lunedì 17 ottobre 2016

Suicide Squad – La squadra sudicia





Suicide Squad
(USA 2016)
Regia: David Ayer
Sceneggiatura: David Ayer
Cast: Will Smith, Margot Robbie, Joel Kinnaman, Viola Davis, Jared Leto, Cara Delevingne, Jay Hernandez, Jai Courtney, Adewale Akinnuoye-Agbaje, Adam Beach, Karen Fukuhara, Ike Barinholtz, David Harbour, Common, Scott Eastwood, Kenneth Choi, Ezra Miller, Ben Affleck
Genere: supercattivone
Se ti piace guarda anche: Deadpool, Ant-Man, Misfits, Kick-Ass

Io non sono cattiva, è che mi disegnano così” diceva Jessica Rabbit in Chi ha incastrato Roger Rabbit.
Siamo cattivi, siamo fatti così”, le fa quasi il verso Harley Quinn in una delle frasi più azzeccate, e non a caso subito sparate nel trailer, di Suicide Squad.


Essere cattivi è una maledizione. Una volta che sei etichettato come tale, ti devi comportare come tale. Io ad esempio sono stato bollato come un recensore cattivo. Nel senso sia che svolgo il “mestiere” di recensore in maniera pessima, sia che non mi faccio troppi scrupoli a parlare male e in maniera ironica di film e attori. Una “fama” che penso sia nata con la stroncatura di Avatar. Solo che parlare male di Avatar non significa essere cattivi. Significa solo avere del buon senso.

Fatto sta che sono finito nella squadra dei blogger cinematografici cattivi, se ne esiste una, e quindi quando esce una pellicola che hanno già disintegrato quasi tutti, da me ci si attende un massacro di proporzioni tarantiniane. Suicide Squad è stato criticato pure dai blogger cinematografici buoni. Credo che persino Vincenzo Mollica, che non ha mai parlato male di niente e di nessuno e infatti guarda caso il suo posto fisso in Rai ce l'ha da decenni, l'abbia demolito brutalmente.
Tutti contro Suicide Squad e Pensieri Cannibali che fa?

Pensieri Cannibali lo difende. Pensieri Cannibali si batte dalla parte dei cattivoni. Che poi, a dirla tutta, i protagonisti di Suicide Squad non è che siano poi così brutti, sporchi e cattivi come li si vorrebbe dipingere. Al limite li si può considerare giusto dei tipi un po' sudici.

Prendiamo Deadshot alias un Will Smith a sorpresa più convincente del solito. Nel corso della sua perfida vita avrà ucciso quante persone? Centinaia? Forse migliaia?
Dettagli...
In fondo in fondo ha dei suoi valori. Ad esempio non sparerebbe mai a donne e bambini, lui, al contrario di gente come l'American Sniper Chris Kyle che viene spacciato per un eroe nazionale americano. Quindi chi è davvero il buono e chi il cattivo?


C'è poi la mitica Harley Quinn (S. Margot Robbie) che sì, è fuori come una cavalla pazza, però un tempo era una psichiatra rispettabile e, se è passata al “lato oscuro”, l'ha fatto solo per amore, per amore del Joker.


La loro love story, per quanto malata alla Kurt & Courtney o alla Sid & Nancy o forse proprio per questo, è tra le più genuinamente romantiche dell'attuale annata cinematografica. Peccato non sia al centro dell'intera pellicola. Peccato inoltre che Jared Leto in versione Joker compaia per pochi, pochissimi, troppo pochi minuti, quando avrebbe meritato uno spazio maggiore, e di molto. Questo è il difetto principale del film e d'altra parte ho mica detto che si tratta di un film perfetto. La delusione per una così piccola presenza del Joker è tanta e rende difficile poter paragonare l'interpretazione di Leto, che pure sul set pare essersi calato al 100% nella parte, con quella dei suoi storici predecessori Heath Ledger e Jack Nicholson. Dai trailer, dalle anticipazioni, dalle foto promozionali e dal suo impegno sui social network sembrava sarebbe stato il protagonista assoluto, e poi invece in fase di montaggio s'è visto ridurre la parte a una manciata di apparizioni dal perfido regista David Ayer, lui sì un vero villain con i controfiocchi, o da chi per lui.
Posso solo immaginare la faccia del povero Jared Leto all'uscita dalla premiere della pellicola. Anzi no, non devo immaginarla, eccola qui.

"Ma porco zio!!!"

Chi sono gli altri presunti "cattivi" del film?
C'è El Diablo (Jay Hernandez), un tipo “maledetto” con il potere di controllare il fuoco tra le sue mani e che nella sua vita ha bruciato migliaia, forse milioni di persone, compresi la moglie e i figli. Certo, tutto vero, però adesso ha deciso di pentirsi e di sopprimere i suoi poteri. Vedete? È un tenerone redento!


C'è inoltre June Moone, anche nota come Incantatrice, che è una semplice archeologa del tutto buona, bona (a interpretarla è la modella Cara Delevingne) e pure un po' secchiona. Il suo unico “difettuccio” è quello di essere posseduta dallo spirito di una strega cattiva che disintegra chiunque gli capiti a tiro, però non è mica colpa sua. È colpa della fattucchiera cattiva.


C'è anche Killer Croc (Adewale Akinnuoye-Agbaje), che in realtà non ha nessun atteggiamento particolarmente cattivo. Ha solo un aspetto mostruoso ma, se giudicate un libro dalla copertina, siete voi quelli perfidi. E pure superficiali.


C'è quindi Katana (Karen Fukuhara), che è un'assassina e spadaccina spietata in grado di far passare La Sposa Beatrix Kiddo di Kill Bill come una dilettante, ma in realtà è una romanticona che parla con lo spirito del suo defunto marito attraverso la spada e quindi se uccide è solo un modo per rimanere in contatto con lui. Che dlce!


Nella Suicide Squad c'è poi Captain Boomerang (Jai Courtney), un tizio australiano che fa le rapine con il boomerang. Vi sembra davvero che un tipo del genere possa essere considerato un cattivo temibile?
Cattivi sono se mai gli autori della DC Comics che hanno creato un personaggio tanto stereotipato. Se inventavano un villain italiano facevano un mafiosetto che uccide armato di pizza, spaghetti e mandolino?


Chi altri rimane?
Nella Suicide Squad c'è pure uno che si chiama Slipknot (Adam Beach), ma piuttosto che un membro della celebre band metal sembra Steven Seagal. Pure lui quindi a chi volete che faccia paura?
Giusto agli amanti del buon cinema.

"Il mio nome è Seagal, mezza Seagal."

Suicide Squad è proprio come i suoi protagonisti. È un film molto meno cattivo di quanto si dice in giro. È vero che ha un sacco di difetti. Oltre all'ingiusto e ingiustificato sottoutilizzo del Joker Leto, c'è il sovrautilizzo di sequenze da videoclip musicale, in particolare nella presentazione dei personaggi, ognuno con la sua canzone. Una scelta che comunque non è nemmeno così malvagia. C'è quindi un'eccessiva frammentazione, con la presenza di un numero troppo alto di personaggi, di cui alcuni compaiono a malapena (come Slipknot, Katana, Killer Croc e Captain Boomerang) e che quindi si sarebbe potuto lasciare fuori del tutto. Il numero di battute presenti è inoltre più limitato di quanto ci si poteva attendere dal trailer e purtroppo il film non riesce a divertire quanto il fantastico Deadpool. In compenso Harley Quinn/Margot Robbie qualche sorriso riesce sempre a strapparlo. E non solo perché è una visione paradisiaca, per quanto una supercattivona come lei possa essere considerata paradisiaca, ma anche per il suo perfido senso dell'umorismo.


La sceneggiatura della pellicola è poi davvero esile, per non dire che è giusto un pretesto per mettere insieme un sacco di personaggi differenti e fargli fare un po' di casino. Nella sua leggerezza e nella sua mancanza di pretese di fare discorsi “alti” o politici, Suicide Squad riesce comunque a essere una visione d'intrattenimento, almeno per quanto mi riguarda, molto più piacevole e veloce rispetto alla pesantezza dei vari pretenziosi film sugli Avengers, Iron Man, Captain America o dell'estenuante Batman v Superman: Dawn of Justice, quella sì la superschifezza dell'anno. Per non parlare di quelle porcheruole di serie tv supereroistiche della The CW stile Arrow, The Flash, Supergirl etc. capaci di far passare persino Smallville per un capolavoro.

A voler cercare il pelo nell'uovo ci si può soffermare su tutti i suoi vari limiti, ma se si guarda Suicide Squad senza farsi tanti pensieri lo si può godere per ciò che è, ovvero un fumettone figoso, molto figoso. Niente di più, niente di meno.

Visto che recensione tenera che ho fatto nei confronti di uno dei film più criticati dell'anno?
E poi sarei io il recensore cinematografico cattivone?
Ma andate a fan...









(voto 6,5/10)


13 commenti:

  1. Anche a me è piaciuto,certo che forse poteva essere molto meglio soto tanti aspetti,ma io sono andata al cinema e mi sono divertita.
    Da SD non pretendevo cinema alto,ma solo qualche ora spensierata,e quello ho avuto! :)
    La Robbie è SUPERFIGA qui.E brava per la parte!!!

    RispondiElimina
  2. Giusto tu potevi salvare uno dei film di supereroi più deludenti degli ultimi anni.
    Dimenticabile e malriuscito.

    RispondiElimina
  3. Per me, Jeeg a parte, sò tutti brutti i film dei supereroi.
    Questo l'ho tollerato più di altri, ma l'ho trovato molto mediocre, anche se non disastroso come leggevo. Felice di vedere Radcliffe e The Exorcist - che mi piace un bel po', c'è l'ex coreografo di Flesh and Bone che è pur sempre un attorone - sulla mia destra. :)

    RispondiElimina
  4. No, nemmeno questa tua recensione buona e buonista mi fa venire voglia di recuperarlo. Io faccio parte dei recensori snob, che dai supereroi si tengono alla larga ;)

    RispondiElimina
  5. Ecco, volevo scrivere un post così su Suicide Squad, quindi semplicemente posterò il link al tuo!

    RispondiElimina
  6. Lo voglio vedere, mi hai incuriosito.

    RispondiElimina
  7. Sono rimasto l'unico a non averlo ancora visto? :)

    RispondiElimina
  8. io sono più fan della Marvel, rispetto che della Dc, ma questo film, grazie alla coppia Joker Queen, e alla presenza di Will Smith, mi piacque moltissimo... e non deluse le mille aspettative che avevo

    RispondiElimina
  9. In realtà lo salvi per spingere quei pochi che ancora non lo hanno visto a guardarlo, vero?
    Sei davvero crudelissimo!

    RispondiElimina
  10. Sapevo che ti saresti unito ai (finti) cattivoni :D
    Siamo in due a difenderlo. Personalmente a me è piaciuto, tanto da intrattenermi per bene. Ho ancora un certo hype :)

    RispondiElimina
  11. Divertente, fracassone, piacevolmente sopra le righe. Una pellicola con molti difetti ma che divertente e intrattiene! Parliamo di film tratti da fumetti, non da Shakespeare, quindi il compito è riuscitissimo!

    RispondiElimina
  12. Divertente, fracassone, piacevolmente sopra le righe. Una pellicola con molti difetti ma che divertente e intrattiene! Parliamo di film tratti da fumetti, non da Shakespeare, quindi il compito è riuscitissimo!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com