venerdì 13 giugno 2014

I MIEI MITI CALCISTICI





In occasione dell’inizio dei mondiali di Brasile 2014, anche Pensieri Cannibali scende in campo e lo fa a modo suo. Come?
Con una Top 10, ma to' guarda un po’ che sorpresa. La decina di oggi è allora dedicata ai miei più grandi miti calcistici di tutti i tempi, sia calciatori che allenatori. Una lista che, come vedrete, è molto discutibile ed è piena di grandissime teste di ca…
Ma no, che avete capito?
Teste di calcio.


10. Paul Gascoigne
Il classico caso di genio e sregolatezza di cui la mia decina è piena. Nel caso specifico dell’inglese Paul Gascoigne, i suoi lampi di genio calcistico sono stati notevoli, ma si è segnalato soprattutto per la sua sregolatezza. Più che sregolatezza, una vera e propria follia. Persino George Best al suo confronto era un tipo tranquillo.
Mai visto un giocatore tanto fuori di testa quanto lui. Come potrei allora non adorarlo?

Paul Gascoigne, sei davvero tu?

9. Zdenek Zeman
A Zeman non importa vincere. La cosa importante è attaccare.
Famoso per il suo 4-3-3, in realtà il suo schema di gioco preferito è lo 0-0-10. Rinvio lungo del portiere e tutti su, come al campetto di periferia.
Abbasso la difesa, viva il calcio spettacolo. È così che si gioca!

Zdenek Zeman, l'unico uomo al mondo che fuma più sigarette di Don Draper di Mad Men

8. Mario Balotelli
Uno degli sportivi più odiati di oggi, e anche di sempre. A me però gli antipatici, presenti in abbondanza in questa lista, stanno simpatici, non ci posso fare niente. Che Super Mario piaccia o meno, una cosa è innegabile. Il ragazzo possiede qualcosa che la maggior parte dei suoi colleghi di oggi si può solo sognare: ha carisma. Difficile spiegare il perché. O ce l’hai, o non ce l’hai, e lui ce l’ha. In quanto a carisma schiaccia come una pulce il pur fenomenale con i piedi ma privo di carattere Lionel Messi.
E poi smettetela di dire che è antipatico, che anche se ora è in Brasile vi viene a prendere a casa uno ad uno.

"Il Cannibale non mi ha messo al primo posto?
Ma questa classifica fa ridere!"

7. David Beckham
Il giocatore fighetto per eccellenza. Considerato da alcuni più che un calciatore un modello, inteso non come modello esistenziale ma proprio come top-model da passerella, per chi non lo sapesse David Beckham è stato anche un ottimo giocatore. È vero che è sempre stato molto curato nell’aspetto fisico, eppure io non ho mai visto una sua partita in cui ha dato meno del 100% o non ha combattuto su ogni pallone. Inoltre va aggiunto che come tirava le punizioni lui, ce n’erano pochi. Nonostante tutto ciò sarà sempre ricordato come lo Spice Boy del calcio, ma ci sta pure questo e non credo che gli dispiaccia più di tanto.

"Sì, scendevo in campo vestito così, ma per me il look non è la cosa più importante!"

6. Alessandro Del Piero
Se Roby Baggio, come si dirà poco più avanti, sarà la principale causa della mia juventitudine (intesa come malattia incurabile), il mio altro grande mito bianconero è stato Alex Del Piero. Il Pinturicchio, con le sue magie, è stata l’ultima bandiera di un team che poi con Moggiopoli avrebbe perso molto in credibilità. Io comunque ormai non posso cambiare squadra perché, parafrasando il film Il segreto dei suoi occhi, un uomo può cambiare donna, religione o persino il volto, ma non può cambiare la sua passione. E non può cambiare nemmeno la sua fede calcistica. A meno che non si sia dei ruffiani come Emilio Fede, passato dalla Juve al Milan solo per lecchinaggio selvaggio.
Grande simbolo bianconero, Del Piero, poi spedito dalla dirigenza via lontano, fino in Australia. Che squadra di ingrati! Però non c’è niente da fare. Per quanto me ne vergogni, sono destinato a restare juventino forever.

"Miley Cyrus, la lingua io la facevo molto prima di te. E pure il twerking!"

5. Hristo Stoichkov
Quando giocavo a calcetto con gli amici, da bambino, indossavo quasi sempre la mia maglietta del Barca con dietro la scritta Hristo. Almeno fino a quando non puzzava troppo. Me l’aveva comprata mia sorella quand’era andata in gita con la scuola a Barcellona e da lì in poi sarebbe rimasta l’unica maglietta originale di una squadra che avrei posseduto. Manco della Juve l’ho mai comprata.
Per chi non lo conoscesse, Hristo Stoichkov è stato il più grande calciatore nella storia della Bulgaria. Che uno dice: “Sì, va beh, sono capaci tutti,” e forse è vero, però non tutti sono riusciti a trascinare una nazione fino ad allora arrivata al massimo all’ultimo posto dei preliminari dei preliminari di un Europeo, tra le prime 4 del mondo a USA ’94. Un’impresa straordinaria, da vero Gesù Hristo del Calcio.

"Cannibal, non sono alla numero 1? E allora questo è per te."

4. Roberto Baggio
È tutta colpa sua. È colpa di Roby Baggio se sono juventino. A un certo punto, nella vita di un giovane uomo, arriva un momento in cui deve decidere per quale squadra fare il tifo. Un rito di passaggio fondamentale che influirà sulle sue future amicizie e inimicizie. Non avendo avuto pressioni particolari da parte di mio padre, che è del Milan ma non mi ha imposto la sua Fede come taluni genitori fanno, quando ho cominciato a giochicchiare e ad appassionarmi a calcio ho scelto la Juventus perché è lì che allora c'era quel fenomeno che riusciva a dribblare chiunque e che poi aveva quel divin codino, oggi inguardabile, ma all’epoca davvero stiloso e che anch’io da bambino replicai. I dribbling invece no, quelli non mi sono mai riusciti come a lui.
Roby Baggio, il mio primo amore calcistico. Un mito destinato a durare fino a quel rigore nella finale di USA ‘94, col pallone tirato sulla Luna e raccolto penso da Neil Armstrong. È stato allora che ho capito che tutti possono sbagliare e nessuno è perfetto.

"Ciao astronauti. Scusate, non volevo colpirvi..."

3. George Best
Non ho vissuto le sue gesta in “diretta” – scusate se sono troppo ggiovane, scusate! - ma ho scoperto questo straordinario personaggio solo successivamente, grazie al film Best, che l’ha fatto entrare subito di diritto tra i miei miti sportivi (e non solo sportivi) assoluti. George Best è stato il Beatle del calcio o, se preferite, un alcolista che il campo ha sottratto (giusto per qualche tempo) ai bar. In ogni caso, simply the Best.

"Ammazza Elton quanto sei hipster!"

2. José Mourinho
Lo Special One è il mio number two. Un fenomeno della comunicazione che volutamente attira su di sé tutte le attenzioni, e soprattutto le antipatie, dei media, in modo da diminuire la pressione sui suoi giocatori. Oltre a essere un fenomeno mediatico, José Mourinho è un allenatore fenomenale. Vi rendete conto che è riuscito a fare il triplete con l’Inter? Dico l’Inter, una squadra che, prima del suo arrivo, al massimo vinceva il Trofeo Birra Moretti ai calci di rigore, anzi no, agli shootout. E quando ciò succedeva la si poteva ancora considerare un’annata fortunata.

"Negli spogliatoi ho visto il pistolino di Cannibal. Ce l'ha lungo così..."

1. Zinédine Zidane
Per me, il più grande di tutti. Un campione con lampi di classe assoluta, enormi tanto quanto i suoi colpi di testa. Non è un modo di dire. È per quelli che passerà per sempre alla Storia del Calcio. Sia le inzuccate che hanno aperto la strada alla vittoria della Francia nella finale dei mondiali casalinghi del 1998, che quella ancora più memorabile data a Marco Materazzi nella finale del Mondiale 2006 vinto dall’Italia.
Zinédine Zidane. Un genio.
Un genio del Male.

"Questa coppa conta ben poco. Il riconoscimento più importante pour moi
è il primo posto nella lista Cannibale."

30 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. ottime scelte... tranne la triade Balotelli Beckham Del Piero!!! e Pelè? e Maradona? e lo zio Bergomi? :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'unica lista in cui sta bene bergomi è quella delle persone più sopraccigliute al mondo.
      insieme a elio e all'attrice lily collins :)

      Elimina
  3. Questa lista (nel senso dell'idea) mi piace!!! Ti seguo!!!

    RispondiElimina
  4. Ma uno Juventino che mette Zeman no!!!!
    E poi Del Piero è da primo posto ;)
    Dario

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono uno juventino atipico.
      molto atipico.

      Elimina
  5. Balotelli? dai, dì la verità..è uno scherzo....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. nelle classifiche cannibali non può mai mancare qualche nome controverso :)

      Elimina
  6. Ti faccio una top ten al volo

    Del Piero, Buffon, Inzaghi, Batistuta, ZIdane, Ronaldo (quello vero, non quello di plastica che c'è a questi mondiali), Ibrahimovic, Antonio Conte (da allenatore), Nedved, Kakà

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ronaldo l'ho sempre odiato, molto meglio cristiano.
      antonio conte idem. pur essendo della juve, lo userei volentieri come pungiball :D

      Elimina
  7. Cazzo, questa top ten mi piace da matti!
    Mi sa che ti seguo a ruota!
    E scopro anche che abbiamo molti mitiin comune, dannazione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti piace sul serio?
      la cosa è sempre più preoccupante ;)

      Elimina
  8. No, dai, capisco che deve essere in classifica, ma Zizu al primo posto no!
    Comunque, da profana (seguo solo la Nazionale, indi Europei e Mondiali), mi sento troppo figa a conoscerne 8 su 10. Si vede che hai scelto delle icone ;)

    Vale A

    RispondiElimina
    Risposte
    1. probabilmente non conosci stoichkov. e l'altro?

      Elimina
    2. Eh non conoscevo neanche Gascoigne. Mea culpa ;)

      Elimina
  9. A parte Baggio, che condivido pienamente il resto...Ballottelli???Ma dai....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. baggio è il più buonista della mia lista. gli altri sono volutamente per lo più degli stronzi :D

      Elimina
  10. Balotelli non lo sopporto proprio, anche perché in campo bisogna correre. Baggio è uno dei miei preferiti in assoluto, nonostante non sia juventino, anzi. Mourinho sicuramente il top, ho detto che squadra tifo? :D

    RispondiElimina
  11. noto che Balotelli non piace a tutti
    è genio? è sregolatezza?
    alla prima domanda rispondo FORSE (dovrà dimostrarlo ora)
    alla seconda SI'
    comunque mi piacciono gli sregolati (se segnano, però...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. balotelli è il von trier del calcio.
      poveretto, lo odiano tutti tranne me :)

      Elimina
  12. Mourino e baggio e gascogne e best, ma per il resto non ci siamo
    maradona numero 1 sempre

    RispondiElimina
    Risposte
    1. maradona era ormai in fase calante quando ho cominciato a seguire il calcio, quindi non è mai entrato davvero nel mio cuore...

      Elimina
  13. Devo dire che mi ritrovo molto nella tua lista... forse non ci sarebbe stato male un Maradona, che quanto a genio e pure a sregolatezza non era secondo a nessuno. Condividiamo la passione per la Juve, mi pare di capire. Baggio forever...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. maradona potevo metterlo.
      ma non mi andava di copiare la lista di miti di paolo sorrentino :)

      Elimina
  14. Non ci si può vergognare di essere juventini... forse non lo sei davvero!

    RispondiElimina
  15. Non sindacherò certo sui tuoi gusti calcistici, ma io tolgo Mou dal secondo posto e ci piazzo almeno Michel Platini.
    La colpa della mia juventinità è tutta sua.
    Al primo posto non ci metto Zizou ma Holly Hatton, il vero mito della mia generazione è stato lui. :-P

    RispondiElimina
  16. Balotelli è un giocatore mediocre con un immenso patrimonio fisico. Del Piero è una bandiera ma non un fenomeno.Nella lista ne mancano motli, uno soprattutto: Maradona. Il calcio.

    RispondiElimina
  17. Hai capito! Bella lista: sopratutto per la presenza di Gascoigne!

    La mia lista è un po lunghetta, se ho tempo te la scrivo ;)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com