martedì 11 febbraio 2014

A PROPOSITO DI DAVIS, DEL FOLK, DEI COEN, DI CAREY MULLIGAN E DI GATTI




A proposito di Davis
(USA, Francia 2013)
Titolo originale: Inside Llewyn Davis
Regia: Ethan Coen, Joel Coen
Sceneggiatura: Joel Coen, Ethan Coen
Cast: Oscar Isaac, Carey Mulligan, Justin Timberlake, John Goodman, Garrett Hedlund, Ethan Phillips, Robin Bartlett, Max Casella, Adam Driver, Alex Karpovsky, Helen Hong
Genere: folk
Se ti piace guarda anche: Sugar Man, Fratello, dove sei?, I’m Not Here

Se non è mai stata nuova e non invecchia mai, è una canzone folk.
Llewyn Davis

La frase d’apertura del “nuovo” film dei fratelli Coen spiega bene il mio rapporto nei confronti sia del loro cinema che della musica folk. E nuovo va inteso proprio nel senso che dà il protagonista della pellicola, Llewyn Davis. Anche i film dei fratelli da Oscar quest’anno ignorati dagli Oscar sono così. È come se esistessero già da sempre. È come se si rifacessero ogni volta a qualcos’altro. Di riferimenti alla Bibbia è pieno il loro cinema, si veda A Serious Man. Quanto all’Odissea, non parliamone. Sono proprio fissati i Coen. Non contenti di averne fatto la versione musical folk con Fratello, dove sei?, pure qui c’hanno inserito un personaggio chiamato Ulisse.
Quale personaggio?
Questo non ve lo svelo. Anche se la vera Odissea è quella che vive il protagonista.

I film dei fratelli Coen sono come canzoni folk già esistenti che si divertono a reinterpretare nel loro personale modo. L’amore per questo genere di musica emerge qui ancora una volta forte e chiaro, al punto che A proposito di Davis avrebbe potuto intitolarsi A proposito del folk, o in originale Inside Folk anziché Inside Llewyn Davis. Il film è liberamente ispirato alla biografia del musicista e cantore anni ’60 Dave Van Ronk, ma più che raccontare di lui o di quello che ne è il suo alter-ego fittizio ovvero Llewyn Davis, racconta uno stile di vita. Raccontare poi è una parola grossa. Quella scritta dai Coen è dichiaratamente una sceneggiatura priva di una vera e propria trama. È più un girovagare a zonzo insieme al loro protagonista. Un gattonare di casa in casa, di strada in strada, di città in città. Come un vagabondo. Come un micio randagio.

"I'm bringin' sexy back (yeah), them other fuckers don't know how to act.
Penso che ancora non siate pronti per questa musica...
ma ai vostri figli, diciamo ai vostri nipoti, piacerà."

Tutto il fascino, così come anche i limiti del film stanno qui. Per certi aspetti questa è una pellicola poco coeniana in senso stretto, e di questo da loro non-fan non posso che essere felice. I momenti non-sense, pur presenti, qua sono più contenuti.
A parlare qui, più ancora che i personaggi strambi pur sempre presenti, sono le canzoni. Belle, molto belle, soprattutto quelle cantate da Justin Timberlake, alla facciazza di chi tanto lo disprezza perché è troppo pop. Questa è una non storia che parla di musica e della vita del musicista. Non il musicista figo rock’n’roll oh yeah con le groupie attaccate al pene e una pera attaccata al braccio, quanto il lifestyle del musicista folk perdente che cerca di tirare avanti in quel di New York City a inizio anni Sessanta, prima che il genere venisse riportato in auge da un certo Bob Dylan. Sotto questo aspetto, A proposito di Davis è un lavoro assolutamente riuscito. Allo stesso tempo, per quanto il film possa non essere troppo coeniano, Llewyn Davis è invece uno dei più coeniani tra i personaggi presenti nella galleria del loro cinema. È un loser totale, uno che non vuole pensare al futuro, a progettarsi una vita, a essere come dicono gli altri.
Questo per quanto riguarda gli aspetti positivi, tra cui io ci metto dentro decisamente anche l’ottima interpretazione di Carey Mulligan. Ha un ruolo piccolo, però in una manciata di memorabili scene riesce a ritrarre bene il suo personaggio, che è un po’ l’opposto della deliziosa protagonista di An Education; nonostante riprenda il look anni ‘60 con frangetta di quel film, riesce qui a dar vita a una stronza come poche. Eppure, così come successo anche ne Il grande Gatsby, è talmente adorabile che persino nei panni di personaggi odiosi non riesce a farsi odiare del tutto. Oh Carey, quanto sei cara.
"Ma la smettete di chiedermi Father And Son e Wild World?
Vado in giro con un gatto, ma non sono Cat Stevens!"

Eppure manca qualcosa, qualcosa in grado di trasformare la simpatia/empatia per questo loser, questo Llewyn Davis, e trascinarci davvero “inside”, dentro la sua vita, dentro la sua mente, dentro il suo cuore. Se la passione per la musica folk dei Coen emerge cristallina, così non è per il protagonista. Perché fa musica? È quasi come se la odiasse.
Inoltre la mancanza di una vicenda forte in grado di tenere davvero sulle spine a un certo punto si fa sentire. Più che raccontare una storia, come le ballate folk spesso sanno fare, A proposito di Davis ha un andamento da improvvisazione jazz, non c’è alcuno sviluppo e la trama gira attorno a se stessa. What goes around… comes around, come direbbe Justin Timberlake, qui relegato a un ruolo francobollo in cui non riesce a brillare molto come attore, ma solo come cantante.
Un altro problemino del film è proprio questo. I personaggi minori restano relegati troppo sullo sfondo, si vedano John Goodman e Garrett Hedlund buttati nella mischia a casaccio e incapaci di imporsi.

Alla fine, i Coen non si smentiscono mai. Decidete voi se vada presa più come una cosa positiva o negativa. Nonostante il mio non-amore nei loro confronti, questo film a me comunque è piaciuto. Sì, direi che mi piaciuto. Tra le pellicole dei fratelli registi lo metterei al secondo posto giusto dietro Fargo. I film dei Coen sono sempre un viaggio e questa volta ammetto che il viaggio in loro compagnia è stato per me più piacevole del solito, grazie anche a una fotografia che ricrea perfettamente quel mood alla The Freewheelin’ Bob Dylan, per altro già reso da Cameron Crowe in Vanilla Sky.



Però, c'è sempre un però. Una volta arrivati a destinazione, l’impressione è anche questa volta di non essere andati da nessuna parte, di aver girato a vuoto. Un bel girare a vuoto, ma pur sempre un girare a vuoto. Questo è il cinema dei Coen, un tipo di cinema che mi fa lo stesso effetto del folk, genere che occasionalmente ascolto anche e non mi dispiace, ma che di rado mi prende fino in fondo. L’ultima volta mi è capitato con la musica di Rodriguez scoperta grazie a Sugar Man, quasi un gemello in versione documentaristica di A proposito di Davis. Come una canzone folk, i loro film non invecchiano mai ma allo stesso tempo non dicono niente di nuovo. Così è il loro cinema, prendere o lasciare. E io per questa volta prendo, anche perché questa è una pellicola molto gattosa felina. E come fai a non volere bene a un gatto, o a una Carey Mulligan, o a un povero cantante folk sfigato?
(voto7,5/10)


"Llewyn Davis non funziona, amico! Dovresti trovarti un nome d'arte, qualcosa tipo... Gatto Panceri."

32 commenti:

  1. Si gira a vuoto, è vero, ma è proprio un bel girare. Ma a me i Coen piacciono, forse sono di parte. Però la Mulligan NO, non ce la posso fare, non la reggo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. come si fa a non amare carey?
      come si fa???
      :)

      Elimina
  2. beh, considerata la tua (s)passione per i Coen, 7.5 mi sembra già un gran voto.
    Io all'epoca ne avevo parlato come di un film "circolare"... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. i coen oltre al folk devono aver ascoltato un sacco what goes around... come around di justin timberlake :)

      Elimina
  3. Se perfino tu gli piazzi un sette e mezzo, allora sarà la fordianata dell'anno! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non è nemmeno troppo una fordianata, per fortuna. non come quella menata di all is lost :)
      ma probabilmente ti piacerà comunque parecchio...

      Elimina
  4. Sì in effetti visto il tuo disamore per i fratellini, io sento aria di ennesimo filmONE. Poi c'ho un debolissimo per i felini in miniatura. ^_^

    RispondiElimina
  5. Speravo di riuscire a vederlo al cinema ma a quanto pare dovrò aspettare. Certo che tu sei stato abbastanza tiepido, ma i Coen sono i Coen.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tiepido?
      ti assicuro che questo è il massimo del calore che posso provare per un film dei coen :)

      Elimina
  6. Io invece i Coen li amo (Primo Fargo? Ok, gran film, ma per me sono tutti al n.1 :B). Questo ce l'ho in attesa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tutti?
      se ripenso a robe come a serious man ho ancora gli incubi... :)

      Elimina
  7. Non ho letto la recensione per non avere eventuali spoiler. Mi rinfranca il voto perché mi sa che, visto il tuo, mi piacerà sicuramente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma allora ti spoilero tutto qui!
      dunque...

      no dai, non sono così perfido ;)

      Elimina
  8. Sono d'accordo con te. Le canzoni del film sono davvero belle, e Justin mi è piaciuto molto, contro ogni aspettativa.
    Però il film non mi ha preso, qualcosa non mi ha convinto fino in fondo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a livello emotivo i coen non hanno certo mai brillato...
      tra i loro film comunque questo rispetto agli altri mi ha preso già di più :)

      Elimina
  9. Penso che lo andrò a vedere, visto che non posso resistere al fascino del cinema dei Coen

    RispondiElimina
  10. ah è uscitooo? Allora cercherò di vederlo il + presto possibile :P

    RispondiElimina
  11. Guarderollo stasera, direi. Solo per i Coen. Anzi, solo per il gatto perché ho paura che non sarà di mio gradimento... ç_ç

    RispondiElimina
  12. Penso di non aver mai amato così tanto un film dei coen...

    RispondiElimina
  13. nemmeno io sono una coeniana convinta, ho un problema di comprensione dei loro film e del loro stile, ma chissà perchè, ancora devo capirlo, non mi perdo mai una loro uscita.
    A proposito di Davis infatti, pur non considerandolo una visione imprescindibile, alla fine lo vedrò :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. benvenuta nel club di quelli che non comprendono i film dei coen!
      sarà che per lo più non hanno proprio senso... :)

      Elimina
  14. L'unico film dei Coen che mi ha fatto storcere il naso è stato "A serious man", forse il film più permeato di cultura ebraica di tutti. Ma non è per questo che mi ha fatto storcere il naso. E' proprio che non mi è piaciuto. Abbastanza piatto e per questo palloso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io sono arrivato alla fine di a serious man domandandomi cosa avessi appena visto.
      e ancora oggi non l'ho mica capito :)

      Elimina
  15. I Coen mi son sempre piaciuti parecchio e con quest'ultimo film (e non lo dico solo per la presenza di quel coccoloso di un micio rosso) ancora di più!

    RispondiElimina
  16. Giusto Marco, malgrado tutto ..come fai a non amarli?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. fanno film che per me non hanno senso. volutamente costruiti sul fatto che la vita non abbia senso e tutto proceda per caso.
      cosa anche vera, ma per me il cinema un senso deve cercarlo.
      c'è chi non capisce i film di kubrick o di malick, io non riesco a capire i loro... :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com