martedì 3 febbraio 2015

I ORIGINS E STARRY EYES, DUE FILM AL PREZZO DI UNO





I Origins
(USA 2014)
Regia: Mike Cahill
Sceneggiatura: Mike Cahill
Cast: Michael Pitt, Astrid Bergès-Frisbey, Brit Marling, Steven Yeun, Cara Seymour, Archie Panjabi
Genere: occhiuto
Se ti piace guarda anche: Another Earth, Predestination, Sound of My Voice

Ci sono cose che ti devi beccare per forza in coppia. Tu vorresti una cosa sola e invece no, te ne arrivano due. Come un appuntamento con una tipa: se vuoi fare sesso, prima ti tocca sorbire tutta la smaronata del rituale di corteggiamento e fingere persino interesse in quello che ha da dire. La stessa cosa comunque vale anche per lei, che prima si gode la parte dell'appuntamento romantico e le sue stesse chiacchiere e poi dovrà fingere l'orgasmo.
Altro esempio: le rubriche dedicate alle uscite cinematografiche settimanali, in cui potete gustarvi i miei squisiti commenti e allo stesso siete costretti a leggervi pure le panzanate del mio blogger rivale Mr. James Ford.
D'altra parte tutte le coppie celebri piaccia o meno vanno prese insieme, come un pacchetto unico. Ad esempio Gigi & Andrea. Andrea Roncato è quello più cazzaro, quello più simpatico, mentre Gigi Sammarchi... ma chi se l'è mai inculato, quello?
Oppure Raimondo & Sandra. Lo so che non è politically correct parlare male dei morti, però non me ne frega niente. Vengano pure a infestarmi la casa, se hanno qualcosa in contrario. Dovrei parlare bene di Chris Kyle solo perché è morto? Non ci penso neanche. Tra Raimondo & Sandra lui è sempre stato un grande, uno brillante e con la battuta pronta, mentre lei era un dito nel culo insopportabile. Prendiamo il suo personaggio più celebre: Sbirulino. Cosa c'è al mondo di più odioso di Sbirulino?
Forse giusto Topo Gigio.
Altro esempio: prendiamo Albano e Romina... Ah no, quelli sono insopportabili entrambi.

Ci sono cose che ti devi beccare per forza in coppia. Sono inseparabili, come gli occhi. A meno che non si parli del Ciclope o di quelli con una benda da pirata su un occhio, come quella tipa di Twin Peaks, Nadine. In linea di massima gli occhi sono da considerare in coppia e gli occhi sono i veri grandi protagonisti del film I Origins. Se cercate una pellicola che affronta l'argomento occhi, lasciate perdere Big Eyes di Tim Burton e gettate il vostro sguardo su di questo.


Per I Origins vale il discorso fin qui fatto. Si tratta di un film nettamente diviso in due parti distinte e bisogna beccarsele ambedue. La prima metà è splendida o quasi. Ci presenta una storia d'amore intrigante, incantata ma non smielata, che ci regala persino un omaggio a Il tempo delle mele, solo che il pezzo suonato qui non è “Reality” di Richard Sanderson, bensì “Dust It Off” dei The Dø, un duo franco-finlandese che pure in quel caso vi dovete beccare per forza in coppia.



Al di là dei risvolti sentimentali, I Origins serve sul tavolo una tematica parecchio complessa: il rapporto tra scienza e fede. Considerando che il regista e sceneggiatore è Mike Cahill, già autore di Another Earth, ci si poteva aspettare uno sviluppo della tematica singolare, come fatto dal suo lavoro precedente nei confronti dell'argomento apocalittico. All'inizio ci riesce. Ancora una volta Cahill fa della fantascienza giocata più su riflessioni di natura filosofico/esistenziale che non sugli effetti speciali, il tutto supportato da un buon trio di protagonisti: Michael Pitt è sempre lì lì per diventare il nuovo DiCaprio, peccato gli manchi il film giusto con cui fare il botto, la spagnola Astrid Bergès-Frisbey affascina, mentre Brit Marling è ormai una garanzia totale, peccato che qui non abbia dato il suo contributo anche alla sceneggiatura, come fatto con Another Earth.

"La smetti di toccarmi gli occhi?
Sarai mica uno di quei maniaci feticisti che praticano l'oculolinctus?"

Dopo la prima ottima parte, vi dovete però beccare anche la seconda, in cui I Origins si fuma le buone premesse e si trasforma radicalmente. Come se fosse tutto un altro film. Assistiamo a un salto temporale in avanti nella vicenda di anni e, al di là di questo, è proprio la pellicola a cambiare faccia. I toni caldi e quasi sognanti del primo tempo lasciano spazio a un secondo tempo freddo e asettico, con un'ambientazione indiana ricca di stereotipi e banalità. Se all'inizio il film pone interrogativi in maniera aperta, nel finale ha l'arroganza di fornire delle risposte. L'apertura mentale e scientifica iniziale viene abbandonata e si finisce dalle parti di un misticismo new-age francamente fastidioso. Solo che non c'è niente da fare. I Origins va preso così. Come un'occasione grande come una casa sprecata e allo stesso tempo come una pellicola che qualche spunto valido lo offre, eccome. Va preso così, come il più bello tra i film brutti e come il più brutto tra i film belli.
(voto 6+/10)




Starry Eyes
(USA, Belgio 2014)
Regia: Alex Essoe, Pat Healy, Noah Segan, Shane Coffey, Fabianne Therese, Natalie Castillo, Amanda Fuller, Nick Simmons, Maria Olsen, Louis Dezseran
Genere: depravato
Se ti piace guarda anche: Mulholland Drive, Il cigno nero, The Society, Possession, La mosca

Che cosa diavolo c'entra Starry Eyes con I Origins?
Niente. Fondamentalmente niente. Qui gli Eyes li troviamo giusto nel titolo, ma non si tratta di una pellicola incentrata in maniera particolare sugli occhi. Inoltre I Origins è una pellicola sci-fi, laddove in Starry Eyes entriamo in terrori thriller-horror, UUUH che paura!
Se allora vi parlo di entrambi i film non è perché sono scemo e non è perché sono stronzo. Sono entrambe le cose, però in questo preciso caso ciò non è così rilevante. Li ho abbinati perché il post parla appunto di cose che dovete beccarvi in coppia, siate d'accordo o no. Ragione aggiuntiva: per Starry Eyes vale in pratica lo stesso discorso fatto per I Origins e quindi cosa dovevo fare, realizzare due post in cui scrivo la stessa identica cosa?
Ne faccio uno unico così risparmio tempo e fatica sia a voi che a me.

La prima parte di Starry Eyes fa quasi gridare al: “MIRACOLO!”. Sembra di assistere a un incrocio tra Mulholland Drive e Il cigno nero, sebbene in tono minore, in tono molto minore rispetto ad entrambi, ma sembra pur sempre un incrocio tra due pellicole fondamentali del Cinema, o almeno del Cinema di Pensieri Cannibali. Come in Mulholland Drive, abbiamo anche qui una giovane aspirante attrice in quel di L.A. alle prese con dei provini alquanto particolari per ottenere il ruolo da protagonista in un film misterioso. E come ne Il cigno nero vediamo che il mondo dello show-business può provocare non solo stress, ma proprio dei cambiamenti di tipo fisico. Una vera e propria trasformazione animalesca.
A ciò vanno aggiunte delle notevoli atmosfere da horror fine 70s/inizio 80s non troppo distanti da gioiellini recenti come The House of the Devil e The Guest, rese grazie anche alle musiche di tale Jonathan Snipes che a tratti riecheggiano i lavori dei Goblin per Dario Argento.


Il film è quindi ricco di fascino, nonostante la sua trama non sia certo delle più originali. La storia raccontata è una variante ambientata in quel di Hollywood sul tema classico del vendere l'anima al diavolo. Grazie a un'efficace costruzione della tensione, a una sequenza in cui l'ottima e promettente protagonista Alex Essoe sembra omaggiare la tarantolata Isabelle Adjani di Possession di Andrzej Zulawski, e a una buona dose di mistero, il primo tempo di Starry Eyes funziona alla grande, facendomi già annusare l'odore di cult movie.
Sarò schizzinoso io, però la seconda parte getta invece via quasi tutto quello di buono che aveva presentato fino ad allora, finendo per tramutarsi in una splatterata gratuita esagerata. Gli amanti del primo David Cronenberg e più in generale del body-horror come il Bradipo, che ringrazio insieme a Lucia de Il giorno degli zombi per aver consigliato questa pellicola, apprezzeranno. Per quanto mi riguarda, io avrei preferito una soluzione più elegante, più ricercata, come nel citato Il cigno nero. Anziché lo scorrere di tutto questo sangue, avrei gradito di più un maggiore approfondimento psicologico. O – tanto per fare un esempio a caso – un bello scenone lesbo come quello tra Natalie Portman e Mila Kunis non mi sarebbe spiaciuto affatto.

"Oh mio Dio, è finita la carta igienica! E adesso come faccio?"

I Origins e Starry Eyes sono quindi due film che ben poco hanno a che fare l'uno con l'altro, ma sono accomunati dallo stesso destino. Due lavori che meritano sicuramente una visione perché propongono alcuni spunti e momenti notevoli, laddove un sacco di pellicole non ne offrono manco mezzo. Se però i film che fanno cagare fin dall'inizio manco ci provano a illuderti del contrario, questi due fanno venire un gran nervoso. Potevano essere cult, avevano le potenzialità per essere cult, e invece sono solo due affascinanti occasioni fallite.
(voto 6,5/10)

19 commenti:

  1. Li vedrò a breve tutti e due. Secondo me, I Origins mi piacerà. Ha una trama davvero affascinante.
    L'altro non so. Ho visto qualcosina al centro e non mi sembrava granchè, poi i paragoni sul poster americano si vede che erano pompatissimi. Vedrò e dirò :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, I Origins ti dovrebbe piacere. Starry Eyes più difficilmente...

      Elimina
  2. Starry Eyes, come sai, mi è piaciuto tantissimo (sono della scuola splatter :P) mentre I Origins ancora mi manca, devo recuperarlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece faccio parte del #TeamAntiSplatter, sorry :)

      Elimina
  3. Su I origins hai perfettamente ragione. Parte alla stragrande, poi si perde.
    Invece Starry Eyes secondo me è molto coerente. Un po' didascalico, ma di sicuro prende una strada e la porta sino in fondo. Dopotutto è un horror. Anzi, un body horror. Ha un sacco di difetti, ma a me l'esplosione di violenza, sangue e schifezze finale è piaciuta da morire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, però così si auto ghettizza all'interno di un sottogenere.
      Secondo me aveva il potenziale per essere qualcosa più che soltanto un body horror...

      Elimina
  4. uh grazissime per la citazione..eh eh a noi amanti dello splatterone la seconda parte di Starry Eyes è piaciuta di molto...

    RispondiElimina
  5. Sono curioso su entrambi.
    E ovviamente spero di discostarmi totalmente dalla tua opinione, in positivo o in negativo. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Su questi due film sono molto fiducioso.
      Credo che la tua opinione possa essere parecchio differente dalla mia, quindi bene! :)

      Elimina
  6. I Origins a me è piaciuto un casino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Persino la parte finale?
      E la scena dopo i titoli di coda era proprio necessaria? :)

      Elimina
  7. Starry Eyes potrei non avere il coraggio di affrontarlo, prima o poi invece troverò quello per vedere I Origins, che l'accoppiata Cahill/Marling non mi ha sempre convinto e lasciata soddisfatta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A livello splatteroso Starry Eyes può intimorire, a livello di brividi però non è un horror particolarmente spaventoso.

      Elimina
  8. Starry Eyes l'ho visto ieri notte, è inquietante ma non esattamente un horror, il paragone con Mulholland Drive ci sta tutto! La prima parte mi ha colpito tantissimo, nel prosieguo si notano alcuni difettucci e mancanze, ma un voto 7 ci sta tutto! I Origins ce l'ho sull'hard disk da un mese ma ancora non ho avuto voglia di guardarlo :D

    RispondiElimina
  9. Sembrano entrambi piuttosto interessanti, peccato per le seconde parti buttate.
    Michael Pitt l'avevo perso di vista, mentre Brit aspettavo di rivederla dopo Another Earth.
    The Dø gruppo interessantissimo.

    RispondiElimina
  10. Io sono un po' più su con I Origins e un po' più giù con Starry Eyes. Il primo ha una seconda parte nettamente diversa, forse inferiore per certi versi, ma chiude il cerchio e lo fa diventando una cosa diversa, quasi evolvendosi (o involvendosi). Grande coraggio e la capacità di far quadrare tutto. Per me è un 7. Il secondo invece l'ho trovato estremamente stereotipato nella prima parte, si risolleva nella seconda ma mi da la sensazione di un brodo allungato. Per me è un 6.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com