lunedì 17 dicembre 2012

Un’intervista molto minimal

Stufo di concedere interviste a siti e tv di tutto il mondo, le ultime in ordine di tempo ad Aleja B di Unlock your creativity e a Barbara D'Urso di Domenica Live, per una volta mi calo nei panni dell’intervistatore.
Quest’oggi, miei cari lettori cannibali, vi presento una persona, ma che dico una persona?, dico un personaggio, che ormai da diverso tempo si occupa di creare gli header che vedete qui in testa al mio blog e che ha realizzato pure la copertina per la mia raccolta di racconti L’ultima estate di Joan e altri racconti.
Sto parlando di C(h)erotto, grandioso grafico noto sul web per i siti OsirisicaOsirosica e L’orablu.
Un cannibale onorario, in pratica, che adesso ci presenta una sua nuova invenzione grafica. Parecchio geniale, mi permetto di aggiungere.
Ma parliamone insieme a lui…


Ciao C(h)erotto, benvenuto nel salotto cannibale. Mettiti comodo e rilassati pure, tanto qui non si fanno domande scomode… Giusto per rompere il ghiaccio: è vero che hai intascato dei soldi in nero da Cannibal Kid per realizzare le testate del suo blog?

Ciao Cannibal Kid. Con i soldi che mi hai passato (rigorosamente in nero) ho comprato un panfilo... non dovevo dirlo?

La prima storica header realizzata da C(h)erotto per Pensieri Cannibali

Mmm… sento già le sirene fuori dallo studio. Questa domanda forse era meglio se non te la rivolgevo.
Passiamo oltre. Parlaci del tuo nuovo progetto grafico, che personalmente trovo molto fico: i Minimal Incipit. Cosa sono e come ti è venuta in mente un’idea del genere?

Oltre agli impegni quotidiani che hanno più o meno tutti (lavoro e famiglia su tutti) da qualche anno, insieme ad altri scriteriati personaggi con cui condivido tempo, energia e passione, faccio parte di un'associazione culturale, L'Orablù, che opera nella città dove abito, Bollate. Oltre alle varie iniziative che promuoviamo da alcuni anni, intorno alla metà di maggio di quest'anno, abbiamo preso in gestione un locale di un centro sportivo con l'intenzione di poter organizzare eventi che vadano oltre alla proposta di ristorazione del locale. A novembre si è tenuto il primo di questi appuntamenti che prevedeva l'incontro con tre autori di libri (tutta la storia è ben raccontata qui. È nata così l'idea di arredare L'OrablùBar (ecco svelato il nome del locale...) con qualcosa che avesse a che fare con i libri. Ho abbinato, aiutato anche dai soliti scriteriati personaggi, l'incipit, ovvero le prime righe che si leggono quando si apre il libro, a un segno grafico semplice, minimal...

I tuoi Minimal Incipit mi hanno fatto venire in mente in qualche modo i lavori di Saul Bass, storico autore di locandine e titoli di testa di alcuni celebri film di Hitchcock. C’ho preso oppure, da ignorante in materia, ho detto una cavolata assoluta? C’è comunque qualche artista a cui ti ispiri in particolare?

Urca! Saul Bass... i titoli di testa di alcuni film da lui creati (guardare qui il suo primo lavoro cinematografico) sono bellissimi... è stato proprio un maestro dello stile grafico semplice e pulito che possiamo definire minimal. L'avvento della tecnologia e dei programmi di illustrazione ha fatto sì che questo genere, avviato appunto da Bass, si è proliferato nelle menti dei creativi e ha raggiunto da molti anni anche quello che rimane della mia mente... Un'artista di cui sono un estremo aficionado è Andrea Pazienza ma questa è un'altra storia...

Questi Minimal Incipit si possono acquistare e, se sì, la gente deve fare un mutuo per poterli avere, oppure sono low cost?

Nessun mutuo. Sul blog dedicato si può sfogliare il catalogo e capire meglio cosa sono i Minimal Incipit. Tieni anche conto (i soldi in nero che mi passi non bastano mai...) che parte del ricavato delle vendite dei Minimal Incipit andrà versato a L'Orablù. Per qualsiasi informazione lascio la mail: minimalincipit@gmail.com

Per chiudere, parlaci del già menzionato locale che gestisci a Bollate, L’OrablùBar, che ha anche una sua web page con cui collaboro stabilmente. Si tratta soltanto di un semplice bar, o di qualcosa di più?

Come detto prima L'OrablùBar è qualcosa di più. O almeno sta cercando di diventare qualcosa di insolito, che vuole uscire dal solito panorama di attività culturali proposte nei paesi dell'hinterland milanese. Rimando al blog de L'Orablù a chi volesse approfondire l'argomento.
Grazie Cannibal Kid, alla prossima.

Grazie a te, C(h)erotto, per essere stato con noi e a voi gentili spettatori per aver seguito l’intervista.
E adesso, consigli per gli acquisti.



10 commenti:

  1. Molto molto belli e molto molto efficaci! L'idea è veramente carina, poi.

    Non avevo capito nulla riguardo al prezzo, pensavo che con 15 euro ti mandasse 20 copie di una stessa tavola, invece con 15 euro hai tutto il volume... Infatti mi sembrava una scemenza, come l'avevo pensata io! :)

    RispondiElimina
  2. Irriverent Escapadedicembre 17, 2012 3:32 PM

    Se sei riuscito a schiodare il Fine Young Cannibal dal natio Monferrato e portarlo a Milano sei un grandeeee.....!

    Scherzi a parte i miei stanno giá facendo bella mostra in giro per casa.
    E l'unico che ho regalato (ad una amica grafica) ha ottenuto ampi consensi !!!

    RispondiElimina
  3. piccola precisazione per Ale (grazie mille per l'apprezzamento): con 15 euro prendi una tavola di un soggetto a tuo piacere, di questo soggetto ci sono 20 tavole che andranno ad esaurirsi...

    RispondiElimina
  4. uh, ma che belli! Cannibale, grazie per avermeli fatti scoprire! :)

    RispondiElimina
  5. Per chi ama i libri, impossibile non apprezzarli. Mi piacciono tutti!!

    RispondiElimina
  6. Gran bella roba.
    E mi accodo al plauso di Irriverent, considerato l'isolamento in cui si pone il Cannibale rispetto al mondo fuori da Casale! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Irriverent Escapadedicembre 18, 2012 3:21 PM

      I soliti bastardoni, eeeehBro??

      Elimina
  7. Il Cannibale che intervista Cherotto è davvero una pagina di giornalismo estremo :)A parte gli scherzi, gli splendidi lavori di Cherotto abbelliscono anche la mia residenza, dandogli un tocco moooolto glamour.Bravi ragazzi !

    RispondiElimina
  8. Cherotto ha fatto un lavoro splendido..l'idea è originalissima oltre che assolutamente artistica. Sono uno più bello dell'altro..

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com