lunedì 1 luglio 2013

STUDIO ILLEGALE O FABIO VOLO ATTORE ILLEGALE?



Studio illegale

(Italia 2013)
Regia: Umberto Riccioni Carteni
Sceneggiatura: Federico Baccomo, Francesco Bruni, Umberto Riccioni Carteni, Alfredo Covelli
Cast: Fabio Volo, Zoé Félix, Ennio Fantastichini, Nicola Nocella, Marina Rocco, Ahmed Afiene, Isa Barzizza, Erika Blanc
Genere: Fabio Volo movie
Se ti piace guarda anche: qualsiasi altro film con Fabio Volo

Puntuale come le tasse, un’altra discesa in campo di Silvio Berlusconi e una nuova pellicola di Woody Allen, ecco che ogni anno arriva anche il Fabio Volo movie. Capitano disgrazie peggiori, nella vita. Capita anche di meglio, va detto, ma in ogni caso è una cosa che non si può evitare. Oddio, basterebbe non guardarli, ma io non ce la faccio. In fondo, io al Volo voglio bene. In radio la mattina ero solito ascoltarlo, prima che Linus quel birbone lo cacciasse via da Radio Deejay (ma dal prossimo ottobre ritornerà) e quindi ogni tanto mi fa piacere ritrovarlo, come un vecchio amico. Se come conduttore radiofonico se la cava ottimamente, a livello recitativo non si può purtroppo dire lo stesso. Vederlo in una pellicola fa un po’ l’effetto di andare a trovare sì un vecchio amico, solo un vecchio amico finito in ospedale. Non proprio un’esperienza delle più piacevoli. Come scrittore non lo so, non l’ho mai provato ma, a sentire i suoi detrattori più accaniti, l’esperienza potrebbe essere paragonabile alla visita di un vecchio amico, al cimitero.

La variante fabiovolesca della collezione di farfalle...
Fatto sta che, ancora una volta, ho ceduto a vedere un film con Fabio Volo. Veramente non ne ho visti poi tantissimi, giusto La febbre e il recente Il giorno in più. Pur non avendo tutta questa dimestichezza con Fabio Volo attore (ho usato davvero questa parola?), ho dimestichezza con Fabio Volo uomo e anche in Studio Illegale interpreta una variante di se stesso. In questo caso, la variante avvocato.
...però stranamente funziona.
A inizio pellicola, Fabio Volo è uno davvero stronzo. Misogino, superficiale, pensa solo al lavoro e persino quando il suo collega, quello con cui condivideva lo stesso ufficio, si suicida, lui non fa una piega. Uh, un personaggio senza morale, che non si fa scrupoli, un vero duro.
Arriva la prima bella passerona francese (Zoé Félix, già vista in Giù al Nord e Captifs), avvocatessa di uno studio illegale legale rivale, e il Volo stronzo è già un ricordo. In men che non si dica, si trasforma in un tenerone innamorato che manco nelle fantasie perverse di Moccia o di Stephenie Meyer si vedono robe del genere. È vero che l’amore cambia le persone, però un passaggio così repentino, e nel giro di un paio di minuti di pellicola, appare davvero campato per aria. Persino all’interno della finzione di un film e persino per gli standard di un Fabio Volo movie.
La cosa più preoccupante è che questo movie non è nemmeno tratto da un romanzo dello stesso Volo come il precedente Il giorno in più, bensì è ispirato a… un blog. Ebbene sì. Chiunque abbia un blog e chiunque scriva in generale desidera che un giorno le sue parole si trasformino in un film, magari non con Fabio Volo, ma mica si può avere tutto dalla vita. A Federico Baccomo (conosciuto anche con l’alias Duchesne) e al suo blog Studio Illegale è capitato prima di trasformarsi in un libro e poi addirittura in un film. L’impronta “blogghesca” si sente soprattutto nella prima parte della pellicola, in cui abbiamo una serie di sequenze (più o meno) divertenti e (più o meno) veloci sulla vita all’interno di uno studio legale gestito da un branco di spietati avvocati, poi però non c’è niente da fare. Il tutto si trasforma nella storia di un scapolo irriducibile che alla fine cede all’amore. Insomma, il classico Fabio Volo movie.

"Voto 4? Beh, dai, poteva andarci peggio..."
Ci sono pochi attori che imprimono alle pellicole che interpretano un’identità tanto precisa. A Fabio Volo riesce. Per questo aspetto, possiamo considerarlo un po’ il Tom Cruise italiano. Salvo qualche eccezione, se c’è lui, sai già che film e che genere di personaggio aspettarti. Con la piccola differenza che Tom Cruise è, checché i detrattori ne dicano, un grande attore, mentre Fabio Volo è…
Fabio Volo è uno che ci prova, a fare l’attore. È uno che ha coraggio, a spacciarsi attore.
C’è poi un’altra piccola differenza tra i due: almeno fino a qualche annetto fa, Tom Cruise girava ottimi film con ottimi registi, mentre Fabio Volo si è fatto dirigere per questo Studio illegale da Umberto Riccioni Carteni che, con tutto il rispetto, non mi sembra sia un Paul Thomas Anderson o uno Stanley Kubrick. Su tutta la pellicola ci sono quindi un paio di ombre. Uno è lo stile registico da spot televisivo, nemmeno di quelli belli, e qui la colpa è del Riccioni Carteni, e poi c’è l’altra ombra, vistosissima: Fabio Volo.
Questo è il tipico Fabio Volo movie. Prendere o lasciare.
Lasciate, vero?
(voto 4/10)



19 commenti:

  1. Un Volo movie fin dal trailer. Che mi aveva già causato l'orticaria, quindi meglio evitare :P

    RispondiElimina
  2. Ma sei sicuro che Fabiovolo e attore possano stare nella stessa frase?

    RispondiElimina
  3. Io gli diedi un 3 :D solito film con Volo che questa volta (sarà per i baffi) non risulta nemmeno simpatico; salverei solo l'ultima scena :)

    RispondiElimina
  4. Dovrebbe essere illegale per Volo fare l'attore...

    RispondiElimina
  5. Lascio, lascio...
    anche perché mi voglio concentrare su ITALIAN MOVIES, di cui ho sentito dir bene
    esce giovedì

    RispondiElimina
  6. ammett di aver sviluppato un amore incondizionato per il buon fabio volo in empi passati...
    ma è andato scemando con l'ultimo libro, e con le ultime scelte cinematografiche...
    questo l'ho perso.
    lo ridanno nei cinema all'aperto, ma mi sa che non farò a spintoni per esserci!

    RispondiElimina
  7. Mi riconsola sapere che non sono stata la sola a sacrificarsi per la patria cinefila. XD

    RispondiElimina
  8. ma quanto è insipido fabio volo?

    RispondiElimina
  9. Lo vidi co la mia ex ragazza..
    E non è stato il motivo per cui ci siamo lasciati.
    Fatto sta che avevamo due idee differenti: a lei è piaciucchiato, a me ha fatto cag...

    RispondiElimina
  10. Non riesco a distogliere lo sguardo da Fabio Volo con i baffi e tanto basta a rendere "Pensieri Cannibali" un blog illegale. Eviterò il film.

    RispondiElimina
  11. Lascio, senza alcun dubbio. Arrestate Fabio Volo!

    RispondiElimina
  12. Scrivendo che "F V potrebbe essere considerato il Tom Cruise italiano" potrebbe bastare per far resiscitare Defezionario....

    RispondiElimina
  13. Ammazza che recupero: sei più che in ferie! ;)

    RispondiElimina
  14. dovrebbe essere illegale la visione di cotante schifezze!

    RispondiElimina
  15. è come sparare sull'ambulanza che ha fatto un incedente mentre la sta portando via il carro attrezzi ;)

    RispondiElimina
  16. E pensare che il libro non è affatto male ...ma dove c'è Volo, si sa, tutto si sciofeca...

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com