lunedì 17 marzo 2014

SUPER CULT ANNI 90 - RAGAZZE A BEVERLY HILLS CON ALICIA SILVERSTONE




Ogni decennio ha l’icona femminile che si merita. Negli anni ’90, c’abbiamo avuto Alicia Silverstone.


Il nome di Alicia Silverstone non vi dice niente?
Se siete sotto i 30 anni o sopra i 40, è abbastanza normale. Ma se siete stati adolescenti nei 90s e non la ricordate, dove diavolo siete cresciuti? Sulla Luna? Nella giungla? In Canada?
Che la conosciate o meno, in ogni caso beccatevi una breve Alicia Silverstone Story.

Alicia diventa famosa nel 1993 grazie a uno stalker-thrillerino-soft-porno, La ragazza della porta accanto (The Crush), pellicola molto lolitesca che impone il suo fascino acerbo. A farla entrare nell’immaginario collettivo di noi 90s kids ci pensano quindi una manciata di video degli Aerosmith, in un’epoca in cui i videoclip musicali ce li vedevamo ancora su Mtv e non su YouTube. Cryin’ (in cui c'era anche Stephen Dorff), Crazy (in coppia con l’altrettanto esplosiva Liv Tyler) e Amazing compongono la “Trilogia della Silverstone” e hanno segnato un’intera generazione.



L’apice del successo Alicia lo tocca poi con la pellicola Ragazze a Beverly Hills, un teen cult assoluto degli anni ’90 che, soprattutto negli USA, si impone come autentico fenomeno della pop culture. Dopo questo super successo, la Silverstone sembra dover scoppiare come nuova diva mondiale, ottiene l’ambita parte di Batgirl in Batman & Robin ma… il film è una schifezza di proporzioni gigantesche, lei in seguito compie tutta una serie di scelte recitative sbagliate, interpretando un flop dietro l’altro (Babysitter… un thriller, Una ragazza sfrenata, Sbucato dal passato, Pene d’amor perdute) e le sue quotazioni precipitano. Quando il decennio finisce, è ormai chiaro a tutti che Alicia Silverstone vivrà per sempre sì, ma solo come simbolo, uno dei simboli supremi, degli anni ’90.

Ogni decennio ha l’icona femminile che si merita.
Negli anni ’50 c’è stata Marilyn Monroe.


Negli scintillanti 60s Brigitte Bardot.


Nei 70s l’angelo Farrah Fawcett.


Negli anni ’80 Molly Ringwald della trilogia di John Hughes (Sixteen Candles – Un compleanno da ricordare, Breakfast Club e Bella in rosa).


Negli anni zero arriva Lindsay Lohan.


Negli anni dieci attualmente in corso imperversa Miley Cyrus.
State già rimpiangendo Lindsay, vero?


Negli anni ’90 invece c’avevamo Alicia Silverstone e questo è il suo film più celebre.

Ragazze a Beverly Hills
(USA 1995)
Titolo originale: Clueless
Regia: Amy Heckerling
Sceneggiatura: Amy Heckerling
Cast: Alicia Silverstone, Stacey Dash, Elisa Donovan, Brittany Murphy, Paul Rudd, Donald Faison, Breckin Meyer, Jeremy Sisto, Justin Walker, Dan Hedaya, Wallace Shawn, Twink Caplan
Genere: 90s
Se ti piace guarda anche: Mean Girls, La rivincita delle bionde, 10 cose che odio di te, Giovani, pazzi e svitati, Fuori di testa, Fusi di testa

Mi è venuta voglia di recuperare il super cult di una ventina d’anni fa Ragazze a Beverly Hills dopo aver guardato (questa volta su YouTube e non più su Mtv) il nuovo video di Iggy Azalea e Charli XCX, “Fancy”, in cui le due nuove icone della musica pop di oggi sono andate a girare nelle stesse location della pellicola, recuperando vestiti e look di Alicia Silverstone & friends e omaggiando esplicitamente varie scene del film.



Capisci che stai invecchiando quando gli idoli che segui da una vita vengono accettati dal mainstream, trionfano ai Grammy Awards, come capitato quest’anno ai Daft Punk, oppure ottengono degli Oscar, come successo negli ultimi tempi a Jared Leto, Natalie Portman e Christian Bale. Quando lo vincerà pure Leonardo DiCaprio, allora lì capirai di essere davvero decrepito.
Capisci inoltre che stai invecchiando anche quando le nuove sgallettate del pop odierno vanno a riprendere i simboli della tua gioventù e li fanno apparire vintage. Come il video di Iggy Azalea e Charli XCX mette in chiaro, gli anni '90 ormai sono retrò e noi che in quel decennio ci siamo cresciuti siamo vecchi, siamo passato, siamo Storia.
NUOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!

Se non ci facciamo prendere troppo dalla tristezza, possiamo guardare a quel periodo con un velo di malinconia, senza cadere nella più profonda depressione. Così come possiamo cominciare a considerare i cult di quei magici tempi come veri e propri classici moderni, cui le nuove generazioni si abbeverano e prendono da esempio. Ragazze a Beverly Hills oggi è un classico moderno, chi l’avrebbe detto giusto qualche anno fa?

"Alicia, devi dire a tutti che Pensieri Cannibali è il sito più di moda
del momento, altrimenti ti sparo!"
"Hey, ma cos'è un sito?"
Ho detto classico moderno, non ho detto Capolavoro. Ragazze a Beverly Hills è a suo modo un film leggendario, che riapre tanti “aaah” ricordi. Quell’aaah, se non si era capito, era un sospiro.
Ragazze a Beverly Hills è un film generazionale, con uno stile inconfondibile. Una pellicola che allo stesso tempo rivista oggi appare naive, presenta un sacco di ingenuità, una trama troppo semplice e semplicistica. Persino un filo buonista. Un lavoro che, come tutte le pellicole generazionali che si rispettino, offre tutti i pregi e anche i difetti di un’epoca.
Ragazze a Beverly Hills è un film che guarda al passato, al passato remoto visto che è una rivisitazione moderna/parodia di Emma di Jane Austen, e al passato recente, in particolare alle commedie degli anni ’80 di John Hughes con la sopracitata Molly Ringwald, così come al caposaldo Fuori di testa, la pellicola del 1982 con Sean Penn, Jennifer Jason Leigh e Phoebe Cates diretta dalla stessa Amy Heckerling. Per quanto con un occhio buttato sullo specchietto retrovisore, Ragazze a Beverly Hills guarda comunque soprattutto ai suoi contemporanei, alla serie Beverly Hills, 90210 in particolare, di cui riprende le stesse ambientazioni glamour e chiccose e di cui rappresenta una specie di versione per il grande schermo. Fin dalla sequenza d’apertura, così come nelle scene delle feste, emerge poi evidente lo “stile Mtv”, quello che negli anni ’90 ha raggiunto il suo vertice assoluto. Naturalmente, anche la colonna sonora riveste un ruolo di primo piano, con dentro un po’ di tutto quel che passava all’epoca, spaziando in grande libertà dalle Salt-N-Pepa ai Radiohead, dai No Doubt ai Supergrass.

Pur guardando al passato e al presente, Ragazze a Beverly Hills è diventato un riferimento per il futuro. Per le citate starlette Iggy Azalea e Charli XCX, ma non solo. La moda di rileggere i classici della letteratura britannica in chiave 90s pop è stata aperta proprio da questo film e sarebbe poi proseguita con grande fortuna soprattutto andando a ripescare il repertorio di Shakespeare, tra un Romeo + Giulietta e un 10 cose che odio di te. Le buone azioni della protagonista Cher/Alicia Silverstone riecheggeranno quindi persino ne Il favoloso mondo di Amélie, mentre come personaggio avrà un’erede ideale nella Reese Witherspoon de La rivincita delle bionde. Che dire poi dell’influenza avuta da questa pellicola su Mean Girls?
Mean Girls, altro epocale film generazionale, altro non è che una versione imbastardita delle Ragazze a Beverly Hills, con la perfida Regina/Rachel McAdams che prende sotto la sua ala protettrice Cady/Lindsay Lohan in maniera parecchio meno disinteressata rispetto a quanto fa la qui presente Cher/Alicia Silverstone con la disadattata Tai/Brittany Murphy.
E qui scatta il momento lacrimuccia, perché Ragazze a Beverly Hills ha rappresentato l’esordio cinematografico di Brittany Murphy, splendida e promettentissima attrice prematuramente scomparsa nel 2009. Brittany Murphy, una delle prime icone di questo blog, aaah (anche questo era un sospiro, se non si era capito).


Alla fine torniamo al punto da cui abbiamo cominciato. Le icone femminili. Ragazze a Beverly Hills è un film carino, meno scemotto di quanto può apparire in superficie e che racconta una storia d’amore dai contorni incestuosi mica troppo scontata tra la protagonista e un giovane Paul Rudd. Rivisto oggi appare con tutti i suoi limiti bene in mostra, eppure è riuscito a invecchiare in maniera più che dignitosa, riuscendo persino a far dimenticare la poco esaltante omonima serie tv ispirata alla pellicola e trasmessa da noi su Raidue e Mtv. La forza trascinatrice dell’intero film era e rimane però solo lei: Alicia Silverstone. Ogni tanto ricompare qua e là in televisione (in Miss Match e Suburgatory), ma per noi kids trentenni e qualcosa di oggi resterà sempre uno dei simboli della nostra gioventù, l’icona bionda dei mitici, favolosi, maledetti anni Novanta.
(voto 7+/10)

32 commenti:

  1. «ogni decennio ha l’icona femminile che si merita»: la prima parte del post è da incorniciare!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è un modo gentile per dire che la seconda parte del post fa schifo? :)

      Elimina
  2. La conosco, la conosco. Anche se quando è uscito il film avevo... un anno?
    Carinissimo e lei me la ricordo che era praticamente onnipresente - in quello schifo di Batman, ad esempio, e in un film con il tizio della Mummia. :P La Ringwald l'ho conosciuta prima per quell'atrocità di Vita Segretablablabla, poi ho recuperato Brekfast Club!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mamma mia quanto sei giovane, little ink! ;)

      Elimina
  3. vero
    per i miei coetanei Marilyn è stata la Donna (la prima volta che la parola letto non era associata all'azione del dormire)
    sono un vecchio ammuffito nostalgico... ma Lei e Lindsay Comesichiama mi sembrano appartenere a categorie diverse

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lindsay come si chiama ai tempi di mean girls aveva il suo perché, prima di deturparsi con la chirurgia estetica...

      Elimina
  4. Non credo di averlo mai visto, questo film.
    Ma del resto, mi pare fin troppo cannibalesco per me! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. come si fa a essere cresciuti negli anni '90 senza aver mai visto questo cult assoluto?
      ford, giusto te potevi... :)

      Elimina
  5. No ma... stiamo parlando di uno dei film più belli che ci siano, insieme a Mean Girls, sulle ragazze bionde, tettone e ricche.
    Cosa mi hai fatto tornate in mente! Me lo devo rivedere. Anche perché fra un paio di giorni rimarrò orfana di quelle cretine di Pretty Little Liars e come farò?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. nooo, sta già per finire questa "magnifica" stagione?
      e allora ti tocca recuperare questo sì ;)

      Elimina
    2. Già finale di stagione. Che come ogni volta mi farà bestemmiare fortissimo.

      Elimina
  6. Io me lo ricordo.
    Sono quei film che prima o poi vedevi su Italia 1 :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...quando ancora i film li si vedeva su italia 1

      Elimina
  7. Alicia cara, io capisco che tu sia vegana, vegetariana, animalista e chi più ne ha più ne metta. E' tutto molto bello, certo.
    Ma se tuo figlio inizierà a drogarsi al primo anno di elementari, poi, però, non venire a rompere i coglioni.
    Che insomma, va bene tutto, ma proprio BEAR BLU la dovevi chiamare sta povera creatura?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è diventata MILF?
      questo non lo sapevo...
      complimenti per il nome del figlio! XD

      Elimina
    2. e da un paio d'anni, ormai.
      bello il nome, vero? e noi tutti a prendere per il culo Briatore con Nathan Falco...

      Elimina
  8. ...da qualche parte ce l'ho ancora il VHS del film...
    Dio come mi piaceva, e quanto poco compresi quando diede i suoi bellissimi vestiti alle persone bisognose...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tienilo il VHS che oggi è un oggetto da collezione ;)

      Elimina
  9. A me questo film piace e ogni volta che lo becco in tv lo guardo con piacere, poi il fatto che sia la rivisitazione in chiave molto moderna di Emma di Jane Austen gli conferisce quel tocco in più :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un film da vedere e rivedere. direi quasi da far proiettare nelle scuole! ;)

      Elimina
  10. Hai toccato un grandissimo cult e col rispetto che merita! Grande Cannibale, altro che Whatever :P

    RispondiElimina
  11. Io rimpiango Brigitte Bardot: n'artro pianeta !

    RispondiElimina
  12. C'è venuta in mente la Silverstone praticamente nello stesso momento.. è proprio vero che ha segnato noi degenerati cresciuti nei 90's!

    RispondiElimina
  13. Lo guardavo sull'allora tele+ nero... Pensavo fosse una minchiata, ma intanto lo guardavo... Quella gonnellina scozzese... Arrrrghh!!!

    RispondiElimina
  14. E noi, giustamente, meritiamo Miley che lecca articoli da ferramenta.
    Che poi quando ho letto il titolo, La ragazza della porta accanto, ho pensato a quello della pornostar del 2004...

    RispondiElimina
  15. Ecco...Marilyn, la Bardot e la Fawcett..ma persino la Rossa Molly erano su altro pianeta rispetto alla Lohan e alla Cyrus eh?

    RispondiElimina
  16. Usti, sai che poco tempo fa mi erano tornati in mente quei tre video degli Aerosmith e proprio non riuscivo a ricordare il nome della bionda che li recitava? E dire che qualche sonno, in effetti, me lo aveva pure turbato...

    RispondiElimina
  17. Che angoscia e quanto è vero. Dopo il grande rispolvero degli anni '80 (dove un po' ci si poteva illudere: negli anni '80 eravamo appena bambini),
    è già in incubazione il revival anni '90, partito in sordina da un paio d'anni si sta facendo strada a colpi di flanella, faccino avvilito di Kurt riproposto
    in ogni salsa e anfibi con la para alta un chilometro.

    In questo periodo, nemmeno farlo apposta, mi sono rivista "My so-called life" con l'imberbe Jared Leto e la pulzella Claire Danes, mai trasmesso in Italia
    (a noi toccava "solo" Berevrly Hills) e bruciato dopo la solita, classica prima stagione (che palle) che rende lo spirito dei 90s pienamente.
    E se riguardando questi bei prodottini la lacrimuccia esce sì...siamo vecchi! :(

    (ora ci manca solo una scena tratta da "Singles" e i 4 Non Blondes in sottofondo e siamo a posto)

    Bellissimo post. Grazie.

    [The 4th wall]

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie a te, the 4th wall!
      my so-called life clamorosamente ancora mi manca. ma i sottotitoli italiani si trovano?

      Elimina
  18. Olè, bel saltone giù nel fosso dal 2000 in poi... anche se Miley m'attizza lo stesso per quanto sia deficiente. Almeno questa è l'immagine che da di se...
    Brittany l'ho scoperta in due film, Sin City e sushi girl, o qualcosa di simile. Ci sono rimasto quando ho scoperto che è morta. Che cavolo, giovanissima..

    RispondiElimina
  19. Ricordo che la scena in cui sono tutti seduti a tavola, squilla un cellulare e tutti rispondono pensando che fosse il proprio, mi fece letteralmente sbellicare dalle risate. Sembrava esageratamente folle che in una famiglia tutti (il padre, la madre, la figlia) avessero un cellulare personale... ^^

    RispondiElimina
  20. Hai fatto riaffiorare nella mia mente "Babysitter" che filmaccio XD. Comunque si la Silverstone fu un must dei '90, probabilmente assieme alle autoreggenti

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com