venerdì 15 giugno 2012

Il dittatore del cinema

"Ma chi te l'ha dato questo ridicolo slippino da wrestler? Mr. Ford?"
La programmazione cinematografica italiana sta ormai entrando in clima estivo. Cosa che implica l’assenza di pellicole di grandissimo richiamo, però allo stesso tempo permette il recupero di una manciata di filmetti che potrebbero non essere malaccio.
Questa settimana tocca al thriller della figlia di Michael Mann, ad una spassosa commedia USA, al Borat in versione dittatoriale e a qualcosina d’altro.
Il tutto presentato dai miei commenti. E basta.

Ah no, uffa. Tramite il solito piccione viaggiatore sono arrivati anche quelli di Mister James Snob. Mannaggia, speravo che per una volta si fosse scordato e invece no. Ecco pure i suoi, purtroppo…

"Megan, sai che Ford preferirebbe farlo con me piuttosto che con te?
Dice che ho dei pollici molto sexy!"

Il dittatore di Larry Charles
Il consiglio di Cannibal: abbasso le dittature, a parte quella Cannibale
Sacha Baron Cohen mi fa ridere preso a piccole dosi, soprattutto per le sue battute più politically incorrect. Sulla distanza di un intero film però può risultare un pochino pesante. Un’occhiata disimpegnata al suo dittatore comunque credo la si possa anche dare. Si prospetta una porcata di film, ma almeno due risate dovrebbe garantirle. Anche se per quelle bastano i commenti involontariamente ridicoli del mio blogger rivale…
Il consiglio di Ford: abbasso le dittature, soprattutto quella del Cannibale!
Sorprendentemente - e sono tre! - sono in linea perfetta con quello che il mio imberbe compagno di rubrica pensa di Cohen, che mi fa lo stesso effetto de I soliti idioti.
Cercherò di evitarlo, ma se dovesse capitare, per una serata a neuroni sotto zero potrebbe anche starci.


"Oh, no! Ford le ha fatto vedere uno dei suoi film preferiti.
Devo farla arrivare in ospedale al più presto!"
Le paludi della morte - Texas Killing Fields di Ami Canaan Mann
Il consiglio di Cannibal: so io chi ci metterei, nelle paludi della morte
Film già visto, cotto e mangiato, cioè commentato.
La pellicola d’esordio di Ami Canaan Mann, figlia di Michael Mann (Collateral, Heat, L’ultimo dei Mohicani) è un thriller interessante, sebbene non del tutto originale e riuscito. Buono il cast, in cui svetta Jessica Chastain, e affascinanti le atmosfere texane. Peccato per uno sviluppo non eccezionale della sceneggiatura.
La Mann è una figlia di papà raccomandata proprio come Ford, però, per quanto ancora lontana dal talento fenomenale di una Sofia Coppola, una possibilità la merita. La Mann, intendo. Ford invece non merita manco mezza chance.
Il consiglio di Ford: figlia di tanto padre.
Il film non l'ho ancora visto - rimedierò a breve - ma l'ambientazione texana ed il nome della regista mi fanno ottimamente sperare, considerato quanto Michael Mann sia considerato al saloon.
Nonostante il delirio a proposito del fatto che il sottoscritto possa essere un figlio di papà - cosa che sospetterei, al contrario, di Katniss Radical Kid -, mi trovo d'accordo anche sulla Chastain, che migliora ad ogni film che passa.

"Vorremmo infettare WhiteRussian con un bel virus, sei in grado di farlo?"
"Certo, siete mica i primi a chiedermelo..."
21 Jump Street di Phil Lord, Chris Miller
Il consiglio di Cannibal: jumpate su!
Già visto pure questo, ma devo ancora scrivere la recensione. Nell’attesa, non posso fare altro che consigliarlo, visto che è una delle commedie americane più divertenti e riuscite degli ultimi tempi. Tratto dalla serie tv anni ’80 che ha lanciato Johnny Depp, è un buddy movie liceal-poliziesco con l’accoppiata ben assortita Jonah Hill e Channing Tatum che sono certo piacerà pure a quel musone di James Snob.
Il consiglio di Ford: saltate sul Cannibale! Con i piedi uniti!
Anche questo in lista, e le premesse che si riveli uno di quei buddy movies in stile SuXbad che tanto piacciono in casa Ford ci sono tutte, a partire dai protagonisti, entrambi protetti del Saloon.
Per una volta l'inizio del weekend trova insospettabilmente d'accordo me e quel degenerato del Cannibale: sarà mica l'effetto di qualche hangover!?!?

"E oraWhite Russian
per tutti! Paga Ford!"
Adorabili amiche di Benoît Pétré
Il consiglio di Cannibal: Ford e Cannibal, adorabili nemiche
Appuntamento ormai consueto con il film da sala del tè settimanale offerto da Mrs. Ford. Per quanto attualmente sia in trip da cinema francese, questo Thelma & Louise fuori tempo massimo credo me lo risparmierò senza problemi, preferendo lasciarlo alla mia poco adorabile “amica”.
Il consiglio di Ford: adorabili pisolini all'ora del the.
Dopo essermi sorseggiato un buon Earl Grey ed aver prepotentemente spaccato la tazza in testa a quella strega di Cannibal Witch direi che salto a piè pari questa robetta da tardone bollite e passo avanti.

"Ford  ha parlato bene del nostro film..."
"Ueeé, per noi si preannuncia un flop clamoroso! :("
C’era una volta in Anatolia di Nuri Bilge Ceylan
Il consiglio di Cannibal: c’era una volta Mr. Ford. E purtroppo c’è ancora
Ed ecco invece la pellicola etnica e pseudo impegnata fordiana della settimana. Un poliziesco turco di scarso appeal che potrebbe attirare giusto il pubblico più Radical Ford. Per me l’unico c’era una volta rimane invece quello della splendida serie Once Upon a Time.
Il consiglio di Ford: c'era una volta Cannibale. Prima dell'ennesima disfatta subita per mano di Ford.
Mi mancava un pò di sano conflitto, in questo clima gioviale che si era creato per il weekend imminente: in barba a tutta la follia del Kid, questo film promette di essere una bomba totale, anche perchè dietro la macchina da presa c'è uno dei più tecnici registi del pianeta, autore dello strabiliante Uzak e del meno riuscito - ma visivamente spettacolare - Le tre scimmie. Se amate almeno un briciolo il Cinema d'autore, non potete perdervelo.
Altro che le favolette cannibali!

Le didascalie cannibali fanno ridere persino quella bestia di Ford!
La bella e la bestia in 3D di Gary Trousdale, Kirk Wise
Il consiglio di Cannibal: Ford in duplice versione, sia bella che bestia e pure in 3D? No, grazie!
Ancora? Un altro film riproposto in 3D soltanto per raggranellare altri soldi? Un’altra sdolcinata produzione disneyana in grado di commuovere tanto tanto i cuoricini più sensibili come quello di Ford?
Io non ci sto! E, come detto sopra, per me le fiabe ormai sono solo quelle di Once Upon a Time.
Il consiglio di Ford: basta, basta, basta. Al 3D. In 3D.
Nonostante La bella e la bestia sia uno dei film Disney più belli mai realizzati - in barba alla palese ignoranza cinematografica del Cannibale -, mi schiero apertamente contro queste bieche operazioni commerciali mangiasoldi della grande D.
Basta. Davvero.

"Ma come, non se lo fa un goccio? Il capitano precedente non diceva
mai di no. Mi pare si chiamasse Schettino, mi pare..."
Benvenuto a bordo di Eric Lavaine
Il consiglio di Cannibal: malvenuto a fordo
Questa settimana la Francia non regala soddisfazioni ma, dopo un’annata finora incroyable, un weekend di tregua possiamo anche concederglielo.
Benvenuto a bordo si preannuncia una commediola inutile, una sorta di film vaccanziero e di variante francese al cinepanettone. In più, tra i consulenti alla produzione c’è stato pure il capitano Schettino!
E avere Schettino come consulente per un film ambientato su una nave da crociera è come avere Ford come consulente per un blog di cinema: un naufragio assicurato! Ahahah
Il consiglio di Ford: Concordia Kid e la sua crociera.
Film agghiacciante della settimana, insolitamente non targato Italia.
Senza neppure soffermarmi su Schettino e la facile ironia che ne consegue, salto in blocco una delle proposte più insignificanti degli ultimi tempi e passo oltre.
Un pò come se dalla mia nave pirata dovessi vedere il Cannibale tra i flutti, circondato dagli squali.

"Inutile che mi torturi: non ammetterò mai che mi
è piaciuto un film consigliato dal Ford. Mai!"
Paura 3D di Antonio e Marco Manetti
Il consiglio di Cannibal: mi fa già paura abbastanza Ford
Ancora non ho visto alcun film dei Manetti Bros., però mi ispirano (abbastanza) fiducia. Dopo la fantascienza de L’arrivo di Wang, si danno all’horror con Paura 3D, il loro secondo film uscito in appena una manciata di mesi. Che vogliano diventare più prolifici di Woody Allen?
Comunque sia, sono tra i pochi in Italia a fare ancora cinema di genere e quindi una possibilità possiamo anche dargliela. Almeno fino a che non si mettono a fare film di genere fordiano!
Il consiglio di Ford: Manetti, ho detto BASTA 3D.
I Manetti non sono male, e certamente rappresentano una delle voci più interessanti dell'underground italiano, eppure la presenza della fatidica ed odiata sigla 3D fa crollare la mia curiosità rispetto a questa potenzialmente interessante proposta.
Per il momento, rimando.
In fondo, il Cucciolo Eroico è in grado di fornirmi tutto l'orrore possibile quotidianamente con i suoi pareri allucinanti!

"Sai che Ford si crede di essere un blogger cinematografico?
Aahahah, è la cosa più divertente che abbia mai sentito in tutta la mia vita!"
Venti anni di Giovanna Gagliardo
Il consiglio di Cannibal: non lo vedo manco tra venti anni
E figuriamoci se questa settimana non arrivava una docu-fiction italiana, che si propone di ripercorrere addirittura gli ultimi 20 anni di storia mondiale o qualcosa del genere. E il fatto che in rete non si trovi manco il trailer, non depone certo a suo favore…
Venti anni? Sì, di galera a Ford se ha il coraggio di consigliare questo film. O anche un film con Jean-Claude Van Damme qualunque.
Il consiglio di Ford: non vorrei incontrarti tra vent'anni. E neppure tra cento.
Sarà curioso ritrovarci tra vent'anni e scoprire che il Cannibale, ormai incanutito e senza capelli, starà continuando imperterrito a spacciarsi per un teen qualsiasi nel tentativo di imbucarsi ad un party sperando - invano - di rimorchiare una diciottenne.
E sarà divertente prenderlo a bottigliate anche allora.
Come dite? Dovevo parlare di un film in uscita? Quale film?

21 commenti:

  1. pure i Manetti son stati contagiati da stocazzo de 3d... cmq a dirla tutta anche L'arrivo di Wang l'ho trovato abbastanza deludente e pacchiano, sopratutto al finale.. vedo che il soprannome di cucciolo eroico perdura... son soddisfatto! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è solo perché ford non sa cosa inventarsi... :)

      Elimina
  2. In realtà il dittatore è divertentissimo e pure piuttosto intelligente! Niente a che vedere con i precedenti film che proprio non reggevano la dimensione dinematografica. IO mi sono sganasciata dalle risate!

    RispondiElimina
  3. Mi ispira il dittatore, lo sai che in Italia il film arriva tagliato di una battuta? Nella battuta si allude a lui che va a donne col premier italiano.. capisci tu quale :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi sa di taglio censorio proprio da perfetta dittatura.
      e pensare che non è nemmeno più al governo...

      Elimina
    2. Non lo è ma non è nemmeno caduto in disgrazia - il suo partito sì stando ai sondaggi -.

      Elimina
  4. Le paludi della morte. Forse Paura (però du balle stò 3D...) resto passo grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le paludi della morte, che preferisco chiamare texas killing fields, merita una visione.
      però non aspettarti un capolavoro

      Elimina
  5. Questa settimana vince la didascalia di C'era una volta in Anatolia, anche se quella dei pollici non è niente male! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Irriverent Escapadegiugno 15, 2012 11:50 AM

      Caro Ford, sulle didascalie, Fine Young Cannibal, ha una marcia in piu'. Non c'e' disputa.

      Elimina
    2. una, ma anche due marce in più rispetto a mondo marcio ford! :D

      Elimina
    3. Irriverent, qualcosa dovrò pur lasciare, al Cannibale, oltre alle briciole! Ahahahahahah!

      Elimina
    4. Irriverent Escapadegiugno 15, 2012 4:29 PM

      Io me ne tiro fuori e rilancio: Fine Young Cannibal quando ti decidi a passare da Milano e onorarci della tua presenza? Metto sul piatto aperitivo con dj set.
      Si attendono risposte positive.

      Elimina
    5. boh, negli ultimi tempi non sono più passato da milano.
      sto diventando sempre meno radical-chic meneghino :)

      Elimina
  6. ah ah so che ti procurerò un dolore immenso ma per me C'era una volta in Anatolia (visto quando in Italia non si parlava neanche di una sua futura uscita al cinema) è una delle migliori visioni dell'anno.Anche a me fa paura il 3d da paura di Paura 3 D...e comunque darei uno sguardo anche a Il dittatore sperando che sia politically uncorrect come e più degli altri Baron Cohen...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sicuro non sia un mattonazzo, sto c'era una volta in anatolia? ;)

      Elimina
    2. eh eh certo non ha la velocità di Avengers...per molti sarà anche un mattone...per me visione di assoluto livello ma a me Nuri Bilge Ceylan ha strappato un pezzo di cuore, lo ammmetto...

      Elimina
  7. Non è una settimana particolarmente interessante. Spero di riuscire a vedere il dittatore, 21 jump street, le paludi della morte e paura 3d (anche se l'arrivo di wang per me era penoso)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh, se ne vuoi vedere ben 4, non è nemmeno così poco interessante, come settimana ;)

      Elimina
  8. Al cospetto di Baron Cohen, Alvaro Vitali e Bombolo sono Orson Welles e Laurence Olivier.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com