lunedì 19 settembre 2011

Attaccati a ste casse!

Attack the block
(UK 2011)
Regia: Joe Cornish
Cast: John Boyega, Jodie Whittaker, Alexis Esmail, Luke Treadaway, Nick Frost, Leeon Jones, Jumayn Hunter, Danielle Vitalis, Paige Meade, Simon Howard, Sammy Williams
Genere: alieni nel ghetto
Se ti piace guarda anche: Misfits, Skins, Super 8, Eden Lake, I guerrieri della notte

L’attesa era alle stelle, per questo Attack the block. Almeno la mia personale. Uscito qualche mese fa in UK, era diventato subito un piccolo caso, il trailer prometteva alla grande e il mio compagno di banco del liceo, che ora vive in England, me ne aveva parlato entusiasta come se fosse the next big thing. E lui ha gusti cinematografici molto simili ai miei. Dunque pessimi gusti cinematografici ahahah!
So, what? Le attese sono state ripagate?


Lo spunto di partenza è di quelli in grado di suscitare curiosità, ma anche qualche perplessità: un gruppo di ragazzini dei quartieri sud di Londra, quelli più malfamati, quelli da british ghetto che fa brutto che se alzi lo sguardo al tipo sbagliato ti spakka il culo, si trova a dover fronteggiare un attacco alieno. Roba da gridare: figata, figata!
I dubbi vengono però visto che già in passato ci siamo trovati a pellicole che trasformano una buona idea di partenza in un prodotto di routine. È stato ad esempio il caso di Le horde, film francese che partiva dall’idea di ambientare una storia di zombie in una banlieue parigina, roba che anche lì uno gridava al “Figata, figata!” e poi si trovava di fronte a un tipico survival horror senza infamia e soprattutto senza lode che sprecava l’occasione di parlare del disagio sociale anti-Sarkozy. E alla fine uno si chiedeva: ma allora perché ambientare uno zombie-movie in una banlieue, quando sarebbe potuto essere stato girato in qualunque altro contesto?

Pur senza andarsi a impelagare troppo in questioni socio-politiche, Attack the block evita per fortuna questo rischio. Il film è ambientato nel ghetto, nel block, e parla proprio della vita dei news kids on the block con il linguaggio del block. Shit yeah, man. Per farlo in maniera più spettacolare, efficace e - se vogliamo - pure metaforica, utilizza una storia fantascientifica, sebbene l’approccio alla fine risulti più comico che sci-fi, in maniera analoga a quanto Shaun of the Dead (L’alba dei morti dementi) faceva con l’horror. E infatti non a caso il regista di quel film Edgar Wright figura qui tra i producers, mentre uno dei due protagonisti (Nick Frost, quello più cicciottello, per farvi capire) ha qui il ruolo di un “coltivatore d’erba”. In pratica Attack the block è la versione riuscita di Paul, l’altro fantascientifico comico con Frost e il compare Simon Pegg (quello biondo di Shaun of the Dead, per farvi capire) uscito qualche mese fa, ma che convinceva e divertiva ben poco.

Comunque rewind e ritorniamo back to the start.
La storia inizia con una ragazza che viene rapinata da una baby-gang di ragazzi yo yo (finti) gangsta, ma la rapina viene interrotta da un coso non ben identificato che piove giù dal cielo. Si tratta di una creatura simile a una scimmia che viene prontamente ammazzata di botte dai ragazzini della banda criminale: “Welcome to London, motherfucka!”.
Dopo questo misterioso accaduto, su Londra cominciano a piovere altri extraterrestri, questa volta più pelosi e inquietanti, dei cosi definiti dei “Gorilla-lupi-alieni-figli di puttana” e tra loro e i nostri (anti)eroi criminali scoppia una lotta interspecie per il dominio del ghetto, qualcosa che assomiglia a una versione aliena de I guerrieri della notte aggiornata ai tempi delle rivolte giovanili inglesi. Riuscite a immaginare qualcosa di più fico di tutto ciò?
Ovviamente no e a dare una spruzzata ulteriore di coolness ci pensa una regia ottima e sicura dei propri mezzi (nonostante sia un film low-budget, per lo meno se paragonata alle produzioni hollywoodiane) dell’esordiente Joe Cornish, uno che - scommettiamo? - potrebbe rivelarsi un nuovo Edgar Wright o giù di lì o magari anche meglio. Ottima pure la fotografia, per un film tra i visivamente più goduriosi degli ultimi tempi. E la goduria si duplica aggiungendovi una spettacolosa soundtrack fornita dai Basement Jaxx, che confermano la tendenza di come le migliori colonne sonore oggi le facciano artisti provenienti dalla scena elettronica, vedi e soprattutto senti i Daft Punk per Tron Legacy, i Chemical Brothers per Hanna e il partner sonoro di Darren Aronofsky Clint Mansell, che negli anni ’90 era nella electro-rock band Pop Will Eat Itself e oggi firma le musiche di tutti i suoi film, da π al Cigno nero.
Insieme al “wooop wooop, that’s the sound of da police” di Krs-One...


...i Basement Jaxx riescono a fornire l’atmosfera giusta tra electro e hip-hop per quello che può essere definito il primo vero film della "dubstep generation" della Storia, in grado di regalarci una fotografia nuda e cruda delle periferie londinesi, aggiungendo al tutto dosi massicce di ironia e pure una vicenda fantascientifica. Anche se in fondo, alieni o meno, la vita nel ghetto è sempre una battaglia. Come dice uno dei protagonisti: “Andare in giro, aspettare di essere assalito in ogni momento? A me sembra solo un giorno come un altro in questo quartiere.”

Attack the block è dunque un cult totale, ma non riesce per un soffio a raggiungere il titolo di capolavoro assoluto; per quello sarebbe stata necessaria una sceneggiatura più stratificata e con magari qualche svolta imprevista. Un maggiore approfondimento sarebbe poi potuto essere fornito ai personaggi, tra cui spicca il leader della baby-gang Moses. Nome biblico da salvatore dell’umanità (compito a cui infatti sarà chiamato ad assolvere), sguardo da gangsta-rapper tipo 50 Cent più espressivo, agilità da ninja, è lui il personaggione del film, mentre le maggiori risate sono fornite dal suo compare bianco Pest, uno dal look a metà strada tra un Bombfunk Mc’s e un Tokio Hotel. Anche se, va detto, manca un re dell’umorismo assoluto come il Nathan di Misfits, una serie che ha un approccio alla comicità quanto alla sci-fi molto vicino a questo film.
Se i Misfits rimangono quindi un gradino sopra, confermando come il mondo della serialità tv abbia ormai messo la freccia di sorpasso sul cinema, una pellicola che viaggia in parallelo a questa è Super 8 di Super J.J. Abrams: opposti per approccio, per sense of humor, per la britannicità vs. l’americanità, per la maggiore crudezza e cattiveria di questo Attack contro la maggior ingenuità spielberghiana dell’altro, entrambi presentano comunque delle bande di ragazzini, dei Goonies moderni, in grado di gettarci dentro avventure pazzesche e far tornare ragazzini pure noi eterni kids. Due film radicalmente differenti, eppure io ho amato entrambi allo stesso modo.

A parte Nick Frost, il cast di Attack the block è composto interamente da attori sconosciuti (e già Nick Frost non è che sia poi così noto…) o del tutto esordienti, ma che sono sicuro rivedremo spesso in giro per produzioni british varie (e magari non solo british), in maniera analoga a quanto successo al cast di This is England; un altro film che riusciva a fotografare ottimamente la gioventù inglese, in quel caso però guardando indietro agli anni ’80 thatcheriani. Ma se parlare del passato può risultare un po’ più facile, visto che si può avere uno sguardo complessivo dell’insieme da lontano, fare un ritratto della società attuale è una sfida più ardua ed è superata brillantemente da questo Attack the block, attraverso riferimenti alla pop-culture odierna (dal cartone Naruto al videogame Fifa), ma anche a un livello più profondo. Moses a un certo punto tenta pure un approccio politico, dicendo che il Governo inglese per eliminare le persone di colore prima ha mandato le droghe, poi le pistole, e quindi gli alieni. Una teoria cospirazionista che suscita le risate immediate degli altri kids, ma che rende bene l’idea del disagio sociale attuale che ha poi generato il panic in the streets of London dello scorso agosto.
Non un film perfetto, ma come le migliori opere prime è in grado di regalare un punto di vista nuovo, diverso, fresco. E, soprattutto, è quanto di più fico potrete vedere quest’anno!
(voto 8+/10)

Chissà se, e quando, Attack the block uscirà mai in Italia. Poco male, anche perché questo è uno di quei film da assaporare rigorosamente in lingua originale con il suo linguaggio del block, quindi non vi resta che cercarlo in rete nei “soliti” posti.

8 commenti:

  1. Mi fa piacere leggere una recensione tanta entusiasta e mi incuriosisce anche questo parallelismo con Super 8! Come avevo detto, penso che insieme a Tucker & Dale vs Evil, si possa già considerare il top delle horror comedy del 2011 ;)

    RispondiElimina
  2. Un ottimo prodotto, di cui parlerò anche io bene prossimamente.
    Il block riesce, come Super 8, ad unirci!

    RispondiElimina
  3. filmone! davvero bello.
    ho riso come un matto dall'inizio alla fine, e il bello è che riusciva lo stesso a dare molto su cui riflettere.
    menzione anche per Brewis (Luke Treadway) che, se magari lo approfondivano di più, poteva dar vita a più di un momento comico à la Nathan :)

    RispondiElimina
  4. No in italiano sarebbe inguardabile!
    Veramente ben fatto! JuleZ sloggata, sorry

    RispondiElimina
  5. giusto il parallelismo con Super 8 (soprattutto visto che sono usciti uno a ridosso dell'altro e parlano di alieni) ma, come hai anche detto, sono film molto - troppo - diversi tra loro. Super 8 è un film per ragazzi, Attack è su dei ragazzi. La violenza (sia visiva che di linguaggio) di Attack non ha nulla a che vedere con Super 8, che resta molto infantile. Ma soprattutto Attack ha il coraggio di osare, di esplorare, di mostrare e di dire (hai citato il discorso razziale di Moses), elementi che Super 8 non ha, in quanto resta una semplice favola.
    Insomma tanto per farla breve Super 8 è carino per quel suo aspetto revival (ma nulla più), Attack è una figata pazzesca!!!

    RispondiElimina
  6. Me lo sono segnato,se arriva da noi,mi fiondo.
    PS : Le Horde aveva qualche buona intuizione,non mi era dispiaciuto.

    RispondiElimina
  7. Un pò in ritardo come le sale italiane, l'ho visto da poco e perciò solo adesso leggo con maggiore cognizione le recensioni. Ehm, diciamo che ancora una volta siamo in disaccordo, più o meno gli ho dato sei voti in meno rispetto a te:D L'ho trovato un film troppo infantile e scontato...

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com