mercoledì 1 ottobre 2014

HOW TO GET AWAY WITH MURDER, LA SERIE CHE VI PUÒ SALVARE DAL CARCERE





How to Get Away with Murder
(serie tv, episodio pilota)
Ideatore: Peter Nowalk
Rete americana: ABC
Rete italiana: Fox, dal gennaio 2015
Cast: Viola Davis, Alfred Enoch, Aja Naomi King, Jack Falahee, Karla Souza, Matt McGorry, Katie Findlay, Liza Weil, Billy Brown, Tom Verica
Genere: (il)legale
Se ti piace guarda anche: So cosa hai fatto, Pretty Little Liars, Scandal, The Following, Dr. House

Come fare a catturare l'attenzione della gente?
Che si tratti di un film, di un post, oppure del pilot di una serie tv come in questo caso, non basta che gli si racconti una storia interessante. Devi dargli un di più. Devi dargli qualcosa che possa essergli utile. È esattamente quanto fa il primo episodio della novità più promettente ed entusiasmante dell'autunno televisivo americano.
How to Get Away with Murder mantiene fede al suo titolo. La protagonista, una brillante e spietata avvocatessa interpretata da Viola Davis, insegna ai suoi studenti di legge e a noi spettatori come farla franca in tribunale. Persino se accusati di omicidio. Già mi immagino gli avvocati di Bossetti in silenzio religioso davanti al televisore a non perdersi un solo istante di questa serie.
Come passarla liscia allora anche quando tutte le prove sembrano essere contro di te?
Per scoprirlo, potete guardarvi il pilot della serie e non ve ne pentirete. Altrimenti, ve lo dico io.

ATTENZIONE SPOILER
Ci sono 3 regole da seguire: discredit the witness, find a new suspect, bury the evidence. Ovvero: screditare i testimoni, trovare un nuovo sospettato e nascondere l'evidenza.


Ne volete un'applicazione pratica? Vi fornisco un'applicazione pratica.
Poniamo che qualcuno accusi questa nuova serie di essere una boiata pazzesca. Mettiamo che chi sostiene questa teoria chiami a testimoniare in suo favore qualcuno come il mio blogger rivale, Mr. James Ford. A questo punto, per screditarlo basta ricordare che il suddetto Ford considera la saga degli Expendables una pietra miliare nella Storia del Cinema e ritiene Van Damme e Steven Seagal degli attori da Oscar. Testimone immediatamente screditato.

Passiamo al punto due: trovare un nuovo sospettato. Se qualcuno vi dice che How to Get Away with Murder fa schifo, basta che lo mettiate di fronte al resto delle novità seriali arrivate in queste settimane. Gotham, ad esempio, quella sì che è una robetta banale che si limita a rimescolare l'immaginario fumettistico del Cavaliere Oscuro con un tocco da crime procedural tradizionale. E poi soprattutto, che senso ha fare una serie su Gotham senza Batman???
Che altro si è visto in questi giorni?
Red Band Society, una serietta teen capace di perdere, e nettamente, il confronto con la sua versione italiana Braccialetti rossi. Una produzione americana che perde il confronto con una fiction Rai, ve ne rendete conto?!?
Quanto a serie come Madam Secretary, The Mysteries of Laura o Outlander, tutta roba per signore in meno pausa.
E i fumettistici The Flash e Constantine?
Per carità, fanno rimpiangere persino Smallville!
Non vi ho quindi fornito un solo nuovo sospettato al titolo di vera boiata televisiva della stagione, ma parecchi. L'avvocatessa Viola Davis sarebbe fiera di me.

Non è però finita qui. C'è ancora un terzo punto fondamentale per farla franca: nascondere l'evidenza.
L'evidenza nel caso di How to Get Away with Murder è che a ben vedere non si tratta di niente di nuovo od originale in termini assoluti. La serie si presenta come un legal-drama, uno dei generi più inflazionati nella storia della tv fin dai tempi di Perry Mason, eppure ha ben poco a vedere con i legal-drama tradizionali, poiché qui si percorrono sentieri parecchio più thriller. Qui si entra allora su altri territori già ampiamente battuti da un sacco di crime, eppure la serie è ben distante dai soliti CSI e cloni vari. La trama va più nella direzione del teen-horror alla So cosa hai fatto e di conseguenza alla Pretty Little Liars. Allo stesso tempo, i ritmi incalzanti e i dialoghi serrati sparati velocissimi richiamano lo stile delle serie di Shonda Rhimes, Grey's Anatomy, anche per via della presenza dei tirocinanti come veri protagonisti della vicenda, e ancora di più Scandal.
Il nome della Shondona Rhimes non è venuto certo fuori in maniera casuale. How to Get with Murder è infatti una produzione della sua casa, la ShondaLand, ma non è stata creata direttamente da lei. L'autore è un suo fido collaboratore, Peter Nowalk, che ha uno stile più fresco, più moderno, più cool.
In pratica, questa serie ricorda tante altre cose, c'è pure un pizzico di Dr. House nel tipo di investigazioni e nel personaggio dell'avvocatessa Viola Davis, e contemporaneamente i riferimenti sono così numerosi e ben mixati insieme da apparire come qualcosa di nuovo. Qualcosa capace di inventarsi un filone televisivo a parte, o se non altro di offrire abbastanza spunti per lasciare immaginare che questa serie, insieme ai suoi giovani promettenti protagonisti, ci coinvolgerà non solo per tutta questa stagione, ma forse per parecchi anni.


Se l'evidenza è che How to Get with Murder è una serie poco originale o che sa di già visto, in realtà ciò è confutabile. Non c'è nessuna evidenza in niente. Chiunque, anche chi sembra del tutto colpevole, può essere considerato innocente.
How to Get Away with Murder non offre allora solo uno dei pilot più accattivanti e coinvolgenti degli ultimi anni, senza un solo istante di pausa o un singolo momento di noia, ma regala anche dei preziosi insegnamenti. Dei suggerimenti davvero diabolici. Cercate di farne buon uso, consigliando ai vostri avvocati di guardarla con attenzione. Ma, se possibile, cercate di non fare fuori nessuno per verificare che le teorie qui spiegate funzionano davvero.
(voto 8/10)

"Nuooo, mi sono perso il primo episodio.
Speriamo l'abbiano già caricato su BitTorrent..."

14 commenti:

  1. La miseria che esagerazione! Una serie carina, ma 8 mi sembra decisamente troppo. Anche perchè so che la ABC non mi deluderà e la farà diventare una soap opera in stile Grey's Anatomy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quello che succederà dopo sarà tutto da vedere...
      come pilot però è perfetto. dovrebbe essere studiato nelle scuole di sceneggiatura. dagli autori di robette come gotham, per esempio. :)

      Elimina
  2. Mi intriga molto questa serie!! E a proposito di "Gotham"... ecco appunto, che senso ha fare una serie sulla città di Batman senza Batman???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non so che senso abbia, però pare che, dopo gotham, il creatore della serie abbia intenzione di aprire una catena di pizzerie in cui non viene servita la pizza :)

      Elimina
  3. Uhm... no, non sei riuscito a convincermi del tutto, e poi con la Shondona sono ancora indietro di Scandal (mea culpa, continua a farsi superare dagli altri nella mia lista) quindi credo proprio che lascerò ad altri questa serie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se non guardi scandal e questa ti perdi solo due delle serie più fighe in circolazione.
      ma a parte ciò non ti perdi niente... :D

      Elimina
  4. Ollapeppa. Sono molto indietro con i pilot e non ho ancora visto né questa né Gotham né quelle per signore in menopausa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quelle puoi anche lasciarle perdere.
      questa no!

      Elimina
  5. io il pilot l'ho adorato, la miglior novità vista fin'ora!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh yeah!
      e sfreccia di gran lunga più veloce rispetto agli altri piloti concorrenti.

      Elimina
  6. Ogni volta che leggo tutta questa esaltazione per qualche seriuciola apparentemente per pusillanimi mi viene la pelle d'oca dall'orrore. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ogni volta che leggo i tuoi commenti mi vengono i brividi per tutti i pregiudizi in cui sei sommerso...

      Elimina
  7. Davvero interessante! Spero di vederlo subito......

    RispondiElimina
  8. Non so come sia possibile ma 'sta serie proprio non mi dispiace! Spero solo che non crolli esageratamente nel trash come le ultime puntate di Scandal, altrimenti la dovrò mollare!

    Nessuno l'avrà notato ma c'è Alfred Enoch che era anche in Harry Potter...che tenerezza! HAHAHAHAHA

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com