di Malick mi ha per un momento posseduto e sono perfino riuscito a sbagliare a digitare. ;)

      Elimina
    2. Non direi proprio, visto che non ho avuto problemi a stroncare pure Accidental Love con Gyllenhaal...

      Elimina
  2. Titolo fighissimo, ma voto buuuh.
    Sto con Ford, questa volta. ;)

    RispondiElimina
  3. complimenti per il WALKING DAD (ho impiegato un po' per capire il gioco di parole, ma poi ho fatto una bella risata)
    Abigail me la ricordavo bimbetta terrorizzata dagli alieni: passando da Mel G. a Arnold S. è scesa di livello o ha fatto qualche gradino in su?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' davvero una bella sfida...
      O meglio, una brutta sfida. :)

      Elimina
  4. Il titolo è figo, qui in questo stramo Paese a forma di scarpa viene venduto come una truffa bella e buona ;-) Cheers!

    RispondiElimina
  5. Ah...non mi apettato un voto così basso.
    La sua risposta è mitica comunque ahah

    RispondiElimina
  6. Guarda... stranamente mi ha sorpreso... un 6 glielo do volentieri!
    10 e lode per il titolo.

    RispondiElimina
  7. "Uno spunto che non sarebbe malvagio, se solo fosse stato supportato da una sceneggiatura un minimo decente. Con quella che si ritrova, il film è proprio come la trasformazione della ragazza in zombie: una lunga, estenuante agonia."
    Marco,non avrei saputo dirlo meglio.L'idea di base mi piaceva,ma concordo col fatto che è veramente troppo strascicato.E Arnold che cerca di recitare seriamente è una barzelletta.

    RispondiElimina
  8. Io e te che siamo d'accordo su un film è un evento da segnare sul calendario ;)
    Sul finale poi hai pienamente ragione. Secondo me se l'avesse diretto Malick (e scritto qualcuno con un minimo di capacità), Maggie sarebbe stato un gran film.

    RispondiElimina
  9. Ti posso finalmente leggere e vedo che siamo in piena sintonia!
    Noia, freddezza e zero cuore.
    E pure come esempi seriali la pensiamo allo stesso modo :)

    RispondiElimina
  10. chanel handbags, http://www.chanelhandbags-outlet.us.com/
    replica handbags, http://www.replicahandbag.us.com/
    north face outlet, http://www.thenorthface.me/
    ray ban, http://www.occhiali-rayban.it/
    cheap nike shoes, http://www.cheap-nikeshoes.cc/
    ugg uk, http://www.cheapuggboots.me.uk/
    michael kors outlet, http://www.michaelkors-outlets.us.com/
    cheap nfl jerseys, http://www.cheapnfljerseys.org/
    true religion jeans, http://www.truereligionjeansoutlets.us.com/
    true religion jeans, http://www.truereligionjeansoutlet.com/
    oakley sunglasses, http://www.oakleysunglassesdiscount.us.com/
    pandora jewelry, http://www.pandora.eu.com/
    ray ban sunglasses, http://www.raybansunglassesonline.us.com/
    chanel handbags, http://www.chanelhandbags-outlet.co.uk/
    nike huarache, http://www.nike-airhuarache.co.uk/
    hollister, http://www.hollistercanada.com/
    true religion jeans, http://www.truereligionjean.in.net/
    ray ban sunglasses, http://www.rayban-sunglassess.us.com/
    adidas outlet store, http://www.adidasoutletstore.us.com/
    michael kors factory outlet, http://www.michaelkorsfactoryoutletonline.com/
    hermes bags, http://www.hermesbags.co.uk/
    cheap ugg boots, http://www.cheapuggboots.net.co/
    coach outlet, http://www.coachoutletstoreonline.in.net/
    kobe 9, http://www.kobe9elite.us.com/
    the north face outlet, http://www.northface-outlet.cc/
    2015921caihuali

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com