mercoledì 13 novembre 2013

KANNIBAL KID – PER VINCERE DOMANI




Karate Kid – Per vincere domani
(USA 1984)
Titolo originale: The Karate Kid
Regia: John G. Avildsen
Sceneggiatura: Robert Mark Kamen
Cast: Ralph Macchio, Pat Morita, Elisabeth Shue, Randee Heller, Martin Kove, William Zabka, Chad McQueen, Frances Bay
Genere: di formazione
Se ti piace guarda anche: Kill Bill, Gran Torino, Donnie Darko

Daniel when I first saw you
I knew that you had a flame in your heart
And under our blue skies
Marble movie skies
I found a home in your eyes
We'll never be apart

Non è quello che può sembrare dall'immagine.
Karate Kid è un film maledettamente perfetto. Commerciale fin che si vuole. Ingenuamente ma più che altro genuinamente Anni Ottanta fino al midollo, eppure ancora oggi godibilissimo e più che mai attuale. Karate Kid 1 – Per vincere domani ha rappresentato un modello per il cinema degli anni a venire. Non mi riferisco tanto a quelle cagate scopiazzate come la serie de Il ragazzo del kimono d’oro, o nemmeno al pur decente (a sorpresa) recente remake con Jaden “figlio raccomandato di Will” Smith, o manco a tutti i film su scazzottate e combattimenti vari. Karate Kid è stato ed è anche e soprattutto una pietra di confronto fondamentale per il cinema di formazione successivo e per il genere teen in generale. Se vogliamo anche dei revenge movies. Karate Kid è un film i cui echi si sono sentiti su grandi film degli ultimi anni come Donnie Darko, che lo cita apertamente nei costumi scheletrici di Halloween, o come Kill Bill e Gran Torino, per il rapporto tra allievo e maestro, e poi tanti altri che in questo momento non mi vengono in mente ma probabilmente ne esistono.

Karate Kid è un film sul karate? No. Oddio, un pochino sì, ma è anche e soprattutto una storia d’amicizia, d’amore, una vicenda che parla del trovare se stessi, dell’affrontare i propri problemi e superarli, racconta di un rapporto tra insegnante e studente, di un rapporto di tipo quasi paterno che si instaura tra i due protagonisti, di crescere e imparare, del confronto tra generazioni e stili di vita differenti, del prendere gli insegnamenti della cultura orientale e unirli all’irruenza occidental-americana. Karate Kid è un film filosofico ed esistenziale.
Se vogliamo è anche un film sullo sfruttamento del lavoro minorile. O anche, se proprio andiamo a guardare bene da vicino, è la storia di un vecchino orientale psicopatico e ubriacone che dorme da seduto e che insegna il karate a un bimbominkia italo-americano scartato dalle selezioni di Jersey Shore solo perché troppo poco muscoloso e tamarro. Ma non sottilizziamo troppo.

And when the fires came
The smell of cinders and rain
Perfumed almost everything
We laughed and laughed and laughed

Il cerchietto, il non plus ultra del sexy negli anni Ottanta.
Il punto di forza principale del film sta in una sceneggiatura davvero brillante e completa, che calibra alla perfezione l’action con il romanticismo, la commedia con il dramma, l’epicità con un tocco genuino e semplice. Dentro Karate Kid c’è tutto, non solo il racconto di un ragazzetto che partecipa a un torneo di arti marziali per vendicarsi dei bulletti che gli fanno il culetto a scuola. Proprio per questo è sconfortante vedere la fine fatta dallo sceneggiatore Robert Mark Kamen (a quanto pare non parente del cantante 80s Nick Kamen), qui autore di uno script fenomenale e in tempi recenti tornato a notorietà grazie alla terrificante saga di Taken con Liam Neeson.
Anche a livello registico, il film non è niente male. Dietro la macchina da presa c’è John G. Avildsen, quello che ha diretto il primo Rocky, uno che negli ultimi anni non ha poi più girato niente, ma se non altro lui c’ha risparmiato delle porcherie con Liam Neeson. In Karate Kid ci sono scene degne di Brian De Palma, come quella in cui il protagonista Daniel è seduto alla tavola calda con la madre e intanto alle sue spalle i cattivoni del club di karate stanno architettando un attentato nei suoi confronti a sua insaputa, ma non a insaputa dello spettatore. A inizio pellicola ci sono inoltre magistrali sequenze quasi horror, come quella dell’inseguimento dei karateki vestiti da skeletri. Altra perla è poi la scena del più grande smerdamento nella storia del cinema. Il maestro Miyagi è tutta la vita che prova a prendere una mosca con le bacchette, arriva il minkiettino Daniel San e ci riesce dopo 4 tentativi 4 appena. “Hai la fortuna dei principianti,” gli dice, mentre intanto muore dentro.



"Questa mossa mi servirà nel prossimo combattimento?"
"No, giovane Daniel San. Ti tornerà utile in appuntamento con Elisabeth Shue."
Il cuore del film sono loro: Daniel San (Ralph Macchio, che dove cacchio è finito?) e il maestro Kesuke Miyagi (Pat Morita, purtroppo morto nel 2005 ma che voglio ricordare così) . Il secondo parte come un pirletti e poi diventa un idolo totale. Quanto a Daniel, lui c’è da dire che è un po’ Il Pirletti assoluto. Quando quella gnocca di Elisabeth Shue gli concede il primo appuntamento, lui si fa portare dalla mamma. Dalla mamma… dai, che vergogna! E c’ha pure uno scassone di auto che non parte… dai, che doppia vergogna! A questo punto faceva più bella figura se si presentava a piedi o magari sulla BMX. Anche per questo, ancor più per cose come questa, Karate Kid fa una notevole tenerezza. Ci sono degli episodi di bullismo feroce nel corso della visione, però c’è anche una rappresentazione dell’adolescenza innocente, che oggi non sarebbe più possibile immaginare.

And in the golden blue
Crying took me to the darkest place
And you have set fire to my heart

"E questa mossa qua?"
"Pure questa farà un sacco felice Elisabeth. Garantito."
Karate Kid non è un semplice film. È un caposaldo. Quando le cose si fanno dure, quando tutto pare perduto, quando non pensi di sapere più chi sei, guardi Karate Kid e tutto sembra riacquistare un senso. Il mondo torna a essere un posto di cui potersi ancora fidare, in cui avere speranza, almeno un pochino. Le cose possono andare meglio, basta che dai il VHS di Karate Kid al tuo videoregistratore e togli Karate Kid dal tuo videoregistratore, e poi ancora e ancora e ancora.
Dai Karate Kid, togli Karate Kid.
Dai Karate Kid, togli Karate Kid.
Dai Karate Kid, togli Karate Kid…
(voto 8/10)

When I run in the dark, Daniel
To a place that's vast, Daniel
Under a sheet of rain in my heart
Daniel, I dream of home
Bat for Lashes “Daniel”



Questo post partecipa all’evento The Fabolous 80’s Special, organizzato da Arwen Lynch del blog La fabbrica dei sogni e dedicato alle recensioni di film cult degli anni Ottanta. Per partecipare anche voi fate un salto QUI, oppure QUI.


18 commenti:

  1. grazie della segnalazione
    posterò presto su RITORNO AL FUTURO (mi è venuto in mente guardando la gnocca da te citata; è la fidanzatina di Marty)

    RispondiElimina
  2. ...io non l'ho mai visto...
    e so che meriterei la lapidazione perché mi definisco un'amante cinfila...

    RispondiElimina
  3. "a quelle cagate scopiazzate come la serie de Il ragazzo del kimono d’oro" O.O ERESIA!!!

    RispondiElimina
  4. Lo sapevi che è stato fatto anche un cartone animato su Karate Kid?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco la sigla: http://www.youtube.com/watch?v=tClTFRqtcKA

      Elimina
    2. teribbbile!
      pure di ritorno al futuro avevano fatto il cartone.
      ma io ste cose le inserisco nella categoria "cagate scopiazzate" :)

      Elimina
    3. E anche di Voglia di vincere, The Mask, Ace Ventura...
      Puoi vedere molti di questi qui: http://docmanhattan.blogspot.it/2010/10/rambo-robocop-hazzard-e-altri-23.html

      Elimina
  5. l'ho recuperato grazie a internet, ora lo devo rivedere, sto film mi ricorda di quando ero piccola e lo guardavo con mio fratello ^_^

    RispondiElimina
  6. Sono rimasto spiazzato non solo dal fatto che tu l'abbia recensito, ma anche e soprattutto perchè hai scritto un post come l'avrei scritto io.
    Supercult TOTALE.
    Grande Peppa. E come ben sai, non lo dico certo con leggerezza.

    RispondiElimina
  7. Quanti ricordi... La Shue è nostra signora della cecità adolescenziale. Senza contare che "Dai la cera, togli la cera" è entrato a far parte del nostro vocabolario. Ralph Macchio non ha fatto qualcosina in "Hitchcock"?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si era tra gli interpreti, non ricordo esattamente il ruolo ma lui c'era :)

      Elimina
    2. ah già. aveva una piccola parte lì...
      a parte quello però è abbastanza sparito, il karate man

      Elimina
  8. Ciao, abbiamo notato il tuo blog, i cui contenuti sono davvero interessanti, vorremmo proporti di collaborare con Il Trafiletto, blog di informazione libera e news, ci sono possibilità di guadagno, vieni a trovarci su.http://il-trafiletto.blogspot.it/ e contattaci, saremo lieti di darti tutte le informazioni da te richieste

    RispondiElimina
  9. Bellissimo post! Karate Kid è uno di quei film che non mi stancherò mai di vedere e rivedere. E' pura magia anni 80, impossibile da riprodurre ai nostri giorni.

    RispondiElimina
  10. Non credo di averlo mai visto...
    Però ADORO la canzone di Bat For Lashes, che ascolto continuamente!!! In realtà, è proprio per la canzone che sono curiosa di vedere il film...

    ;-)

    RispondiElimina
  11. Bellissima recensione! Probabilmente io non avrei avuto il coraggio di parlarne così bene! Ho visto Karate Kid decine di volte! I seguiti sono inguardabili, ma il primo è superbo!
    Ralph Macchio e il biondo cattivo hanno di recente fatto delle comparsate in How I met your mother...

    RispondiElimina
  12. d'accordo su tutto quanto, cannibal.
    ho tirato un respiro di sollievo per la paura che mi stroncassi anche questo mio capisaldo.
    Ho solo una piccola osservazione:
    Il mio Maestro dice che è il piu bel film di arti marziali di sempre.
    Io sono contento che il mio Maestro mi insegni le arti marziali, poi ci sono i critici musicali

    RispondiElimina
  13. Ormai lo vedo una volta al mese, visto che Italia 1 lo replica sempre!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com