mercoledì 27 dicembre 2017

Le peggio serie tv 2017





C'è gente che ha proprio del tempo da perdere. Gente che non solo guarda la serie tv che gli piacciono, e sì che ce ne sono parecchie, ma pure quelle che non gli piacciono. Gente come me, insomma.
Dopo la classifica delle migliori serie tv del 2017, ecco che arriva anche l'attesa e temuta lista delle peggiori serie dell'anno. Almeno tra quelle a cui sono riuscito a dare un'occhiata. C'è poi anche tanta di quella spazzatura che manco io ce l'ho fatta a vedere. Alla fine il tempo scarseggia pure per i perditempo.
Per chi invece non ha tempo da perdere, bando alle ciance e passiamo alla Flop 10 delle serie che proprio non mi hanno convinto, seguite da una serie di poco ambiti premi.

L'anno scorso ad avere la meglio, o meglio la peggio, era stato Braccialetti rossi. E quest'anno?


Flop 10 2017



10. Dark
"Siamo il nuovo Club dei Perdenti!"
"Raga, mi sa che siamo solo degli sfigati e basta."

Li sento già i fischi.
Lo so. Questa serie è piaciuta a molti. Per alcuni è addirittura una delle migliori dell'anno. A me è sembrata invece la brutta copia crucca di vari film e serie tv americani a tematica viaggi nel tempo, da Lost a Ritorno al futuro, priva dell'ironia che rende invece molto gradevole un'altra nuova serie come Future Man. Il tutto con l'aggiunta di una trama in stile It e rimandi alle atmosfere 80s di Stranger Things. E mi ha ricordato pure la francese Les Revenants, però la soporifera seconda stagione e non la magnifica prima. Cosa manca a Dark?
Una cosa fondamentale che rende prodotti come Lost e Stranger Things dei cult assoluti: i personaggi.
Al di là dell'inespressività e della mancanza di trasporto di quasi tutti gli attori, ma anche chi questa serie l'ha adorata con tutto se stesso, sa per caso nominarmi solo mezzo personaggio memorabile qui presente?


9. The Deuce – La via del porno
"Abbelli, per 50 dollari vi leggo una classifica di Pensieri Cannibali in maniera sexy."
"No, grazie. Quella non la vogliamo sentire manco gratis."

Poteva, anzi DOVEVA essere una delle serie migliori dell'anno e invece si è rivelata solo una delle più deludenti. Una vicenda corale in cui i protagonisti principali Maggie Gyllenhaal e James Franco (addirittura in versione doppia) non sembrano proprio in parte, e in cui i personaggi secondari, in teoria più interessanti, sono troppo abbozzati e restano spesso sullo sfondo. E, soprattutto, per essere una serie sulle origini del porno, è troppo poco porno!


8. Suburra – La serie
"Cannibal, questo poster è dedicato a te."

Essendomi esaltato parecchio con Suburra – Il film, mi aspettavo ottime cose da Suburra – La serie e invece non è andata molto bene. Non mi è sembrata la schifezza terrificante definita da molti e i livelli di recitazione – Claudia Gerini che nun se pò vedè a parte – non mi è sembrata inferiore rispetto ad altre serie Netflix come Dark, tanto per dirne una. Solo che è una serie che sa di già visto, non decolla, non coinvolge, non acchiappa.


7. 24: Legacy
"Non mi piace questa classifica. Quel Cannibal ha proprio bisogno di un bel trattamento alla Jack Bauer."

Una delle grandi delusioni dell'anno. Già l'idea di riportare in vita un cult tv come 24 senza Jack Bauer (Kiefer Sutherland) non appariva tra le più brillanti, però il format tipico della serie con lo svolgimento dell'azione “in tempo reale” poteva regalare comunque delle soddisfazioni. Così non è stato. Il nuovo protagonista Eric Carter (Corey Hawkins) non è minimamente paragonabile a Bauer e la vicenda terroristica in generale sembra giusto un rimpasto delle idee delle precedenti stagioni, ormai inoltre ampiamente superate dalle vere vicende di cronaca internazionale.


6. Mr. Robot
"Fai tanto il piccolo grande mago dei videogames, e non sei manco riuscito ad hackerare le classifiche di Pensieri Cannibali?"

Il pilot di Mr. Robot, e in generale la prima stagione, mi erano piaciuti così tanto che avevo giurato fedeltà a questa serie per sempre, e invece è finita come per molti matrimoni: con un divorzio.
Già la seconda stagione l'avevo mandata giù a fatica, ma questa terza l'ho abbandonata dopo che persino il tanto esaltato quinto episodio tutto girato in (finto) piano sequenza, definito da alcuni il migliore della serie e uno dei migliori del 2017 in generale, mi è sembrato solo la rilettura spenta e senza idee di Birdman. Lì ho capito che l'amore tra me e Mr. Robot era ormai definitivamente finito e non c'era più niente da fare per rianimarlo.


5. Taboo
"Più che Taboo, questa serie dovevano chiamarla Tattoo."

La creatura televisiva nata da un'idea di Tom Hardy in versione Stefano Accorsi insieme a suo padre Edward “Chips” Hardy e al regista di Locke Steven Knight poteva essere una bomba. E difatti lo è stata, peccato solo che sia implosa, trasformandosi nella noia fatta serie.


4. Scomparsa e L'isola di Pietro

Scomparsa è una fiction... pardon serie televisiva Rai che parte dal classico spunto à la Twin Peaks, con la misteriosa scomparsa non di una, bensì di due ragazzine. C'è giusto qualche differenza. Ad esempio al posto delle musiche inquietanti di Angelo Badalamenti ci sono le canzoni di Alessandra Amoroso...
Oddio, queste forse sono ancora più inquietanti.
Nei panni della madre di una delle due c'è Vanessa Incontrada che, più che una mamma in pena per la scomparsa della figlia, sembra una preoccupata perché si è dimenticata di obliterare il biglietto del treno. Il protagonista maschile, Giuseppe Zeno nei panni del detective a capo delle indagini, è invece l'esatto opposto: carica ogni singola parola che pronuncia con tono sospirato da soap. Dalla loro unione dipende la salvezza delle due ragazze... povere loro. E poveri noi spettatori.

"Vanessa, devo andare in bagno. Mi scappa tanta, tanta cacca. Non per fare il melodrammatico, però potrei non tornare vivo."
"Ah Zeno, ma va' a cagare, va'!"

Come Scomparsa, L'isola di Pietro è un'altra fiction.... volevo dire serie italiana che vorrebbe essere la versione nostrana di prodotti internazionali come Broadchurch. E in questo caso le cose vanno ancora peggio. Qui c'è pure Gianni Morandi nei panni di... Gianni Morandi in versione dottore buonista e che darà pure una mano alla polizia nelle indagini su una misteriosa esplosione che ha portato alla morte di alcuni ragazzi liceali. Come va a finire?
Va a finire che si finisce per rimpiangere il Commissario Rex. E pure Don Matteo.

"Reciti proprio come un cane, ahahah!"
"Mai quanto te, Gianni, bau bau!"


3. The Mist
"Aiutatemi! Sono finita in un posto dove c'è ancora più nebbia di Casale Monferrato!"

È stato il grande anno di Stephen King sul grande e sul piccolo schermo. Così si dice in giro.
O almeno, così dice chi non ha mai visto un episodio di The Mist, una roba al cui confronto Under the Dome può essere considerato un cult televisivo dei nostri giorni.


2. Emerald City
"Questa serie vi sconvolgerà la mente. Continuerete a chiedervi: 'Ma cosa diavolo sto guardando?'"

Emerald City è una serie che cerca di rileggere la storia di Dorothy e del mago di Oz in chiave dark, come fa figo fare oggi. Il risultato?
Non figo. Non figo per niente.


1. Inhumans
"Noi saremo Inhumans, ma quel Cannibal con la sua cattiveria sì che è disumano."

Quando Emerald City si stava già fregando le mani pregustando la vittoria del titolo di peggior serie dell'anno, ecco che è saltata fuori Inhumans, l'ennesima porcheria Marvel che però anche il più accanito fan dei prodotti Marvel non può apprezzare. È qualcosa di troppo trash e kitsch, ma non un trash e kitsch divertente, solo penoso.
Più che Inhumans, inguardabile.



Teleratti 2016


GARKO AWARD (PEGGIOR ATTORE)

1. Gianni Morandi (L'isola di Pietro)
2. Anson Mount (Inhumans)
3. Stephen Moyer (The Gifted)
4. Finn Jones (Iron Fist/The Defenders)
5. Jean-Claude Van Damme (Jean-Claude Van Johnson)

Gianni per favore, è meglio se la smetti con la recitazione e continui a cantare...
Anzi no, neanche quello. Grazie!



CORINNA AWARD (PEGGIOR ATTRICE)

1. Claudia Gerini (Suburra – La serie)
2. Monica Bellucci (Twin Peaks)
3. Tea Falco (1993)
4. Vanessa Incontrada (Scomparsa)
5. Julia Stiles (Riviera)

Pessima recitazione?
Italians do it better. Nun ce batte nessuno.



C'ERAVAMO TANTO AMATI AWARD (SERIE PEGGIO PEGGIORATA)

1. The Affair
2. Homeland
3. Orphan Black
4. Narcos
5. Gomorra – La serie

Le serie che mi piacevano e che più mi hanno stufato: il sempre più inverosimile The Affair con la sua terza stagione iniziata a fine 2016 e chiusasi nel peggiore dei modi a inizio 2017, un Homeland ormai affogato nella noia, un Orphan Black ai limiti dell'incomprensibile, un Narcos che per me insieme a Pablo Escobar (Wagner Moura) e a Steve Murphy (Boyd Holbrook) ha perso anche tutto il suo fascino, e un Gomorra diventato nu' pochìn ripetitivo.



NUNTEREGGAE PIÙ AWARD (PERSONAGGIO PIÙ INSOPPORTABILE)

1. Sheldon Cooper/Iain Armitage (Young Sheldon)
2. Juliette/Irène Jacob (The Affair)
3. Martin Byrde/Jason Bateman (Ozark)
4. Shaun Murphy/Freddie Highmore (The Good Doctor)
5. Chernobog/Peter Stormare (American Gods)

Ci sono persone che stanno antipatiche a pelle, con i personaggi tv è la stessa cosa.
Questi sono i 5 che più ho faticato a reggere, al di là della qualità della serie in cui sono presenti: scarsa (Young Sheldon), discontinua (The Affair), o piuttosto buona (Ozark, The Good Doctor e American Gods).



SCENA SCEMA AWARD (SCENA SCULT)

L'inspiegabile e del tutto gratuita scena musical in Pretty Little Liars, stagione 7 episodio 17.
Assurda persino per gli standard della serie.




VALIUM AWARD (SERIE PIÙ NOIOSA)

1. Godless
2. The Son
3. Gunpowder
4. Taboo
5. Una serie di sfortunati eventi

Wake me up, when these series end.

P.S. Per caso si capisce che le serie western e storiche mi annoiano leggermente?



BASTA GRIDARE AL CAPOLAVORO AWARD (SERIE PIÙ SOPRAVVALUTATA)

1. Feud: Bette and Joan
2. Dark
3. The Punisher
4. The Deuce
5. Sense8

C'ho provato. Ce l'ho messa tutta per farmele piacere, così come sono piaciute a molti di voi, ma proprio non ce l'ho fatta. Sorry.



GUILTY PLEASURE AWARD (MIGLIOR PEGGIOR SERIE)

1. Sirene
2. Star
3. The Arrangement
4. Blood Drive
5. Daytime Divas

Oltre i confini del trash, però nonostante questo - o probabilmente proprio per questo - le ho adorate.
Su tutte vince il kitsch partenopeo di Sirene. 'Nu babà di serie!



15 commenti:

  1. Ah però bocciatura per Dark e per the deuce, che altri blogger hanno apprezzato.

    Invece vedo che su Suburra c'è veramente un plebiscito al contrario :D

    RispondiElimina
  2. Dark - per quanto riguarda gli attori ti do ragione. Però la storia "spacca": si sono spinti così avanti che non so come faranno ad uscirne.
    Su The Deuce concordo: basti pensare a Boogie Nights e crolla come un castello di carte!
    Mr. Robot per me invece si è riacceso. Anch'io con la seconda stagione mi ero stufato: entrando nella testa degli autori l'impressione che avevo era: "se non sai più cosa dire, confondili!". Sono riusciti a farmi cambiare idea.

    RispondiElimina
  3. D'accordo solo a metà, perché alcune di queste mi son piaciute, mentre per l'altra metà perfettamente in sintonia, anche se ancora senza una mia recensione, che forse arriveranno l'anno prossimo ;)

    RispondiElimina
  4. Per me il guaio di Suburra è quello di non essere stato il sequel di Romanzo Criminale, così come era in libreria. Che peccato, avrebbero potuto renderla epica e ampliarne il mondo :)

    Moz-

    RispondiElimina
  5. Per fortuna, stavolta, non ho visto niente o quasi!

    RispondiElimina
  6. Dark per me rischiava di entrare nelle 20 migliori e ancora non so, qualche possibilità ce l'ha. The Deuce ancora non mi esprimo perchè vorrei vederla, così come voglio vedere la terza di Mr Robot, nonostante la seconda mi avesse un po' annoiato.

    Inhumans veramente imbarazzante, mentre su Suburra non sono stato così severo, a parte per la recitazione dei protagonisti che è davvero terribile, su tutte quella della Gerini, agghiacciante.

    Tra i teleratti non sono d'accordo su Feud, che a me è piaciuta e rischia un posticino in top 10, così come su The Punisher, di cui parlerò anche a breve. Gomorra invece non la vedo tra le peggio peggiorate, ma secondo me ha addirittura alzato l'asticella.

    RispondiElimina
  7. pur essendomi piaciuta Dark, devo darti ragione sul discorso personaggi. ho trovato gli attori, soprattutto gli adolescenti/regazzini molto acerbi. ogni volta che vedevo il poliziotto ulrich dentro di me piangevo perché ci volevo mads mikkelsen.
    sheldon BASTA, ma per quanto mi riguarda pure con TBBT.
    la scena di PLL: IO MORTA, talmente assurda che il mio cervello l'aveva rimossa. ma tanto ormai quella serie è un totale macello di nonsense e trashume che non ci si capacita fino alla fine.
    Chernobog perché tra i più odiati?? a me è piaciuto moltissimo e mi è dispiaciuto ci fosse solo in due puntate. Laura invece, diomadonna. Che voglia di spaccare lo schermo a pedate ogni volta che dice "puppy".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me è esattamente il contrario: Chernobog è soporifero, mentre Laura è di gran lunga il personaggio migliore della serie.

      Elimina
  8. Non concordo su molti giudizi, ma chissenefrega... le tue sono le classifiche più divertenti della rete :D

    RispondiElimina
  9. Io L'Isola di Pietro lo consiglierei a chi soffre d'insonnia (o forse neanche, che poi si ritrovano a sognare Gianni Morandi). Per Dark concordo con te per quanto riguarda i personaggi, però a me è piaciuta lo stesso! :)

    RispondiElimina
  10. Delle peggio serie ne abbiamo solo due -noiosissime- in comune, mentre dal resto mi sono tenuta a distanza, pure da Mr. Robot che dopo la pennichella nel primo episodio, non ha più trovato spazio.
    Narcos mi ha convinto pure al terzo giro e senza Pablo, mentre sì, mai come quest'anno le serie simil western non hanno fatto faville.

    p.s.: The bold type l'ho provato, ma ho abbandonato dopo 20 minuti in cui i miei neuroni gridavano pietà. Migliora -ovvero, le tizie diventeranno più simpatiche e meno dei cliché?- o resta un guilty pleasure alla Gossip Girl feat. Ugly Betty?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Resta sempre un guilty pleasure, però nei vari episodi vengono affrontate anche tematiche piuttosto delicate. Pur con qualche inevitabile semplificazione e cliché, per me non è affatto una serie scema. Non troppo, almeno. :)

      Elimina
  11. La terza stagione di Mr. Robot a me è piaciuta, così come quella di Narcos e The Punisher. Su Homeland hai ragione, era di una noia mortale! Per quanto riguarda Inhumans, meglio stenderci un velo pietoso. Inguardabile.

    RispondiElimina
  12. Sono a metà con Dark e devo ammettere che anche se mi sono addormentata durante la terza puntata, l'ho trovata interessante, e per adesso i personaggi più interessanti sembrano Charlotte e Helge (perché è rincoglionito). Comunque la domanda che mi sono posta durante la visione è: ma è possibile che l'unica via per andare a scuola sia quel cazzo di bosco? XD Non penso che la odierò, perché ogni volta che vedo una carta del Raiders, mi viene la nostalgia! :-p Concordo con Lemony Snicket serie più noiosa, mollata dopo 3 episodi!

    RispondiElimina
  13. Adoro quando premi lo schifo!
    Anche quest'anno non siamo da meno XD

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com