lunedì 7 gennaio 2019

Golden Globe 2019: vincitori e red porchet face po-po-po-porchet face






Senza troppi mezzi termini, posso dire che i Golden Globe 2019 mi sono sembrati... i peggiori premi mai assegnati nella storia del cinema e della televisione, e forse dell'umanità in generale. E sì che io di classifiche, liste e riconoscimenti discutibili me ne intendo parecchio, come i recenti Cannibal Awards possono testimoniare.


C'è da notare che molti dei film in nomination non li ho ancora visti, quindi il mio giudizio in futuro potrebbe anche cambiare. Certo però che, almeno a scatola chiusa, mi sembra improbabile che Bohemian Rhapsody possa essere migliore di BlackkKlansman o di Se la strada potesse parlare. Green Book meglio de La favorita? Anche questo è ancora tutto da vedere.

I premi davvero scandalosi comunque sono arrivati nelle categorie televisive, dove i Globes hanno dato davvero del loro peggio. Una vergogna che la pessima The Assassination of Gianni Versace abbia superato la stupenda Sharp Objects tra le miniserie. Delusione enorme in particolare per Amy Adams, già l'attrice più sfigata e sottovalutata nella storia degli Oscar, che ha portato a casa zero tituli nonostante le due nomination ottenute: oltre a quella per Sharp Objects, pure quella come miglior non protagonista nel film Vice - L'uomo nell'ombra.


Inconcepibile poi soprattutto l'award di miglior attore in una serie drama finito a Richard Madden per Bodyguard, secondo me la peggiore interpretazione di sempre. Roba che mi ha fatto rivalutare Manuela Arcuri come attrice dalla classe sopraffina.


Un peccato inoltre per Lady Gaga. Star annunciata della serata, è stata battuta come attrice dalla Meryl Streep di serie B Glenn Close, e si è dovuta accontentare del premio di “consolazione” per la migliore canzone Shallow, interpretata in duetto con Bradley Cooper. Categoria in cui personalmente io avrei premiato All the Stars di Kendrick Lamar con SZA, tanto per dire quanto quest'anno io e i Golden Globe non ci siamo presi manco per sbaglio. Senza contare i due premi prevedibilmente andati al film più sopravvalutato e ruffiano dell'anno, Roma di Luis Fonsi Cuarón.

Le uniche gioie della serata per quanto mi riguarda sono arrivate allora dalla fantastica signora Brosnahan, premiata come miglior attrice in una serie TV, e da Christian Bale. Ritirando il premio di miglior attore in un film comedy per il suo ruolo dell'ex videpresidente Usa Dick Cheney, il gallese ha ringraziato... Satana. Si può essere più idoli di così?


Qui di seguito vi potete beccare, a vostro rischio e pericolo, l'elenco dei per lo più vergognosi premi assegnati ai Golden Globe 2019. E ho come il presentimento che ai prossimi Oscar le cose potrebbero non andare molto meglio...

CINEMA

MIGLIOR FILM DRAMMATICO: Bohemian Rhapsody

MIGLIOR ATTORE DRAMMATICO: Rami Malek per Bohemian Rhapsody

MIGLIOR ATTRICE DRAMMATICA: Glenn Close per The Wife

MIGLIOR FILM COMMEDIA: Green Book

MIGLIOR ATTRICE COMMEDIA O MUSICAL: Olivia Colman per La favorita

MIGLIOR REGISTA: Alfonso Cuaron per Roma

MIGLIOR FILM STRANIERO: Roma (Messico)

MIGLIOR ATTORE COMMEDIA O MUSICAL: Christian Bale (Vice)

MIGLIOR SCENEGGIATURA: Green Book

MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA: Mahershala Ali (Green Book)

MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA: Regina King (Se la strada potesse parlare)

MIGLIOR CANZONE ORIGINALE: Shallow (A Star Is Born)

MIGLIOR COLONNA SONORA: First Man

MIGLIOR CARTOON: Spider-Man: Into the Spider-Verse


TELEVISIONE

MIGLIOR LIMITED SERIES O FILM PER LA TV: The Assassination of Gianni Versace

MIGLIOR SERIE TV (musical o commedia): The Kominsky Method

MIGLIOR ATTORE IN LIMITED SERIES: Darren Criss per The Assassination of Gianni Versace

MIGLIOR ATTRICE IN SERIE TV (musical o commedia): Rachel Brosnahan per La fantastica signora Maisel

MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA IN SERIAL TV, LIMITED SERIES E FILM PER LA TV: Patricia Clarkson per Sharp Objects

MIGLIOR ATTRICE IN SERIE TV (drammatica): Sandra Oh per Killing Eve

MIGLIOR ATTRICE IN LIMITED SERIES: Patricia Arquette per Escape at Dannemora

MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA IN LIMITED SERIES, SERIAL TV E FILM PER LA TV: Ben Wishaw per A Very English Scandal

MIGLIOR SERIE TV (drammatica): The Americans

MIGLIOR ATTORE IN SERIE TV (drammatica): Richard Madden per Bodyguard

MIGLIOR ATTORE IN SERIE TV (musical o commedia): Michael Douglas per The Kominsky Method


Red Porchet dei Golden Globe 2019

Per tirarci su il morale ma non troppo, andiamo di red porchet, che pure diverse delusioncine le ha riservate.

Flop porchet della serata

#7 Emma Stone

Inserire Emma Stone tra le flop mi provoca più dolore di un premio di miglior attore a Richard Madden, ma con questo look castigato in pink non è certo al suo top.


#6 Amy Adams

La solitamente scintillante Amy Adams con un look piuttosto sciatto e anonimo, almeno per gli standard hollywoodiani. Per lei non è stata proprio serata, sotto nessun punto di vista.


#5 Jessica Chastain

Altra pugnalata al cuore. Preferirei fare un'amichevole conversazione con Salvini piuttosto che parlare male di Jessica Chastain, però cos'è 'sto look da funerale che ha scelto?
Promosso soltanto nel caso l'attrice avesse già previsto che nel corso della serata ci sarebbe stato ben poco da festeggiare.


#4 Jodie Comer

La bella Jodie ha mortificato le sue curve con un abito che sembra una bomboniera da funerale. Se esiste, altrimenti l'ha inventata lei. Killing fashion, più che Killing Eve.


#3 Nicole Kidman

La Cannibal Kidman in latex. Bene per una futura stagione di American Horror Story, o per un porno sadomaso, male per un red carpet.


#2 Anne Hathaway

Anne Hathaway più perfida di Crudelia De Mon. Quanti dalmata ci sono voluti per fare il suo abito?


#1 Jamie Lee Curtis

Va bene che hanno aperto i casting per il ruolo di Ursula nella versione live-action de La sirenetta, ma mica si tenevano ai Golden Globes, cara Jamie.



Top porchet della serata

#10 Emily Blunt

Mary Poppins si presenta con addosso il centrino di una tovaglia. Abito discutibile, ma indossarlo con classe come lo porta lei non è da tutte.


#9 Lady Gaga

Gaga non mi è mai piaciuta molto fisicamente, però negli ultimi tempi devo dire che comincia ad avere il suo perché. www look in blu mi piaci tu.


#8 Claire Foy

Pure Claire mi è sempre piaciuta più a livello “artistico” che non fisico. Questi Golden Globe hanno però saputo invertire ogni parametro di giudizio anche sul sorprendente red carpet e la dorata e cadaverica Foy è risultata a sorpresa più attizzante di altre sue in genere più sexy colleghe.


#7 Irina Shayk

A Star Is Born ha perso come miglior film e lui è stato battuto nella categoria di miglior regista. Il gelataio Bradley Cooper con Irina ha però di che consolarsi...


#6 Lucy Boynton
Non male anche la ragazza photobomber dell'acqua Fiji sullo sfondo

Se pure Freddie Mercury ha perso la testa per lei, un motivo ci sarà...


#5 Laura Harrier

Dopo Spider-Man: Homecoming e BlackkKlansman, Laura Harrier sembra pronta per trasformarsi in una stella di prima grandezza. O se non altro per conquistare un posto tra le cotte adolescenziali di Pensieri Cannibali.


#4 Lili Reinhart

Peccato per l'abito poco scollato e molto coprente, ma l'attrice di Riverdale è comunque un incanto.


#3 Constance Wu 

Crazy, rich & beautiful asian.


#2 Julia Roberts

Più gli anni passano e più questa woman diventa pretty. Pure col pantalone in stile Blake Lively. O in stile uomo qualunque.


#1 Saoirse Ronan

Più gli anni passano e più il mio amore nei suoi confronti cresce. Mary Queen of Scots, Saoirse Queen of my heart.


11 commenti:

  1. Io sono strafelice per The Americans, Christian Bale e - sinceramente - Rami Malek. De gustibus ;-)

    RispondiElimina
  2. Per me, non me ne voglia la concorrenza, la Roberts vince su tutte.
    Edizione, per il resto, deludentissima. A star is born, per quanto derivativo e imperfetto, di gran lunga superiore a Malek.

    RispondiElimina
  3. boh io leggo che sono stati premiati glenn close, michael douglas, rami malek, cuaron, patricia clarkson, la arquette, christian bale, la colman.... mi sembrano tutti dei gran nomi anche se non ho visto tutti i film o le serie ... giusto quello di Madden per Bodyguard mi lascia perplesso, ma gli altri ci stanno tutti.
    e poi bohemian è meglio di blackkklansman

    RispondiElimina
  4. Che figa Julia Roberts, si fa perdonare per aver prodotto quel diludendo di Homecoming! Per i resto brutta annata, che Satana dia una migliore ispirazioneai membri dell'Academy! 😂

    RispondiElimina
  5. Dannazione! Amy Adams strameritava, e me lo scriverei sulla pelle. Concordo invece sul premio a Rami Malek, oltremodo meritato.

    RispondiElimina
  6. Quiz linguistico (nel senso che la leccherei tutta): se CELEBERRIMA è il superlativo di CELEBRE si può dire che Saoirse è TOPERRIMA?

    RispondiElimina
  7. Sono generalmente d'accordo con te: posso accettare Darren Criss come miglior attore, ma ACS no, è davvero un furto. Mi ero perso Claire Foy, bellissima in effetti.

    RispondiElimina
  8. Premi discutibilissimi, abiti pure. Sto anch'io con Julia anche se ti sei perso il fiocco di Charlize ;)

    RispondiElimina
  9. Sui premi non posso dire niente, di certo ACS meritava zero, di più certamente Sharp, e che sono d'accordo sui flop e top del red porchet ;)

    RispondiElimina
  10. Premi discutibili per la maggior parte, e anche un red porchet poco porchet.
    Iniziamo male il 2019 cinematografico. ;)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com