lunedì 2 febbraio 2015

ANGELINA, IL TUO FILM SARÀ UNBROKEN, MA DUE COSE A ME LE HA ROTTE





"Gesù Cristo, chi?"
Unbroken
(USA 2014)
Regia: Angelina Jolie
Sceneggiatura: Joel Coen, Ethan Coen, Richard LaGravenese, William Nicholson
Ispirato al libro: Sono ancora un uomo. Una storia epica di resistenza e coraggio di Laura Hillenbrand
Cast: Jack O'Connell, Domhnall Gleeson, Finn Wittrock, Takamasa Ishihara, Jai Courtney, Garrett Hedlund, Luke Treadaway, John Magaro, Spencer Lofranco
Genere: rotto
Se ti piace guarda anche: Forrest Gump, Vita di Pi, Jona che visse nella balena

Angelinaaaaa, ti va un'altra Grey Goose?
A me sì. Devo bere. Bere per dimenticare il tuo film. Una pellicola che presenta un titolo disonesto e ingannevole. Unbroken un paio di palle! Proprio come quelle che avevo e la tua pellicola di 2 esagerate ore e 20 esagerati minuti mi ha rotto.
Angelina, io sono proprio come te. Proprio come te uguale uguale no. Non sono una donna, non sono ricco, non sono famoso, non ho adottato 20 figli e insomma con te non centro niente, se non per un aspetto. Intendevo dire che sono un pacifista, proprio come te. Non è tanto che sia contro la violenza. Se c'è un motivo per cui odio la guerra è perché è dannatamente noiosa!
Cosa c'è di più noioso della guerra, Angelinaaaaa?
Durante la guerra si ferma tutto. Stop alle Olimpiadi. Stop ai Mondiali di calcio. Interrotti un po' tutti gli sport, tranne il tiro al piattello. Nei cinema non danno più niente di interessante, solo film di propaganda come Süss l'ebreo o American Sniper. I libri vengono bruciati, tranne quelli di Moccia che per precauzione sono fatti anche in tempo di pace con materiale che non si può bruciare. Credetemi, c'ho provato e proprio non vogliono saperne di prendere fuoco. Di figa in giro poi non ce n'è. Gli uomini stanno a guardare altri uomini, e manco in senso omosessuale. La vita dei prigionieri certo è terribile, ma anche quella dei carcerieri che devono passare l'intero a controllarli dev'essere un gran bello smaronamento. La guerra non è solo piena di morte. È piena di tempi morti. Di attese. Di osservarsi. Di stare fermi per non farsi vedere. Di nascondersi. Di aspettare il momento giusto per attaccare. Di non fare niente. Di noia per tutti.

Angelinaaaaa, faccio un appello che credo condividerai: popoli di tutto il mondo, ascoltatemi. Smettete di fare la guerra. È una palla colossale. Se proprio vi odiate, risolvetela facendo a cazzotti in maniera veloce una volta e chiudetela lì. Non fate la guerra anche perché poi c'è gente come Angelinaaaaa che ci ricama sopra dei film di guerra pieni di pathos e di retorica e soprattutto pieni di noia, che trasformano la guerra in una rottura di palle pure di secondo livello.
Angelinaaaaa, forse quest'ultima parte del mio discorso l'avrai condivisa meno della prima, però c'è da dire che con questa pellicola hai davvero esagerato. Mi rendo conto che a recitare non sei buona, io te lo dico da sempre e pian pianino anche il resto del mondo se ne sta sempre più rendendo conto, e quindi stai cercando un'altra ragione che giustifichi la tua presenza in quel di Hollywood, al di là dell'essere la Signora Bradpitt. Mettendoti a fare la regista mi sa però che hai fatto il classico passo più lungo della gamba. E sì che hai delle gambe lunghe e chi ama il genere – io no – apprezzerà. Il tuo film d'esordio dietro la macchina da presa In the Land of Blood and Honey non l'ho visto e manco ci tengo visto che ci tengo alla mia vita, ma da questo secondo Unbroken direi che stai togliendo il mestiere a gente ben più dotata di te.

"Devo correre molto veloce se voglio scappare dalle gambe lunghe della Jolie."

Non che il tuo Unbroken sia poi così terribile. Tecnicamente è ben realizzato e tutto. D'altra parte hai chiamato fior fior di collaboratori per darti una mano. I fratelli Coen hanno messo la loro firma sulla sceneggiatura e con ciò intendo che probabilmente l'hanno fatta scrivere a un ghost-writer e alla fine loro c'hanno aggiunto giusto la firma. Per la colonna sonora hai convocato a palazzo addirittura il numero 1 della composizione mondiale, oggi come oggi, il francese Alexandre Desplat. Uno capace di ottenere quest'anno da solo ben 2 nomination agli Oscar contemporaneamente per Grand Budapest Hotel e The Imitation Game. Per la soundtrack del tuo film invece no. Sorry, Angelinaaaaa, ma il francesino proprio per la tua pellicola non si è applicato e ha realizzato uno dei lavori meno significativi della sua intera carriera. La fotografia inoltre è curata, anche se la sua nomina agli Oscar non ha alcun senso, visto che sfigura al confronto di quella splendida di Ida tra gli altri candidati, così come al confronto di quelle de L'amore bugiardo e Lo sciacallo che manco sono state nominate.
Con un supporto del genere, se al tuo posto dietro alla macchina da presa avessero messo una scimmia ammaestrata, non avrebbe fatto molta differenza, Angelinaaaaa. Il tuo stile registico è davvero piatto, al punto che si potrebbe definire un non-stile. Qua e là sembri voler scopiazzare Forrest Gump e Vita di Pi, oltre a certo classicismo alla Clint Eastwood/Steven Spielberg, senza mai riuscire in una singola scena a trovare una tua identità, una tua personalità registica. Sei piatta, Angelinaaaaa.

"Però, sta venendo bene questo sequel di Vita di Pi!"

No, non offenderti. Non intendevo piatta in quel senso. Lo so che lì hai avuto dei problemi e a quel punto Brad Pitt avrà capito di aver puntato sulla puledra sbagliata mollando Jennifer Aniston e le sue belle perolone sode. Intendevo dire che sei piatta come regista. Non prendertela. Non volevo essere scortese. Per farmi perdonare, ti va un'altra Grey Goose? In cambio presentami un'amica, Angelinaaaaa.
Jennifer Aniston con quelle sue tette che te ti sogni ad esempio può andare bene.
Come? Non siete amiche? Non l'avrei mai detto, Angelinaaaaa! Dai però che “se ci credi ce la puoi fare”, come viene ripetuto nel tuo film fino alla nausea. Se ci credi, tu e Jennifer potete diventare BFF. Offrile una Grey Goose, è così che si fa. Cremonini docet.

"Meglio la guerra o girare un altro film con la Jolie?
La guerra!!!"

Angelinaaaaa, adesso accendiamo un film porno?
O anche non un porno. Basta solo che non sia girato da te. Con Unbroken mi hai regalato la pellicola più buonista, infarcita di retorica, stucchevole e noiosa dai tempi del War Horse di Steven Spielberg. Un film che è proprio come te: esteticamente impeccabile, quanto gelido e incapace di suscitare emozioni. Con questo lavoro sei riuscita persino a far crollare la mia stima personale nei confronti del protagonista Jack O'Connell, mio idolo assoluto nella serie tv Skins, che qui invece offre una prova parecchio discutibile e sfoggia un sorriso – e diciamolo – proprio da scemo. E poi perché la parte di un italo americano l'hai data a uno che si chiama O'Connell e che direi che di italiano non c'ha manco un pelo del culo?
Vogliamo infine parlare della parte finale, senza spoilerare niente? Sui titoli di coda partono le note di una canzone che i tuoi amici Coldplay hanno composto apposta per la pellicola e lì il buonismo raggiunge la sua apoteosi totale. Ed è lì che ho realizzato che da qualche parte nel mondo, in quel momento, mentre guarda quella scena Fabio Fabio si starà facendo un segone. Intanto gli infiniti titoli di coda proseguono.
La notte è già finita, Angelinaaaaa, ma il tuo film no.
Quanto cazzo dura ancora?
(voto 4/10)

34 commenti:

  1. Non credo che manco una cassa di Grey Goose ci possa salvare da 'sto polpettone.Scappo!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari un po' di Red Bull può essere di maggiore aiuto...

      Elimina
    2. Cazzo,il Sire mi ha appena detto che lo guarderemo.Paura XD

      Elimina
  2. Buahaha...eh no...mi stai smontato tutti i film che voglio vedere!!!! XD Vabbè....

    RispondiElimina
  3. Mi piace questa recensione in cui dai del tu ad Angelina.
    Secondo te qualcuno dei suoi amici gli avrà davvero detto tutte queste cose?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se Jennifer Aniston fosse sua amica, sì.
      I lacché che probabilmente le gravitano intorno non penso...

      Elimina
  4. Vista la mia decennale antipatia per Angelina, mi fido ciecamente e mi tengo ben lontana dal film.
    E comunque sempre #teamJennifer.

    RispondiElimina
  5. ancora non l'ho visto, ma mi fido della tua rece
    ecco un primo candidato al premio chiavica 2016

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che al Premio Chiavica, può puntare a un piazzamento per il Premio Valium...

      Elimina
  6. Che palle! C'è da dirlo. I film di guerra mi annoiano a morte. Nemmeno Clint (sì alla fine poi ho deciso di dare un'occhiata ad American Sniper) è riuscito a farmi interessare al genere. Ero curiosa di vedere di cosa fosse capace Angelina ma alla fine, visto che le hanno fatto trovare la pappa pronta, credo proprio che non ne valga la pena di perderci due ore e mezza. Questa volta passo sul serio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo non è solo un film di guerra, ma pure di prigionia.
      Quindi razione di noia doppia!

      Elimina
  7. aspè, ma se è come war horse allora potrebbe essere davvero bello! :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potrebbe davvero essere il tuo film. ;)

      Elimina
  8. “Se ci credi ce la puoi fare”, chi gliel'ha scritta, Gianni Morandi ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, figura pure lui tra i credits insieme ai Coen. :)

      Elimina
  9. Lo stanno massacrando davvero tutti. Ma sai che non sapevo che c'erano i Coen nella sceneggiatura..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che non lo sapevano nemmeno loro. :D

      Elimina
  10. anche a me non è piaciuto, ma almeno ha una confezione decente (Deakins alla fotografia regala qualche immagine molto bella, specie nel finale). the imitation game e la teoria del tutto manco quello hanno. e sono ugualmente paraculi e ricattatori, se non peggio.

    l'hai visto Starred Up, sempre con Jack O'Connell protagonista?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La teoria del tutto è esteticamente splendido. Bisogna essere accecati per non vederlo... ;)

      Starred Up no, mi manca. Potrei recuperarlo per far riguadagnare punti al povero O'Connell che qui mi è scaduto parecchio.

      Elimina
    2. che ha di splendido? una regia piatta e una fotografia fastidiosamente delicata che gioca con l'illuminazione (i raggi di sole sui volti dei protagonisti, come se li accarezzasse. ma per favore...). per non parlare del filtro instagram nei filmini del matrimonio. da martellarsi le palle.

      recuperalo, che lì è fenomenale. sembra un piccolo Tom Hardy, un po' Bronson e un po' Freddie di The Take.

      Elimina
  11. Bella rece! Sento odore di monnezzona movie! Ma da Angie cosa potevamo aspettarci? Manco una Grey Goose ci offre per sopportare i suoi film. Sta spoiled braaaaat!!! :-p

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se cominciasse a offrire Grey Goose potrei cominciare a parlare bene dei suoi film.
      Altrimenti si attacca!

      Elimina
  12. Per fortuna non ho mai preso in considerazione l'idea di vederlo, sfiducia e pregiudizioni a priori :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho guardato anche se sono il nemico pubblico numero 2 (il numero 1 è sempre Jennifer Aniston) della Jolie.
      Però certo non te lo consiglio...

      Elimina
  13. ahah si prospetta una bella schifezza, però ti confesso che quel 5,5 dato a Vita di Pi continuo a non accettarlo. :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho dato 5,5 a quel depliant della spiritualità new-age?
      Non lo accetto neanch'io, sono stato troppo generoso! ;)

      Elimina
  14. C'ho messo un po' a capire la citazione, in ogni caso sono stata più buona di te, non fosse altro per quel "tratto da una storia vera" che mi frega sempre.
    La noia, comunque, ha prevalso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una citazione così altamente culturale non era così semplice da cogliere. ;)

      Elimina
  15. ahaha pensa che avevo pensato ad un tittolo di post molto simile, tipo "Unbroken: le mie balle" mi fa piacere che non sono il solo che si è fatto due maroni così con sta roba.

    Se ti va il mio commento lo trovi qui.
    http://labaravolante.blogspot.it/2015/01/unbroken-i-coen-dovevano-dei-soldi-alla.html

    Cheers!

    RispondiElimina
  16. Devo ancora cimentarmi, ma ho come l'impressione che ci troveremo d'accordo, almeno questa volta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un film così l'avrebbe potuto girare uguale o quasi Clint Eastwood e l'avresti osannato come un capolavoro.
      Visto che invece alla fine c'è il nome della Jolie, il tuo giudizio potrebbe essere parecchio differente...

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com