sabato 13 luglio 2019

Hanno ucciso nonno in bagno chi sia stato non si sa





Sulla scia dell'enorme (???) successo del post dedicato al ripassone dei film del Marvel Cinematic Universe, qui su Pensieri Cannibali si bissa. Proprio come succede in questi cinecomics, si prende una formula e la si replica all'∞ (questo dovrebbe essere il simbolo dell'infinito, non so se si era capito).

In occasione della recente uscita dell'ultimo capitolo delle sue avventure, io e il mio rivale Ford andiamo questa volta a ripercorrere l'intera carriera cinematografica di Spider-Man.


Per chi non parla inglese, specifico che stiamo parlando dell'Uomo Ragno.


Spider-Man
"4+4 = 8
Oh mio Dio, ho acquistato il superpotere di saper fare i calcoli!"

Cannibal Kid: C'era una volta, tanto tempo fa, il primo Spider-Man cinematografico, Tobey Maguire. Perfetto nella parte del nerd di quelli simpatici, non di quelli che vorresti bullizzare dal mattino alla sera. Anche perché poi si scopre che può sparare ragnatele dai polsi e altre diavolerie del genere, quindi mica è facile bullizzare un tipo del genere. C'era una volta, ma nemmeno troppo una volta. Non stiamo parlando dell'età della pietra in cui è venuto su Ford Flintstone, ma del 2002. Fa strano pensare che nel giro di manco due decenni siano già cambiati 3 Uomini Ragno, però il mondo gira velocemente, il tempo passa, non ci sono più le mezze stagioni e altri luoghi comuni fordiani di questo tipo.
C'è da dire che un po' ce l'ho, con questo primo Spider-Man. Non perché non mi sia piaciuto. Anzi, mi ha esaltato un casino (nel 2002 era ancora fico dire “esaltato un casino”, quindi passatemi l'espressione). Era un film divertente, con una sceneggiatura notevolissima, una scena di bacio al contrario entrata nella storia del cinema e c'era pure Kirsten Dunst. Insomma: il miglior cinecomics realizzato fino a quel momento. Il problema è proprio questo. Spider-Man ha fatto tornare di moda i cinecomics, anzi li ha portati su un altro livello, in un periodo in cui, dopo il ridicolo Batman & Robin, il genere sembrava finito. Morto. Kaputt. Da lì in poi tutti a copiare Spider-Man, chi bene, come la serie Heroes, chi male, come quasi tutti gli altri.
(voto 8/10)
Ford: da accanito lettore dei fumetti Marvel nonché fan sfegatato del charachter di Spidey fin dall'infanzia, l'uscita del primo lungometraggio firmato Sam Raimi dedicato all'alter ego di Peter Parker fu un evento epocale. Ricordo che vidi in sala il primo spettacolo del primo giorno, tornai a vederlo un altro paio di volte ed acquistai il dvd il giorno dell'uscita. Fu, per chi come me è un pò più vecchio, il primo, vero, grande lavoro di fusione tra Comics e Cinema, perfetto nel rendere l'idea di uno dei personaggi più azzeccati mai creati da Stan Lee.
(voto: 7,5)

"Muoviamoci Kirsten, che c'ho il sangue alla testa. E non solo alla testa..."


Spider-Man 2

Cannibal Kid: Dopo il primo Spider-Man, come ho appena detto, tutti a copiare Spider-Man. Pure lo stesso Sam Raimi. Con il sequel c'è però da dire che ha portato il gioco a un livello ancora superiore. Spider-Man 2 è più dark e profondo, senza dimenticare di essere un ottimo prodotto d'intrattenimento ricco d'ironia. Un seguito all'altezza dell'originale e forse persino un pochino più emozionante. Con un attore più convincente di Alfred Molina – che non sopporto – come villain sarebbe stato ancora meglio. In ogni caso, tanta roba.
(voto 8+/10)
Ford: il sequel è sempre materiale pericoloso, ma Raimi con il secondo capitolo della sua trilogia non solo sorprende, ma migliora ulteriormente la qualità inserendo nella formula il complesso rapporto tra Peter Parker e il Dott. Octopus, simile a quello che si potrebbe avere con un insegnante o con un padre. La sequenza della lotta sul treno della metropolitana è ancora oggi impressa nella mia mente, e se forse sono meno affezionato a questo numero due rispetto al primo a livello emotivo, cinematograficamente parlando per me resta ancora lo Spidey migliore.
(voto: 8)

"Quel Cannibal la pagherà cara per ciò che ha detto su di me. A Ford invece è in arrivo un bacino 👄."


Spider-Man 3
"Sarà anche un costume tarocco, ma come acquisto in saldo non è malaccio, suvvia."

Cannibal Kid: Non c'è Ford senza Cannibal, e non c'è due senza tre. Purtroppo. La trilogia di Sam Raimi si sarebbe potuta fermare al capitolo precedente, anche se in quel caso non sarebbe stata una trilogia, e nessuno l'avrebbe rimpianto. Al contrario. Spider-Man 3 è tutto ciò che i primi due episodi avevano evitato. È un brutto pasticcio kitsch finto epico che riporta i cinecomics ai “fasti” degli anni '90. Proprio quelli che dopo Batman & Robin sembravano essere scomparsi dalla circolazione. Un film da dimenticare...
Hey, ma di cosa stavamo parlando?
(voto 4/10)
Ford: dopo due capitoli scoppiettanti e clamorosi, Raimi prova a giocare la carta dello humour nero che l'ha sempre contraddistinto ripescando per l'occasione uno dei villain che ai miei tempi da lettore adoravo, Venom. Peccato che il risultato appaia fuori fuoco e poco avvincente, e la scelta di affidare a Grace il ruolo di Eddie Brock una delle meno azzeccate della Storia dei Cinecomics. Un vero peccato, perchè l'occasione di chiudere in bellezza c'era tutta, ma è sfumata in una tempesta di bottigliate.
(voto: 4,5)


The Amazing Spider-Man

Cannibal Kid: Andrew Garfield è uno degli attori che più mi stanno sulle palle. Adesso, dopo l'orrendo La battaglia di Hacksaw Ridge di Mel Gibson e il soporifero Silence di Martin Scorsese. Ai tempi in cui aveva ereditato la calzamaglia di Spider-Man da Tobey Maguire, quando arrivava da The Social Network, Non lasciarmi a Boy A, mi stava invece parecchio simpatico e mi era sembrato una scelta valida per il ruolo. Ormai il buon Maguire aveva fatto il suo tempo e, dopo il dimenticabile Spider-Man 3 – hey, come ho fatto a ricordarmene? – l'idea di un reboot delle avventure dell'Uomo Ragno ci poteva stare. Solo che è arrivato troooppo presto. Spider-Man 3 era uscito nel 2007, The Amazing Spider-Man è arrivato nel 2012. 5 anni sono un po' pochi per un reboot. Il problema del film è proprio questo. È carino, un buon intrattenimento, c'è pure Emma Stone e Andrew Garfield non era ancora l'attore fastidioso che è diventato oggi. Solo che è un lavoro del tutto inutile.
(voto 6,5/10)
Ford: qualche anno dopo i fasti di Raimi, viene tentato un primo esperimento di Reboot del personaggio affidando il costume a Andrew Garfield - che personalmente preferisco a Tobey Maguire - e ripartendo da zero. Peccato che, nonostante qualche buono spunto, tutto il coinvolgimento che si provava guardando il primo dei tre film raininiani non venga pervenuto neanche a cercarlo con un branco di cani da tartufo, e tutto risulti semplicemente essere un film d'intrattenimento come tanti altri.
(voto: 5,5)

"Ti rendi conto? Ford preferisce me a Tobey Maguire... ma manco io preferisco me a Tobey Maguire!"


The Amazing Spider-Man 2 - Il potere di Electro
"Portatemi via da questi cinecomics da strapazzo. C'ho dei film da Oscar da girare, io."

Cannibal Kid: Il sequel del già poco Amazing Spider-Man è ancora più inutile e affrettato del precedente. Due anni dopo è arrivata sugli schermi questa nuova avventurina dell'Uomo Ragno che si lascia più o meno vedere, ma non lascia traccia. Non è un caso se poi non c'è mai stato un Amazing Spider-Man 3 e Andrew Garfield, che qui stava già cominciando a stufare, è stato rimpiazzato.
(voto 5/10)
Ford: questa volta il peso del sequel si fa sentire, e accanto ad un'altra scelta attoriale scellerata - l'Electro interpretato da Jamie Foxx - troviamo un film che non è altro che la versione più sciapa del predecessore, che già non brillava particolarmente rispetto alla meraviglia suscitata nel pubblico. Una saga, questa, interrotta dall'arrivo del colosso Cinematic Universe che, a conti fatti, non è mancata a nessuno. Doveste capitarvi, da fan, potreste recuperarlo solo per completezza.
(voto: 5)


Spider-Man: Homecoming
"Sono stato Batman, poi Birdman e quindi Avvoltoio. Adesso voglio diventare anche Iron Man. E un giorno magari pure Cannibal Kid."

Cannibal Kid: Una volta levato dalle palle Andrew Garfield, che pur avendola sfangata è risultato lo Spider-Man di minor successo e meno amato nella storia degli Spider-Man, è arrivato il turno del novellino Tom Holland. Uno che sembra nato per fare Peter Parker, anche se io – nostalgia canaglia – continuo a preferire Tobey Maguire. La vera mattatrice del film comunque è la mia nuova idola Zendaya, sia messo agli atti.
Spider-Man: Homecoming è una pellicola che, per quanto mi riguarda, e non credo che quel vecchiazzo di Ford sarà d'accordo, funziona soprattutto per i suoi aspetti teen. Per quanto concerne la parte più supereroistica invece annoia alquanto. Se già il precedente reboot appariva non necessario, cosa dire di questo Homecoming, giunto dopo appena 3 anni da Il potere di Electro?
Il problema – uno dei tanti problemi – di questi cinecomics contemporanei è che ce ne sono troppi, ne esce ormai uno a settimana come i Bulletin di Ford e quindi basta. Go home!
(voto 5,5/10)
Ford: l'ingresso di Spidey nel Cinematic Universe degli Avengers stravolge le regole e riparte di nuovo da zero, mescolando le atmosfere di quello che fu Ultimate Spider Man con il lavoro fatto da Raimi. Il risultato è un film frizzante e divertente, con un ottimo Downey Jr a fare da spalla a Spidey ed un'atmosfera scanzonata che, a conti fatti, funziona. Certo, non parliamo del più memorabile tra i titoli prodotti negli ultimi anni da Mamma Marvel, ma il risultato c'è e si avvicina di più a quello che, inizialmente, fu l'intento dell'autore de La casa quando riportò Spidey sul grande schermo.
(voto: 6,5)

"Cannibal mi ha bocciato e Ford mi ha promosso? Ma no! Il mondo gira proprio al contrario!"


Spider-Man: Far From Home
"Dopo aver distrutto Venezia, la prossima tappa del mio tour sarà a Lodi, promesso."

Cannibal Kid: Nonostante quanto qua sopra detto, confesso che un minimo di curiosità nei confronti del “nuovo” Far From Home ce l'ho. Ho detto un minimo. Merito di Zendaya, sempre più idola grazie alla serie Euphoria, e dell'arrivo nel mondo dei cinecomics di Jake Gyllenhaal. Uno che a dirla tutta era già stato il primo vero supereroe dell'epoca moderna, nel 2001, ancora prima dello Spider-Man in versione Tobey Maguire. Parlo di Donnie Darko, ovviamente, da me e da tutto il mondo che ne capisce tanto osannato e da Ford e – basta, solo da lui – tanto incompreso. O sarà anche perché l'ultimo lavoro dell'MCU Avengers: Endgame mi era sorprendentemente piaciuto e mi ha fatto venire un po' più di fiducia nell'MCU. Questo Spider-Man: Far From Home, che si preannuncia parecchio adolescenziale e vacanziero, confermerà la tendenza positiva?
Ford: primo film Marvel post-Endgame, con gli strascichi della morte di Iron Man ed un inedito Peter Parker in viaggio con gli amici lontano da New York. Sarà una bolla di sapone estiva o una sorpresa più che piacevole? Ancora non sono riuscito a capirlo, ma di sicuro la scommessa è affidare la parte del complesso e potenzialmente molto interessante Mysterio a Jake Gillenhaal, che potrebbe diventare l'antagonista più interessante dai tempi dell'Octopus di Alfred Molina. Speriamo bene. E speriamo che far se ne vada anche Cannibal, per un bel po' di tempo.


13 commenti:

  1. Anche per me il secondo di Raimi è superiore al primo e forse a tutti.
    Mi piace però il look ragazzino del nuovo Spidey, assolutamente.

    Moz-

    RispondiElimina
  2. Che capolavoro il secondo di Raimi.
    Ma sono affezionato anche a Garfield.
    Questo a vederlo martedì!

    RispondiElimina
  3. Ora sono curioso di leggere i vostri parere su "Far from home" che potrebbe farvi rivedere la classifica, e per fortuna ha cancellato dalla faccia della terra (e di tutte le terre del multiverso) il "Non tanto Amazing Spider-Man" ;-) Cheers!

    RispondiElimina
  4. E stavolta recensite tutta la saga di spiderman wow xD

    RispondiElimina
  5. Io non riesco a stare al passo con tutte le uscite e il mio ultimo Spiderman è ancora il terzo di Raimi. Però la saga Avengers l'ho vista tutta, perciò anche il nuovo Spidey l'ho conosciuto, seppure in film corali, e mi sembra buono. Quindi mi manca Garfield, ma ho visto i film del gattone... Vale lo stesso?

    RispondiElimina
  6. Sono d'accordo completamente con lei ,lo spiderman interpretato da Toby Mcguire cinematograficamene è il miglore ed il personaggio esplora anche i lati più oscuri di Peter Parker.Ottima recensione comunque https://www.editriceimpressionigrafiche.it/

    RispondiElimina
  7. Ci vuole del coraggio per dare voti più alti a Tasm 1 e 2 che Spiderman 3. Ma che voi due insieme non fatevate un cervello cinematograficamente funzionante lo si sapeva da tempo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spider-Man 3 è stato definito orrendo persino dallo stesso Sam Raimi, quindi mi sa che il tuo cervello è cinematograficamente ancora più difettoso dei nostri. E ce ne va. :D

      https://www.badtaste.it/2014/12/31/sam-raimi-ammette-spider-man-3-e-un-film-orrendo/110647/

      Elimina
    2. Ovvio. Che cazzo dovrabbere dire di un film che è suo solo a metà e nel quale i produttori hanno ficcato a forsa dei villain, in particolare Venom, che lui non voleva e amava? Detto questo il film anche solo per come sono giarate le scene di combattimento vale un milione di volte i due amazing e Homecoming messi in insieme

      Elimina
    3. Era da parecchio che non spuntava fuori qualche nuovo genio del commento. Peppa, li attiri tutti tu come l'amico di Messi!?

      Elimina
    4. Non escludo che si possa trattare della stessa persona...

      Elimina
  8. Io mi sono saggiamente fermata al primo Spider-man, con qualche spezzone degli altri con Tobey beccati in TV. Senza troppo entusiasmo, in realtà, forse perchè presentivo la valanga di supereroi che si era aperta.

    RispondiElimina
  9. Incredibile davvero questa carrellata di voti: sono talmente sconvolto da aver quasi pensato di rivederli tutti per sperare di cambiarli! ;)

    Comunque qui a Lodi Mysterio non s'è visto, forse si è fermato a Casale. ;)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com