lunedì 21 settembre 2015

Shame of Thrones






C'è un'unica cosa che posso dire a chi ha deciso gli Emmy Awards 2015:
SHAME! SHAME! SHAME! SHAME! SHAME! e ancora SHAME!

"SHAME!"

È infatti una vergogna che Game of Thrones, alla sua stagione forse peggiore e che a parte l'ultimo episodio è stata parecchio mediocre, abbia portato a casa ben 12 premi, record assouto per gli Emmy, e soprattutto abbia battuto Mad Men come miglior serie drama dell'anno.
Mad Men, ovvero una delle serie più belle di tutti i tempi, giunta a un'ultima stagione eccellente e che tra l'altro si è chiusa con un episodio finale da applausi. Mad Men ha avuto la conclusione più geniale nella storia della tv e gli Emmy hanno incoronato Game of Thrones con una stagione che, ultimi 20 minuti a parte, è stata una flebo totale?
SHAME! SHAME! SHAME! SHAME! SHAME!

Per quanto riguarda gli altri premi della serata ce n'è soprattutto uno per cui sono contento: quello per il miglior attore drama protagonista, ovvio, dove Jon Hamm di Mad Men si è finalmente portato a casa l'Emmy.

"Grazie mille... brutti bastardi!"

Bene anche Jeffrey Tambor come miglior attrice protagonista attore protagonista in una comedy, grazie alla parte di Caitlyn Jenner Maura Pfefferman in Transparent.


Giustissimi poi i premi alla splendida Olive Kitteridge della HBO, che ha trionfato tra le miniserie, e benissimo l'Emmy per la miglior serie Variety Sketch finito alla simpaticissima Inside Amy Schumer.


Miglior attrice protagonista in una serie drama è risultata l'ottima Viola Davis di How to Get Away with Murder. Personalmente avrei preferito le fenomenali Tatiana Maslany di Orphan Black e Taraji P. Henson di Empire, però in questa categoria la battaglia era davvero combattuta e incerta, quindi va bene anche così.

"Vi insegno io how to get away with Emmy."

Tra i tanti, troppi premi regalati a Game of Thrones, quello al piccolo grande Peter Dinklage come miglior attore drama non protagonista ci può stare, così come quello a Uzo Aduba miglior non protagonista drama per Orange Is the New Black.

"Certo però che potevate anche dare a Cannibal, se non un Emmy, almeno un Macchianera Award!"

Nella sezione comedy ha trionfato Veep, la satira della politica americana sempre divertente, ma che negli ultimi tempi ho abbandonato. Avrei preferito una vittoria di Unbreakable Kimmy Schmidt o Transparent. Se non altro comunque non ha più vinto Modern Family, che ormai ha rotto.
In conclusione: un'edizione degli Emmy parecchio deludente, come d'altra parte capita quasi sempre in queste occasioni, a parte gli Oscar 2015 che, con il trionfo di Birdman, mi avevano trovato per una volta miracolosamente d'accordo.

E ora, spazio per un po' di sano Red Carpet Red Porchet.

Il Red Porchet degli Emmy Awards 2015

La più donna in carriera
Tatiana Maslany

La più sono considerato necrofilo se dico che mi piace?
Emmy Emma Roberts

La più futura moglie di Tim Burton
Sarah Paulson

La più facci vedere le tue tette e non quelle della controfigura
Lena Headey

La più figa pur nella bruttezza dell'abito comprato per du spicci a un mercatino dell'antiquariato
January Jones

La più CBCR
Kiernan Shipka

La più provateci a violentarmi con 'sta armatura addosso se ci riuscite
Kerry Washington

La più innocent girl
& anche la più yellow is the new black
Taylor Schilling

La più tremate tremate le streghe son tornate
Laura Prepon

La più ma chi caaazzo sei?
Giuliana Rancic

Il più six feet under
Adrien Brody

La più blind(spot) a scegliersi l'abito
Jaimie Alexander

La più MILF
Kim Dickens

La coppia più stramba bella
Andy Samberg + Joanna Newsom

La più me la farei di più
Sarah Hyland

La più tamarra (e la più fiera di esserlo)
Taraji P. Henson

La più sobria
Lady Gaga.
Sul serio.

Del tutto off-topic, però mi scappa un altro SHAME! anche a chi ha votato alla finale di Miss Italia.
Alice Sabatini sarà un bel ragazzino, ma donna più bella dello Stivale anche no.
SHAME! Anzi, SCEMI!

5 commenti:

  1. Il tuo red porchet è uno dei momenti che più attendo quando ci sono queste premiazioni. La sobrietà di Lady Gaga ha stupito anche me. O.o
    Comunque la grandezza di Game of Thrones sta anche in quello SHAME che ti ostini a ripetere e Mad Men aveva già trionfato 4 volte in quella stessa categoria, insomma un torto superabile.
    Per quando riguarda la miss italia ho visto che è stata paragonata a Justin Bieber e ci sono rimasto male perché non mi pare così orrenda.
    Piuttosto ha fatto un'uscita infelice sulla seconda guerra mondiale che ti consiglio di recuperare.

    RispondiElimina
  2. Concordo sul fatto che 12 premi a Game of Thrones siano decisamente troppi. Una notte insonne buttata al vento perché l'unico momento edificante che ne sarebbe valsa la pena mi ero giustamente appisolata.
    La nuova miss Italia non è niente di più né di meno rispetto alle altre, a parte per i capelli, forse. Mi chiedo perché parlino di lei e dell'ennesima uscita prevedibilmente infelice di una che, pur dichiarandosi alternativa, è andata a partecipare ad un concorso che di alternativo non ha nulla piuttosto che del processo in cui uno scrittore come Erri De Luca rischia il carcere per reato d'opinione, roba che dovrebbe essere anacronistica in una società dove tutti diciamo di tutto a proposito di ogni persona o cosa, a partire da me che sto scrivendo questo commento.

    RispondiElimina
  3. Per una volta concordo: troppi premi a GOT proprio nella sua stagione peggiore.
    Shame alla giuria, senza dubbio.
    E un pò anche a te, giusto per non farci mancare niente. ;)

    RispondiElimina
  4. Lady Gaga is so fab: she is blond, she is rich and she is a little bit of a bitch!
    Cannibal urge il tuo Scemmy Award per riparare al danno che hanno fatto con questa edizione!
    No comment su miss Italia, ma ancora lo fanno sto sciò?

    RispondiElimina
  5. Ahahahahah i tuoi red porchet sono sempre imperdibili

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com