giovedì 2 agosto 2012

La band del Contraband

Contraband
(USA 2012)
Regia: Baltasar Kormákur
Cast: Mark Wahlberg, Ben Foster, Kate Beckinsale, Giovanni Ribisi, Lukas Haas, J.K. Simmons, Diego Luna, Robert Wahlberg, Adrian Martinez, Caleb Landry Jones
Genere: scopiazzato
Se ti piace guarda anche: Fast & Furious, The Italian Job, Ocean’s Eleven, Tower Heist - Colpo ad alto livello



"Certo che quel Cannibal ne scrive di minki**e sul suo blog!
Potremmo fargli causa."
"Mark, ti ricordo che siamo dei criminali con la fedina non proprio pulita..."
Contraband sembra un film contrabbandato. Come i soldi falsi smerciati da Mark Wahlberg. Una copia di qualcos’altro, ben fatta e tutto, che resta pur sempre una copia.
Copia di cosa? Bah, di qualunque altro film con un gruppo di criminali alle prese con un colpaccio di quelli assurdi e impossibili da realizzare. Almeno per i criminali comuni mortali. Non proprio un “heist movie”, un film su una rapina, però siamo lì. Da qualche parte tra Ocean’s Eleven, ma senza lo stesso livello di glamourosità, e Fast & Furious, ma senza lo stesso livello di tamarraggine. Contraband è una sorta di ibrido di vari film action, senza nessuna specificità che riesca a distinguerlo e a salvarlo dalla mediocrità e dalla dimenticabilità immediata.
Per il resto, se proprio si hanno basse pretese, il suo porco lavoro di intrattenimento lo fa anche. O quasi. Ha una storia prevedibile e banale, lieto finalone esagerato e del tutto improbabile compreso. Dei personaggi e delle situazioni stereotipate già viste in migliaia, che dico?, forse milioni di altri film. Una seriosità di fondo che si apre a poche concessioni umoristiche, come invece capita nelle più divertenti pellicole del genere. E questa è una grave pecca. Eppure il suo porco dovere di farsi guardare, giusto con qualche sbadiglio qua e là eppure nemmeno troppi, lo assolve.
Il suo difetto maggiore è però l’assoluta mancanza di personalità. Un qualcosa, una scena, un personaggio, che lo distingua dalle centinaia di produzioni americane medie che escono ogni anno e che te lo faccia ricordare in maniera positiva. Invece niente. Niente di niente.

Nella media anche il cast: Mark Wahlberg negli USA come action hero (e non solo) funziona alla grande e anche questo film ha conquistato cifre davvero niente male, tipo oltre 60$ milioni a fronte di una spesa di $25 milioni. Meno bene gli vanno le cose all’estero e l’uscita da noi nel mezzo del deserto estivo lo conferma. Per quanto mi riguarda, a parte l’intenso ruolo del padre nel mio preferito Amabili resti, il Marky Mark fattosi attore non mi ha mai convinto molto, anche se lo attendo con grande curiosità alla prova della commedia con Ted, super campione di incassi a sorpresa dell’estate americana.


"Che bevi?"
"Red Bull, non vorrei addormentarmi prima della fine del film..."
Ah sì, dimenticavo: anche in The Departed se la cavava parecchio bene.

Nei panni della sua moglie, in un ruolo però parecchio anonimo, troviamo Kate Beckinsale. Per lei il discorso è analogo a quello su Wahlberg. Amo un suo unico film, in questo caso The Last Days of Disco, mentre per il resto mi ha lasciato sempre parecchio indifferente. Il fatto che il suo ruolo più celebre sia quello nella (pessima) saga vampiresca di Underworld, di certo non aiuta. Il fatto che l’altro suo grande successo sia Pearl Harbor, nemmeno questo depone a suo favore. Peccato, perché è una bella topolona e pure come attrice sembra possede un notevole potenziale non espresso.
Non c’è due senza il tre, dice il detto. Perché un detto che non dice nulla, che detto sarebbe?


"Cannibal, smettila di rompermi le palle solo perché ero in Avatar!"
Il terzo personaggio centrale del film è quello interpretato da Ben Foster. Altro attore quasi sempre sprecatissimo. Nel suo caso, la sua performance che ho preferito è quella in Oltre le regole - The Messenger, poi si è presentato in un sacco di produzioni impresentabili (robe come Professione assassino o Pandorum). Un attore che sembra essere rimasto incasellato all’interno del genere d’azione, quando meriterebbe di recitare in cose più interessanti di queste pellicole medie.

Stesso discorso si potrebbe fare anche per il resto del cast, con nomi come Lukas Haas e Giovanni Ribisi, attori che negli anni ’90 sembrava dovessero spaccare il mondo e poi si sono progressivamente persi per strada.


"Ecco a voi la cintura più trendy, e costosa, dell'estate!"
Contraband allora è un film bello?
Manco lontanamente.
Contraband è un film brutto?
No. Però ha una enorme pecca. Contraband non sembra un film contrabbandato. Contraband è proprio un film contrabbandato. Come delle banconote false.
(voto 5/10)

P.S. Lo so, anche questa recensione sembra un prodotto di contrabbando però, che ve devo dì?, il film non mi ha certo ispirato una particolare originalità…

7 commenti:

  1. Adoro Ribisi e adoro Lukas Haas, ma questo Contraband mi ispirava proprio poco.
    Aspetterò con ansia Ted, però *__*

    RispondiElimina
  2. a me è piaciuto, come dici bene il suo porco dovere d'intrattenimento lo fa!

    RispondiElimina
  3. Concordo in pieno con Hob.
    Finalmente mi trovo in pieno disaccordo: Contraband non brillerà per originalità, eppure è ben realizzato e funziona dall'inizio alla fine.
    Considerato che di solito l'action sforna nove schifezze su dieci film, questo si difende alla grande!

    RispondiElimina
  4. la beckinsale brillava diretta da Kenneth Branagh in "molto rumore per nulla": lì sì che si vede il potenziale, espresso!e poi non era male in serendipity...

    RispondiElimina
  5. Contraband l'ho visto , e mi sembra meglio di una bell martellata sui testicoli , e anche di molto.
    Mi lascia la sensazione di "boh?" alla fine , diciamo che dopo un mese te lo dimentichi completamente come , come Takers , avete presente?
    Però io sono più un tipo da "cesare deve morire" che da film di azione.

    RispondiElimina
  6. Questo film non mi attrae proprio, dopo la tua recensione poi! per il discorso attori, Mark Wahlberg secondo me non è male, è il tipico ragazzotto naturalmente portato che sa stare dietro una telecamera.. se la cava ma non è certo un attore di ricerca alla sean penn o daniel day lewis.. per un film così direi che può andare! Ribisi era troppo brutto per sfondare davvero come protagonista :-) la Beckinsale invece è molto bella.. al di là di ciò non mi pronuncio perché effettivamente l'ho vista solo in Pearl Harbour e Serendipity, due film che non mi hanno certo fatto impazzire...

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com