giovedì 25 luglio 2013

SHARKNADO: IT’S RAINING SHARKS, HALLELUJAH!




Sharknado
(USA 2013)
Film tv trasmesso negli USA da SyFy Channel
Regia: Anthony C. Ferrante
Sceneggiatura: Thunder Levin
Cast: Ian Ziering, Tara Reid, Jaason Simmons, Cassie Scerbo, John Heard, Aubrey Peeples, Chuck Hittinger
Genere: strunzata sharkata suprema
Se ti piace guarda anche: Piranha 3D, Shark 3D, Lo squalo, The Bay, Baywatch

Ribattezzato da alcuni “il peggior film di sempre” e da altri più gentilmente “il miglior peggior film di sempre”, Sharknado è una genialata. Non tanto il film nel suo complesso, quanto lo spunto di partenza.
Quali sono i due elementi più tipici di una pellicola catastrofica?

1) La calamità naturale. E cosa meglio di un bel tornado?

2) Degli animali pericolosi. E allora cosa meglio di uno squalo, come insegna Mr. Spielberg?
Uno? Mettiamocene centinaia, che è meglio!

A questo punto, gli autori di pellicole normali scelgono o l’uno o l’altro elemento. Ma gli autori di Sharknado non sono autori di pellicole normali. Già considerarli autori di pellicole è molto generoso. Gli autori di Sharknado non si sono posti limiti e hanno deciso di unire entrambe le cose in un film catastrofico solo. O, più che altro, una catastrofe di film. Protagonista è così una serie di tornado che porta con sé una miriade di squali. Squali che non muoiono trovandosi al centro di un uragano, ma sopravvivono tranquillamente e sono più famelici e cattivi che mai.




Cose del genere nella realtà accadono più spesso di quanto potreste immaginare.
Da questa idea iniziale trash, il canale americano SyFy con la produzione della The Asylum, casa specializzata in Z-movies, ha deciso di tirarne fuori un film tv ancora più trash. Il risultato?
Una schifezza colossale, di quelle talmente colossali da incollarti allo schermo dall’inizio alla fine. Con quell’effetto tipico dei reality-show spazzatura, non si riesce a smettere di guardare. La qualità di questo film tv è misera, ma così misera, che non si può distogliere lo sguardo, godendo per ogni minuto di tanta porcheria servita in un colpo solo. La regia di tale Anthony C. Ferrante è da denuncia, il montaggio appare del tutto casuale più ancora che amatoriale, gli effetti speciali sono terrificanti e non in senso horror, il green-screen è da mani nei capelli e le interpretazioni raggiungono livelli epici tanto sono pessime.

Non basta infatti una tempesta di squali, non basta uno stile registico che sembra guardare a Baywatch come modello di riferimento principale, ma pure il cast ci regala grandissime soddisfazioni. Il protagonista nonché eroe della pellicola è Ian Ziering, sì sì lui, lo Steve Sanders di Beverly Hills, 90210, uno che i suoi quasi 50 anni li porta più che bene, per carità, ma anche uno che a recitare non è mai stato buono e ma che qui sembra persino peggiorato di brutto. Suoi compagni di sventura sono John Heard, il papà di Mamma ho perso l’aereo, Jaason Simmons, uno che arriva dal già citato Baywatch, e la gnoccona Cassie Scerbo, che invece proviene dalla serie Make It or Break It ma pure lei non avrebbe sfigurato all'interno di Baywatch.

"Smettetela di chiedermi di smetterla di recitare.
Finché anche The Rock lo fa, nessuno potrà fermarmi!"
Ciliegina sulla torta: Tara Reid. La Vicky di American Pie una grande attrice, anzi un’attrice e basta, non lo è mai stata, però qui fa raggiungere alla professione nuovi vertici negativi.
Questo branco di attoracci nei panni di una serie di personaggi male assortiti sembra divertirsi un mondo mentre affronta questa apocalisse di squali che si è abbattuta su Los Angeles. E noi con loro. Le battute volontariamente divertenti del film fanno ridere per quanto fanno pena. I momenti più seriosi e tragici sono invece così assurdi e idioti da scatenare le risate più selvagge. In pratica, che l’umorismo sia voluto o meno, questa visione è uno spasso totale, stile Piranha 3D, solo girato molto peggio.

Sharknado è un film brutto, così brutto da essere quasi bello ed è in grado di regalarci alcune scene scult assolute, come quella in cui Ian Ziering finisce nella pancia di uno squalo e ne esce vivo con una motosega, portando per di più in salvo un’altra tipa che era finita lì dentro e che ne esce pure lei. Viva!



Sharknado è un vero e proprio tornado di trovate al confine tra pessimo gusto e genialità che è già diventato un fenomeno sui social network, soprattutto su Twitter, ed è ora pronto ad abbattersi anche su di voi. Se guardando lo smielato e prevedibile happy ending o gli illeggibili titoli di coda mandati a tutta velocità (altra trovata folle quanto geniale) sarete travolti dalla tristezza perché è finito, non disperate. Un sequel di questo capolavorone è già in preparazione e una pioggia di squali ci sommergerà anche la prossima estate, perché al trash non c’è mai fine. It’s raining sharks, hallelujah.
(voto al trash 8+
voto al film 3+)

Ecco cosa dobbiamo aspettarci dal sequel...

14 commenti:

  1. Ce l'ho lì da vedere: se è così trash non posso farmelo mancare!

    RispondiElimina
  2. Anche io ce l'ho in programma!! Trash così inguardabile di certo non me lo perdo :D. Recensione sopraffina, comunque ;).

    RispondiElimina
  3. Ci giro intorno da un po'ma non ho ancora trovato il coraggio di vederlo.:

    RispondiElimina
  4. Aggiungerei anche Gigggi e la Tatangelo al sequel, ormai con Nic sono pappa e ciccia!
    (E poi sai che esplosione di trash?!?)

    RispondiElimina
  5. Ma come fai a vederti sti film?!
    Ne avevo sentito parlare malignamente ovviamente (e meno male) me lo risparmio però non mi predo mai le tue recensioni su sti capolavori trash!

    RispondiElimina
  6. Voglio vederlo, deve essere una perla immancabile.

    RispondiElimina
  7. Ed io che pensavo di aver visto tutto con Legion!

    RispondiElimina
  8. Che SQUALLORE.
    Voglio vederlo u.u

    RispondiElimina
  9. Visto,è una vera meraviglia!"So bad that is good",grasse risate.

    RispondiElimina
  10. ho visto il trailer e non potevo credere fosse reale, pensavo fosse una parodia! una roba così trash che non si spiega davvero... già la presenza di Ian Ziering e Tara Reid dice tutto! ahahah quasi quasi lo guardo per morire di risate

    RispondiElimina
  11. Ma vatti a scolare una bella bottiglia di olio d'oliva, pensado che è limoncello, coglione!

    RispondiElimina
  12. Ma sai che per qualche meccanismo perverso dopo tante recensioni negative mi è venuta voglia di vederlo?

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com