venerdì 2 dicembre 2016

The Gilmore Girls are back in town





Gilmore Girls: A Year in the Life
(mini-serie tv)
Creata da: Amy Sherman-Palladino
Regia e sceneggiature: Amy Sherman-Palladino, Daniel Palladino
Cast: Lauren Graham, Alexis Bledel, Kelly Bishop, Scott Patterson, Sean Gunn, Matt Czuchry, Liza Weil, Yanic Truesdale, Milo Ventimiglia, Danny Strong, Jared Padalecki, Melissa McCarthy, Julia Goldani Telles, Ray Wise, Mae Whitman, Jason Ritter, Peter Krause, Stacey Oristano, Jack Carpenter, Carole King
Genere: materno
Se ti piace guarda anche: Parenthood, This Is Us, A passo di danza (Bunheads), Girls


Cannibal Kid
Ciao Lorelai, come stai?
Guarda, senza pensarci ho fatto la rima!
Potrei comporre la nostra intera conversazione sotto forma di rap... però hey, forse non è una gran buon idea. Siamo mica nel musical Hamilton. Non vorrei poi che mi accusassero di averlo copiato. E poi negli ultimi tempi sto scrivendo un po' troppi post in rima e la cosa comincia a diventare ripetitiva. Come una serie che va avanti per un sacco di stagioni e a un certo punto sembra riciclare sempre le stesse idee. Viene a noia. Meglio prendersi una pausa e poi ricominciare dopo anni, quando nessuno ormai se lo aspettava più. O al limite se lo poteva giusto sognare. Come avete fatto voi Gilmore Girls, ricomparse all'improvviso su Netflix dopo 9 anni di assenza dagli schermi. Sai Lorelai, è un vero piacere rivederti dopo tutto questo tempo.

Lauren Graham
Hey Cannibal, cosa intendi con “rivedermi dopo tutto questo tempo”?
Vuoi dire che io in tutti questi anni è come se non avessi fatto più nient'altro?
Tu stesso mi chiami Lorelai, ma io non sono Lorelai, sono Lauren, Lauren Graham. Sono famosa. A parte Gilmore Girls, o Una mamma per amica come lo chiamate voi italiani, ho fatto un sacco di altre cose... Ad esempio...
Ah sì: Parenthood!
Voi italiani di recente ne avete fatto pure un remake, mi pare si chiami Tutto può succedere e non è niente male. L'attrice che hanno preso nella mia parte, Maya Sansa, è bravina. Non quanto me, però se la cava, e mi assomiglia pure. Gran bella donna, infatti. Ho fatto poi anche un sacco di film, per esempio...
Uhm...
Ah, certo: Babbo bastardo!
Un moderno classico di Natale, o forse è meglio dire un anti-classico, visto che è parecchio trasgressivo ed è un film di quelli che è meglio non vedere sotto l'albero insieme a tutta la famiglia. A meno che non si abbia una famiglia non convenzionale come quella che formiamo io e Rory... volevo dire io e Alexis. Comunque vedi, io non sono solo Lorelai. Io in questi anni senza Gilmore Girls ho lavorato un sacco, anche se Babbo bastardo è del 2003 quindi fa parte del periodo in cui la serie era ancora in onda e tecnicamente quindi non conta come lavoro post-Gilmore Girls, però ho girato parecchie cose e non è carino dire che è un piacere “rivedermi dopo tutto questo tempo”.

Cannibal Kid
È sempre più carino che dire che non è un piacere rivederti, però capisco ciò che vuoi dire. Ho sbagliato la scelta delle parole e, se ho urtato la tua sensibilità, ti chiedo umilmente scusa. Non era mia intenzione. Io poi Parenthood l'ho sempre seguita, mi sono visto pure Tutto può succedere, perciò Lauren apprezzo molto tutto quello che ha a che fare con te. Intendevo semplicemente dire che è bello rivederti nella parte di Lorelai e rivederti così in forma. Non so come fate tu e Rory... intendevo dire tu e Alexis Bledel, a mantenervi sempre tanto bene, considerando tutto ciò che mangiate nella serie, e invece Alexis sembra quasi anoressica, ma pure lei sta benissimo. È sempre stata carina e ora ha un aspetto da eterna adolescente, ma allo stesso tempo è diventata una donna, e questa è una cosa che chi ha guardato Mad Men avrà già notato visto che, pur apparendo giusto in un piccolo arco di episodi, riusciva a fare innamorare persino uno come Pete Campbell, e ho detto Pete Campbell! Uno dei personaggi più insensibili e stronzi nella storia dei telefilm che però grazie all'amore di Alexis si trasformava del tutto e mostrava per la prima e unica volta un lato sensibile per lui del tutto inedito. Non è da tutte riuscire a sciogliere il cuore di uno così, quindi complimenti ad Alexis, e pure tu sei sempre molto affascinante, anche se ormai sei sulla soglia dei 50. Mi sa che riuscite a mantenervi in forma perché bevete un sacco, ma proprio un sacco di caffè, e quindi è normale che la notte non riusciate a dormire. Con tutto il caffè che consumate mi stupisco che riusciate a chiudere occhio per 5 minuti di fila. Visto che siete sempre sveglie e attive, bruciate un sacco di calorie più che con qualunque attività di fitness o di pilates e apparite sempre al top. Era questo che volevo dire quando ti ho detto che è un piacere rivederti dopo tutto questo tempo e poi era soltanto un modo di dire, giusto per rompere il ghiaccio.

"Non è mica vero che mangiamo un sacco..."
"E di certo non è vero che beviamo sempre caffè!"

Lauren Graham
Mi piace il ghiaccio, tu non me lo rompere!”.
Questa era una citazione, ma non so se l'hai capita. Ho letto il tuo blog e tu parli sempre male dei film action e questa era una frase tratta da un film action, quindi non so se l'hai colta. Probabilmente no. Sei troppo radical-chic per comprendere cose del genere.

Cannibal Kid
E invece certo che l'ho capita! È da L'ultimo boy scout. È vero che odio gli action, però Bruce Willis fa categoria a parte. Lui è un fuoriclasse. È uno che oltre a essere un action hero ha girato anche un sacco di cinema d'autore. Ha lavorato con Tarantino, De Palma, Soderbergh, Linklater, Shyamalan, Anderson e intendo Wes Anderson e non Paul W. S. Anderson quello di Resident Evil. Bruce Willis quindi è una mia grande influenza! La gente viene qui su Pensieri Cannibali e magari pensa che le mie principali fonti d'ispirazione siano Shakespeare, Hemingway, Dante, Einstein, Leonardo da Vinci o che so io? Io invece mi ispiro più che altro ai testi della canzoni di Britney Spears, ai monologhi di Macaulay Culkin in Mamma, ho perso l'aereo e a voi Gilmore Girls. I vostri dialoghi ricchi di riferimenti alla cultura pop simili a quelli dei personaggi di Tarantino solo senza parolacce riescono a essere allo stesso tempo sia radical-chic che nazional-popolari e sembrano dei lunghi flussi di coscienza infiniti, solo non deprimenti come quelli di James Joyce ma anzi parecchio divertenti e quindi sono stati molto importanti per la mia formazione e ho scritto diversi post immaginandoli quasi come dei dialoghi o dei monologhi usciti dalla vostra serie e anche il titolo di questo post è molto nel vostro stile, visto che si tratta di una citazione di una nota canzone dei Thin Lizzy, “The Boys Are Back in Town”, solo resa in versione femminile, quindi è allo stesso tempo un riferimento alla pop-rock culture ed è pure un gesto femminista: due piccioni con una fava, come si suol dire, che poi perché si dice una cosa del genere? Boh, non l'ho mai capito.

Lauren Graham
Mai capito nemmeno io. In effetti comunque in Gilmore Girls parliamo un sacco, roba che al confronto i film di Woody Allen sembrano un convegno di monaci che hanno fatto voto del silenzio. Sai che è una cosa che non avevo mai notato?
Non so se nella vita di tutti i giorni esistano davvero persone che dialogano in maniera rapida come facciamo io e Rory o, se esistono, verrebbero considerate delle gran rompiscatole e verrebbero probabilmente accusate di stregoneria e messe al rogo. Non è infatti umano riuscire a parlare come facciamo noi per almeno 10 minuti di fila senza prendere fiato infilando una marea di riferimenti a film e/o serie tv e/o canzoni e/o libri che ci fanno apparire così intelligenti e ricercate e allo stesso tempo usarle dentro a conversazioni ordinarie, parlando del più e del meno. Se dietro di te non hai due sceneggiatori come Amy Sherman-Palladino e suo marito Daniel Palladino che ti hanno scritto i discorsi è davvero difficile per qualcuno riuscire a parlare proprio così. Nella vita di tutti i giorni è più facile trovare persone che parlano come Luke, anche se gente che tiene sempre il cappellino in testa 24 ore su 24 come lui spero non ce ne siano molte, oppure come Jason Bourne, ovvero persone che dicono due parole in croce e poi basta. Qualcuno potrà dire che nella nostra serie ci sono troppe parole e troppi dialoghi, però d'altra parte siamo state zitte per 9 lunghi anni e ora ci dobbiamo rifare. Gli autori Amy e Daniel in questi 9 anni hanno fatto anche altro, come la carinissima e sfortunata serie Bunheads, o A passo di danza come l'avete chiamata voi italiani con la vostra solita enorme fantasia, cancellata dopo appena una stagione e tra l'altro diverse attrici di quella serie fanno la loro comparsa pure nella nuova stagione di Gilmore Girls: A Year in the Life così come anche alcuni attori di Parenthood, però Amy e Daniel hanno pure avuto tutto il tempo per preparare questi nuovi episodi della nostra serie e dentro hanno voluto infilarci quante più idee e parole potevano. Certo che scrivere come fanno loro non è mica semplice. Fare lo sceneggiatore dei film di Jason Bourne, quello si che è fare soldi facili. Per scrivere i dialoghi di Matt Damon quanto tempo ci vuole?
Un quarto d'ora a film, a dire tanto. Per quanto riguarda le trame basta poi fare un copia e incolla da situazioni random prese dalle pellicole di James Bond o da un episodio a caso di 24 e il gioco è fatto. Fare lo sceneggiatore delle pellicole di Jason Bourne è in pratica l'equivalente hollywoodiano di avere un posto fisso statale in Italia. Non fai niente dal mattino alla sera e inoltre sai che avrai sempre un lavoro perché i film di Jason Bourne, pur non incassando quanto quelli della Marvel, i loro milioncini di dollari li portano sempre a casa e quindi la serie va avanti uguale. È come hai detto tu circa 6 ore fa, all'inizio della nostra conversazione: per rinnovarsi per bene a volte è meglio fermarsi, e poi magari ricominciare dopo qualche anno.

Cannibal Kid
Esatto, abbiamo parlato 6 ore, per ritornare punto e a capo. Fondamentalmente, sono state 6 ore in cui non è successo niente di nuovo, ma sono state 6 ore molto piacevoli. O almeno, per me lo sono state. Proprio come le 6 ore divise in quattro episodi da un'ora e mezzo l'uno passate in compagnia di voi Gilmore Girls. A Year in the Life non rappresenta una novità assoluta, d'altra parte è un revival, però ha alcune trovate fantastiche come il fidanzato di Rory che nessuno ricorda e com'è che si chiama? Boh, non lo ricordo. Ed è un tuffo divertente, a tratti malinconico e toccante, a tratti un po' kitsch e folle come nella parentesi musical o nella nottata di Rory con Logan e i suoi amici o nell'avventura simil-Wild, all'interno della cittadina di Stars Hollow, dove tutto è rimasto uguale e dove è bello tornare e farsi sommergere dalle vostre parole e rivedere tu e Alexis, e anche tutti gli altri, Paris/Liza Weil ad esempio è sempre amorevolmente e nevroticamente odiosa come anche in How to Get Away with Murder e Kirk/Sean Gunn con le sue trovate tipo Ooober e il suo secondo cortometraggio è ancora genialmente folle e Jess/Milo Ventimiglia fa un po' strano rivederlo qua ora che è in un'altra splendida serie come This Is Us con un personaggio parecchio diverso e Logan/Matt Czuchry è sempre così schifosamente ricco, mentre sembrano un po' più campate per aria le comparsate di Dean/Jared Padalecki, che dopo Una mamma per amica ha girato 12 miliardi di stagioni di Supernatural, e di Sookie/Melissa McCarthy, che è l'unica del cast ad aver davvero sfondato nel mondo del cinema e chi l'avrebbe detto che, tra tutti, la star di Hollywood sarebbe diventata proprio lei?
Riguardo a ciò che potrà succedere adesso non lo so. Se questo è il finale definitivo della serie, va bene così, visto che è stato doppiamente perfetto, quelle “final four words” comprese. Se invece decidete di tornare di nuovo, mi piacerebbe rivedervi presto, senza magari dover aspettare altri 9 anni, però nemmeno tutti gli anni, perché poi diventerebbe una cosa ripetitiva. Facciamo che ci rivediamo tra 5 anni, okay Lorelai... volevo dire Lauren?

Lauren Graham
Va bene, Cannibal. E cerca di essere più stringato ed essenziale nei tuoi dialoghi, perché così – scusa se te lo dico – sei davvero logorroico. Bla bla bla, mamma mia, quanto parli! Non so davvero da chi tu possa aver imparato...
(voto 8-/10)


"Hey mamma, sai quali sarebbero state le final four words davvero perfette?"
"No, quali?"
"Stai un po' zitta."

11 commenti:

  1. 8????? ma che davvero? Io l'ho trovato una dilusione pazzesca, primi 3 episodi quasi da cestinare (il musical, DIO MIO AIUTACI), mi è piaciuto solo l'ultimo ma il finale ha ammazzato tutto. Rory completamente fuori dal personaggio e dalla sua storyline (e non solo lei!), ma tanto ai Palladino non fregava niente, considerando che l'ultima stagione non l'avevano scritta loro e in questo modo si sono un po' vendicati facendo finta che invece di essere passati dieci anni ne siano passati due. Unica cosa positiva avermi fatto recuperare wild che ancora mi mancava :P

    RispondiElimina
  2. Un Revival in pieno stile Gilmore, un po' come questo post, difficile da leggere e che fa finire il fiato.
    Spero di non ritrovarmele anch'io ogni anno, che sarebbe troppo e si butterebbe tutto all'aria, ma nemmeno ogni 9 come Linklater ;)

    RispondiElimina
  3. Mai seguito, e mi dispiace non poter prendere parte alla festa.
    Anche se, in generale, so che è piaciuto solo a te e Lisa. Ci sono fan storiche su Facebook che minacciano l'ammutinamento! :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi vogliamo le teste dei coniugi Palladino,semplicemente :P

      Elimina
  4. Per certi versi deludente, mentre per altri devo ammettere che mi è piaciuta parecchio.
    In particolare bellissimo il personaggio della nonna, forse la vera mattatrice di questi episodi.
    Credo che i fan siano delusi da Rory perché ingannati dai trailer, che mettevano in luce una possibile scelta sentimentale della protagonista, che a quanto pare classificano ancora come la ragazza bella e gentile delle prime due, tre stagioni.
    Rory nelle ultime stagioni diventa un personaggio completamente all'opposto di quello che era all'inizio e proprio per questo ho trovato più coerente la sua rappresentazione in questi quattro episodi, piuttosto che un ritorno di fiamma dei suoi primi due amori che a quanto pare per apparire nello show hanno richiesto dei cachet astronomici ( ed ecco spiegata la loro striminzita presenza).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non è questo, è il fatto che il suo sogno giornalistico sia finito nella spazzatura (c'aveva ragione il padre di Logan), che tutti i sacrifici che ha fatto non sono serviti a nulla e che alla fine il suo destino era di essere come la madre. Ok ha il romanzo nel cassetto, ma al momento la situazione è questa, il cerchio che si chiude tale madre tale figlia, meh. A che è servito tutto il lavoro fatto finora? A niente, e tutto perchè si doveva fare il parallellismo con Lorelai. No grazie. Per non parlare del fatto che Logan era cambiato e che per quanto Rory sia stata sempre sentimentalmente un po' stronza farlo regredire al tizio costretto a sposare la riccona per ragioni dinastiche proprio non regge. Non dimentichiamoci inoltre di Paul, l'eterno dimenticato. Doveva far ridere? A me ha fatto solo tanta pena.

      Elimina
    2. Poi gli sceneggiatori l'ultima stagione non l'hanno nemmeno vista dato che non era stata scritta da loro, col risultato devastante di avere tutti i personaggi congelati come se fosse passato un anno e non dieci, Luke e Lorelai compresi.

      Elimina
  5. La prima puntata mi è sembrata un po' forzata (ho fatto la rima anche io quanto sono brava ahahah), ma ora attendo un crescendo con le ultime due da vedere nel WE (non sto facendo binge watching, e devo dire che così me le sto gustando, anche se - off topic - mi divorerei in un boccone The Young Pope, ma Sky maledetta me la centellina una volta a settimana!), però sono contenta che siano tornate!

    RispondiElimina
  6. Sempre visto in tv senza seguirlo, solo un pusillanime come te sparerebbe un otto e sprecherebbe uno dei suoi post più lunghi dell'anno per questa roba da ex signorine! ;)

    RispondiElimina
  7. Sempre odiato Una Mamma per Amica, ignoro tranquillamente questa nuova miniserie :D

    RispondiElimina
  8. Oddio, per me un bel 4! XD Tante aspettative create appositamente pre messa in onda, involuzione dei personaggi (aggravata dal fatto che tra ultima stagione e miniserie sono trascorsi 10 anni nella vita delle GG), parti inutili e kitsch (i vari siparietti musicali) in stile riempitivo, finale veramente patetico...
    Rory una sorta di nemesi di se stessa XD Ohibò!
    Emily invece mi è piaciuta parecchio, bravissima l'attrice che la interpreta del resto.
    I "fidanzatini" di Rory patetici: non ce l'ha solo lei, eh... E Luke che è inutile, senza nerbo, tappetino totale :P

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com