lunedì 19 settembre 2016

Emmy Awards 2016: vincitori, commenti e – soprattutto – red porchet




Ieri notte sono stati consegnati gli Oscar della televisione. No, non sto parlando dei Telegatti. Quelli purtroppo non li fanno più. Almeno, non che io sappia. Per quanto trash fossero, è un peccato. Quando ero un bambino aspettavo la Notte dei Telegatti così come ora aspetto quella degli Oscar, che all'epoca invece non seguivo perché:

1) Mi pare andasse in onda sulla pay-tv e io che ero povero (e sono ancora povero adesso) non avevo la pay-tv.

2) Essendo trasmessa a notte fonda, all'epoca non mi era permesso fare le ore piccole, visto che il giorno dopo c'era la maledetta scuola.

Comunque come al solito ho divagato troppo.
Gli Oscar della televisione ora – e forse da sempre – sono considerati gli Emmy Awards. Ieri – sempre come al solito – è stata la grande notte di Game of Thrones, che per il secondo anno di fila si è portato a casa il premio più prestigioso e ambito, quello di miglior serie drama dell'anno. Un premio che ha meritato di più dell'anno scorso, però io l'avrei comunque dato a qualche altra serie, ad esempio a Mr. Robot.


Mr. Robot si è rifatto nella categoria di miglior attore protagonista, dove Rami Malek con quei suoi occhi da pazzo ha fatto impazzire tutti e ha superato il resto dell'agguerrita concorrenza capitanata da Kevin Spacey. Tra le attrici a sorpresa – forse l'unica vera sorpresa della serata – ha finalmente vinto Tatiana Maslany per la sua molteplice performance in Orphan Black. Era ora!


In ambito comedy ha avuto la meglio il “solito” Veep, che negli ultimi tempi è diventata la sitcom più premiata come qualche anno fa il “solito” Modern Family. Personalmente io avrei fatto vincere la geniale Unbreakable Kimmy Schmidt.

Molto d'accordo invece con il trionfo dello strepitoso The People v. O.J. Simpson: American Crime Story tra le miniserie. Anche se non mi sarebbe dispiaciuto un premietto all'eternamente sottovalutata Kirsten Dunst, Sarah Paulson è stata davvero grandiosa e l'award alla sceneggiatura per l'episodio "Marcia, Marcia, Marcia" che la vede protagonista assoluta è uno dei più azzeccati della serata.

Se volete conoscere tutti i premi più nel dettaglio, eccovi accontentati.
Regia, vai di elencone!

Emmy Awards 2016 - I premi

Miglior sceneggiatura in una serie commedia
Aziz Ansari per Master of None

Miglior regia in una serie commedia
Jill Soloway per Transparent

Miglior attrice non protagonista in una serie commedia
Kate McKinnon, SNL

Miglior attore non protagonista in una serie commedia
Louie Anderson, Baskets

Miglior attrice protagonista in una serie commedia
Julia Louis-Dreyfus, Veep

Miglior attore protagonista in una serie commedia
Jeffrey Tambor, Transparent

Miglior reality
The Voice

Migliore sceneggiatura per una miniserie
The People vs. O.J. Simpson: American Crime Story

Miglior attrice non protagonista in una miniserie
Regina King, American Crime

Miglior attore non protagonista in una miniserie
Sterling K. Brown, The People vs. O.J. Simpson: American Crime Story

Miglior attrice protagonista in una miniserie
Sarah Paulson, The People vs. O.J. Simpson: American Crime Story

Miglior attore protagonista in una miniserie
Courtney B. Vance, The People vs. O.J. Simpson: American Crime Story

Miglior film per la tv
Sherlock: The Abominable Bride

Miglior miniserie
The People vs. O.J. Simpson: American Crime Story

Miglior regia un varietà speciale
Grease: Live – Thomas Kail E Alex Rudzinski

Miglior sceneggiatura per una serie drama
Game of Thrones

Miglior regia per una serie drammatica
Game of Thrones

Miglior attrice non protagonista in una serie drammatica
Maggie Smith, Downton Abbey

Miglior attore non protagonista in una serie drammatica
Ben Mendelsohn, Bloodline

Miglior attore protagonista in una serie drammatica
Rami Malek, Mr. Robot

Miglior attrice protagonista in una serie drammatica
Tatiana Maslany, Orphan Black

Miglior serie commedia
Veep

Miglior serie drammatica
Game of Thrones


E ora passiamo al...

Red porchet

Priyanka Chopra

Ma quanto è bella?
Anzi, ma Quantico è bella?
(voto 8/10)

Sarah Paulson

Mi piace più come attrice che fisicamente, però qui ha il suo perché.
Sarà per la Vertiginosa scollatura a V?
(voto 6,5/10)

Kit Harington

Va beh che lui alle barriere è abituato, ma perché sta in posa come se fosse nella barriera di una punizione di calcio e stesse per prendersi una pallonata negli zebedei?
(voto 4/10)

Taraji P. Henson

Ghetto chic.
Come direbbe il rapper Wiz Khalifa: black and yellow, black and yellow, black and yellow, black and yellow.
(voto 7/10)

Tom Hiddleston

È apparso piuttosto attapirato.
Sarà forse per via della recente rottura con Taylor Swift?
(voto 5,5/10)

Kerry Washington

Oh, ma com'è che Kerry Washington a questi eventi di premiazione è sempre incinta?
Sta forse cercando di sfornare più marmocchi del mio blogger rivale Mr. James Ford?
(voto 5/10)

Claire Danes

Mai vista così lampadata.
Che abbia cominciato a frequentare Carlo Conti?
(voto 5,5/10)

Rami Malek

Se si presentava col cappuccio da Mr. Robot sarebbe stato molto più elegante che male(k) vestito da cameriere/gelataio.
(voto 5/10)

Constance Zimmer

Nella serie UnREAL la A-DO-RO.
Per gli Emmy però ha scelto un look davvero osceno.
Simpatico, ma osceno.
(voto 5/10)

Shiri Appleby

L'altra protagonista di UnREAL invece ha azzeccato il look.
E pure alla grande.
(voto 8/10)

Ellie Kemper

Non credo che Kimmy Schmidt approverebbe questo look serioso da segretaria anni 60.
Don Draper invece probabilmente sì.
(voto 6-/10)

Neve Campbell

Semplicemente perfetta.
Per un funerale.
(voto 5/10)

Keri Russell

Bellina, la American finta Russian - o forse Russian finta American? - Keri.
(voto 7,5/10)

Emily Ratajkowski

Sempre esageratamente strafiga, però un po' troppo coperta lì davanti. Come mai?
Emily, non credere a quelli di Game of Thrones: winter is NOT coming.
(voto 8-/10)

Emmy Rossum

Vuoi che agli Emmy Awards non ci sia Emmy Rossum?
E vuoi che non sia stupenda?
(voto 8,5/10)

Kirsten Dunst

Jesus Christ, che scollatura da fine del mondo!
E infatti in Melancholia il mondo finisce per davvero...
(voto 9/10)

Emmy 2016 alla più figa
Emilia Clarke

#ciaone proprio!
(voto 9+/10)

Menzione d'onore

I veri piccoli grandi protagonisti della serata sono stati loro, i ragazzini di Stranger Things.


10 commenti:

  1. I bambini tenerissimi di Stranger Things possono anche scritturarli per The Get Down, direi.
    Concordo sulla Red Porquet, sui vincitori 'nsomma (ma viva Tatiana, anche se ho un attimo accantonato la sua serie): per la più bella, però, direi la semplicissima Emmy Rossum. Sarà che, con Shameless, sono abituato a vederla sciatta e mi scordo, ogni tanto, cosa c'è sotto. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. (Olivia Pope è abbaccata col Ferility Day, praticamente: bella sempre, ma magari con la piastra fatta e non con la guaina degli insaccati.)

      Elimina
  2. Per Costance Zimmer riciclo battuta di Quinn: It looks like My Little Pony threw up. Too much pink

    RispondiElimina
  3. Erano 4 anni che aspettavo!!! Evvai Tatiana!!

    RispondiElimina
  4. Ma sai che Emilia Clarke non in versione khaleesi mi fa un po' strano però!

    RispondiElimina
  5. Insomma, le scollature ti fregano ;) Malek potrebbe essere uno dei pochi a stare meglio in tuta che in smoking, mentre il mistero della Danes spero centri con una stagione di Homeland soleggiata.

    RispondiElimina
  6. I piccoli di Stranger Things vincono. :)

    Per il resto, vada per la scollatura della Dunst, ma Khaleesi la più figa proprio no. ;)

    RispondiElimina
  7. Mah, secondo me GOT ormai è più che sopravvalutato... ma "The Americans"? E "Penny Dreadful"? Zero premi. Mah.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo marcogoi82@gmail.com