giovedì 21 gennaio 2016

Andare al cinema è sempre meglio che lavorare





Settimana all'insegna delle incertezze. Sono in arrivo dei grandi film, oppure delle grandi cacchiate?
Può darsi entrambe le cose. Come d'altra parte in questa rubrica sulle uscite cinematografiche settimanali c'è sempre spazio per gli opposti: da una parte gli spunti di riflessione di una profondità disarmante forniti dal sottoscritto Cannibal Kid, dall'altra una marea di baggianate che non stanno né in cielo né in terra regalate dal mio blogger enemy Mr. James Ford.

Steve Jobs
"Adesso risponderò alle domande di tutti, tranne a quelle di Ford.
Mi rifiuto di provare a spiegargli ancora una volta cos'è un computer."

Cannibal dice: Sono un po' dubbioso, su Steve Jobs. Non sul fondatore di Apple. Intendo sul film. Da una parte mi aspetto che possa essere quasi un nuovo The Social Network, complice la sceneggiatura del buon Aaron Sorkin. Dall'altra sospetto che possa rivelarsi un biopic valido, spero più di Jobs con Ashton Kutcher, ma non fenomenale. Se non altro l'antitecnologico Ford potrà finalmente scoprire chi era Steve Jobs.
Ford dice: nutro parecchi dubbi, su questa nuova versione cinematografica di Steve Jobs, che potrebbe rivelarsi un cult totale - Boyle+Sorkin+Fassbender - o una delusione su tutta la linea.
Sinceramente, spero che non si riveli una cannibalata sopravvalutata qualsiasi ma, al contrario, una fordata con i fiocchi.

Piccoli brividi
"Hey, ma quello è Ford che limona con Stallone?!?"
"AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAH!!!"

Cannibal dice: La saga letteraria di Piccoli brividi (che non ho mai letto) approda sul grande schermo. Occhio Ford a non fartela addosso!
Spero che questo film si riveli una pellicola d'intrattenimento fanciullesco di buon livello magari alla Jumanji, ma mi vengono dei brividi, nemmeno tanto piccoli, che possa essere la solita bimbostronzata che va di moda oggi. Una possibilità però quasi quasi gliela darei...
Ford dice: non ho mai letto nulla della saga dei Piccoli brividi, che ricordo furono una delle prime passioni di mio fratello quando faceva le elementari. Onestamente, ho dubbi anche in questo caso, in bilico tra l'impressione di una bambinata inutile ed un Jack Black sempre interprete della parte di Jack Black.
Eppure a Julez ha ricordato Jumanji, e dunque qualche speranza finisco per nutrirla anche io.

Il figlio di Saul
"Con 'sta puzza, meglio coprirsi il naso. Ford, sei tu che l'hai sganciata?"

Cannibal dice: Il grande favorito all'Oscar di miglior film straniero dell'anno approda nei cinema italiani. Sarà la solita pellicola sul tema della Seconda Guerra Mondiale ruffianotta, quindi perfetta per WhiteRussian, oppure una visione originale e coraggiosa, quindi una roba molto cannibale?
Ford dice: superfavorito nella corsa all'Oscar come miglior film straniero, Il figlio di Saul potrebbe rivelarsi il primo film importante del duemilasedici a creare una spaccatura tra il sottoscritto e Cannibal, fino ad ora fin troppo concordi rispetto ai grandi nomi visti in sala nel corso di questo gennaio.
Sarà davvero così? C'è solo da sperarlo.

Ti guardo
"Hai guardato un film consigliato da Ford??? Ma che ti volevi suicidare?"

Cannibal dice: …e io invece no, non ti guardo.
O magari sì?
Considerando che ha vinto il Leone d'Oro all'ultimo Festival di Venezia, una visione molto radical-chic se la potrebbe guadagnare.
Ford dice: sinceramente, sarei più sul "non ti guardo". Anche perchè il Leone d'oro mi puzza di radicalchiccata cannibalata lontano un miglio. E in questo periodo di Creed-dipendenza io voglio solo tamarrate pane e salame fordiane.

The Pills - Sempre meglio che lavorare
"Aahahah, Ford pensa che Stallone meriti davvero l'Oscar...
Come? Non è una battuta?"

Cannibal dice: Dei The Pills ho visto poco o niente, quindi non ho ancora capito se mi stiano simpatici o meno. Da quel poco che ho capito di loro comunque mi sembrano dei cazzari eterni Peter Pan come me, quindi bravi! Sui fenomeni di YouTube che sbarcano al cinema rimango scettico, ma magari una visione al loro filmetto prima o poi ci potrebbe stare. Sempre meglio vedere il loro film che lavorare. O leggere il blog di Ford.
Ford dice: dei The Pills non conosco nulla, e non sento certo il bisogno di colmare questa mia lacuna.
Come se non bastasse, i fenomeni web mi solleticano più dubbi perfino di Cannibal Kid. Che è tutto dire.

Se mi lasci non vale
"Vincenzo, ma chi te li dà tutte le volte i soldi per girare un nuovo film?"
"Non lo so, io ringrazio solo San Gennaro!"

Cannibal dice: Ford, se mi lasci a condurre questa rubrica da solo, vale. Vale eccome.
Quanto al film di e con Vincenzo Salemme, ovviamente, lo lascio lì dov'è.
Ford dice: se Cannibal lasciasse la blogosfera, varrebbe eccome.
Quanto al film di e con Vincenzo Salemme, lo lascio dov'è. E non lo sfioro neppure con il pensiero.

7 commenti:

  1. be debbo dire che c'è di che vedere nelle sale in questo periodo...
    nel weekend pensavo di darmi a Di Caprio [lo farei anche fisicamente, ma non sono animalista... gli apparirei con un perizoma di pelliccia...], e di farmi pure quello sulle banche, anche se non ne ho letto granché

    RispondiElimina
  2. Vada per Steve Jobs, Il Figlio di Saul e pure per il vincitore a Venezia.

    RispondiElimina
  3. Niente male la didascalia di Piccoli Brividi. Finalmente tiri fuori una battuta decente! ;)

    RispondiElimina
  4. Steve Jobs mi puzza di glorificazione in stile cinema americano...

    RispondiElimina
  5. E' un periodo di belle uscite... sia Jobs che Il Figlio di Saul sono da vedere assolutamente, io poi da adoratore di Jack Black mi farò del male guardando anche Piccoli Brividi :D

    RispondiElimina
  6. Risposte
    1. L'insignificante autore di questa insignificante risposta ti invita a recarti in località dove la penetrazione anale sia praticata con particolare gagliardia e di inchinarti a 90°

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com