domenica 23 agosto 2015

Il . sulle serie tv 2015: telefilm fantasy, mystery e sci-fi





Dopo quella dedicata ai thriller, oggi va in onda la seconda puntata del punto della situazione sulle serie tv viste negli ultimi mesi qui su Pensieri Cannibali.
Tema: i telefilm fantasy, mystery, sci-fi, o vagamente fantasy/mystery/sci-fi.

Sense8

Amoreodio. Mai come in questo caso questa non-parola può tornare utile. Ho odiato parecchio Sense8, soprattutto all'inizio, quando avevo l'impressione di trovarmi di fronte a un nuovo Cloud Atlas, ma poi ho finito non per amarla, però se non altro per volerle un pochino di bene.
Ho sempre pensato che i Wachowski, dopo il primo mitico Matrix, il film più imitato degli ultimi 20 anni, si fossero bevuti il cervello. Quest'impressione non se n'è ancora andata via del tutto. Eppure, se a cervello non sono messi tanto bene, non si può fare a meno di notare come non manchi loro il cuore. Il cuore e un sacco di fegato. Ce ne va ad esempio parecchio per tirare fuori una trashata sci-fi senza vergogna come Jupiter - Il destino dell'universo, un film così palesemente brutto da non essermi manco dispiaciuto troppo.
Ci va un sacco di coraggio anche per tirare fuori una serie come Sense8. Apparentemente un pasticcio di proporzioni clamorose. In realtà un pasticcio di proporzioni clamorose, ma con dentro parecchio sentimento. La serie ha infiniti difetti. Alcuni personaggi tra gli 8 sensate protagonisti (non fatemi spiegare cosa siano i sensate perché non ne sono capace) sono parecchio inutili e fastidiosi: dell'anonimo poliziotto avrei fatto volentieri a meno e anche del crucco non avrei sentito la mancanza. Alcuni poi non sono male, ma su di loro si abbatte qualche stereotipo culturale di troppo: gli asiatici ad esempio devono per forza essere dei campioni di arti marziali? E perché gli indiani a un certo punto si devono mettere a ballare come se fossero dentro The Millionaire? A questo punto meno male che non hanno inserito anche un italiano, altrimenti lo avrebbero reso un mafiosetto pizzaiolo che ascolta solo Pavarotti e Il Volo.
Alcuni attori inoltre sono alquanto scarsini, su tutti Miguel Ángel Silvestre, il sosia di Raoul Bova che non a caso arriva dalla fiction spagnola Velvet. E si vede.

"M'hanno preso a botte solo perché ho fatto Velvet. Dico: ma ti sembra giusto?"
"Sì."

La serie regala poi un sacco di scene e momenti oltre ogni limite del trash. A me le vagine piacciono sempre, però vederne di insanguinate come capita qui, anche no, grazie. E che dire del cattivone di turno, Mr. Whispers, se non che è uno dei cattivoni più ridicoli di sempre?
Nonostante tutti i suoi enormi limiti, armandosi di una notevole dose di pazienza, con molta calma l'intreccio nella seconda metà della stagione ha cominciato a prendermi. Merito soprattuto dei personaggi migliori, quelli che sembrano i più sentiti (oltre che sensate) dai Wachowski: il ragazzo africano (inspiegabilmente) fissato con Van Damme, la dj islandese interpretata dalla valida Tuppence Middleton e soprattutto la hacker transessuale Nomi Marks, nei cui panni troviamo l'attrice trans Jamie Clayton, vera e propria rivelazione della serie. È in questa specie di versione al femminile di Neo di Matrix che possiamo vedere riflesso sia il glorioso passato dei due registi che l'attuale percorso personale di Larry Wachowski, diventato da qualche anno Lana Wachowski.


Se l'intreccio non è sempre convincente, l'aspetto più interessante di questa particolare e non del tutto riuscita serie è da ricercarsi nei dialoghi, nelle frasi messe qua e là che riportano la personale visione del mondo dei Wachowski. Una visione non del tutto sensata, ma ricca di cuore.
(voto 7-/10)

Continuerò a seguirla?
Sì, sono davvero curioso di scoprire cosa tireranno fuori i Wachowski con la seconda stagione, da poco confermata.


The Whispers

Sentite anche voi tirare aria di spielbergata?
Non avete tutti i torti. The Whispers è infatti l'ennesima serie prodotta da Steven Spielberg, uno che al cinema in passato era garanzia di qualità mentre negli ultimi tempi, soprattutto sul piccolo schermo, è garanzia di porcata. Dico qualche nome: Falling Skies, Under the Dome e l'agghiacciante Terra Nova.
Ma perché sto bisbigliando?
Perché questa serie si chiama The Whispers, i sussurri, e poi perché non voglio che Spielberg mi senta,  perché in questi giorni è in vacanza in Liguria vicino a dove sto io e potrebbe sentirmi. È un uomo pieno di potere, non si sa mai cosa potrebbe combinare. Per vendetta potrebbe decidere di produrre altre 10 serie tv trascurabili. Trascurabili, come questa The Whispers. Non brutta, ma nemmeno qualcosa capace di andare oltre il solito mysteryno misterioso come in giro ce ne sono già a decine e quindi non è poi una roba così misteriosa.
Degni di nota in ogni caso i bimbetti inquietanti presenti e soprattutto l'ottima protagonista Lily Rabe, la stramba bionda di American Horror Story che anche in una serie di serie B come questa si dimostra un'attrice di serie A.
(voto 6-/10)

Continuerò a seguirla?
L'ho abbandonata dopo un paio di episodi e non ho tutta quest'intenzione di riprenderla. Sorry, Spielberg.


The Returned

Vi ricordate Les Revenants, la bellissima serie francese che aveva conquistato il primo posto ai Cannibal Tv Awards 2013?
Bene, se non l'avete ancora vista recuperatela, in attesa della sospirata seconda stagione che dovrebbe arrivare quest'autunno. Se tutto va bene. Dell'anonimo remake americano invece potete anche farne a meno, visto che ne rappresenta giusto una copia spenta, priva della personalità, delle atmosfere e delle musiche che hanno reso l'originale qualcosa di tanto magnifique.
(voto 5/10)

Continuerò a seguirla?
No. Il pilot mi è bastato e avanzato.


Humans

Tu vuò fa lo svedese-vedese-vedese, ma si nato in England.
L'unica sorpresa di questa serie è che questa volta non sono gli americani a rubar... pardon a ispirarsi a un prodotto europeo, bensì i britannici. Il risultato però non è molto differente. Il remake made in Britain della svedese Real Humans è una copia robotica. Chi non ha visto l'originale potrà anche apprezzare, visto che la realizzazione non è malvagia, ma il consiglio è quello di andarsi a recuperare la serie svedese. Come al solito, la cover non suona come l'originale.
(voto 5+/10)

Continuerò a seguirla?
No. Attendo però fiducioso una terza stagione (ancora non confermata) della svedese Real Humans.


Proof

Proof ha deluso le mie aspettative. Considerato il delicato tema della vita dopo la morte e che il canale su cui va in onda negli Usa è TNT, il network di The Last Ship, Falling Skies e The Librarians, mi aspettavo una seriaccia terrificante, dai toni new-age involontariamente ridicoli. Dal pilot sembra invece un prodotto non eccezionale né tanto meno imperdibile, però se non altro non pessimo. Quindi diludendo.
(voto 6-/10)

Continuerò a seguirla?
Non penso, ma se ho del tempo da perdere buttare potrei anche tentare di proseguire, per scoprire se c'è vita in questa serie anche dopo il pilot.


Stitchers

ABC Family alle prese con una tematica futuristico-fantascientifica? Altra serie, come Proof, che aveva il potenziale per essere agghiacciante, invece è solo mediocre. Certo, la protagonista è parecchio irritante e gli effetti speciali sono abbastanza atroci, più che speciali. Se non altro però c'è una discreta dose di umorismo che evita di far sprofondare il tutto nel ridicolo e il risultato è meno inguardabile di quanto era lecito aspettarsi. Diludendo - parte seconda.
(voto 5+/10)

Continuerò a seguirla?
Non impossibile, ma piuttosto difficile.


Between

Una cittadina resta isolata e viene messa in quarantena dal resto del mondo. In pratica i suoi abitanti si trovano nella stessa situazione di quegli sfigati di Under the Dome, solo per colpa di un misterioso virus anziché di una cupolona caduta giù dal cielo. Dal pilot la serie si preannuncia però troppo seriosa e troppo poco trash, senza appigli per farsi vedere manco come sano guilty pleasure estivo. Insomma: sa di già visto e pare del tutto inutile. Che noia, che barba.
(voto 4,5/10)

Continuerò a seguirla?
Naaah!


The Messengers

The CW tira fuori una serie fantasy con angeli ed echi religiosi che pare una pessima copia di The Leftovers?
E' una cosa troppo brutta per essere vera e infatti per fortuna è stata cancellata dopo pochi episodi. L'unico messaggio che posso portarvi riguardo a questa robaccia è quello di girarle alla larga.
(voto 4/10)

Continuerò a seguirla?
No, però tanto grazie a Dio non proseguirà.


Olympus

Le premesse erano quelle di una versione kitsch garantita da SyFy, il canale di Sharknado, di Game of Thrones, solo ambientato nel mondo degli dei dell'Olimpo. Il risultato poteva essere un goduriosissimo e trashissimo guilty pleasure, oppure una merda totale. Indovinate quale delle due ha finito per rivelarsi?
(voto 0/10)

Continuerò a seguirla?
Sono scemo, ma non fino a questo punto.

13 commenti:

  1. Ho finito da poco Sense8 e l'ho adorata totalmente,malgrado le sue lacune.Mi sono affezionata a quasi tutti i personaggi,l'unica storyline che non mi interessava molto era quella di Van Damne,ma alla fine con le scene d'insieme ho finito per volere un pò di bene pure a lui :) Mie preferite in assoluto Nomi e Riley,e shippavo da matti sìa Wolfgang e l'indiana che Riley ed i poliziotto.Credo tu abbia centrato perfettamente il segno dicendo che Sense8 è una serie con molto cuore,e per me,che sono una pesci dominata totalmente dal suo sistema limbico,è stata davvero emozionante.Spero che non facciano una megacagata con la seconda stagiona(il rischio c'è eccome).Ah a me era piaciuto molto anche Cloud atlas,quindi batte tutto ;)
    The whispers me lo sponsorizzano a destra e a manca,per noi che siamo fan di Falling skies e avevamo moderatamente apprezzato Terranova(shame,shame!cit.),forse potrebbe non essere tanto pessima.
    Le altre non mi ispirano in maniera particolare,salverò il prezioso tempo libero per altre cose che abbiamo in rampa di lancio e ci interessano di più :D

    RispondiElimina
  2. Quante vaccate producono i canali ammerigani?
    Sens8 prima o poi mi toccherà provarla giusto per farmi un'idea, chissà che l'italiota pizzaiolo mafiosetto non lo aggiungano nella seconda stagione. Io ci spero. ;)

    RispondiElimina
  3. Sensotto l'ho amata, probabilmente anche troppo, ma ho già un candidato eccellente per la classifica di fine anno.

    The Whispers mollata al quinto episodio, mi ero rotto

    Olympus ho dato il tuo stesso voto e stesse motivazioni

    The Returned mi sono rifiutato persino di iniziarla, per quanto ho amato i Revenanti

    The Messengers mollata al primo episodio

    Between al secondo

    Humans piaciuta, ma come ti ho detto, non ho visto quella svedese quindi non potevo fare il tuo stesso paragone.

    Proof e Stitchers manco iniziate

    RispondiElimina
  4. Di queste non ne ho vista nemmeno una, mi son perso qualcosa?

    RispondiElimina
  5. Sense8 è veramente strano, anche io sono combattuto... delle altre ho visto qualche puntata qua e la, ma nulla che mi abbia colpito al punto di continuare

    RispondiElimina
  6. Sense8 è, al momento, la mia serie dell'anno.
    Sei stato troppo tirato, col voto. Le altre manco iniziate ;)

    RispondiElimina
  7. A parte Sense8, che mi incuriosisce, per il resto nada.
    Detto questo, mi è parso di notare un errore di impaginazione: non sarà mica la mia influenza? ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se i post li leggessi, invece di guardare solo le figure, capiresti che non è un errore di impaginazione... ;)

      Elimina
  8. Sense8 a parte che ovviamente ha colpito al mio cuoricino rubandomi parecchie lacrime, mi sa che pure il genere sci-fi e simili non fa per me, il resto me lo sono evitata senza troppi problemi.

    RispondiElimina
  9. Quanto è brutta the leftlovers, speravo qualcosa di meglio, non male les revenants, in certi situazioni agghiacciante e infine aspetto the whispers, che promette bene, speriamo

    RispondiElimina
  10. Sono nella schiera di quelli che non ha visto l'originale svedese e, come dici tu, probabilmente per questo Humans mi è piaciuto parecchio.
    Bravi tutti e storia interessante, la miglior nuova serie estiva.
    NonSense8 è troppo pretenziosa perché possa provare a finirla. Abbandonata alla 6 puntata per quella caterva di difetti che mi hanno fatto odiare quasi tutti i personaggi, stereotipi come se piovesse.
    The Whispers, al contrario, è una serie che vira più al comedy. Un branco di bambini inquietanti (che superano di gran lunga gli adulti in capacità recitative) e di adulti rincoglioniti. Barry Sloane va bene solo col mute, dissento su Lily Rabe che, secondo me, ci fa una figura barbina. Ma ehi, io continuo a guardarlo imperterrita. Sono ipnotizzata.

    RispondiElimina
  11. Io in questo periodo sto solo guardando Mr. Robot e diventa sempre meglio, ho notato la tua copertina poi :D

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com